fbpx
Connect with us

Ancona

“Lo sviluppo sostenibile: ricerca, strategie, esperienze”, seminario all’ I. I. S. Galilei di Jesi

Published

on

Lo sviluppo sostenibile ricerca strategie esperienze seminario scientifico al Galilei di Jesi

JESI – Il 19 novembre 2021 l’I.I.S. Galilei di Jesi, dotato sia di un piano di internazionalizzazione che di un piano strategico di educazione ambientale e della sostenibilità, ha ospitato la FAST – Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche, un’organizzazione no-profit, per il primo, densissimo seminario di formazione scientifica per gli studenti su “Lo sviluppo sostenibile: ricerca, strategie, esperienze”.

L’evento, il primo di una serie organizzata in diverse scuole e regioni, è stato patrocinato dal Comune di Jesi e coordinato dalla dott.ssa Rosaria Gandolfi. Nell’occasione è stato presentato anche il concorso della FAST “I GIOVANI E LE SCIENZE 2022”, cui il Galilei ha partecipato spesso con diversi gruppi di studenti ottenendo ottimi risultati, grazie soprattutto al prof. Edgardo Catalani e alla prof.ssa Milva Antonelli, che ha ricordato le successive trasferte dei suoi allievi per competizioni internazionali a Taiwan, Londra, Stoccolma, Bruxelles, in Brasile, in Messico, Tunisia, Turchia ecc. Quest’anno ben undici studenti del Galilei si recheranno all’E.S.A. di Dubai. Il seminario, seguito on line anche da altre scuole, ha rappresentato un forte sprone per i giovani, affinché si impegnino nella ricerca scientifica per essere protagonisti del cambiamento urgentissimo e indispensabile per salvare il nostro pianeta dal collasso. Questo il messaggio ribadito più volte da relatori di caratura internazionale, i cui interessantissimi interventi meriterebbero ognuno un articolo a parte.

Il primo relatore, Ivan Manzo, componente del segretariato ASviS-Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, ha sottolineato l’urgenza dello sviluppo sostenibile in Italia e le strategie dell’ONU attraverso i 17 obiettivi dell’Agenda 2030, profondamente interconnessi, perché investono non solo l’ambiente, ma anche le istituzioni e la realtà sociale ed economica. La CO2 ha superato i livelli pre-pandemici; in più si è aggiunto il problema dello smaltimento delle mascherine, che per decomporsi possono impiegare fino a 450 anni. Oltre a mettere sotto pressione l’ecosistema con la deforestazione, l’uomo preleva specie animali: solo per quelle selvatiche il traffico illegale ammonta a circa 28 – 30 miliardi di dollari l’anno.  Il contatto nei mercati di esseri che vivono agli antipodi ha generato lo spillover, il salto di specie di un virus all’uomo. Circa il 60% delle malattie infettive nel mondo sorgono proprio per zoonosi. La pandemia non è stata un evento imprevedibile, perché da anni la comunità scientifica, inascoltata, aveva dato l’allarme. Ci stiamo letteralmente divorando il pianeta: dal 2004 al 2017 con la deforestazione si sono persi 43 milioni di ettari e il 45% di quello che resta versa in uno stato di degrado. L’Overshoot Day, il giorno nel quale l’umanità consuma interamente le risorse prodotte dal pianeta nell’intero anno, sta costantemente arretrando: se negli anni ’70 nemmeno esisteva, negli anni ’90 è caduto in dicembre, ma nel 2021 si è verificato il 29 luglio, come nel 2019. Continuiamo intanto a sfruttare così tanto gli ecosistemi, che rischiamo conseguenze deleterie sul nostro benessere. Per arrivare allo stesso tenore di vita degli statunitensi avremmo bisogno delle risorse di cinque pianeti, mentre ne servirebbero 2,8 per uguagliare gli Italiani. Finora si consumano in media risorse per 1,7 pianeti, ma non potrà durare a lungo. Urge ristabilire un equilibrio con la natura, con la quale abbiamo invece instaurato un rapporto scellerato che ci ha condotto al cambiamento climatico e alla perdita di biodiversità, le principali emergenze ambientali. L’aumento medio della temperatura terrestre è di + 1,1°C, ma è già a quota + 2°C nel Mediterraneo, soprattutto in Italia.

Come conseguenza del depauperamento delle risorse naturali si prevede, entro il 2050, la migrazione di 250 milioni di persone. Il deserto del Sahel, posto sotto il Sahara, si sta estendendo e le popolazioni di quest’area si stanno già riversando in Italia, dove oltre 2,4 milioni di persone vivono in aree ad alta pericolosità di inondazione ed alluvione. L’uomo ha già modificato il 75% delle terre emerse e il 66% dell’ecosistema marino; così le specie naturali scompaiono mille volte più velocemente che in passato. Su otto milioni di specie conosciute, un milione è a rischio di estinzione. Le zone umide, ottime per lo stoccaggio di CO2, sono state ridotte dell’83%. Si sta anche verificando un’apocalisse silenziosa: quella degli insetti: almeno 1 su 10 è a rischio d’estinzione. Le risposte al baratro verso cui ci stiamo dirigendo risalgono al 2015, quando 193 Paesi, compresa l’Italia, hanno firmato l’Agenda 2030 dell’ONU, composta da 17 eterogenei Obiettivi di Sviluppo Sostenibile: dalla lotta alla fame nel mondo, al cambiamento climatico e alla povertà, alla creazione di energia rinnovabile accessibile a tutti. L’accordo globale sul cambiamento climatico ha l’obiettivo di limitare l’aumento medio della temperatura terrestre entro i 2°C, facendo il possibile per restare sotto 1,5°C, livello tollerato dai meccanismi di adattamento dell’uomo e oltrepassato il quale molte isole del Pacifico finiranno sott’acqua, rischiando inoltre effetti feedback incontrollabili. La Convenzione sulla diversità biologica ci impone, entro il 2050, di vivere in armonia con la natura, ossia di spostare l’Overshoot day al 31 dicembre. Entro il 2050 ci si è posti l’obbiettivo della neutralità climatica, del net-zero, ossia le emissioni di gas serra dovranno essere totalmente assorbite dagli ecosistemi.

Ma se entro il 2030 non riusciremo ad invertire la curva delle emissioni e della perdita di biodiversità, non potremo raggiungere nessuno degli obiettivi per il 2050, con pesanti impatti sulle nostre vite. Dal rapporto ASviS, steso da seicento esperti che monitorano la situazione in Italia, emergono questi dati: attualmente il 9,4% della popolazione (5,6 milioni) vive in povertà assoluta. Il 46% degli Italiani è in sovrappeso e sarebbe necessario un riequilibrio con il resto del globo, dal momento che 816 milioni di persone muoiono di fame. La quota di laureati al nord (31,3%) risulta superiore rispetto al sud (21,3%). Drammatici e paradossali i dati sulla dispersione idrica: dal 1900 ad oggi i ghiacciai italiani, cioè le nostre riserve idriche, si sono ristretti di circa il 50%, ma attualmente ben il 42% delle acque si perde nel tragitto verso l’utente finale. La quota di energie rinnovabili attualmente usate è al 20%, mentre l’obiettivo europeo per il 2030 è del 40%. L’80% dell’energia prodotta nel mondo, però, proviene ancora dai combustibili fossili. Il tasso di giovani italiani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano nel 2020 era al 23,3%, primato negativo europeo. In ricerca e sviluppo ancora investiamo troppo poco, l’1,5% del PIL a fronte di una media UE del 2,2 ed entro il 2030 ci è stato imposto di raddoppiare la percentuale. Negli ultimi dieci anni l’aumento della disuguaglianza di reddito ha superato il 7%, importante è invece una redistribuzione delle ricchezze. Circa 80 mila italiani all’anno muoiono prematuramente a causa del PM 10, l’inquinante che compone lo smog, e questo ci conferisce la maglia nera, con la regione padana che è la più inquinata d’Europa.

Un primato positivo italiano è invece rappresentato dalla quota di materie prime ritrattate e reimmesse nel sistema economico: ben il 19,5% contro la media UE dell’11,8%. Si tratta comunque di un trend positivo che va triplicato entro il 2010. Gli stock ittici in Italia sono ipersfruttati, con il rischio serissimo che l’ecosistema marino arriverà al tracollo con un impatto tragico su tante famiglie. L’Italia è il Paese più ricco di biodiversità ecologica, ma siamo molto lontani dalla sostenibilità. Un grosso problema è la cementificazione, che nel nostro Paese cresce a ritmi superiori alla media europea. C’è una legge in Parlamento bloccata da anni e sarebbe l’ora di occuparsene seriamente. In miglioramento per fortuna la durata dei procedimenti civili, diminuita di 63 giorni.

Molto stimolante anche l’intervento di Eleonora Polo, ricercatrice Isof-Consiglio nazionale delle ricerche, impegnata nella divulgazione scientifica nelle scuole superiori, anche tramite 15 video divertenti in stile Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts, pubblicati sul sito del Cnr dedicato alle comunicazioni. Presentando la sua esperienza, ha ricordato un’affermazione di Thomas A. Edison: «Il genio è per l’1% ispirazione e per il 99% traspirazione», sottolineando così l’importanza del lavoro, perché la sola idea può essere una scintilla che poi si spegne. Secondo una recente direttiva dell’Unione Europea, chi fa ricerca oggi deve saper coinvolgere la società, diventando uno storyteller che fornisce informazioni sul proprio lavoro e ascolta le istanze in un flusso osmotico continuo.

Durante l’approfondimento sul problema delle micro/nanoparticelle è emerso che la contaminazione è talmente pervasiva che ogni settimana ci mangiamo 5 grammi di plastica, come una tessera del bancomat. In un anno ne ingeriamo 250 grammi, mentre in una vita intera si arriva addirittura a 20 kg! La ricercatrice ha anche scritto libri sul problema delle isole di plastica, sulla quale la comunicazione non è attualmente molto corretta e questo è un danno, perché poi si butta denaro in progetti inutili. Si tratta in realtà, secondo la denominazione di Charles Moore, di “zuppe” di plastica, formate da piccolissimi pezzi – soprattutto delle dimensioni tra gli 0,33 mm e i 5 mm – e non da grandi ammassi. Le microplastiche che già entrano in mare come tali, sono contenute in cosmetici e prodotti per la casa, microfibre prodotte dal lavaggio in lavatrice, vernici a spruzzo e cere abrasive. Sia le micro che le nanoplastiche sono molto pericolose perché si portano dietro additivi o assorbono dall’ambiente agenti inquinanti dannosi per la salute. Per le nanoplastiche mancano ancora tecniche, procedure e apparecchiature e quindi è su questo che potrebbero lavorare i giovani. Di isole di plastica ce ne sono ben sei: tutto quello che galleggia nel giro di due anni e mezzo finisce per convergere in quelle aree. Con il covid pare che sia raddoppiata la quantità di plastica che finisce in mare per gli imballaggi del delivery e i dispositivi sanitari. L’anno scorso nel mondo sono stati prodotti 460 milioni di tonnellate di plastica e di solito un 5-10% finisce in qualche via d’acqua e quindi negli oceani. Tra quanto finisce in mare ed è prodotto sulla terraferma rientra pure il particolato prodotto dall’attrito degli pneumatici sull’asfalto.

Per quanto riguarda il concorso “I GIOVANI E LE SCIENZE”, Alberto Pieri, segretario generale FAST, ha dichiarato che si tratta dell’unico percorso italiano per entrare nelle competizioni internazionali in giro per il mondo, un premio aperto a tutti i campi scientifici e tecnologici, ma per partecipare bisogna dimostrare delle doti e competenze interdisciplinari. ù

Gian Marco Luna, direttore del CNR-IRBIM di Ancona, è intervenuto invece su “Il ruolo della ricerca per la sostenibilità e la biodiversità dei mari”. La blue economy sta crescendo tantissimo, molto di più di settori tradizionali, con un fatturato di 500 miliardi di euro all’anno. I mari, che sono due terzi della superficie del nostro pianeta, non sono mai stati tanto sfruttati come ora, anche perché se ne estraggono risorse minerarie. L’uso dei combustibili fossili sta acidificando gli oceani, che aiutano ad assorbire la CO2, ma non potranno farlo all’infinito.

Matteo Giantomassi, responsabile del Servizio Comunicazione Istituzionale e relazioni dell’ATA Rifiuti, ha trattato successivamente l’argomento “L’educazione ambientale come attivatore di cambiamenti culturali”. «Dobbiamo riuscire a far dialogare i due mondi della cultura scientifica e umanistica in maniera più efficace, puntando ad una società più sostenibile non solo dal punto di vista ambientale, ma anche sociale ed economico, immaginando un mondo nuovo» ha affermato. Tra gli obiettivi da raggiungere, c’è, a livello provinciale, l’aumento della raccolta differenziata dal 71% al 75%, e la premiazione dei comportamenti virtuosi dei cittadini.

Claudio Pettinari, Rettore dell’Università degli studi di Camerino, durante il suo intervento su “La ricerca per un’economia circolare e sostenibile”, ha sottolineato l’emergenza di problemi come l’energia e la plastica, della quale comunque non si potrà fare a meno. Circa tre miliardi di persone non hanno accesso diretto all’energia elettrica e continuano a cucinare bruciando legna. Alcuni calcoli ci dicono che fra circa 40 – 50 anni le risorse di petrolio saranno terminate. Il consumo di energia elettrica produce una quantità di CO2 così elevata che non è sopportabile e questo determina l’aumento della temperatura dei mari. Se la temperatura dell’Adriatico dovesse salire di un grado nei prossimi dieci anni, eventi come quelli di Taranto o di Catania sarebbero disastrosi come l’uragano Katrina. L’Italia sarà il Paese europeo che risentirà maggiormente dell’aumento climatico. Bisognerà trovare energie alternative, ma non possediamo più la maggioranza dei metalli di cui abbiamo bisogno per una conversione green e quindi bisogna assolutamente recuperarli con un’economia circolare. Il maggior potenziale sta forse nel vuoto. Il MOF – Metal Organic Framework, è un sistema fatto da ioni metallici e molecole organiche, che uniscono a ponte ioni metallici. Più vi si crea del vuoto, più questo dispositivo ha delle potenzialità, come quella di assorbire e stoccare CO2 o idrogeno dall’atmosfera o selezionare idrogeno da metano per poi usarli quando necessario. Al momento il prof. Pettinari sta usando il MOF per stoccare la CO2 e trasformarla in un prodotto utile. Inoltre sta sintetizzando dei MOF per assorbire l’acqua dall’aria in zone desertiche. Un chilo di MOF in una notte assorbe un litro d’acqua pulita dall’atmosfera.

Marco Giuliani del Dip. Management – Economia all’Università Politecnica delle Marche, ha poi parlato di Economia circolare e nuovi modelli di business sostenibili, presentando il nuovo corso di laurea dedicato alla tematica. Con le disastrose conseguenze economiche della pandemia si è visto che le aziende non possono avere come unico obiettivo il profitto, per cui oggi si cerca anche una sostenibilità sociale, ambientale ed economica, attraverso un dialogo continuo con le comunità e i dipendenti, la riduzione dell’impatto ambientale, la rigenerazione dei prodotti e il loro riuso, puntando a modelli meno consumistici.

Antonella Amicucci, relatrice del Dipartimento di Scienze biomolecolari all’Università degli studi Carlo Bo di Urbino, è intervenuta sullo “Sviluppo sostenibile della risorsa tartufo nelle Marche: la ricerca per la salvaguardia e la valorizzazione del territorio”. Da 25 anni fa ricerche sul tartufo, che vive in simbiosi con le radici di numerose piante, sia alberi che arbusti, formando delle associazioni mutualistiche, cioè le micorrize, che si scambiano nutrienti. La tartuficultura consente di recuperare aree disagiate e di riforestare. I tartufi e il terreno circostante sono pieni di batteri, la cui funzione è di favorire lo scambio nutrizionale e contribuire all’aroma, proteggendo il fungo da patogeni. Alcuni ceppi batterici sono in grado di fissare l’azoto, rendendolo disponibile per il sistema fungo – pianta. L’uso di questi ceppi batterici come biostimolanti per la micorizzazione nelle tartufaie coltivate e naturali ha dato risultati positivi, in quanto dopo un anno aumenta il micelio nel terreno. La salvaguardia del tartufo e del suo habitat è quindi uno strumento di sostenibilità e salvaguardia ambientale.

Luca Salvati, ricercatore in Statistica Economica presso il Dip. Economia e Diritto dell’Università degli Studi di Macerata, nel corso del suo intervento su Sostenibilità, desertificazione e cambiamento climatico: il ruolo dei territori ha evidenziato che il rilevamento satellitare è molto importante per evitare di arrivare a situazioni di degrado così come constatabile a soli dieci km da casa sua, dove si trovano circa 3 km2 di terreno ora completamente sterile, che non si è riusciti a mitigare, mentre un cinquantennio prima era fertilissimo. «È molto importante il collegamento e il dialogo degli scienziati tra di loro e con i politici, in modo da avere per tempo leggi intelligenti che evitino una desertificazione latente, con un approccio integrato, in modo da non giungere ad un punto di non ritorno» ha affermato. Il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha lanciato l’ultimatum: se continueremo così, entro il 2050 rischieremo di avere nei nostri mari più plastica che pesci ed entro il 2100 un quinto dell’Italia sarà desertificato. Nel frattempo il settore agroalimentare per fattori climatici ha già perso 14 miliardi di euro negli ultimi dieci anni e se non agiamo subito saremo i migranti del futuro, perché dopo il 2030 non ci sarà più tempo.

Cristina Franco

Ancona

Sirolo, mostra fotografica e video su “La Locandiera” con la regia di Franco Enriquez

Published

on

Sirolo mostra fotografica su "La Locandiera" di Carlo Goldoni

ANCONA – Fino al 30 agosto il Teatro Cortesi di Sirolo ospiterà la mostra fotografica e video relativa all’allestimento della “Locandiera” di Carlo Goldoni del 1965/1966 prodotto dal Teatro Stabile di Torino con la regia di Franco Enriquez. La Locandiera fu molto apprezzata dalla critica militante perché lo spettacolo era fondato “su un senso fresco e del conflitto generazionale” chiarisce Teresa Megale.  

Il debutto fu nel Campo San Zaccaria il 18 agosto 1965 come evento inaugurale del Ventiquattresimo “Festival Internazionale del Teatro di prosa” a Venezia. La regia di Enriquez schiera volutamente tre giovani, Valeria Moriconi (Mirandolina), Paolo Graziosi (Ripafratta) e Luciano Melani (Fabrizio), contro due maturi nobili, Marchese di Glauco Mauri e il conte Giuseppe Porelli. Lo spettacolo accolse il plauso del pubblico e della critica tanto che oltre alla tournée in Europa, la pièce ebbe una ripresa televisiva di cui si possono vedere in mostra le immagini. Inoltre, l’allestimento fotografico consente di riflettere sull’interpretazione della Moriconi che trasse ispirazione da quella di Morelli, rivelando risvolti originali come il cinismo, astuzia e il costante atteggiamento di vigilanza davanti alla realtà della locanda e dei suoi clienti.

Ha osservato Pietro Corvi che le intenzioni di Enriquez nella Locandiera debbano “rappresentare la prosecuzione e l’evoluzione di una riforma già in atto in Italia della tradizione di messinscena delle opere di Goldoni. Le parole d’ordine sono freschezza, spontaneità, unariosità nuova, sia per quanto riguarda lo stile della recitazione e la necessità di essere fedeli alla parola dell’autore e al suo significato più umano, sia per ciò attiene altri aspetti dell’allestimento”. Dunque, Enriquez e la Compagnia dei Quattro con lo Stabile di Torino raggiungono un nuovo traguardo nella storia dello spettacolo per la messa in scena delle opere del commediografo veneziano.   L’orario di visita della mostra fotografica sull’allestimento de “La Locandiera” al Teatro Cortesi di Sirolo è dalle 18:00 alle 23:00. Ingresso gratuito.

Continue Reading

Ancona

Sirolo, il 21 agosto spettacolo teatrale “D. la Principessa Diana e la palpebra di Dio” con Paola Giorgi

Published

on

Paola Giorgi in “D. la Principessa Diana e la palpebra di Dio”

ANCONA – Un nuovo appuntamento della prestigiosa rassegna Sipario Aperto 2022 – XXIII Edizione Vetrina Premio Enriquez diretta da Paolo Larici. Il 21 agosto andrà in scena al Teatro Cortesi di Sirolo, alle ore 21,30, lo spettacolo “D. la Principessa Diana e la palpebra di Dio” di Cesere Catà con Paola Giorgi, regia di Luigi Moretti. 

L’attrice interpreta l’icona di Lady Diana Spencer nelle sue vicende umane, esistenziali e sociali, dando voce alla sua figura in una sorta di memoriale post-mortem in cui la Principessa, ripensando alla propria vita, narra di sé, dei suoi amori e dolori, dei suoi affetti più cari perduti.   «Quando penso a Diana – dice Paola Giorgi, che sarà sul palco del Teatro Cortesi di Sirolo il prossimo 21 agoto – penso ad Antigone, al suo atto di insubordinazione, al suo essere idealista e romantica e decisa ad affermare il primato della libertà. Con questa suggestione mi sono rivolta a Cesare Catà, uno scrittore profondo, coltissimo, sportivo, tenero e folle che ha fatto sbocciare la mia idea di Diana connettendola alle vicende di Medea, di Artemide, di Arianna; creandone un mito che Cesare ci permette di conoscere attraverso la sua palpebra di Dio».

Nel monologo, Lady D. dialoga con voci che sente giungere dal regno dei vivi: quelle dei due figli William e Henry, quella della Regina Elisabetta, quella del suo ex-consorte Carlo. Mentre racconta di sé, l’immagine di Lady D. si sovrappone a quella di alcune eroine della mitologia classica – Medea, Arianna, Antigone e Artemide – e il testo del monologo si interseca con estratti da Euripide, Ovidio, Sofocle, Seneca. Quello che lo spettacolo restituisce è il ritratto, fiabesco e psicologico a un tempo, di una delle figure di donna più amate, controverse e celebri del Novecento. Un ritratto dal sapore “neo-shakespeariano”, che getta una luce originale e commossa su uno spaccato della recente storia inglese ed europea.

Continue Reading

Ancona

Sforzi intensificati del Reparto Aeronavale della GdF ad agosto: sequestri, controlli e salvataggi

Published

on

Reparto Operativo Aeronavale Guardia di Finanza di Ancona

Nelle prime due settimane di agosto il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Ancona, che ha competenza quale unica forza di polizia via mare su tutto il litorale marchigiano, ha compiuto controlli alle imbarcazioni, un salvataggio ad un natante in avaria a Ferragosto e sequestri per 350 chili di vongole illecitamente pescate.

ANCONA – Sono state due settimane di controlli intensi le prime due di agosto, per i finanzieri e i mezzi navali del Reparto Operativo Aeronavale, che ha competenza sull’intero tratto di mare territoriale regionale. Obiettivo degli sforzi intensificati non solo prevenire e contrastare i traffici illeciti via mare, ma anche salvaguardare la sicurezza dei numerosi turisti e residenti, che durante la stagione estiva affollano le località di mare delle Marche.

Durante le attività via mare, il Reparto Operativo Aeronavale di Ancona ha potuto contare sulla collaborazione delle pattuglie operanti a terra, messe in campo dai Comandi Provinciali della Guardia di Finanza delle Marche. In questo modo le fiamme gialle hanno presidiato le acque e le strade del litorale marchigiano, per contrastare il traffico di sostanze stupefacenti, l’immigrazione irregolare e altre attività illecite.

L’attività di servizio, nel solo weekend di ferragosto, ha consentito di identificare 20 soggetti e controllare 15 imbarcazioni da diporto, riscontrando diverse irregolarità in materia di polizia marittima. L’intensificazione delle operazioni dei Reparti navali della Guardia di Finanza, si è resa necessaria in seguito all’attribuzioni al Corpo quale unica Forza di Polizia operante a mare per garantire la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica.

In tale ambito, particolarmente intenso è stato l’impegno operativo del Corpo in occasione dell’evento musicale denominato “Jova Beach Party” presso il Lido di Fermo, durante il quale, nelle sole due giornate del 5 e 6 agosto, sono stati impiegati 10 mezzi navali, vedendo inoltre la partecipazione di un elicottero del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, che ha assicurato il controllo del relativo spazio aereo.

In tale periodo, i finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale hanno altresì eseguito 5 interventi in materia di polizia ittica, che hanno consentito il sequestro di 350 Kg di vongole, prive di etichettatura e della necessaria documentazione per la tracciabilità, pronte per essere commercializzate fuori dal circuito del mercato nazionale.

Non solo controlli e verifiche, ma anche azioni di salvataggio. A Ferragosto infatti, durante una crociera operativa, nell’ambito dell’operazione “Estate Sicura”, i finanzieri hanno eseguito un intervento di soccorso a favore di 6 diportisti a bordo di un natante in avaria.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.