fbpx
Connect with us

Fermo

Fermo: tenta di suicidarsi, intervento della Polizia

Published

on

FERMO – Delicatissimo argomento quello dei comportamenti anticonservativi ma anche in questi casi, grazie all’intervento dei cittadini ed alla tempestiva segnalazione alla sala operativa della Questura, gli operatori della Polizia di Stato possono contribuire ad evitare che un momento di grave difficoltà psichica o fisica finisca in tragedia.

Alcuni casi, come il primo di questa nota, è da giorni nelle menti e nei cuori di quelle persone che hanno impresse le immagini di una donna stesa sulla carreggiata che tentava di “farla finita” e l’hanno sollevata di peso per portarla in salvo insieme al figlio; altro caso quello di un errore di comunicazione che ha comunque consentito agli agenti della Volante di salvare la vita di una giovane adolescente.

Per la delicatezza delle situazioni si omettono i particolari relativi alle persone coinvolte ed alle località degli accadimenti.

Attimi di tensione quelli vissuti nel pomeriggio di venerdì scorso da alcuni cittadini fermani che hanno visto, sdraiata sulla carreggiata, una donna con vicino un bambino che poi è risultato essere il figlio.

Senza alcuna esitazione l’intervento immediato dei passanti che hanno provveduto a bloccare e mettere in sicurezza nell’area di un vicino distributore di carburante il minore e la donna malgrado quest’ultima abbia tentato anche successivamente di raggiungere la sede stradale.

Pochi minuti dopo, allertati dai medesimi cittadini, sono giunti sul posto gli operatori della Volante della Questura e il personale sanitario del 118; malgrado la loro presenza la donna ha tentato, inutilmente, di raggiungere ancora una volta la strada ma è stata fermata e fatta salire sull’ambulanza che l’ha accompagnata in ospedale per le cure necessarie.

Il minore è stato affidato al padre fatto giungere immediatamente sul posto dall’equipaggio della Polizia di Stato.

Il secondo caso, sabato sera, a seguito della segnalazione di un padre che aveva comunicato il tentativo di suicidio della figlia minorenne.

A sirene spiegate gli operatori della Volante hanno raggiunto l’abitazione nella quale hanno trovato, oltre ai genitori, la minore distesa per terra ansimante, con evidenti difficoltà respiratorie ed in parte cianotica per insufficiente ossigenazione del sangue.

Immediatamente i poliziotti, in attesa dell’arrivo dei soccorsi sanitari l’hanno messa in sicurezza su un fianco, controllato l’eventuale presenza di oggetti o residui di cibo che potessero ostruire le vie respiratorie, monitorato la progressiva ripresa del regolare battito cardiaco, tenuta sveglia parlandole e sollecitando le sue risposte per mantenerla desta; semplici manovre di rianimazione ma che hanno permesso alla giovane di ricominciare a respirare, di riprendere coscienza e restare vigile fino all’arrivo del personale sanitario che l’ha subito accompagnata in ospedale dal quale è stata dimessa poche ore dopo.

Gli agenti, che prima dell’arrivo dei sanitari avevano allontanato dall’abitazione gli altri figli piccoli per non farli intimidire ulteriormente, affidandoli ad una parente, hanno poi compreso che il segnalato “tentato suicidio” della giovane da parte dei genitori era, in realtà, derivato da una difficoltà comunicativa del padre, straniero, che intendeva dire che la figlia stava molto male.

Fermo

Porto Sant’Elpidio, arrestati per spaccio, estorsione e furto due pregiudicati

Published

on

montegranaro-cc-rintracciano-e-arrestano-condannato

TERAMO – I carabinieri di Porto Sant’Elpidio hanno dato esecuzione a due ordini di carcerazione emessi dalla Corte d’Appello di Ancona nei confronti di due pregiudicati del territorio e dopo averli rintracciati li hanno arrestati.

Il primo è un uomo di 70 anni condannato in via definitiva a otto anni, per per spaccio ed estorsione commessi dal 2006 al 2013, che è stato trasferito presso il carcere di Fermo.

Il secondo dei due pregiudicati arrestati dai carabinieri di Porto Sant’Elpidio, è un algerino d 37 anni che deve scontare un anno e tre mesi di reclusone per furto aggravato. Gli episodi che gli sono stati contestati risalgono al 2014 e sono stati commessi a Porto Sant’Elpidio e Civitanova Marche.

Continue Reading

Fermo

Montegranaro, rintracciato ed arrestato un condannato per lesioni e minacce

Published

on

montegranaro-cc-rintracciano-e-arrestano-condannato

Un cinquantenne pregiudicato originario del foggiano, condannato per minacce, lesioni e violazioni degli obblighi inerenti all’osservanza speciale, è stato rintracciato ed arrestato dai carabinieri di Montegranaro e trasferito nel carcere di Fermo.

FERMO – Nella mattinata di ieri i carabinieri di Montegranaro hanno rintracciato ed arrestato un uomo, già sottoposto a sorveglianza speciale da parte della Polizia e all’obbligo di dimora, condannato in via definitiva. Deve scontare due anni e tre mesi, in seguito ad un provvedimento di unificazioni delle pene, per minaccia, lesioni personali e violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale.

Dopo averlo rintracciato presso la sua abitazione, i carabinieri di Montegranaro hanno trasferito il cinquantenne originario del foggiano nel carcere di Fermo.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Arrestato per spaccio di eroina, era ai domiciliari per omicidio

Published

on

Operazione anti droga della polizia e dell’unità cinofila della guardia di finanza di San Benedetto del Tronto che hanno arrestato per spaccio di eroina due persone: un italiano sambenedettese e un tunisino residente nel fermano, dove si trovava ai domiciliari per omicidio, dal quale si riforniva.

ASCOLI PICENO – Riforniva la gran parte dei tossicodipendenti di San Benedetto del Tronto e si procurava l’eroina da un tunisino residente nel fermano, che si trovava agli arresti domiciliari per omicidio, il trentenne sambenedettese arrestato per spaccio dalla polizia del commissariato locale. L’operazione è stata condotta con l’ausilio dell’unità cinofila della guardia di finanza.

In base alle ricostruzioni degli inquirenti, l’italiano si recava con cadenza quasi quotidiana nel fermano per rifornirsi di eroina purissima che poi rivendeva, tagliata, nel mercato locale. In qualche caso la droga è stata trasportata a San Benedetto da alcuni autisti di fiducia. Il “fornitore” si trovava ai domiciliari con l’accusa di omicidio di un cugino, per questioni di droga, avvenuto lo scorso 8 agosto a Civitanova Marche.

Oltre alle due misure di custodia cautelare emesse dal Gip di Ascoli Piceno, sono state denunciate a piede libero altre cinque persone ed è stato sequestrato complessivamente oltre un chilo e mezzo di eroina.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.