fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

L’ultima tappa del tour “Pane o libertà” di Paolo Rossi chiude la stagione teatrale a Grottammare

Published

on

Lo spettacolo di Paolo Rossi chiude la stagione Teatrale a Grottammare

GROTTAMMARE – Paolo Rossi sabato 23 aprile sarà a Grottammare con un doppio appuntamento. Nel pomeriggio, alle ore 18, sarà alla Sala Kursaal nell’ambito della rassegna “Un ponte verso la modernità – Sisto V e il suo tempo”, progetto nell’ambito delle Celebrazioni promosse dalla Regione Marche con i Comuni di Grottammare e Montalto per il V Centenario della nascita del pontefice, per illustrare la figura di Rabelais, uno dei protagonisti della cultura dell’epoca del papa marchigiano. In serata, alle 21, Paolo Rossi porterà in scena al Teatro delle Energie, l’ultima tappa dello spettacolo “Pane o libertà” che chiuderà anche la stagione teatrale a Grottammare.

Con “Paolo Rossi racconta Rabelais” l’attore rievoca al pubblico grottammarese, ponendosi nel punto di vista del celebre umanista rinascimentale francese, le cui pagine surreali lo hanno sempre ispirato, i suoi incontri con quelli che sono stati (anche) i suoi grandi maestri Fo, Jannacci, Gaber, De André.

Pane o libertà” è il nuovo spettacolo di Paolo Rossi che unisce stand up a commedia dell’arte e commedia greca. «Il titolo Pane o libertà l’ho ripreso da un libro, ma non vi dico qual è. Lo trovo molto emblematico: si impone la scelta tra mangiare, vivere o avere la libertà- spiega Rossi – ma oggi le parole ‘pane’ e ‘libertà’ hanno lo stesso significato di quando quel libro mi capitò tra le mani? Il pane ha lo stesso sapore di quei tempi? E oggi uno è libero di gridare ‘Abbasso la libertà’?».  Il progetto intrapreso da Rossi comprende un tipo di azione teatrale ad alta valenza sociale.

Agile, dirompente, sfuggente alle definizioni di genere e duttile nell’allestimento scenico, “Pane o libertà” ha le caratteristiche di un evento più che di una rappresentazione e si adatta a qualunque luogo voglia ospitare la ‘non replica’, addirittura il teatro propriamente detto. Lo spettacolo mescola la figura del primo Arlecchino, quello che possedeva il biglietto di andata e ritorno per l’aldilà, a quella che fu poi una delle sue evoluzioni come intrattenitore popolare capace di spaziare dalle stalle al cabaret. Un teatro d’emergenza? Delirio organizzato? Serata illegale? Teatro di rianimazione? Comunque un teatro di domande.

“Giocando con l’illusione di mettermi sul palco – o su ciò che useremo come tale per bisogno o necessità – sia come attore, sia come personaggio e come persona, rievocherò i miei sogni lucidi, fatti di storie che aiutano a resistere, a scegliere tra il pane e la libertà, o a non scegliere proprio” prosegue Rossi. “Sono storie di artisti che per fortuna ho realmente incontrato nella mia vita. I maestri Jannacci, Gaber, De Andrè, Fo e persino il fantasma della Callas; i comici del Derby e altri sconosciuti. Racconterò questi allegri morti che abitano l’interzona che li rende visibili solo a pochi cantastorie che li traducono agli umani. Con l’aiuto dei miei amici saltimbanchi, parlerò di queste personalità fantasmagoriche e poetiche, non controllabili da nessun piccolo o grande fratello che con le loro narrazioni portano conforto, idee per lottare e speranza. Tutto qui. Senza osare più del dovuto nelle imitazioni e nelle parodie, giocando al contrario con le massicce dosi di visionarietà che la favola contiene di suo. Vorrei fare qualcosa che dia al mio essere chiamato comico una via di fuga verso un teatro sociale, nella poesia del buffo e della magia. Roba minima. Tanto per alzare le difese immunitarie del pubblico presente… o meno”.

Quel che pare un sottotitolo, Per un immenso futuro repertorio, in realtà è un complemento importante del titolo stesso. Una finestra che si aggiunge a quelle dell’improvvisazione, del coinvolgimento del pubblico, di irruzioni improvvise di ospiti a sorpresa, dove verranno riarrangiati o citati dei pezzi, monologhi, frammenti, momenti delle origini per farli rimbalzare come nuovi nel presente della serata. C’è l’attore, ci sono i personaggi che evoca o interpreta nelle varie affabulazioni, ma soprattutto c’è la persona. Attore, persona e personaggio, tutto questo presente contemporaneamente, tutto questo per allontanarsi dalle tradizionali rappresentazioni e creare qualcosa che accada veramente e irrepetibilmente nella serata. Lo spettacolo è coprodotto da AGiDi e Teatro Stabile di Bolzano in coproduzione con Teatro Stabile del Veneto.

PS: Recitando col pubblico, e non al pubblico, ai presenti in sala è consentito intervenire, chiedere, interrompere, soprattutto restare svegli. E comunque, pur rispettando le vigenti norme sulla distanza sociale, qui, in questo teatro, la quarta parete non esiste.

Biglietti: biglietti di posto unico in vendita a 10 euro alla Biglietteria del Teatro delle Energie (via Ischia, tel. 331 2693939) aperta il giorno di spettacolo dalle ore 19,30. Informazioni e prevendite: AMAT 071/2072439, on line su vivaticket.com.

Per l’incontro pomeridiano con Paolo Rossi l’ingresso è libero, ma è necessaria la prenotazione contattando il Comune di Grottammare 0735/739240 o con una mail all’indirizzo cultura@comune.grottammare.ap.it.

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto, celebrazione della Festa di Santa Barbara

Published

on

celebrazione-sanata-barbara-san-benedetto-del-tronto

Si è svolta questa mattina a San Benedetto del Tronto la cerimonia per celebrare la Patrona della Marina Militare, Santa Barbara, alla presenza di autorità civili e religiose. Prima il solenne alza Bandiere presso la Capitaneria di Porto e poi la Santa Messa, celebrata dal Vescovo Bresciani, presso la Cattedrale Santa Maria della Marina.

ASCOLI PICENO – Questa mattina, 5 dicembre 2022 alle ore 08.00, presso la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, il Comandante – Capitano di Fregata Alessandra Di Maglio – – ha presieduto la solenne cerimonia dell’alza Bandiera, con la quale si è dato inizio ai festeggiamenti in onore di Santa Barbara, Patrona della Marina Militare.

Nel corso della Cerimonia, il Comandante Di Maglio ha rivolto i suoi personali Auguri ai militari e civili presenti e, come consuetudine, ha posto in evidenza le complesse attività poste in essere nel corso dell’anno, con particolare riferimento ai lusinghieri risultati conseguiti dalla Capitaneria di Porto, la quale, al di là dell’evoluzione normativa di settore, continua a rappresentare un insostituibile punto di riferimento per tutti gli utenti che, a qualunque, titolo, svolgono attività marittime e portuali.

Alle ore 11:00 poi, si è svolta, presso la Basilica Cattedrale Santa Maria della Marina, la celebrazione della S. Messa officiata da S.E. Mons. Carlo Bresciani, Vescovo della Diocesi di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto, alla presenza delle massime Autorità civili e militari della provincia di Ascoli Piceno e della città di San Benedetto del Tronto, nonché dell’Associazione dei Marinai d’Italia delle altre Associazioni Combattentistiche e d’Arma provenienti dai diversi Comuni di giurisdizione

Continue Reading

Ascoli Piceno

Non si accorge del cambio carreggiata e si schianta contro il guardrail: illeso

Published

on

ingorgo-code-fila-autostrada-a14-incidente-stradale

ASCOLI PICENO – Poteva essere una tragedia, invece l’incidente avvenuto questa mattina sull’autostrada all’altezza di San Benedetto del Tronto si è risolto senza grosse conseguenze per il conducente di un furgoncino che si è schiantato contro il guardrail. Almeno per la salute dell’uomo alla guida, che è uscito incolume dal sinistro. Il mezzo invece è andato distrutto. A causare l’incidente il cambio carreggiata del quale il conducente non si è accorto.

Il tratto in cui si è verificato lo scontro, è interessato da lavori e in quel punto il traffico viende deviato sulla carreggiata di senso opposto. Probabilmente il conducente del furgoncino se n’è accorto solo all’ultimo e non è stato in grado di evitare l’impatto: il mezzo si è schiantato contro la cuspide del guardrail, sulla A14 all’altezza di San Benedetto.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Operazione anti droga a San Benedetto del Tronto, ferito un carabiniere

Published

on

montegiorgio-molestie-sessuali-al-telefono-cc-112-carabinieri

Un ragazzo di 26 anni di origini pakistane è stato arrestato per spaccio sul finire di novembre, nell’area dell’ex Bambinopoli a San Benedetto del Tronto, in un’operazione durante la quale un carabiniere è rimasto lievemente ferito.

ASCOLI PICENO – Aveva un etto di hashish il ragazzo di origine pakistana di 26 anni arrestato alla fine dello scorso mese dai carabinieri a San Benedetto del Tronto, nell’area dell’ex Bambinopoli, a ridosso della pineta di viale Buozzi. Durante l’operazione, ha cercato di darsi alla fuga e liberarsi dello stupefacente ed un carabiniere di San Benedetto è rimasto ferito in modo lieve.

L’arresto si inserisce in una più vasta azione a contrasto dello spaccio nelle periferie, nelle aree verde e nei luoghi abitualmente frequentati da consumatori di stupefacenti. In quest’ottica, i militi hanno rafforzato i controlli in queste aree sensibili.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.