fbpx
Connect with us

Abruzzo

Scoperte piante rare sul litorale tra Scerne e Villa Fumosa di Pineto

Published

on

PINETO – Diverse specie di piante molto rare sono state scoperte in un tratto litoraneo di grande valenza naturalistica che si estende per circa 2 km a nord del centro abitato di Pineto, tra le località di Villa Fumosa e Scerne. 

Oltre alla rilevanza paesaggistica per la presenza di un’ampia zona di continuità tra il mare e le colline retrostanti, sul litorale abruzzese questa località assume quindi una grande importanza dal punto di vista floristico e vegetazionale, sia per la quantità di specie presenti che per le caratteristiche delle stesse.

Conferma di ciò è avvenuta a seguito di un dettagliato sopralluogo svolto circa un mese fa dal prof. Fabio Conti dell’Università di Camerino, tra i massimi ricercatori specialisti di flora spontanea a livello nazionale, il quale ha rilevato il buon grado di conservazione dell’area e l’abbondanza di diverse specie rare.

Nella lettera che il Prof. Conti ha inviato agli enti preposti, a livello locale e nazionale, egli ha elencato le piante di maggior interesse conservazionistico rilevate. Tra queste il Verbasco del Gargano (Verbascum niveum subsp.garganicum), specie protetta dalla Legge regionale N° 45/1979 ed endemica dell’Italia centro-meridionale, lo Sparto delle sabbie (Calamagrostis arenaria subsp. arundinacea), lo Zigolo delle spiagge (Cyperus capitatus), l’Eringio marino (Eryngium maritimum), il Finocchio litorale spinoso (Echinophora spinosa), l’Euforbia delle Spiagge (Euphorbia peplis), l’Euforbia di Terracina (Euphorbia terracina), il Papavero delle Spiagge(Glaucium flavum) e altre specie ormai molto rare in tutta la costa e incluse nelle liste rosse regionali. Sono state inoltre osservate comunità vegetali riferibili ad habitat tutelati a livello comunitario (Direttiva Habitat 92/43/CEE) classificate nei seguenti codici europei: Codice 2110 (Dune embrionali mobili), Codice 2120 (Dune mobili del cordone litorale con presenza di Ammophila arenaria – dune bianche). 

Questi dati si aggiungono a quelli raccolti quest’anno dalla Stazione Ornitologica Abruzzese e da altre associazioni che hanno riscontrato in questo tratto la presenza di ben 5 nidi di Fratino, altra specie protetta a livello internazionale e in forte declino. 

Tutto ciò mette in evidenza la necessità di tutelare l’integrità di questo habitat costiero di grande valore e di mettere in atto azioni per la tutela e la conservazione. È noto come ormai la costa abruzzese sia ampiamente manomessa e sottoposta a cementificazione, come ci dicono i dati dell’ultimo rapporto dell’ISPRA sul consumo di suolo in cui si evince che purtroppo l’Abruzzo è a livello nazionale la regione con i valori più elevati registrati nel 2020, in termini di incremento percentuale rispetto alla superficie artificiale del 2019, e che proprio lungo la costa si riscontrino le maggiori percentuali di trasformazione. 

Non possiamo assolutamente perdere tale patrimonio, unica ricchezza possibile per un territorio che voglia far fronte alla crisi climatica in atto con conseguente innalzamento del livello medio marino che rende ancora più vulnerabile la costa. Servono atti concreti che guardino al futuro dell’uomo in equilibrio con la natura e che preservino l’identità dei luoghi, tanto apprezzata dai turisti che in questo tratto di spiaggia trovano un paesaggio unico e una percezione di solitudine che altrove è ormai persa. 

Per questo le associazioni Paliurus e SOA hanno chiesto un incontro all’amministrazione locale per sapere come intendono proteggere e tutelare un’area scientificamente e naturalisticamente così interessante.

Teramo

Arrestato il presunto responsabile dell’incendio allo chalet Garden Lido di Tortoreto

Published

on

incendio-chalet-lido-tortoreto

TERAMO – L’uomo che lo scorso 5ottobre avrebbe appiccato l’incendio che ha devastato lo chalet Garden Lido di Tortoreto, è stato arrestato dai carabinieri di Alba Adriatica. Gli inquirenti sono risaliti a lui visionando le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza installate in zona, identificando la vettura con la quale l’autore del rogo di origine doloso si era dileguato. Le successive indagini hanno condotto i carabinieri all’uomo alla guida, arrestato in quanto ritenuto il responsabile dell’incendio allo chalet Garden Lido di Tortoreto, nei confronti del quale il Gip del Tribunale di Teramo ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Le fiamme si sono alzate intorno alle 22 ed hanno in breve avvolto e devastato diverse pile di ombrelloni di legno di grosse dimensioni, le cosiddette “palme”. Il danno economico causato dal rogo è stato quantificato intorno ai 180 mila euro. Per domare le fiamme e spegnere l’incendio allo chalet Garden Lido, per cui il presunto responsabile è stato arrestato, i vigili del fuoco hanno impiegato due ore. Ben quattro le squadre provenienti dal distaccamento di Nereto al lavoro contemporaneamente.

Oltre a passare al setaccio le immagini delle telecamere, i carabinieri hanno consultato anche centinaia di tabulati telefonici, per stabilire chi si trovasse in quella zona nel momento in cui si è levato il fuoco.

Continue Reading

Teramo

“Icaroday 2022 – la formazione condivisa: scuola e azienda” all’Alessandrini-Marino

Published

on

progetto-icaro-iis-alessandrini-marino-teramo

TERAMO – Legare il mondo della scuola a quello del lavoro è diventata oggi un’esigenza contingente per veicolare i percorsi formativi a quelli lavorativi del nostro territorio. Il progetto “Icaro” è stato elaborato dai docenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo Luca Di Carlo, Giorgia Di Vincenzo e Pietro Galantini, e sostenuto dal Dirigente Scolastico, Dottoressa Manuela Divisi, per rispondere alle esigenze delle aziende del luogo, mediante percorsi formativi aggiuntivi che verranno strutturati in sinergia tra la scuola e le aziende. Per queste ragioni è stato organizzato un incontro, che si è tenuto, venerdì 2 dicembre 2022, presso l’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo.

Dopo i saluti e i ringraziamenti ai partecipanti il Dirigente Scolastico, Dott.ssa Manuela Divisi (collegata a distanza, ndr), ha ribadito l’importanza degli istituti tecnico e professionale in quanto scuole altamente professionalizzanti, precisando che l’ambizioso Progetto “Icaro” apre l’istituzione scolastica al territorio e alle aziende, restituendo la dovuta importanza ai PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali ed Orientamento ex Alternanza Scuola-Lavoro, ndr) che consentono agli studenti di toccare con mano quelle che sono le possibilità lavorative che le aziende offrono. Poi ha auspicato una buona riuscita del Progetto, sottolineando che l’ha subito sposato con molto entusiasmo perché destinato agli studenti che sono sempre al centro dell’attenzione della scuola.       

Successivamente sono intervenuti i seguenti relatori: il Prof. Dino Mastrocola – Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, la Prof.ssa Clara Moschella – Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Abruzzo – Ufficio V – Ambito Territoriale per la Provincia di Teramo, l’Ing. Giammario Cauti – Presidente Giovani Imprenditori Confindustria Teramo e i Proff. Giorgia Di Vincenzo e Luca Di Carlo. Ha moderato i lavori la Prof.ssa Amalia Savini – Primo Collaboratore del Dirigente Scolastico. Questa una breve sintesi degli interventi.

Il Prof. Dino Mastrocola ha ringraziato gli organizzatori per aver coinvolto l’Ateneo teramano nel Progetto, sottolineando l’importanza di rafforzare il legame tra il mondo della formazione e quello del lavoro al fine di formare figure professionali sempre più adeguate alle esigenze delle aziende. In proposito ha fatto presente che l’Unite già da diversi anni interagisce con le aziende per creare nuovi corsi di laurea richiesti dal mondo del lavoro.

La Prof.ssa Clara Moschella (già Dirigente Scolastico dell’Istituto, ndr) si è soffermata sull’importanza di riuscire a superare le differenze tra le varie discipline e ipotizzare una progettualità interdisciplinare e transdisciplinare perché in questi anni di progetti ne sono stati attuati diversi, ma il loro punto debole è che spesso risultano completamente distaccati dal curricolo delle varie scuole. Secondo lei il Progetto “Icaro” rappresenta una progettualità di lunga durata, fortemente condivisa all’interno della scuola e che vuole gettare dei ponti particolarmente ambiziosi, da una parte con l’Università e dall’altra con il mondo del lavoro. Con riferimento ai PCTO ha precisato che essi per gli studenti rappresentano un’occasione fondamentale per capire che tipo di attività lavorativa è più congeniale alle loro esigenze.

L’Ing. Giammario Cauti si è soffermato sull’importanza per Confindustria di partecipare a questo evento perché attualmente ha la consapevolezza che il più grande valore di un’azienda sia dato dal capitale umano. Ha, inoltre, precisato che oggi la provincia di Teramo è una delle più attive e importanti a livello abruzzese e la regione Abruzzo è tra le regioni più industrializzate italiane ed europee; in tale contesto è fondamentale per le imprese consolidare il rapporto con l’Università e con le scuole del territorio. In quest’ottica con il Progetto “Icaro” la scuola si apre ad ascoltare quelle che sono le esigenze delle aziende per cercare di attuare percorsi formativi in linea con i bisogni del mondo del lavoro.

La Prof.ssa Giorgia Di Vincenzo ha precisato che «uno dei punti di forza del progetto è la “motivazione” che, come affermava lo psicologo Maslow, è alla base del comportamento umano. Bisogna, quindi, motivare i ragazzi ad apprendere e a fare le cose in modo nuovo, sviluppando la capacità di imparare. Lo scopo finale del Progetto è quello di aiutare gli studenti, guidarli a scegliere il percorso lavorativo adatto per loro e, quindi, per le aziende perché, se i ragazzi sono il nostro futuro, noi docenti siamo il loro presente».

Il Prof. Luca Di Carlo ha affermato che «sensibilizzare la coscienza del nostro territorio attraverso la sinergia tra la scuola e il mondo industriale rappresenta la vera innovazione del percorso scolastico dell’Istituto. Gli studenti veicoleranno il nostro messaggio attraverso le opportunità offerte dalle aziende che si apriranno al territorio, offrendo formazione specifica per gli studenti stessi».  

Hanno partecipato all’iniziativa una rappresentanza di docenti e studenti dell’Istituto e i delegati delle seguenti aziende del territorio: ACS DOBFAR, ADVANCED COMPOSITES SOLUTION, ALBA DOORS, ALFAGOMMA INDUSTRIAL SPA, AMADORI, ARCA ROSSA, ASTRA STUDIO CHIMICO ASSOCIATO, CORDIVARI, COSMEP, DMP, ERMAI, FARAONE, FULMINIS, GLM, GOLDEN LADY, INTERNATIONAL PUR, LAFER, MECCANICA CR, MECCANICA DB06, PCM, PERFETTI VAN MELLE, PROMETAL, PUREM CASTELLALTO, SACIM GROUP, SEA, SIM, SOFIR, STEEL INFORMATICA,  STEELTE, SUSTA S.R.L., TEKNOELETTRONICA, U-FOR – AUTOMOTIVE HOT STAMPING SOLUTIONS.

