fbpx
Connect with us

Sport

Serie B, 4a giornata: cos’è successo?

Published

on

Pisa scatenato a punteggio pieno

Benevento, Cittadella, Lecce e Reggina con i tre punti. Cosenza e Ternana escono indenni da Perugia e Monza

Ascoli-Benevento 0-2

Dopo tre vittorie consecutive l’Ascoli cade in casa, sotto i colpi di un Benevento apparso, almeno nel primo tempo, di un altro livello. Gli ospiti passano avanti dopo un quarto d’ora quando Foulon lancia Sau che si libera di Avlonitis e sul filo del fuori gioco batte Leali con un preciso interno destro. I bianconeri accusano il colpo e dopo poco piu’ di dieci minuti subiscono il raddoppio a opera di Insigne che, servito dal solito Foulon, da pochi metri, insacca di piatto destro. Nella ripresa Sottil rivoluzione mezza squadra affidandosi a Iliev, Collocolo, Felicioli, Maistro. L’Ascoli ritrova coraggio e sfiora il gol prima con Iliev e poi con Baschirotto. Il Benevento si fa rivedere in avanti con Lapadula e Tello ma il risultato finale non cambia.

Cittadella-Pordenone 1-0

Un successo di misura e il Citta riparte, allungando la serie negativa degli ospiti. Prima del fischio d’inizio situazione chiara: Pordenone a zero punti e in cerca di riscatto, stesso obiettivo ma per altri motivi per i padroni di casa reduci dalla sconfitta di Cremona dopo le due vittorie casalinghe in avvio di campionato. Gorini cambia qualcosa in difesa e a centrocampo. Rastelli, arrivato da poco, mette in mostra l’ex Tsadjout e cerca di cambiare rotta. La prima occasione e’ proprio per i neroverdi con Folorunsho che mette fuori da pochi passi. Risponde Okwonkwo con una girata spettacolare. Ancora Folorunsho pericoloso di testa alla mezzora. Gara blanda senza molte emozioni. La svolta al 12′ della ripresa, quando Okwonkwo raccoglie una corta respinta di Perisan e mette in rete da pochi passi. La conclusione era stata di Baldini non trattenuta dal portiere friulano. Tenta una reazione il Pordenone ma la manovra e’ troppo lenta e senza costrutto. Il Cittadella gestisce senza affanno. C’e’ un controllo Var su minima trattenuta di Perticone ai danni del nuovo entrato Pellegrini, ma niente di che. Fatica molto la squadra neroverde a trovare la via del gol, ancora a secco in questo torneo. Cosi’ i granata di Gorini si tengono stretti i tre punti.

L.R.Vicenza-Pisa 1-3

Il L.R. Vicenza torna tra le mura amiche del Menti dopo la sconfitta di Cosenza e la crisi sulla panchina di Mimmo Di Carlo. Nel primo tempo le due squadre si studiano fino al gol di Proia che sblocca la situazione al 30′. In chiusura di primo tempo pareggia Toure’ al 42′. La ripresa vede il Pisa in attacco nel tentativo di fare suo il match ma e’ Ranocchia che segna al 17′: gol annullato per fuorigioco dopo il consulto con il Var da parte dell’arbitro. Poi il Pisa ne approfitta e con il neo entrato Birindelli segna la rete del vantaggio per la gioia dei 500 pisani al seguito. Chiude il match al 92′ Mastinu. Pisa da solo in testa alla classifica a punteggio pieno, Vicenza a quota 0 dopo 4 gare.

Lecce-Alessandria 3-2

Con l’ultimo tiro, il Lecce ha conquistato la prima vittoria stagionale a danno di un’Alessandria che avrebbe meritato il pareggio. Al 5′ di recupero, Di Mariano ha calciato una punizione mandando il pallone in area, con tiro finale di Coda che ha completato la rimonta del Lecce. Il primo tempo si era chiuso sull’1-1: gol di testa di Tuia al 15′ e pari degli ospiti al 18′ con Corazza. Al 12° della ripresa, con il gol di testa di Ba, ospiti in vantaggio. Prima il Lecce aveva preso una traversa con Lucioni. Poi andamento lento da parte dei salentini fino all’ingresso, al 17′, dell’ex Real Madrid Rodriguez, la cui presenza ha dato movimento e forza al Lecce che dapprima ha pareggiato con un gol prodezza dello stesso Rodriguez e poi e’ riuscito a vincere con Coda al suono del gong della partita.

Monza-Ternana 1-1

Il Monza non chiude la partita in piu’ occasioni e, al 95′, subisce la beffa. Partenza veloce della squadra di casa che al 5′, con una saetta dai 30 metri di Dany Mota Carvalho, sorprende la difesa ospite e Annarilli con la palla che finisce sotto la traversa. Al 10′ i ragazzi di Lucarelli arrivano al pareggio con Pettinari, ma l’arbitro annulla per fuori gioco di Defendi. Al 25′ da un errore in fase difensiva di Defendi la palla arriva sui piedi di Gytkjaer che, tutto solo con la porta praticamente sguarnita, calcia incredibilmente a lato. Insiste il Monza alla ricerca del raddoppio: al 34′ veloce contropiede di Dany Mota Carvalho che mette al centro per Pedro Pereira, stupenda conclusione al volo, Iannarilli salva con un piede e manda in angolo. Prima frazione tutta monzese. La Ternana si affida a rari contropiedi mai pericolosi. Ripresa che al 7′ vede la Ternana mancare il pareggio con una conclusione al volo di Partipilo, ma troppo alta. Risponde un minuto dopo il Monza con un piazzato di Colpani che sorvola la traversa. Al 91′ testa di Mazzocchi che spaventa il Monza, palla di poco a lato. Quando la gara sta scrivendo la parola fine e’ superlativo Capone a trovare il modo per battere Di Gregorio e regalare il pari ai ragazzi di mister Lucarelli che hanno avuto il merito di crederci fino alla fine.

Perugia-Cosenza 1-1

Giusto pareggio tra Perugia e Cosenza. In vantaggio gli umbri all’inizio della ripresa con il colpo di testa di Rosi sul corner di Burrai. I calabresi hanno raggiunto la parita’ con Situm, che ha raccolto una cross dalla fascia e dopo essersi accentrato ha mandato all’incrocio con un sinistro a girare. Nel primo tempo il Perugia era partito forte, con le occasioni dell’ex Carretta e di Murano, neutralizzate entrambe da Vigorito. Anche il Cosenza si era reso pericoloso con le occasioni-gol create da Palmiero e Vaisanen. Nel finale, nonostante il Cosenza sia rimasti in dieci, per il Perugia non ci sono stati sbocchi offensivi verso la porta di Vigorito.

Reggina-Spal 2-1

Finisce 2-1 la gara del Granillo di Reggio Calabria tra Reggina e Spal. Decidono le reti di Hetemaj e Montalto. Esposito segna su rigore. Ritmo alto nella prima frazione di gara, con entrambe le squadre che subito creano qualche occasione. Sono gli amaranto, pero’, a sbloccare il risultato: al 16′ Hetemaj da due passi mette dentro. Al 33′, poi, esplode il Granillo: Micai para un rigore a Esposito. Secondo il Var, pero’, il tiro dal dischetto, fischiato per un fallo di Stavropoulos su Mancosu, e’ da ripetere. Il rigore, quindi, viene ribattuto e stavolta Esposito non sbaglia segnando la rete del pareggio. Non tarda ad arrivare la reazione dei calabresi che anche nella ripresa mettono in pericolo la porta di Thiam. Al 23′ Montalto, servito da Cortinovis, col sinistro manda la palla in rete e riporta gli amaranto in vantaggio. La tensione resta comunque alta fino alla fine, anche quando al 45′ Lakicevic colpisce il palo e al 49′ Thiam salva su conclusione di Cortinovis.


Per info su Oggi Sport: https://oggisport.it/ e la pagina Facebook https://www.facebook.com/oggisport/?notif_id=1597904047411099&notif_t=page_fan

Pesaro-Urbino

Pesaro, al via la coppa del mondo di ginnastica ritmica

Published

on

Al via a Pesaro la Coppa del Mondo 2022 di Ginnastica Ritmica

PESARO – Ha avvio oggi la fase finale della Coppa del Mondo di Ginnastica Ritmica 2022. Fino a domenica 5 giugno, centinaia di atlete provenienti da 31 Paesi, si sfideranno a colpi di palla, cerchio, clavette e nastri. Si riforma il binomio vincente che lega questa disciplina alla città di Pesaro, dopo la fortunata edizione andata in scena nel 2017. Si torna a gareggiare sulla pedana della Vitrifrigo Arena dunque, dove si concluderà il percorso della Word Cup 2022, dopo gli appuntamenti di Atene, Sofia, Tashkent e Baku.

Si torna a gareggiare sotto gli occhi del pubblico, dopo che le ultime edizioni sono andate in scena a porte chiuse, a causa delle restrizioni anti Covid. Prevista grande affluenza, specie per per la cerimonia di premiazione, in programma domenica alle 18:30.

L’edizione di quest’anno si arricchisce di maggior significato, dal momento che in gara c’è anche il team Ucraina. Da quando è scoppiato il conflitto, è la prima volta che una delegazione giallo-blu esce dal Paese per partecipare ad una manifestazione sportiva. Uno sforzo organizzativo immenso, reso possibile dalla mobilitazione di organizzatori e istituzioni che hanno cooperato al fine di permettere alla squadra ucraina di scendere in pedana.

Sul sito dedicato, sarà possibile seguire i risultati delle competizioni in tempo reale, mentre domenica a partire dalle ore 14, le finali di specialità saranno trasmesse in diretta televisiva su La7. Per chi volesse seguire anche le altre gare, è attivo un servizio di streaming su YouTube, con camera fissa e senza commento tecnico.

Continue Reading

Chieti

Viktoriia Onopriienko, la campionessa di ginnastica ritmica in fuga dalla guerra, è arrivata a Chieti

Published

on

Viktoriia Onopriienko in fuga dalla guerra in Ucraina accolta a Chieti
Viktoriia Onopriienko mentre attraversa il confine tra l'Ucraina e la Slovacchia

CHIETI – Viktoriia Onopriienko è giovane, ha appena 18 anni, ma è già una campionessa di ginnastica ritmica che si è classificata decima alle Olimpiadi di Pechino. È una delle grandi promesse internazionali di questo sport, ma ha dovuto interrompere bruscamente i suoi allenamenti quando la guerra le è piovuta addosso. Viktoriia è ucraina, di Kiev, e si è ritrovata improvvisamente costretta a fare i conti con gli orrori della guerra. Adesso però si è lasciata l’incubo alle spalle ed è pronta a ricominciare in Abruzzo, a Chieti, dove ha trovato ospitalità ed è stata ingaggiata dalla squadra di A1 “Armonia d’Abruzzo”.

Viktoriia Onopriienko, ha trascorso quasi un mese a scappare dalle bombe, cercando rifugio nei sotterranei della metro e poi riuscendo a raggiungere il confine con la Slovacchia, insieme alla madre. Suo padre e suo fratello sono rimasti a combattere. Proprio qui è avvenuto l’incontro con Irina Dobrovolska, ucraina e madre di Elisa, atleta, e Claudia Simeoni, tecnica e giudice teatina, che hanno portato la giovane campionessa a Chieti . Le due donne hanno raggiunto Budapest con un volo, dopodiché hanno noleggiato una macchina e si sono messe in marcia verso il confine tra Ucraina e Slovacchia, 800 chilometri tra andata e ritorno, per recuperare la ginnasta e portarla in Italia.

Anna Mazziotti fondatrice e presidente della società “Armonia d’Abruzzo”, una volta venuta a conoscenza della terribile situazione della Onopriienko, ha infatti deciso di ingaggiarla per toglierla dagli orrori della guerra. La società milita in A1 ed una una storica scuola di ginnastica attiva dal 1984. Negli anni è cresciuta ed ha espresso tantissimi talenti della ginnastica ritmica. Negli anni le sue atlete hanno preso parte a ben 4 le Olimpiadi, 8 campionati del mondo, numerosissimi europei, giochi del Mediterraneo e Universiadi, mentre il palmares della società sportiva vanta 8 scudetti tra A1 e A2,.

La giovane stava aspettando con ansia, insieme alla sua allenatrice, l’arrivo delle due donne che l’avrebbero portata in salvo. Dopo il drammatico e fatidico attraversamento del confine, è partita alla volta dell’Abruzzo, dove è stata accolta con grande affetto e solidarietà dalle sue nuove compagne, che l’hanno salutata con striscioni e abbracci. Ieri presso il Pala Giovanni Paolo di Pescara, è stata ricevuta dal sindaco Carlo Masci, Enrico Paoloni, rappresentante del presidente del Comitato Regionale FGI Abruzzo, l’allenatrice Germana Germani, la presidente Anna Mazziotti. Presenti anche le piccole ginnaste ucraine già accolte dall’Armonia .

L'”Armonia d’Abruzzo” non è l’unica società della Federginnastica ad essersi attivata per riportare in Italie atlete ucraine. Anzi, si è scatenata una vera e propria gara di solidarietà, e tantissime ginnaste, anche giovanissime, sono state portate al sicuro.

Sul volto della giovane Viktoriia Onopriienko, ancora ben visibili i segni del dolore e della sofferenza. Domenica sarà a Napoli per assistere alla terza prova del campionato di Serie A di Ritmica, pronta a vivere una nuova avventura sportiva, senza dover più pensare a come sopravvivere.

Continue Reading

Pallavolo

Le finali nazionali giovanili di pallavolo si disputeranno nella casa dell’Iseini Volley Alba Adriatica

Published

on

Le finali nazionali giovanili di pallavolo under 19 maschile 2022 nella casa dell'Iseini Volley Alba Adriatica

ALBA ADRIATICA – La casa dell’Iseini Volley ospiterà le finali nazionali di pallavolo maschile, under 19. Alba Adriatica è stata scelta insieme a Roma, Verona, Monza, Campobasso e Mondovì come sede per le gare delle finali nazionali giovanili 2022 di volley. Appuntamento dunque al Palazzetto dello Sport da martedì 24 fino a domenica 19 maggio, per i match dell’under 19 maschile. Di seguito il comunicato della Federvolley.

«La Federazione Italiana Pallavolo ha deliberato le date e le sedi delle Finali Nazionali Giovanili CRAI 2022 che assegneranno i titoli nazionali nelle rispettive categorie e che, come da tradizione, rappresentano un appuntamento clou per l’attività giovanile organizzata e promossa dalla FIPAV.

L’attività che catalizzerà l’attenzione dei settori giovanili nei mesi di maggio e giugno alzerà il sipario martedì 24 maggio con le finali nazionali di pallavolo categorie Under 18 femminile e Under 19 maschile, le cui gare si disputeranno rispettivamente a Verona e Alba Adriatica (TE). Immediatamente dopo sarà la volta delle Finali Under 16 femminili e quelle Under 17 maschili in programma dal 31 maggio al 5 giugno. Il torneo femminile si giocherà a Roma mentre quello maschile a Monza.

Le Finali Nazionali Giovanili CRAI si concluderanno con le gare valevoli per i titoli tricolori nelle categorie Under 14 femminile e Under 15 maschile in programma, rispettivamente a Mondovì (CN) e Campobasso, dal 7 al 12 giugno 2022.

La formula delle finali Nazionali, dopo quella studiata per l’edizione 2021 che ha visto la partecipazione di 12 squadre per garantire le migliori condizioni di sicurezza in quel particolare momento legato alla pandemia di Covid-19, ritorna ad essere, come da tradizione, la stessa per ogni categoria, con un totale di 28 formazioni partecipanti che si contenderanno i titoli giovanili. 

Le sedi e le date delle Finali Nazionali Giovanili Crai 2022

Finale Under 19 maschile: 24-29 maggio, Abruzzo (Alba Adriatica)
Finale Under 18 femminile: 24-29 maggio, Veneto (Verona)
Finale Under 17 maschile: 31 maggio-5 giugno, Lombardia (Monza)
Finale Under 16 femminile: 31 maggio – 5 giugno, Lazio (Roma)
Finale Under 15 maschile: 7-12 giugno, Molise (Campobasso)
Finale Under 14 femminile: 7-12 giugno, Piemonte (Mondovì)

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.