fbpx
Connect with us

Abruzzo

San Gabriele, Giubileo degli ammalati e degli operatori sanitari

Pubblicato

il

TERAMO – Si è svolto ieri mattina al Santuario di San Gabriele dell’Addolorata il Giubileo degli ammalati e degli operatori sanitari, incentrato sul tema “La prossimità via per una nuova cultura della salute”. Ad aprire i lavori, che si collocano all’interno dei  festeggiamenti per il centenario della canonizzazione del Santo patrono d’Abruzzo, i saluti del sindaco di Isola del Gran Sasso Andrea Ianni e di quello di Teramo, Gianguido D’Alberto, in qualità di presidente del comitato ristretto dei sindaci. Ad entrare nel vivo del tema il vescovo di Teramo-Atri Lorenzo Leuzzi, che ha fortemente voluto questo Giubileo e che ha invitato tutti i presenti a “fare di più” per aiutare i malati. A seguire, l’intervento del direttore generale della Asl di Teramo, Maurizio Di Giosia. “L’azione dell’attuale direzione strategica della Asl”, ha dichiarato, “è imperniata sul concetto di umanizzazione delle cure: è prioritario fare in modo che il paziente non sia solo l’oggetto delle terapie, ma un soggetto che va trattato con più umanità e rispetto proprio perché è ammalato e quindi bisognoso di protezione e accudimento. Ecco quindi che torna quella “prossimità” che è stata posta dalla Chiesa teramana al centro di questo Giubileo: stare vicino al malato, occuparsi di lui non solo dal punto di vista biologico ma anche dal punto di vista psicologico e relazionale”. Di Giosia ha anche annunciato che la Asl ha attivato ambulatori di prossimità a Bisenti e Mosciano e siamo in attesa di reperire il personale infermieristico per quelli di Castel Castagna e Tossicia e successivamente di Cellino Attanasio. Questo tipo di ambulatori si trova nelle zone periferiche e vi lavorano i medici di medicina generale, la nuova figura degli infermieri di famiglia o di comunità (è in conclusione la procedura per assumerne 24) e  alcuni specialisti delle branche più richieste. Tutto questo per essere sempre più vicini al cittadino.

L’assessore regionale alla Sanità, Nicoletta Verì, nel suo intervento ha annunciato che “dopo anni di tagli, in cui la fragilità è stata messa in second’ordine, la “prossimità” sarà la nuova lettura della sanità”. In sostanza si tratta di un radicale cambiamento in cui “il sanitario andrà a casa del paziente e sul territorio sarà creata una rete di 28 Case della salute che daranno servizi ai cittadini”, ha aggiunto l’assessore che ha ricordato anche come il sistema della condivisione delle procedure abbia portato ad avere ottimi risultati nella gestione della pandemia. 

  Centrale l’intervento della presidente dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, Mariella Enoc, la quale ha ribadito con forza che “la scienza che l’ospedale deve produrre va diffusa”. Basilare, dunque, la formazione del personale ma anche la valorizzazione del ruolo dei medici di famiglia “che sono delusi perché hanno perso la vocazione alla prossimità”. Importante, secondo Mariella Enoc, anche la figura dell’infermiere di famiglia. In definitiva l’obiettivo è “umanizzare l’operatore sanitario, far sì che non abbia i minuti contati per fare una prestazione. E far sì che abbia tempo per dare informazioni ai parenti, che non vanno visti come un disturbo ma vanno messi all’interno del concetto di cura. Bisogna vivere più in simbiosi con le persone: quando si prende in carico un malato, si prende in carico anche la famiglia”: Un accenno della presidente del Bambino Gesù anche a “chi ha scelto di non vaccinarsi, che ha fatto una scelta egoistica. E allora stia a casa”. Le conclusioni del dibattito, moderato da Giovanni Muttillo, dirigente delle professioni sanitarie della Asl di Teramo, che ha sollecitato “investimenti per la creazione di una cultura della medicina di prossimità”, sono state affidate all’arcivescovo di Pescara-Penne Tommaso Valentinetti.  “Dobbiamo porci la domanda se nel sistema sanitario non dobbiamo maggiormente valorizzare i centri di eccellenza che devono essere anche centri di formazione”, ha osservato. Una formazione a un diverso modo di concepire la sanità non vista più come “produzione” ma vicina al malato, ha aggiunto.  

Alle 11.30 il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila e presidente della Ceam, ha presieduto la celebrazione eucaristica, al termine della quale ammalati e operatori sanitari hanno attraversato la Porta Santa nell’antico santuario.

Nel pomeriggio sarà poi protagonista il mondo del volontariato, con il quarantesimo pellegrinaggio regionale dell’Unitalsi abruzzese. Alle 15.00 è in programma il passaggio dei pellegrini nella cripta di San Gabriele e il saluto al Santo, mentre alle ore 16.30 si svolgerà la processione eucaristica presieduta dal vescovo  Leuzzi.

Abruzzo

Il 18 dicembre cerimonia di premiazione del Contest fotografico “Uno sguardo su Controguerra”

Pubblicato

il

CONTROGUERRA – Sabato 18 dicembre, alle ore 17,si terrà presso l’Enoteca comunale di Controguerra in presenza ma anche con diretta sulla pagina fb Bellavita Controguerra la cerimonia di premiazione del Contestfotografico “Uno sguardo su Controguerra” dal titolo “Contesti Rurali”.

Organizzato dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune con il patrocinio dell’Università degli Studi di Teramo, il contest è stato realizzato con foto scattate da marzo a ottobre di quest’anno dagli abitanti del centro vibratiano. Un Comitato Tecnico ha quindi selezionatododici foto che saranno impresse nel Calendario 2022 di Controguerra; ai rispettivi autori andranno in premio bottiglie di vino, di olio, prodotti agroalimentari e gadget.

«Il progetto – dichiara il Vicesindaco di Controguerra Fabrizio Di Bonaventura – ha sollecitato i partecipanti a individuare scenari del nostro territorio stimolando la loro fantasia e creatività. Il secondo passaggio sarà quello di non disperdere questo piccolo ma non irrilevante patrimonio allestendo una mostra con tutti gli scatti fotografici inviati». 

Le immagini sono state visionate e selezionate da una giuria autorevole e competente composta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Dino Mastrocola, dall’imprenditore Davide Lisciani, dalSegretario Generale delle Città Slow International Pier Giorgio Oliveti nonché dai fotografi Ivano Di Benedetto e Mauro Di Bonaventura, dal divulgatore scientifico Giammaria De Paulis, dai giornalisti Antimo AmoreSandro Galantini e Luca Zarroli, dalPresidente dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” Massimiliano Cori e dal Sindaco di Controguerra Franco Carletta. Ad arricchire il gruppo dei giurati, il parroco di Controguerra Don Matteo Baiocco D’Angelo, il Presidente di Abruzzo Sviluppo Stefano Cianciotta, l’Amministratore delegato del “Consorzio Punto Europa” Filippo Lucci e l’editore Paolo De Siena.

La commissione, presieduta da Zarroli, ha inoltre voluto assegnare un altro riconoscimento, il “Premio della Critica”. 

«Oltre ad esprimere il più sentito ringraziamento alla giuria, voglio sottolineare – conclude il Vicesindaco Di Bonaventura – come questo progetto sia significativo non solo per il delicato periodo che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo, ma anche e soprattutto perché mira a polarizzare maggiore e più consapevole attenzione sulle gerarchie dei valori, sollecitandoci ad apprezzare alcuni aspetti della vita a volte trascurati».

Continua a leggere

Teramo

Teramo: casa in fiamme, salvata una donna

Pubblicato

il

TERAMO – Oggi pomeriggio, poco dopo le 14, i vigili del fuoco del distaccamento di Roseto degli Abruzzi hanno effettuato un intervento per un incendio avvenuto in un’abitazione nel centro di Atri.

Sul posto sono stati inviati un’autopompa e un mezzo fuoristrada con modulo antincendio che è stato effettivamente utilizzato per spegnere l’incendio, vista l’impossibilità per l’autopompa di accedere nella via piuttosto stretta. L’incendio ha interessato un appartamento al primo piano di un fabbricato di due piani più la mansarda in via Trinità. Le fiamme si sono sviluppate nel locale tinello ed hanno interessato un divano letto. L’incendio ha danneggiato anche l’impianto elettrico del locale interessato dalle fiamme.

Inoltre, i prodotti della combustione fuoriusciti dal locale incendiato ha provocato l’annerimento delle pareti e del solaio. I vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento attraverso il vano scala invaso dal fumo. Una volta all’interno dei locali hanno spento l’incendio rapidamente utilizzando il naspo ad acqua del modulo antincendio a bordo del fuoristrada.

Il forte calore sviluppato dall’incendio ha provocato anche la rottura delle pignatte del solaio. Al momento del verificarsi dell’incendio nell’appartamento si trovava una donna che, a causa delle ustioni riportate, è stata trasportata presso l’ospedale di Atri per le cure del caso. A causa di conseguenza dell’incendio si è reso necessario rendere non utilizzabili gli appartamenti presenti nell’ edificio ed evacuare le tre persone che li occupavano. Sul posto sono intervenuti anche agenti del commissariato della Polizia di Stato di Atri per gli adempimenti di competenza.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: al via i controlli su strade, 4 Daspo Urbani e due arresti

Pubblicato

il

carabinieri arresto

TERAMO – Il personale della Stazione Carabinieri di Mosciano Sant’Angelo unitamente a personale del Norm della Compagnia Carabinieri di Giulianova a seguito di prolungate indagini , traeva in arresto un uomo di anni 45 di Roseto in esecuzione di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Teramo. Il provvedimento scaturiva a seguito dell’accoglimento da parte dell’Autorita’ Giudiziaria di Teramo delle risultanze investigative raccolte  dal Comando Stazione di Mosciano che acclaravano gli  atti persecutori , minacce e lesioni compiute dall’ indagato poi arrestato nei confronti dell’ ex fidanzata di anni 36, residente a Mosciano Sant’Angelo.

Nel corso dell’ operazione  i militari operanti a seguito di perquisizione eseguita nel domicilio dell’ arrestato rinvenivano anche materiale utile ai fini delle indagini.

Nella stessa mattinata i militari della Stazione Carabinieri di Giulianova, traevano in arresto un uomo originario di Foggia, di anni 71, residente a Giulianova a seguito di emissione di Ordine di Carcerazione emesso dalla Corte dio Appello di Torino per intervenuta condanna per reati a sfondo sessuale.

Entrambi gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Lanciano?

L’attività dell’ Arma di Giulianova è proseguita anche con l’ applicazione  di 4 provvedimenti di Daspo Urbano notificati a quattro giovani dai 19 ai 27 anni del Teramano.

I Provvedimenti scaturivano a seguito dell’ attività investigativa connessa con la denuncia da parte di un uomo di anni 51 di Giulianova, vittima di aggressione all’ interno di un locale di Giulianova ad opera dei quattro soggetti Daspati e che a seguito delle indagini posta in essere da personale dell’ aliquota Operativa del Norm di Giulianova erano stati individuati e deferiti presso il Tribunale di Teramo. A seguito del deferimento la Questura di Teramo, accogliendo le richieste dell’ Arma emetteva il provvedimento di Daspo a carico dei soggetti individuati.   

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy