fbpx
Connect with us

Abruzzo

Asl Teramo-Comitato ristretto dei sindaci: riunione sul nuovo ospedale hub per acuti

Pubblicato

il

GIULIANOVA – Questa mattina si è riunito  il Comitato ristretto dei sindaci, in forma allargata, con la partecipazione anche del presidente della Provincia Diego Di Bonaventura e del primo cittadino di Giulianova Jwan Costantini.

Il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia _ con i direttori amministrativo Franco Santarelli e sanitario Maurizio Brucchi _ ha illustrato al Comitato  l’idea progettuale per il rilancio dei servizi sanitari in provincia di Teramo.

Un piano strategico che guarda al futuro su cui tutti i membri del comitato hanno espresso apprezzamenti e giudizi positivi. Il direttore generale ha illustrato a grandi linee la visione strategica di quella che sarà la sanità teramana del futuro, fatta di un ospedale hub  per acuti supportato da tre ospedali spoke, ognuno dei quali  avrà una propria vocazione e un proprio ruolo in quella che è la rete ospedaliera provinciale. Una sanità che vedrà un potenziamento notevole dei servizi territoriali, altro fulcro dell’assistenza sanitaria in provincia

La Asl sta redigendo uno studio di fattibilità tecnico-economica sul nuovo ospedale per acuti. Lo studio serve ad accedere al finanziamento del ministero della Salute di 81 milioni e al contempo ad avviare le procedure di gara per gli affidamenti delle progettazioni di dettaglio. Sarà pronto e inviato entro novembre alla Regione Abruzzo. Lo studio di fattibilità evidenzierà quale sarà il sito migliore per il nuovo ospedale. “In caso non sia l’area del Mazzini”, ha spiegato Di Giosia, “noi non faremo che questo resti abbandonato, una cattedrale nel  deserto. Anzi, quell’area sarà valorizzata perché ci  vogliamo realizzare una Città della salute, con tutti i servizi territoriali, e non solo”. La Città della salute garantirebbe ai cittadini un’unica sede, grande dove trovare i tutti servizi territoriali che erogano prestazioni sanitarie: gli ambulatori di medicina generale, la specialistica ambulatoriale, la radiodiagnostica e i laboratori analisi, ma anche servizi come la dialisi territoriale e l’allergologia. Qui i cittadini avranno finalmente la possibilità di avere un centro riabilitativo all’avanguardia senza più essere costretti a recarsi in strutture per il recupero nel post-acuzie. Il polo del Mazzini sarà una vera a propria Città della salute, in connessione con il sistema delle cure primarie: in questo modo si ottimizza l’accessibilità delle cure e si evita la frammentazione dei servizi territoriali, riducendo i disagi logistici per i pazienti. Nella casa della salute sarà garantita continuità assistenza 7 giorni su 7 e per le 24 ore attraverso team con medici di continuità assistenziale e di emergenza territoriale.

Il nuovo ospedale sarà invece dedicato alla cura degli acuti.  L’obiettivo è realizzare un Hub funzionale di 500 posti letto  (quindi superiori a quello di cui è dotata oggi la struttura del Mazzini) ampliabili a 600, con tutte le specialità e caratteristiche per essere Dea di secondo livello. La realizzazione della nuova struttura dovrà ispirarsi ai principi dell’organizzazione degli spazi per aree funzionali e omogenee, per percorsi, per intensità delle cure, per complessità assistenziale, in modo più efficiente rispetto alla sede attuale. E costituirà, con i presidi di Atri, Giulianova e Sant’Omero una rete integrata di assistenza ospedaliera per acuti sull’intero territorio provinciale, una rete efficiente, flessibile e attrattiva.

Un’idea progettuale che ha convinto il Comitato ristretto dei sindaci. “La Asl ci ha rappresentato una programmazione chiara e una visione lucida”, ha commentato il presidente del Comitato e sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, “Con la convenzione con Cassa depositi e prestiti per il finanziamento abbiamo peraltro garanzie che tutta la procedura dipenderà dalla gestione Asl e soprattutto dalle decisioni del pubblico. Questo progetto non riguarda solo l’ospedale della città di Teramo, ma un ospedale con respiro provinciale, supportato, con pari dignità dagli altri tre ospedali. Ci stiamo giocando il futuro della nostra sanità in tema sanitario nei prossimi 50 anni, che deve riaffermare la centralità della città capoluogo,  nel quadro di un miglioramento dell’offerta sanitaria provinciale, ospedaliera e territoriale. Il comitato Ristretto, con un solenne patto fra i sindaci e i territori, insieme alla Asl, dovrà essere e sarà la sede istituzionale del confronto con tutte le forze sociali e della comunità in questa fase decisiva per il nostro destino”.

Abruzzo

Il 18 dicembre cerimonia di premiazione del Contest fotografico “Uno sguardo su Controguerra”

Pubblicato

il

CONTROGUERRA – Sabato 18 dicembre, alle ore 17,si terrà presso l’Enoteca comunale di Controguerra in presenza ma anche con diretta sulla pagina fb Bellavita Controguerra la cerimonia di premiazione del Contestfotografico “Uno sguardo su Controguerra” dal titolo “Contesti Rurali”.

Organizzato dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune con il patrocinio dell’Università degli Studi di Teramo, il contest è stato realizzato con foto scattate da marzo a ottobre di quest’anno dagli abitanti del centro vibratiano. Un Comitato Tecnico ha quindi selezionatododici foto che saranno impresse nel Calendario 2022 di Controguerra; ai rispettivi autori andranno in premio bottiglie di vino, di olio, prodotti agroalimentari e gadget.

«Il progetto – dichiara il Vicesindaco di Controguerra Fabrizio Di Bonaventura – ha sollecitato i partecipanti a individuare scenari del nostro territorio stimolando la loro fantasia e creatività. Il secondo passaggio sarà quello di non disperdere questo piccolo ma non irrilevante patrimonio allestendo una mostra con tutti gli scatti fotografici inviati». 

Le immagini sono state visionate e selezionate da una giuria autorevole e competente composta dal Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Dino Mastrocola, dall’imprenditore Davide Lisciani, dalSegretario Generale delle Città Slow International Pier Giorgio Oliveti nonché dai fotografi Ivano Di Benedetto e Mauro Di Bonaventura, dal divulgatore scientifico Giammaria De Paulis, dai giornalisti Antimo AmoreSandro Galantini e Luca Zarroli, dalPresidente dell’Associazione “I Vignaioli di Controguerra” Massimiliano Cori e dal Sindaco di Controguerra Franco Carletta. Ad arricchire il gruppo dei giurati, il parroco di Controguerra Don Matteo Baiocco D’Angelo, il Presidente di Abruzzo Sviluppo Stefano Cianciotta, l’Amministratore delegato del “Consorzio Punto Europa” Filippo Lucci e l’editore Paolo De Siena.

La commissione, presieduta da Zarroli, ha inoltre voluto assegnare un altro riconoscimento, il “Premio della Critica”. 

«Oltre ad esprimere il più sentito ringraziamento alla giuria, voglio sottolineare – conclude il Vicesindaco Di Bonaventura – come questo progetto sia significativo non solo per il delicato periodo che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo, ma anche e soprattutto perché mira a polarizzare maggiore e più consapevole attenzione sulle gerarchie dei valori, sollecitandoci ad apprezzare alcuni aspetti della vita a volte trascurati».

Continua a leggere

Teramo

Teramo: casa in fiamme, salvata una donna

Pubblicato

il

TERAMO – Oggi pomeriggio, poco dopo le 14, i vigili del fuoco del distaccamento di Roseto degli Abruzzi hanno effettuato un intervento per un incendio avvenuto in un’abitazione nel centro di Atri.

Sul posto sono stati inviati un’autopompa e un mezzo fuoristrada con modulo antincendio che è stato effettivamente utilizzato per spegnere l’incendio, vista l’impossibilità per l’autopompa di accedere nella via piuttosto stretta. L’incendio ha interessato un appartamento al primo piano di un fabbricato di due piani più la mansarda in via Trinità. Le fiamme si sono sviluppate nel locale tinello ed hanno interessato un divano letto. L’incendio ha danneggiato anche l’impianto elettrico del locale interessato dalle fiamme.

Inoltre, i prodotti della combustione fuoriusciti dal locale incendiato ha provocato l’annerimento delle pareti e del solaio. I vigili del fuoco sono entrati nell’appartamento attraverso il vano scala invaso dal fumo. Una volta all’interno dei locali hanno spento l’incendio rapidamente utilizzando il naspo ad acqua del modulo antincendio a bordo del fuoristrada.

Il forte calore sviluppato dall’incendio ha provocato anche la rottura delle pignatte del solaio. Al momento del verificarsi dell’incendio nell’appartamento si trovava una donna che, a causa delle ustioni riportate, è stata trasportata presso l’ospedale di Atri per le cure del caso. A causa di conseguenza dell’incendio si è reso necessario rendere non utilizzabili gli appartamenti presenti nell’ edificio ed evacuare le tre persone che li occupavano. Sul posto sono intervenuti anche agenti del commissariato della Polizia di Stato di Atri per gli adempimenti di competenza.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: al via i controlli su strade, 4 Daspo Urbani e due arresti

Pubblicato

il

carabinieri arresto

TERAMO – Il personale della Stazione Carabinieri di Mosciano Sant’Angelo unitamente a personale del Norm della Compagnia Carabinieri di Giulianova a seguito di prolungate indagini , traeva in arresto un uomo di anni 45 di Roseto in esecuzione di misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Teramo. Il provvedimento scaturiva a seguito dell’accoglimento da parte dell’Autorita’ Giudiziaria di Teramo delle risultanze investigative raccolte  dal Comando Stazione di Mosciano che acclaravano gli  atti persecutori , minacce e lesioni compiute dall’ indagato poi arrestato nei confronti dell’ ex fidanzata di anni 36, residente a Mosciano Sant’Angelo.

Nel corso dell’ operazione  i militari operanti a seguito di perquisizione eseguita nel domicilio dell’ arrestato rinvenivano anche materiale utile ai fini delle indagini.

Nella stessa mattinata i militari della Stazione Carabinieri di Giulianova, traevano in arresto un uomo originario di Foggia, di anni 71, residente a Giulianova a seguito di emissione di Ordine di Carcerazione emesso dalla Corte dio Appello di Torino per intervenuta condanna per reati a sfondo sessuale.

Entrambi gli arrestati, espletate le formalità di rito, venivano tradotti presso la Casa Circondariale di Lanciano?

L’attività dell’ Arma di Giulianova è proseguita anche con l’ applicazione  di 4 provvedimenti di Daspo Urbano notificati a quattro giovani dai 19 ai 27 anni del Teramano.

I Provvedimenti scaturivano a seguito dell’ attività investigativa connessa con la denuncia da parte di un uomo di anni 51 di Giulianova, vittima di aggressione all’ interno di un locale di Giulianova ad opera dei quattro soggetti Daspati e che a seguito delle indagini posta in essere da personale dell’ aliquota Operativa del Norm di Giulianova erano stati individuati e deferiti presso il Tribunale di Teramo. A seguito del deferimento la Questura di Teramo, accogliendo le richieste dell’ Arma emetteva il provvedimento di Daspo a carico dei soggetti individuati.   

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy