fbpx
Connect with us

Macerata

Civitanova, polo vaccinale inadeguato: presto un nuovo trasloco

Quarto trasloco per il polo vaccinale di Civitanova. A segnare l’inadeguatezza del centro è stato lo stesso Assessore Regionale alla sanità Saltamartini. Duro l’affondo del capogruppo Pd Giulio Silenzi al sindaco Fabrizio Ciarapica

Published

on

nuovo trasloco del polo vaccinale di Civitanova

Quarto trasloco in pochi mesi per il polo vaccinale di Civitanova. A novembre era stato aperto l’Hub nella zona industriale, ma la sede scelta è presto apparsa inadeguata.

Un nuovo trasloco in vista per il polo vaccinale di Civitanova. Si tratterebbe del quarto, questo addirittura a poco più di un mese dall’apertura dell’Hub, avvenuta il 2 novembre scorso, in piena zona industriale, in via Piero Gobetti. Una scelta quest’ultima che non aveva convinto fin dall’inizio, visto l’oggettiva limitatezza dello spazio interno e il forte disagio per il problema del parcheggio. Lo spazio antistante infatti confina con alcune ditte di spedizione che, specialmente sotto il periodo natalizio, hanno dovuto affrontare non pochi disagi dovuti alla presenza di macchine parcheggiate un po’ ovunque nel piazzale e spesso in doppia fila.

Una situazione critica che, se in un primo tempo sembrava potesse essere contenuta, con l’afflusso delle terze dosi e all’indomani della campagna di immunizzazione dei bambini fra i 5 e gli 11 anni è definitivamente uscita allo scoperto. Ciliegina sulla torta sono state le parole dell’assessore alla sanità della regione Marche Filippo Saltamartini che a margine della seduta consiliare del 13 dicembre ha parlato di “centri vaccinali inadeguati” citando fra gli altri il Paolinelli di Ancona e il polo vaccinale di Civitanova. Da qui il deciso cambio di passo dell’Amministrazione Comunale con il sopralluogo in via Gobetti del Sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica all’indomani delle parole dell’assessore regionale.

L’ormai certo nuovo trasloco ha scatenato le dure critiche dell’opposizione comunale, a partire dal capogruppo del Pd nonchè consigliere Giulio Silenzi che ha parlato di «scelte miopi da parte dell’amministrazione comunale» e attaccato duramente il sindaco: «Ciarapica ha inanellato una serie di errori, prima l’individuazione del polo vaccinale nel centro Civico in via Ginocchi, poi quello privato a scadenza di via Pellico, in ultimo l’ex magazzino delle farmacie nel centro spedizionieri di Via Gobetti e adesso sarà costretto a cambiare ancora sede, per la quarta volta. Un sindaco – ha insistito il capogruppo – senza alcuna visione, con l’aggravante che l’Asur lo ha sempre assecondato. In questo modo ben 140 mila euro di soldi pubblici sono stati sperperati dal Comune, fondi poi scaricati sullo Stato».

Nessun dubbio da parte del capogruppo Pd sullo spazio più adeguato: «abbiamo il Pala Risorgimento di via Ginocchi – ha spiegato – dove è stato effettuato lo screening Covid, con spazi adeguati all’interno e una capiente area parcheggi, ma Ciarapica non ha voluto disturbare l’attività della società sportiva che gestisce l’impianto seppur fosse assolutamente possibile trovare uno spazio per lo svolgimento delle loro attività. Il nostro Sindaco ha invece preferito sacrificare il benessere e la sicurezza dei cittadini badando di più alla solita logica clientelare. Do atto all’assessore Saltamartini di aver denunciato l’inadeguatezza del polo di Civitanova, stavolta Ciarapica dovrà prenderne atto» – ha concluso Silenzi.

Ancona

Elezioni Amministrative 2022, tutti i Comuni al voto nelle Marche

Published

on

Elezioni comunali amministrative

ANCONA – Le liste sono state consegnate ed è dunque compiuto lo scacchiere delle prossime Elezioni Amministrative, che si terranno il 12 giugno 2022 e che nelle Marche riguardano diciassette Comuni.

Tra essi nessun capoluogo di provincia, mentre sono sei quelli in cui si andrà al ballottaggio, qualora nessun candidato conquisti il 50% più uno dei consensi, avendo una popolazione superiore ai 15 mila abitanti. A queste bisogna aggiungere Corridonia, dove gli abitanti sono scesi al di sotto della soglia, ma senza che siano state aggiornate le liste elettorali. Il secondo turno è in programma il prossimo 26 maggio.

PROVINCIA DI ANCONA

Corinaldo
Fabriano
Jesi

Offagna
Rosora

PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

Acquaviva Picena

PROVINCIA DI FERMO

Pedaso
Porto San Giorgio
Sant’Elpidio a Mare

PROVINCIA DI MACERATA

Camerino
Civitanova Marche
Corridonia
Tolentino
Valfornace

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

Frontino
Tavoleto
Torre Roveresche

Evidenziati in grassetto i Comuni delle Marche in cui è previsto il doppio turno alle Elezioni Amministrative del prossimo 12 giugno 2022.

Continue Reading

Ancona

Marche, nuove scuole con i fondi del PNRR: ecco dove sorgeranno

Ammontano a oltre 60 milioni i fondi previsti per nuove scuole nelle Marche :ecco i comuni in cui sorgeranno

Published

on

covid19 scuola screening alunni insegnanti personale

ANCONA – Una scuola più moderna, sicura, confortevole e tecnologica. Sembrano queste le linee guida che caratterizzeranno i nuovi ambienti di apprendimento del nostro Paese per il prossimo futuro. Per le Marche si traduce in nuove scuole, costruite sulle fondamenta di edifici ormai vetusti.

Il Governo ha recepito questa istanza con la pubblicazione a inizio dicembre, da parte del Miur, di un avviso pubblico rivolto agli Enti Locali al fine di ottenere finanziamenti volti a modernizzare (se non ricostruire totalmente) gli immobili scolastici del nostro territorio.

Tanti i soldi che comuni, provincie e città metropolitane potranno gestire per demolire i vecchi immobili e ricostruire i nuovi edifici di sana pianta, come evidenziato dal Ministero dell’Istruzione all’esito dell’avviso. Saranno 216 infatti le nuove scuole in tutta Italia per uno stanziamento complessivo di 1 miliardo e 189 milioni di euro.

Circa 60 milioni andranno invece alle nuove scuole delle Marche, 9 in tutto, che sorgeranno praticamente presso tutte le provincie del territorio. I nuovi istituti nasceranno infatti, previa demolizione in situ, a Piobbico, Sant’Elpidio a Mare, Carpegna, Matelica, Macerata, Ascoli Piceno, Pesaro e altri due nella Provincia di Ancona e Fermo (per circa 30 milioni complessivamente).

Tutti i nuovi istituti del nostro Paese verranno realizzati nel rispetto delle linee guida condivise dal gruppo di tecnici ed esperti al servizio del Ministero. Il prossimo passo è quindi il concorso di progettazione per individuare i progetti più adatti e coerenti proprio con gli indirizzi individuati dagli esperti: «Vogliamo che le nuove scuole diventino un punto di riferimento per i territori che le ospiteranno, il cuore della comunità, sostenibili e accoglienti, in grado di offrire a studentesse e studenti ambienti e spazi inclusivi e innovativi – ha spiegato il Ministro Bianchi, nuovi edifici per una nuova idea di fare scuola».

Continue Reading

Macerata

Frode fiscale e riciclaggio internazionale: la GdF di Macerata sequestra eredità da 500 mila euro

Nuovi strascichi dell’operazione K2, in seguito alla quale a gennaio furono denunciate 13 persone e sequestrati oltre 4 milioni di euro

Published

on

eredità da 500 mila euro sequestrata dalla Guardia di Finanza di Macerata

MACERATA – Non si ferma l’operazione K2 delle fiamme gialle maceratesi, che a gennaio culminò con sequestri per oltre 4 milioni di euro a 13 stimati professionisti, accusati di aver allestito una gigantesca frode fiscale. Circa 300 i soggetti coinvolti, 56 quelli deferiti all’Autorità Giudiziaria. Oggi nuovi sviluppi per uno dei personaggi coinvolti, per il quale era stato predisposto il sequestro di circa 600 mila euro. Solo poche migliaia di euro però, la somma realmente sottoposto a vincolo, dal momento che l‘indagato non aveva nulla di intestato. Gli uomini del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Macerata però hanno proseguito nelle indagini e pochi mesi dopo sono venuti a conoscenza di una cospicua eredità, che è stata sequestrata.

Dopo la scomparsa dei genitori infatti, avvenuta pochi mesi dopo i decreti emessi dal Gip, l’uomo aveva ottenuto ingenti disponibilità economiche, circa 30 mila euro, 8 immobili e 21 terreni, per un valore complessivo di oltre mezzo milione di euro. L’intera eredità è stata sequestrata dalle fiamme gialle di Macerata.

Le indagini dell’operazione K2 sono cominciate circa un anno prima l’esecuzione dei sequestri. Tutti gli indagati sono professionisti noti e stimati, accusati di aver messo in piedi una gigantesca frode fiscale basata sull’illecita compensazione di crediti tributari, generati da false fatturazioni. Riciclaggio, autoriciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, trasferimento fraudolento di valori, tutti aggravati dal carattere della “transnazionalità”, le accuse mosse nei loro confronti, a vario titolo.

Le persone coinvolte dalle indagini non solo sono accusate di aver allestito la frode fiscale, ma anche di aver cercato di nascondere le proprie tracce, tramite illeciti trasferimenti di denaro fuori dai confini nazionali.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.