fbpx
Connect with us

Fermo

Fermo: tentato furto e ricettazione, deferito 40enne

Pubblicato

il

FERMO – La Polizia di Stato sempre in prima linea anche nel contrasto ai reati predatori, sia quelli commessi nelle abitazioni sia quelli su strada. E se con la partenza della maggior parte dei numerosi turisti che quest’anno sono finalmente tornati nelle zone di mare e nelle aree interne del fermano anche parte dei delinquenti seriali itineranti dediti alla commissione di reati contro il patrimonio hanno lasciato le nostre zone, è sempre alta l’attenzione delle Forze di polizia al fenomeno dei furti. 

Le attività investigative della Squadra Mobile per identificare i responsabili di quelli perpetrati si coniugano con i costanti servizi di controllo del territorio della Volante della Questura per la prevenzione di ulteriori reati.

È di ieri solo l’ultimo di una lunga serie di denunce all’Autorità Giudiziaria di criminali scoperti dalla Polizia di Stato.

Alle 2 della notte mentre transitava nei pressi del centro storico di Fermo, la Volante ha notato, in lontananza, un soggetto abbigliato con felpa con cappuccio sulla testa, mascherina di protezione e zainetto sulle spalle che girovagava tra alcune auto in sosta scrutando al loro interno. Insospettiti, dopo aver spento motore e fari della vettura di servizio i poliziotti hanno continuato ad osservarlo fino a individuare che il soggetto, dopo aver estratto dallo zaino un cacciavite, aveva indossato un paio di guanti e iniziato a forzare il bauletto di uno scooter parcheggiato.

Immediato il blitz degli operatori che, dopo aver raggiunto a fari spenti il luogo del reato, hanno agguantato il soggetto alle spalle.

La perquisizione personale ha consentito di trovare nello zainetto un martello, un altro paio di guanti e un contenitore con auricolari per telefono cellulare. Sulla provenienza del materiale rinvenuto il soggetto, senza documenti al seguito, successivamente identificato dalla Polizia Scientifica per uno straniero nordafricano quasi quarantenne senza fissa dimora e clandestino in Italia, non ha fornito alcuna giustificazione, dichiarando di averli “trovati”.

Accompagnato in Questura, i poliziotti lo hanno denunciato per i reati di tentato furto aggravato, porto ingiustificato di arnesi atti allo scasso e ricettazione degli auricolari; infatti questi ultimi sono stati ricollegati dagli operatori della Polizia di Stato ad un furto avvenuto la notte precedente su una autovettura parcheggiata sulla costa, dalla quale, ignoti, dopo aver infranto il finestrino con un martello avevano sottratto gli auricolari ed alcune monete.

Ma non basta, perché la fisionomia del soggetto denunciato sarà utile per confrontarla con quella riportata dalle immagini degli impianti di videosorveglianza che hanno ripreso l’autore travisato, finora senza nome, di analoghi furti commessi nei comuni del litorale anche negli ultimi giorni. E la Squadra Mobile è già al lavoro per raccogliere le prove dei suoi altri crimini.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato e lo straniero, con precedenti per reati contro il patrimonio oltre che per spaccio di stupefacenti commessi nelle province marchigiane confinanti e già destinatario di un decreto di espulsione del Prefetto di Macerata e di un ordine di lasciare il territorio nazionale è stato denunciato anche per l’inottemperanza a detto ordine al quale si è aggiunto, ieri, per la momentanea indisponibilità di un posto presso un Cpr nazionale, quello del Questore di Fermo.

Fermo

Fermo: denunciata ladra accusata di furto con destrezza

Pubblicato

il

FERMO – Nel tardo pomeriggio di pochi giorni fa, in un giorno di pioggia intensa, un uomo residente a Fermo ed in transito sulla costa si è fermato presso un tabacchino per acquistare un pacchetto di sigarette.

Dopo aver parcheggiato la propria vettura ad alcune decine di metri di distanza, una veloce corsa fino all’esercizio commerciale all’interno del quale vi erano alcuni clienti che attendevano un momento di quiete delle precipitazioni per poter uscire.

In quei pochi minuti, alcune chiacchiere sul clima autunnale, sul calo delle temperature e sul fatto che l’acquazzone improvviso avesse preso alla sprovvista le persone, parte delle quali erano uscite di casa senza ombrello.

In un momento di apparente pausa della pioggia l’uomo è stato avvicinato da una donna di poco più di quaranta anni che gli ha chiesto se, per le avverse condizioni metereologiche, avesse potuto accompagnarla a casa, senza volergli creare disturbo.

L’uomo, dopo un’iniziale diffidenza nei confronti della sconosciuta, ha risposto positivamente alla richiesta, per umana solidarietà e perché il luogo di destinazione della donna era, fondamentalmente, sul suo percorso.

Raggiunta la vettura e fatta salire la richiedente, in pochi minuti di tragitto i due sono giunti alla destinazione; altre chiacchiere lungo la strada e arrivati sotto casa della donna quest’ultima ha chiesto anche una sigaretta. 

Improvvisamente, poco prima di scendere dal veicolo, un affettuoso abbraccio di ringraziamento della donna la quale, richiusa alle spalle la portiera, ha iniziato a correre verso l’asserito stabile di residenza.

La apparente fuga in assenza di pioggia ha insospettito l’uomo che ha scoperto subito che durante quel contatto fisico gli era stato asportato il portafogli contenente documenti, carte di credito e pochi euro. Ma in pochi attimi la donna era ormai scomparsa.

La mattina successiva la vittima si è recata in Questura per formalizzare la denuncia di furto e gli investigatori della Squadra Mobile hanno attivato le indagini mostrando all’uomo un album fotografico nel quale è stata subito riconosciuta l’immagine dell’autrice del reato.

I poliziotti, la stessa mattina si sono recati dalla donna, domiciliata a Porto Sant’Elpidio, la quale, in base alla prove raccolte, ha dovuto ammettere la propria responsabilità per il furto perpetrato e ha dato indicazioni agli operatori della Squadra Mobile in merito al luogo dove aveva lasciato il bottino, che è stato ritrovato e nello stesso giorno riconsegnato al legittimo proprietario.

Unico oggetto mancante una carta ricaricabile, frequentemente usata per commettere truffe, che è stata bloccata dal denunciante e resa quindi inutilizzabile.

La ladra, già nota ai poliziotti per i suoi precedenti anche per reati contro il patrimonio è stata denunciata all’Autorità Giudiziaria per il furto con destrezza.

Continua a leggere

Fermo

Fermo: truffa sul web, denunciato 35enne

Pubblicato

il

Carabinieri notte (ilmartino.it)

FERMO – Un 35enne del nord Italia, aveva messo sul Web l’annuncio fasullo di una vendita di un camper. La vittima, una persona della provincia di Fermo, aveva versato una caparra di 200 euro sul conto corrente del venditore. Quest’ultimo, però, si era reso irreperibile. I carabinieri hanno fatto scattare le indagini e sono risaliti al truffatore.

Continua a leggere

Fermo

Fermo: droga e pugnali, tre persone nei guai

Pubblicato

il

FERMO – Dopo il panetto di hashish e l’identificazione di due rapinatori, un altro risultato nei recenti controlli della Squadra Mobile a Lido Tre Archi, località sempre sotto la lente degli investigatori oltre che quartiere nel quale vengono quotidianamente svolti servizi di controllo del territorio da parte delle Forze di polizia.

Controlli a tappeto costanti per la sicurezza dei residenti con identificazione delle persone in transito, quelle che stazionano nelle aree di aggregazione e nei pressi dei condomini, ma anche interventi mirati, chirurgici, della Squadra Mobile per il contrasto ai reati predatori ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Accertamenti anche in alcuni appartamenti per verificare le segnalazioni dei cittadini su possibili occupazioni abusive oltre ad ulteriori controlli di regolarità.

In uno di questi, al secondo piano di un palazzo di Via Paleotti, sono stati trovati tre giovani nordafricani, noti per i loro precedenti soprattutto per reati contro la persona, il patrimonio e per spaccio di droga.

Al momento dell’accesso degli operatori della Polizia di Stato uno dei tre soggetti, approfittando della vicinanza della porta finestra del balcone, è riuscito a raggiungere l’esterno dell’alloggio e calandosi sul tubo della grondaia è arrivato a terra, dove è stato bloccato da un altro poliziotto ed è stato, pertanto, possibile identificarlo.

Gli investigatori hanno immediatamente rilevato la presenza di sostanze stupefacenti, tracce di polvere bianca su un cucchiaio in cucina, su un piatto in camera, rotoli di materiale per il confezionamento delle dosi fino ad arrivare a scoprire alcuni involucri già pronti per lo spaccio; il primo nella tasca di uno dei due stranieri, 10 nel vaso sanitario nel quale i soggetti avevano provato a “farli sparire”.

La perquisizione ha consentito inoltre di ritrovare e sequestrare, occultate in diverse parti dell’abitazione, diverse somme di denaro in banconote di piccolo taglio provenienti certamente dall’attività di spaccio in considerazione del fatto che i tre fermati non svolgono alcuna attività lavorativa lecita.

Piccole somme distribuite per un totale di più di 850 euro, che sono state sequestrate.

È stato inoltre ritrovato un bilancino di precisione per la preparazione delle dosi, due cellulari ed altro materiale di interesse per gli investigatori, che sarà analizzato e potrà risultare utile per ulteriori indagini. 

Dall’analisi effettuata dalla Polizia Scientifica del contenuto degli 11 involucri rinvenuti e sequestrati è emerso che gli stessi contenevano eroina e cocaina; pochi grammi di sostanza stupefacente ma, per le modalità del ritrovamento e gli altri elementi rinvenuti nell’abitazione, sufficienti per denunciare i tre nordafricani all’Autorità Giudiziaria per la detenzione ai fini di spaccio.

Ma non solo. Nei cassetti dei mobili, sono stati ritrovati due pugnali “etnici”, non denunciati, che sono stati sequestrati e per il possesso dei quali i tre soggetti sono stati ulteriormente segnalati all’Autorità Giudiziaria per il reato di detenzione abusiva di armi.

Nel corso dei medesimi controlli, il personale della Polizia di Stato in servizio di vigilanza nel quartiere ha proceduto all’identificazione ed al controllo di uno straniero di circa quarant’anni con alcuni precedenti per reati contro il patrimonio il quale, alla vista dell’equipaggio, aveva provato a fuggire ma è stato bloccato nei pressi dei binari della ferrovia. L’uomo è stato perquisito e nella tasca dei pantaloni è stato trovato un coltello a serramanico che è stato sequestrato e per il porto abusivo del quale è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Attività a tutto campo che proseguiranno senza sosta per la legalità e la sicurezza dei cittadini del quartiere costiero di Fermo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy