fbpx
Connect with us

Fermo

Fermo: tre persone denunciate per furto con strappo

Pubblicato

il

FERMO – Sono tre stranieri senza fissa dimora e clandestini sul territorio nazionale i responsabili di un furto con strappo aggravato avvenuto nei primi giorni di questo mese a Porto Sant’Elpidio a seguito del quale hanno anche utilizzato la carta di pagamento sottratta per prelevare denaro contante da un bancomat ed effettuare una transazione prima che la vittima riuscisse a bloccare la carta.

E certamente avevano pensato di aver realizzato un colpo perfetto senza lasciare tracce utili per essere identificati e denunciati ma non hanno fatto i conti con le capacità di intervento e di analisi dei poliziotti della Volante della Questura e la caparbietà e la professionalità degli investigatori della Squadra Mobile.

Il fatto criminale si è verificato, come detto, nei primi giorni di novembre nei pressi del cimitero di Porto Sant’Elpidio ai danni di una donna che, dopo essere salita sulla propria autovettura, è stata raggiunta da un soggetto che improvvisamente l’ha aggredita, afferrandole la borsa, tirandola con violenza e contemporaneamente spingendo la portiera per ridurre la possibilità di reazione della vittima e avere più forza fino al momento in cui la cinghia si è rotta o è stata tagliata dal delinquente.

Il ladro si è poi allontanato correndo dal luogo del reato, è salito su un veicolo parcheggiato nelle vicinanze con il motore acceso, guidato da un complice; la coppia è stata subito dopo raggiunta da un terzo soggetto, il palo, che a pochi metri di distanza fingeva di parlare al cellulare con le “cuffiette” e quindi con la mani libere di agire e, in realtà, stava controllando che nessuno potesse intervenire in soccorso.

La vettura con i tre criminali è poi uscita dal parcheggio per ignota destinazione.

La telefonata di un cittadino alla sala operativa della Questura ha segnalato l’aggressione alla donna e la Volante è intervenuta in pochi minuti per prestare aiuto alla vittima e per ricostruire con la stessa ogni particolare degli eventi, degli autori del furto e della loro fuga.

La donna, pur chiaramente scossa da quanto subìto, ha lucidamente fornito ai poliziotti utili elementi, non sufficienti tuttavia per attivare tempestive ricerche, che sono stati immediatamente cristallizzati dagli operatori e trasmessi per le indagini alla Squadra Mobile.

Il bottino dei ladri, la borsa, conteneva solo poche decine di euro, documenti personali ed una tessera bancomat ma vi era anche un foglio con il codice per i prelievi dagli ATM e i pagamenti ai POS.

E di questa inaspettata disponibilità i delinquenti hanno approfittato immediatamente; nel breve arco temporale di circa 10 minuti dopo il furto hanno raggiunto uno sportello bancomat dal quale hanno effettuato due prelievi di 250 euro ciascuno e subito dopo hanno eseguito il rifornimento dell’auto utilizzata per la fuga presso un distributore della zona. 

Ma il rovescio della medaglia della disponibilità del codice, e quindi della possibilità dell’indebito utilizzo della carta sottratta, è consistito nel lasciare tracce dei loro reati successivi al furto, tracce che sono state oggetto delle immediate indagini degli investigatori della Squadra Mobile fermana attivate grazie agli elementi raccolti dai colleghi della Volante ed acquisiti dalla vittima.

I componenti della triade di criminali erano a conoscenza della necessità di agire velocemente prima che la vittima si riprendesse dallo shock e provvedesse a bloccare la carta e la loro “fretta” ha consentito dapprima di ridurre il periodo di tempo da analizzare ma soprattutto, per la profonda conoscenza delle dinamiche criminali relative ai reati predatori acquisita negli anni dagli investigatori, di puntare subito su alcuni soggetti con precedenti specifici analoghi al reato commesso quel giorno.

Si fa presto a dire “indagine” ma la complessità che c’è dietro un’attività di polizia giudiziaria la possono comprendere solo gli addetti al settore che hanno ricostruito e ricondotto ad unità azioni, passaggi, elementi grafici dell’abbigliamento, particolari del taglio di capelli o della calvizie pronunciata, della specifica andatura e dei tatuaggi degli autori, del traffico cittadino in quella determinata ora e quindi della velocità di movimento dei criminali e gli itinerari potenzialmente percorsi partendo dal cimitero; ipotesi e tesi che si sono susseguite ma che hanno portato alla fine a conseguire il risultato sperato.

In poco più di una settimana gli investigatori hanno identificato, uno alla volta, gli autori dei reati commessi in sequenza temporale, furto con strappo, prelievi al bancomat, pagamento del rifornimento di carburante, incastrandoli con prove evidenti alle loro specifiche responsabilità, ladro, autista, palo, autore del primo e del secondo prelievo indebito, pagatore del carburante con la carta sottratta.

I tre soggetti, già noti ai poliziotti della Squadra Mobile e con un congruo pedigree delinquenziale, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria. 

Una storia di criminalità predatoria come tante che avvengono ogni giorno sul territorio nazionale e spesso anche nella nostra provincia; un reato improvviso e violento che lascia un forte turbamento nella vittima, per il quale non esiste rimedio né sanzione, e nella coscienza delle persone oneste ma che mette in evidenza tre condizioni per consentire di assicurare alla giustizia i colpevoli o ridurre le conseguenze del crimine: segnalare immediatamente alle Forze di polizia i reati subìti o situazioni di pericolo di altre persone; per quanto possibile, memorizzare la maggior quantità di particolari degli autori dei reati e, soprattutto, come nel caso riportato, non tenere nello stesso contenitore la carta di pagamento e il codice segreto.

Fermo

Sabato 20 luglio Noyz Narcos e Salmo al NoSound Fest di Servigliano

Pubblicato

il

salmo e noyz narcos concerto a servigliano nosound fest
Foto di Giulia Parmigiani.

Il tour HellraiserS che Salmo e Noyz Narcos stanno portando in giro per l’Italia fa tappa al Parco della Pace di Servigliano per il NoSound Fest.

FERMO – Hellraisers, il tour che vede Salmo e Noyz Narcos protagonisti dell’estate live italiana, sabato 20 luglio, alle 21:30, fa tappa al Parco della Pace di Servigliano nell’ambito del NoSound Fest, celebre rassegna organizzata da Best Eventi in collaborazione con il Comune di Servigliano.

La tournée, prodotta da Vivo Concerti, si è aperta il 15 giugno a Fiera Milano Live (Rho). Il tour svelerà finalmente live anche i brani del loro joint album disco di platino “CVLT” e della repack “CVLT – HELLRAISERS”, uscita lo scorso 17 maggio.

Biglietti disponibili sui circuiti TicketOne (www.tickeotne.it), Ticketmaster (www.ticketmaster.it),  Ciaotickets (www.ciaotickets.com) e prima del concerto, dalle 18:30, al botteghino del Parco della Pace.

salmo e noyz narcos concerto a servigliano nosound fest

Hellraisers è l’occasione perfetta ed imperdibile per gustare tutta l’energia e la carica live di Salmo e Noyz Narcos. I due artisti, pilastri della scena rap, oltre a presentare per la prima volta dal vivo i brani di “CVLT” e “CVLT – HELLRAISERS”, propongono anche i loro più grandi successi, che si alternano in una scaletta mozzafiato.

Lo show riprende l’immaginario del joint album, a partire dalla scenografia che conduce lo spettatore in una storia con diverse sorprese, grazie a un mix tra tecnologia e props scenografiche, dove saranno ripresi molti riferimenti tratti da CVLT. Salmo & Noyz si esibiscono su un palco dove gli oggetti di scena costruiti a mano, come tombe, lampioni desolati e panchine abbandonate, fanno da base allo schermo sullo sfondo – separato solo da un lugubre cancello – in cui si staglia la casa, ormai diventata iconica per i fan. L’ambientazione, con il calar del sole e lo scorrere del concerto, si fa sempre più lugubre, mentre nei due schermi laterali si alternano immagini in presa diretta del pubblico e degli artisti. Questa parte visiva – a cura di Andrea Folino – accompagna la performance dall’inizio alla fine, amplificando la musica e permettendo al pubblico di immergersi totalmente nello show.

CVLT, uscito lo scorso 3 novembre e certificato disco di platino, ha debuttato alla prima posizione nella classifica degli album e dei vinili più venduti mantenendo la posizione per due settimane consecutive. L’ondata generata dall’arrivo del disco ha inoltre superato i confini italiani conquistando la posizione #3 della Spotify Debut Album Global nel primo weekend dalla pubblicazione. La repack “CVLT – HELLRAISERS”, uscita il 17 maggio, arricchisce il progetto discografico con cinque brani inediti e tre collaborazioni d’eccezione con amici e colleghi di lunga data, appartenenti al rap italiano: “HELLRAISERS”, “HOTLINE” feat. Lazza, “RAP MONEY” feat. Guè, “NON MI PASSA” feat. Gemitaiz e “L’ODIO”.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Emergenza idrica ad Ascoli e Fermo: razionamenti in una ventina di località

Pubblicato

il

interruzione servizio idrico razionamenti acqua Fermo Ascoli emergenza idrica

Con l’ulteriore aggravarsi dell’emergenza idrica ad Ascoli Piceno e Fermo, la Ciip ha aggiornato l’elenco dei Comuni interessati da interruzioni della fornitura idrica.

ASCOLI PICENO – L’emergenza idrica si fa sempre più pesante nelle province ascolana e fermana e la Ciip spa, al fine di garantire un’equa distribuzione della risorsa idrica disponibile, estende i razionamenti e le interruzioni della fornitura nelle ore notturne in una ventina di località.

La decisione è stata presa alla luce dell’esito dei monitoraggi sulle condizioni di disponibilità della risorsa. Pertanto, dalle ore 22:0000 alle ore 06:00 rubinetti chiusi ad Acquaviva Picena, Ascoli Piceno, Cupra Marittima, Grottammare, Montalto delle Marche, Massignano, Monteprandone, Ripatransone, San Benedetto del Tronto, Altidona, Belmonte Piceno, Fermo, Grottazzolina, Montottone, Ortezzano, Pedaso, Castignano, Folignano, Roccafluvione, Rotella e Venarotta.

Sul sito dell’azienda, è possibile consultare la mappa dei razionamenti e consultare nel dettaglio le zone in cui le interruzioni verranno applicate.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Spaccio internazionale tra Belgio, Germania, Ucraina e Spagna: arresti anche a Pescara, Teramo, Ascoli e Fermo

Pubblicato

il

112 cc giulianova controlli carabinieri

Nelle prime ore della giornata di oggi, i Carabinieri del ROS, coordinati dalla DDA di l’Aquila, insieme ai colleghi belgi, ucraini, spagnoli e tedeschi hanno dato esecuzione a 14 misure cautelari per spaccio internazionale.

TERAMO – La droga arriva in Italia dalla Spagna, ma i canali di approvvigionamento e transito avevano ramificazioni anche in Belgio, Germania e Ucraina. Questa mattina imponente operazione a contrasto dello spaccio internazionale da parte dei Carabinieri del ROS coadiuvati dai Comandi Provinciali di Teramo, Pescara, Fermo, Ascoli Piceno, Brescia e Perugia e in coordinamento con il Landeskriminalamt  del Nord Reno – Westfalia (Germania), l’Udyco Central della Policia Nacional (Spagna), la Police Judiciaire Fédérale di Mons (Belgio) e il Dipartimento anti-narcotici della Polizia Nazionale dell’Ucraina.

14 gli arresti eseguiti in Italia e all’estero per “Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope” e “Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope”. Le misure cautelari nei confronti dei presunti responsabili dello spaccio internazionale sono state emessa dai GIP dei Tribunali de L’Aquila e Teramo, su richiesta rispettivamente della DDA di L’Aquila e della Procura Ordinaria di Teramo.

In base alle prime ricostruzioni trapelate, i destinatari delle misure cautelari odierne appartenenti e contigui ad una organizzazione operante nel territorio nazionale, in Germania e in Spagna, con ulteriori contatti in Belgio e in Ucraina. Le indagini sono state portate avanti dai militari del ROS, sotto il coordinamento della DDA di L’aquila.

I Carabinieri hanno documentato l’esistenza di una struttura organizzata dedita al traffico internazionale di stupefacenti.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.