Le suddette aziende hanno avuto la possibilità concreta di esporre ai referenti dell’Istituto le necessità per figure professionali, divisi per aree tematiche. I referenti hanno raccolto le richieste delle aziende e provvederanno successivamente a organizzare corsi in presenza per una formazione specifica in base alle richieste presentate. L’invito è stato esteso a tutte le aziende del territorio per cui, quelle impossibilitate a intervenire all’incontro, ma comunque interessate all’iniziativa, potranno contattare i referenti del Progetto al seguente indirizzo mail:iisalessandrinimarino.icaroformazione@iisteramo.edu.it

L’evento, trasmesso in diretta sul canale YouTube dell’Istituto https://www.youtube.com/iisteramo grazie alla collaborazione dei Proff. Settimio Acciaio e Alfredo Centinaro, può essere visionato in modalità in differita collegandosi al link https://www.youtube.com/watch?v=6BPboZnWw9Q

Continue Reading

Teramo

Inaugurata la stazione dei treni a Martinsicuro | FOTO

A ridosso della Statale 16 e a un chilometro dal mare, è dotata delle più recenti innovazioni in termini di accessibilità e illuminazione.

Published

on

inaugurata-stazione-treni-martinsicuro-1

Forze dell’ordine, autorità civili e religiose, rappresentanti delle amministrazioni comunale, provinciale e regionale e tantissimi curiosi alla stazione dei treni di Martinsicuro, inaugurata questa mattina.

TERAMO – Tutto è filato senza intoppi, eccezion fatta per il fischio dei treni di passaggio che ha interrotto la banda, il discorso del sindaco e la benedizione inaugurale. Auspici sfavorevoli a parte, la stazione dei treni di Martinsicuro è stata inaugurata questa mattina, 7 dicembre 2022, alla presenza di una nutrita schiera di autorità civili e religiose, ma anche di tanti cittadini.

La stazione inaugurata questa mattina a Martinsicuro sarà attiva a partire da domenica 11 settembre. Sul sito di Trenitalia è già possibile consultare gli orari delle corse: otto treni nei giorni ferali, sei nei festivi. Manca giusto la segnaletica cartacea, che sarà affissa nei prossimi giorni, e poi la struttura sarà completa. Dotata di tutte le più moderne soluzioni in termini di illuminazione ed accessibilità, anche per persone a mobilità ridotta, la stazione si trova a ridosso della statale, a circa un chilometro dal mare. Marciapiedi lunghi 250 metri e alti 55 centimetri, due ascensori, pensiline e sottopasso con percorsi tattili per persone ipovedenti, segnaletica fissa e variabile per l’informazione al pubblico, impianti di illuminazione realizzati secondo i più recenti criteri di efficienza energetica. L’opera è costata 2,6 milioni di euro, cofinanziata da RFI e Regione Abruzzo.

I taglio del nastro è stato anticipato dai brani eseguiti dall’orchestra dell’istituto Pertini e dai discorsi del sindaco di Martinsicuro Massimo Vagnoni, dal sottosegretario alla presidenza della Giunta Regionale Umberto D’Annuntiis e dal Presidente della Provincia Diego Di Bonaventura. L’ingegner Roberto Laghezza direttore commerciale Adriatica RFI ha invece illustrato nel dettaglio tutte le caratteristiche di cui la struttura è dotata. Dopodiché la stazione di Martinsicuro è stata inaugurata e i tanti presenti hanno potuto veder da vicino pensiline e sottopassi.

Nel suo discorso il sindaco Vagnoni, oltre a ringraziare i tanti protagonisti che hanno contribuito nel corso degli anni alla realizzazione dell’opera, dalle associazioni cittadine, ai comitati, all’amministrazione comunale precedente, ha sottolineato l’esigenza di sviluppare sempre più i collegamenti e le vie d’accesso, per rendere stazione di Martinsicuro appena inaugurata un’opera strategica e non una cattedrale nel deserto.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.