fbpx
Connect with us

Teramo

Feriti dopo i festeggiamenti: tre minorenni finiscono in rianimazione

Pubblicato

il

TERAMO – Sarebbero tre i feriti durante la serata di festeggiamenti per la vittoria della Nazionale.

A Sant’Egidio alla Vibrata due 15enni sono rimasti coinvolti nello schianto tra un’auto e lo scooter lungo la strada provinciale 2. Il conducente dello stesso, sarebbe attualmente ricoverato in gravi condizioni presso l’ospedale di Teramo, mentre l’altro a Sant’Omero.

Un altro sinistro si è verificato a Giulianova e ha visto coinvolte due ragazze di 17 anni che tornavano a casa dopo la partita. Un’auto però le avrebbe investite in pieno. Le cause e la dinamica rimangono ancora tutte da chiarire. Una di loro, è stata trasferita presso l’ospedale di a Giulianova dai sanitari del 118 giunti sul posto. L’automobilista sarebbe risultato negativo all’alcool test.

Abruzzo

Agricoltura, Abruzzo terzultimo e pericolo disimpegno per fondi PSR. Pepe: “A rischio 43 mln di euro”

Pubblicato

il

TERAMO – “Sono 43 i milioni di euro che l’Abruzzo rischia di dover restituire all’Europa se non verranno erogati entro fine anno e questo ci pone di nuovo sotto “pericolo disimpegno” con la perdita dei fondi europei destinati allo sviluppo rurale. Con il 49,46% di spesa complessiva sostenuta siamo infatti i terzultimi in Italia e il confronto con altre regioni “in transizione” è impietoso: il Molise è al 72,24% e la Sardegna al 71,44, solo per fare un paio di esempi, e tutto questo mentre la Giunta Regionale si accapiglia e litiga su questioni che, francamente, hanno ben poco interesse per i cittadini”. 

Questo è quanto afferma il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd Dino Pepe a commento dell’avanzamento della spesa dei fondi del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) destinati all’Abruzzo. “Dobbiamo ancora una volta constatare che ogni pezzo del mondo agricolo della nostra regione è in affanno per l’inadeguatezza di fondo dell’Assessore Imprudente e del presidente Marsilio” incalza Pepe. “Il PSR è solo la punta dell’iceberg, basti pensare ai problemi mai affrontati, in questi 30 mesi, come i danni causati dalla fauna selvatica, come anche gli aiuti mai arrivati ai produttori del latte e agli imprenditori degli altri comparti. Ultimo disastro in ordine cronologico è dato dal clamoroso flop dell’Abruzzo sui fondi del Recovery Plan destinati alle risorse idriche in agricoltura dove la nostra regione non ha prodotto alcun progetto capace di rispettare i criteri di ammissibilità con la conseguenza di non partecipare al riparto dei circa 2 miliardi di euro disponibili”. 

Tra le questioni mai affrontate – prosegue il Vice Capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale – quella legata all’organizzazione degli uffici regionali è forse la più emblematica: il Dipartimento Agricoltura ha una carenza di organico preoccupante! Sono 70, infatti, le unità di personale andate in pensione e mai sostituite. La Giunta Marsilio non ha mai predisposto un turnover e questo ha di fatto paralizzato ogni attività. Sono mesi che non vengono pubblicati nuovi avvisi: le istruttorie dei bandi scaduti stentano a partire o comunque hanno ritardi di anni e l’avanzamento della spesa, che poi è determinate per evitare il disimpegno dei fondi europei, è praticamente ferma. Si sottraggono poi risorse importanti agli agricoltori per pagare prestazioni come, ad esempio, l’assistenza tecnica e altre consulenze”. “E’ utile ricordare che, negli ultimi due anni, il disimpegno dei fondi del PSR è stato evitato solo grazie ed esclusivamente al lavoro della passata Giunta in quanto, nel 2018, siamo riusciti, attraverso una costante attività data da una programmazione ben definita, ad erogare oltre 15milioni di euro in più della spesa complessiva imposta all’Abruzzo dall’Europa, e questo ha determinato, a cascata, benefici oggettivi, per la Giunta Marsilio per gli anni 2019 e 2020. In sostanza il disimpegno è stato evitato grazie al lavoro svolto fino al dicembre 2018 per il quale ringrazio il Dipartimento Politiche Agricole della Regione. Il comparto agricolo – conclude Dino Pepe – è quello che più ha patito la superficialità e l’approssimazione con cui la destra sta governando la Regione, i prossimi mesi saranno fondamentali per la nostra economia, ma per agganciare la ripresa serve un cambio di passo, cosa, che al momento, non sembra interessare troppo Marsilio ed Impudente impegnati a difendere gli interessi dei loro partiti politici”.

Continua a leggere

Abruzzo

I Carabinieri arrestano il presunto responsabile della rapina a Martinsicuro

Dopo accurate indagini la svolta

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo.

A seguito della tentata rapina avvenuta il 15 ottobre scorso a Martinsicuro, nel corso della quale una
donna è rimasta ferita con un temperino, i Carabinieri della locale Stazione, in collaborazione con
quelli del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Teramo e sotto la direzione della
Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo, hanno tratto in arresto C.S., trentanovenne
cittadino marocchino, da diversi anni residente a Martisicuro, individuo ben noto agli operanti per i
suoi pregiudizi penali.
Era la tarda mattinata di Venerdi 15 Ottobre quando una dipendente della frutteria “Golden Fruit” di
Martinsicuro, come consuetudine, si stava recando a piedi presso la locale banca Popolare di Bari
per versare gli incassi della settimana (circa 3000 Euro).
Ad un tratto la donna, mentre percorreva a piedi la Via Aldo Moro, è stata bloccata da un uomo con
il volto travisato da una mascherina chirurgica “anticovid” e da un berretto, il quale, sotto la
minaccia di un coltello, le ha intimato di consegnargli la borsa con il denaro.
La donna si è tuttavia opposta con fermezza a tale richiesta ed è quindi scaturita una colluttazione
tra lei ed il rapinatore che ha tentato invano di strapparle la borsa. Dopo alcuni secondi l’uomo,
davanti alla resistenza ed alle urla della vittima (che avrebbero evidentemente potuto attirare
l’attenzione di qualche passante) ha deciso di desistere dandosi alla fuga. Nel corso della
colluttazione la donna è tuttavia rimasta ferita alle braccia dalla lama del coltello brandito dal
rapinatore e, dopo l’arrivo sul posto di una pattuglia dei Carabinieri di Martinsicuro, è stata costretta
a recarsi presso l’ospedale di Sant’Omero dove ha ricevuto le cure del caso e dove gli sono state
diagnosticate lesioni guaribili in 12 gg.
I Carabinieri, non appena giunti sul luogo del delitto, hanno avviato una meticolosa attività
investigativa, basata essenzialmente sull’analisi dei filmati dei numerosi sistemi di
videosorveglianza pubblici e privati presenti in zona. In particolare, attraverso tale attività, è stato
possibile ricostruire le fasi della tentata rapina, il percorso effettuato dal rapinatore prima e dopo
l’azione delittuosa e, soprattutto, acquisire alcuni fotogrammi che ne ritraevano con chiarezza il
volto senza la mascherina. I Carabinieri di Martinsicuro hanno così potuto riconoscere con certezza
il responsabile.
Nella mattinata del 21.10.2021 (a soli sei giorni dall’evento) il G.I.P. del Tribunale di Teramo, su
richiesta in tal senso della locale Procura della Repubblica, ha emesso Ordinanza di Custodia
Cautelare in Carcere a carico dell’autore della tentata rapina. I Carabinieri della Stazione di
Martinsicuro, nella stessa mattinata, hanno dunque proceduto alla cattura dell’uomo per il quale si
sono aperte le porte del Carcere.
Fondamentale per la risoluzione del caso è stata la tempestività dell’intervento e la capillarità e
dedizione con cui giorno e notte i Carabinieri di Martinsicuro assicurano l’ordine e la sicurezza in
quel territorio. Poche ore dopo la cattura del rapinatore il Sindaco di Martinsicuro Avv. Massimo
Vagnoni si è recato personalmente presso la locale Stazione Carabinieri al fine di congratularsi con
il Comandante e con tutti i militari per il loro operato.

Continua a leggere

Abruzzo

A Martinsicuro finalmente è tempo di corsa podistica con il Trofeo Città di Martinsicuro dell’Adriatico

Pubblicato

il

MARTINSICURO – Il podismo a Martinsicuro ritrova dopo due anni un classico di inizio stagione come il Trofeo Città di Martinsicuro dell’Adriatico, in un’insolita collocazione autunnale, nella data del 24 ottobre.

In cabina di regia sempre il Gruppo Sportivo Martinsicuro presieduto da Mario Ricci che condivide gli sforzi con la Ecologica G Giulianova di Luigi Chiodi, al fine di preparare nel migliore dei modi la 19°edizione. Questa corsa, agli albori, era la Maratona dell’Adriatico che si disputava sul percorso Martinsicuro-Giulianova-Martinsicuro.

Un’attesa molto forte, quest’anno più che mai, visto che nel 2020 ci fu la cancellazione nel mese di marzo proprio all’apice dell’emergenza sanitaria nazionale. È richiesto il rispetto delle normative anti Covid-19 con la misurazione della temperatura, il distanziamento, l’utilizzo della mascherina (anche nella fase di partenza della gara fino ai primi 500 metri) e l’obbligo del green pass, pena la non partecipazione alla gara.

Come negli anni passati viene riproposta la gara competitiva sulla distanza di 11 chilometri, unitamente alla non competitiva di 3 chilometri. Per tutti i partecipanti ritrovo a partire dalle 7:00 in Piazza Kolbe a Villa Rosa e partenza alle 9:30.

Per quel che concerne le iscrizioni, le quote sono di 8 euro per la competitiva e di 4 euro per la non competitiva con termine ultimo per aderire entro venerdì 20 ottobre.

Il sito di riferimento per ulteriori info ed iscrizioni è www.timingrun.it .

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy