fbpx
Connect with us

Cronaca

Arrestato 53enne evaso dal carcere di Bologna 4 anni fa

Published

on

PINETO – Ieri, Venerdì 19 Novembre i carabinieri di Pineto hanno arrestato un 53enne evaso quattro anni fa dal carcere di Bologna.

Un uomo di 53 anni era stato sottoposto alla semilibertà con obbligo di rientro giornaliero, per la notte, nel carcere di Bologna. Ma nel 2017 al termine di un permesso, non era più rientrato e aveva fatto perdere le sue tracce.

Originario di Parma, il 53enne evaso, si era sistemato in un vecchio casolare di Pineto, con il suo cane pastore tedesco. Faceva il bracciante e sotto falso nome svolgeva piccoli lavori nella zona teramana.

L’uomo con il suo documento e una foto scolorita, per anni sotto falso nome è riuscito a beffare tutti.

I carabinieri, stavolta non si sono fatti abbindolare dal 53enne, e hanno scoperto il documento con la sua foto sotto falso nome. 

A quel punto l’uomo è stato accompagnato in caserma e grazie alle impronte digitali hanno ricostruito la sua provenienza.

Dagli spostamenti degli ultimi quattro anni, l’uomo, si è sempre presentato sotto falso nome.

Era giunto a Pineto da Altamura provincia di Bari ed era arrivato in Abruzzo svolgendo piccoli lavori mantenendosi nascosto in un casolare abbandonato.

Il 53enne evaso, è stato di nuovo arrestato, per terminare la pena residua e quella determinata dai reati di evasione e sostituzione di persona.

Il suo cane, il pastore tedesco, è stato poi adottato dalle forze dell’ordine in attesa di una sistemazione.

Ancona

Montemarciano, false fatture ed evasione da oltre 1 milione di euro: nei guai un imprenditore

Evasione da oltre 1 milione fra redditi non dichiarati e Iva non versata. Nel 2017 l’uomo, un imprenditore di Montemarciano, figurava come “evasore totale”

Published

on

guardia di finanza pesaro evasione fiscale tassa di soggiorno non pagata

ANCONA – Elementi positivi di reddito non dichiarati e false fatture per ottenere credito dagli istituti bancari. Con queste ragioni il tribunale di Ancona ha emesso un decreto di sequestro preventivo di circa mezzo milione di euro a carico di un imprenditore di Montemarciano, accusato di evasione fiscale.

La misura, che è stata notificata dalla Guardia di Finanza di Falconara, è stata disposta nell’ambito di un ‘operazione di verifica fiscale condotta su una ditta individuale operante nel commercio all’ingrosso di macchine per le cave e l’edilizia.

Attraverso i controlli i militari hanno accertato l’omesso adempimento, da parte del titolare della ditta, della dichiarazione annuale ai fini delle imposte dirette e dell’Iva con riferimento al 2017, annualità in cui lo stesso è stato dichiarato “evasore totale“.

Inoltre, con riferimento al periodo compreso tra il 2016 e il 2018, l’imprenditore avrebbe emesso delle fatture per generiche operazioni di prestazione manodopera, movimentazione terra ed allestimento di attrezzature, in realtà mai oggettivamente avvenute. Fatture false che poi, stando alla ricostruzione dei militari, sarebbero servite per ottenere linee di credito presso diversi istituti bancari della zona , avvalendosi anche di falsi dati sulla situazione patrimoniale, finanziaria ed economica della propria ditta.

Diversi i reati contestati all’imprenditore: si va dall’omessa dichiarazione di elementi positivi del reddito per oltre 1 milione di euro, l’illegittima deduzione di elementi negativi di reddito pari a 340 mila euro, fino al reato di mendacio bancario nei confronti degli istituti creditizi. L’importo complessivamente evaso a fini Irpef risale ad oltre mezzo milione di euro a cui si aggiunge il mancato versamento dell’Iva dovuta per più di 400 mila euro.

Al termine delle operazioni di accertamento e controllo dell’evasione fiscale commessa a Montemarciano, il Tribunale di Ancona ha quindi sancito il sequestro di 500.745 mila euro, somma parzialmente soddisfatta dalla disponibilità finanziarie e quote d’immobili nella disponibilità dell’imprenditore.

Continue Reading

Cronaca

Allevava ovini senza autorizzazione: nei guai un allevatore di Treia

Intensificati i controlli negli allevamenti in vista della Pasqua: multa da 13 mila euro per un allevatore di Treia. Contestata anche la realizzazione di una gabbia trappola

Published

on

Forestale, allevamento abusivo a Treia ovini senza autorizzazione

TREIA – Deteneva ovini, agnelli e capre, senza autorizzazione e senza regolare denuncia. Per questo è avvenuto il maxi sequestro di un allevamento, nel piccolo comune marchigiano di Treia, in provincia di Macerata. Il Gruppo Carabinieri Forestale di Macerata infatti, analogamente a quanto avvenuto negli anni scorsi, nel periodo precedente le festività pasquali ha intensificato i controlli sugli allevamenti zootecnici, al fine di monitorare il commercio di ovini e reprimere eventuali immissioni sul mercato locale di carni di provenienza illecita.

Nel caso di specie la compagnia dei Carabinieri Forestale di San Severino Marche, coadiuvati dal personale veterinario dell’Asur Marche, ha individuato un allevamento ubicato nel territorio di Treia. Diverse le irregolarità riscontrate dai militari e il personale specializzato: dalla mancata denuncia dell’attività alle autorità competenti, la non tenuta dei registri di stalla, fino alla mancata profilazione e indicazione della provenienza del bestiame.

I militari hanno quindi disposto l’immediato sequestro dell’allevamento e contestato all’allevatore di Treia che deteneva ovini senza autorizzazione, sanzioni amministrative complessivamente pari a 13.000 euro.

Da ulteriori controlli infatti è emersa anche la presenza, in luogo adiacente all’allevamento, di una gabbia trappola a scatto, con all’interno un’esca costituita da carcassa di agnello, presumibilmente collocata per catturare predatori selvatici (lupi, volpi, faine). Lo strumento in questione è però considerato dalla normativa vigente “mezzo di caccia non consentito“, motivo per cui il presunto utilizzatore è stato denunciato all’autorità giudiziaria che dovrà accertare la sussistenza o meno di un reato e il mezzo sottoposto a sequestro penale.

Il Gruppo Carabinieri Forestale ricorda in una nota che le carni poste in commercio o prodotte per autoconsumo familiare devono provenire da animali “di origine certa“, correttamente profilati, e che gli stessi devono essere detenuti in allevamenti autorizzati e rispettosi delle normative igienico – sanitarie e del benessere del bestiame.

Al riguardo si mette in evidenza che la macellazione domestica è consentita solamente per i suini per i mesi di dicembre e gennaio destinati all’autoconsumo, salvo comunque la previa ordinanza del Sindaco competente e che, perciò, ogni altra forma di macellazione è vietata dalla normativa vigente, che prevede delle severe sanzioni penali sia a carico dell’acquirente che dell’esecutore materiale.

Continue Reading

Ancona

Ancona, schianto fatale per un 24enne: sognava di fare l’avvocato

Il 24 enne anconetano si è schiantato a bordo del suo scooter contro un Suv in zona Porta Romana a Milano, La procura ha aperto un’indagine per omicidio stradale. Sognava di diventare avvocato come suo padre.

Published

on

ncona, schianto fatale per Alessandro Egidi

ANCONA – Si era laureato in giurisprudenza lo scorso ottobre e sognava di diventare avvocato, come il padre. I sogni di Alessandro Egidi, 24enne originario di Ancona, si sono invece spezzati tragicamente nella serata di martedì poco prima dell’ora cena, in zona Porta Romana a Milano.

Il 24enne stava infatti tornando a casa dal lavoro quando, per cause ancora in corso di accertamento, la sua moto si è scontrata contro un suv Volvo all’altezza di via Bergamo, presso il capoluogo meneghino. A Causa del forte impatto il giovane è stato sbalzato prima contro un auto in sosta e poi su un marciapiede.

Immediatamente si è mossa la macchina dei soccorsi con l’arrivo delle ambulanze del 118 e della Polizia Locale. Le condizioni di Alessandro sono apparse però fin da subito molto gravi. Trasportato in codice rosso al Policlinico, il ragazzo è deceduto poco più tardi a causa dei traumi riportati.

Nel frattempo sia l’auto che lo scooter sono stati posti sotto sequestro, mentre la procura milanese ha aperto un indagine per omicidio stradale.

Alessandro, dopo gli studi al liceo classico Rinaldini, si era laureato da poco più di cinque mesi all’Università di Bologna. Da qui l’approdo nel capoluogo lombardo per iniziare il praticantato in un prestigioso studio legale. Sognava come suo padre, stimato civilista anconetano, di intraprendere la professione forense.

La famiglia, informata immediatamente dell’accaduto, si è recata a Milano per il riconoscimento della salma. Per i funerali del giovane Alessandro Egidi si dovrà attendere però il nulla osta del magistrato per liberare la salma e riconsegnarla alla famiglia.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.