fbpx
Connect with us

Pesaro-Urbino

Pesaro: i “No-Green Pass” vogliono bloccare i treni della stazione

Pubblicato

il

Marche

Fano, sequestrati dalla GdF 150mila euro a un evasore fiscale

Pubblicato

il

guardia di finanza

PESARO – La Compagnia della Guardia di Finanza di Fano, su disposizione del Giudice per le Indagini Preliminari di Pesaro, ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo per equivalente, per un importo di circa € 150.000, del denaro presente nei conti correnti bancari, nonché di altri beni nella disponibilità dell’indagato, resosi responsabile di una consistente evasione fiscale.
Il sequestro scaturisce dalla stretta sinergia tra Procura, Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, sancita dalla stipula di un Protocollo d’intesa finalizzato a rafforzare il coordinamento investigativo nel settore dei reati tributari, attraverso una maggiore circolarità delle informazioni.
Più nel dettaglio, nel caso specifico, a seguito di un preliminare accertamento di natura fiscale, per omesso versamento di ritenute fiscali alla fonte per l’anno di imposta 2016, eseguito da funzionari dell’Agenzia delle Entrate di Pesaro a carico del rappresentante legale di una società di confezioni di abbigliamento, è scaturita una segnalazione alla locale A.G., che istruiva il pertinente procedimento penale per i reati tributari rilevati ed assumeva la direzione delle indagini.
Veniva proposta, così, la pertinente misura ablatoria volta a preservare il credito erariale e il Giudice per le Indagini Preliminari di Pesaro accoglieva la tesi della Procura ed emetteva il decreto di sequestro preventivo per equivalente di denaro e beni, fino alla concorrenza dell’importo dell’evasione fiscale, realizzata con la illecita condotta.

Sono stati così delegati alla Compagnia di Fano tutti gli ulteriori accertamenti indispensabili per una ricostruzione della capacità patrimoniale e finanziaria del soggetto indagato e al termine degli stessi è stato così possibile sottoporre a sequestro alcune disponibilità liquide presenti su c/c bancari pari a circa € 12.000 e due unità immobiliari del valore di circa € 140.000, i cui valori hanno consentito il raggiungimento della capienza prevista.
Tale metodologia operativa, di comune accordo con Autorità Giudiziaria e Agenzia delle Entrate, ha trovato recentemente, anche in considerazione del particolare periodo di emergenza sanitaria ed economica, ulteriore vigore nel contrasto ai fenomeni fraudolenti connessi al mancato versamento delle imposte.

Continua a leggere

Pesaro-Urbino

Non si presenta a scuola: professoressa scomparsa nel nulla

Insegnante scomparsa nel nulla, attive le ricerche su tutto il territorio.

Pubblicato

il

Di

professoressa scomparsa nel nulla

FANO – Si chiama Daniela De Matthaeis la professoressa scomparsa nel nulla da due giorni. La donna, 58 anni, fa l’insegnante di educazione fisica alla “Padalino” di Fano. Nella mattinata di mercoledì 6 ottobre è partita come al solito intorno alle 7.30 dalla casa in cui abita da sola, per andare a lavorare. MA a scuola non l’hanno vista arrivare e da allora ha fatto perdere le proprie tracce.

Quando è uscita aveva con sé un borsone grosso di colore blu, come quello che si usa nelle palestre, ed era vestita con jeans, giacca scura e stivali in pelle. Aveva con sé il telefono e il portafoglio. Dopo averla chiamata più volte al telefono, la preside della scuola, Silvia Faggi ha allertato i soccorsi. Oggi afferma: <<non l’abbiamo vista e dopo un po’ di attesa ci siamo preoccupate. Sono stati informati i familiari e da quel momento, non abbiamo avuto altre notizie>>.

La donna non ha più risposto al telefono ed allora è stata controllata la sua abitazione. Qui sono stati ritrovati i suoi effetti personali, le chiavi e il cellulare che la donna aveva sempre con sé. La professoressa De Matthaeis era al primo anno di insegnamento alla Padalino. Una persona conosciuta da molti in paese, meticolosa, amante della sua disciplina, che conduce una vita serena e tranquilla.

I carabinieri di Fano stanno monitorando il territorio per ritrovare la professoressa scomparsa nel nulla. Nessuna ipotesi al momento viene esclusa, ma l’allontanamento volontario rimane la pista più concreta. Resta da capire però perché non si sia portata con sé gli effetti personali e soprattutto cosa l’abbia spinta ad abbandonare tutto così in fretta e furia.

Continua a leggere

Marche

Fano, trasportavano oltre mezzo chilo di cocaina sulla propria auto. Arrestate due donne dalla GdF

Pubblicato

il

PESARO – Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pesaro, nell’ambito di un controllo economico del territorio, con particolare riferimento al contrasto del contrabbando e dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto due donne di 36 e 32 anni, che trasportavano sulla propria autovettura oltre mezzo chilo di cocaina.

In particolare, all’uscita del casello autostradale di Fano, i militari notavano un’autovettura, con a bordo due donne, che, intorno alle ore 22:30, procedevano a velocità sostenuta, nonostante i limiti previsti.
Veniva, pertanto, effettuato uno specifico controllo degli occupanti, dal quale emergeva che la donna alla guida aveva precedenti specifici in materia di sostanze stupefacenti.

Si decideva, così, di sottoporre a perquisizione il veicolo con l’ausilio dell’unità cinofila, all’esito della quale il cane “ALEX” segnalava che l’autovettura risultava “inquinata” in diversi punti e anche le persone a bordo risultavano essere state contaminate da contatto con sostanza stupefacente.

Nel corso di tali controlli le due donne tentavano di disfarsi di un panetto di cellophane, contenente sostanza stupefacente, gettandolo dietro una recinzione. La stessa, del peso complessivo lordo pari a circa 550 grammi, è stata sottoposta ad esame speditivo “drop-test” presso gli uffici del Reparto operante, ed è risultata essere del tipo “cocaina”.

La droga e l’automezzo utilizzato venivano sottoposti a sequestro e, sentito il Magistrato di turno, le due donne venivano tratte in arresto e condotte presso la Casa circondariale di Pesaro.
Il servizio posto in essere conferma il ruolo della Guardia di Finanza di Polizia economico-finanziaria, a contrasto dei traffici illeciti di ogni tipo volto a garantire un capillare controllo del territorio e la tutela dei cittadini.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy