fbpx
Connect with us

Ancona

“100 cose da sapere e da fare ad Ancona e nella Riviera del Conero”, presentata in Regione Marche la guida di Chiara Giacobelli

Published

on

ANCONA – Suscitare curiosità e interesse, con un linguaggio semplice e immediato, utilizzando uno stile accattivante ma mai superficiale. È la guida di Chiara Giacobelli, edita dalla casa editrice marchigiana Gruppo Editoriale Raffaello, che presenta le “100 cose da sapere e da fare ad Ancona e nella Riviera del Conero”. Realizzata in collaborazione con il Comune di Ancona, mette in luce i punti forti della città, del litorale e del territorio circostante il “Monte di Ancona”. Aspetti insoliti e meravigliosi, da esplorare e assaporare nella loro interezza. Una guida destinata a suscitare l’interesse e a soddisfare la curiosità degli stessi anconetani, dei turisti, dei professionisti che trascorrono qualche giornata di lavoro nel capoluogo.

Un libro che sicuramente mancava per valorizzare appieno Ancona e i suoi dintorni a 360 gradi. La guida è stata presentato oggi in Regione dall’assessore alla Cultura Giorgia Latini, dall’assessore alla Cultura del Comune di Ancona Paolo Marasca e dall’autrice Chiara Giacobelli. È il terzo “volumetto” della collana “100 cose da sapere e da fare a…” che ha già focalizzato le città di Senigallia e Pesaro. Non poteva mancare Ancona, il capoluogo regionale, mentre – è stato anticipato dall’autrice – a Natale sarà la volta di Ascoli e del Piceno.

“Questo vademecum è la sintesi della capacità marchigiana di fare rete, passando dal campanilismo spinto a un nuovo spirito collaborativo – ha evidenziato l’assessore Latini – È un volume di una collana importante che mette in evidenza le grandi opportunità che abbiamo sotto il profilo turistico e culturale. Siamo a fianco di tutti gli editori che promuovono la nostra regione. Tra poco aprirà i battenti il Salone del libro di Torino, dove avremo modo di mettere in vetrina le eccellenze del nostro territorio, come i bellissimi itinerari di Ancona e della Riviera del Conero divulgati da questa guida”.

L’assessore Marasca ha sottolineato come Ancona, “soprattutto negli ultimi anni, è crescita dal punto di vista della vocazione turistica. Questa guida valorizza le tante città racchiuse dentro la città. Sottolinea la poliedricità di Ancona che va vissuta per molto tempo, adatta a target diversi di turisti alla ricerca di novità o curiosità”. Questo libro su Ancona e sulla Riviera del Conero “costituisce qualcosa di nuovo nel panorama delle guide turistiche in commercio – ha detto l’autrice Giacobelli – Quelle edite con questo taglio, quindi molto inclusive, giovanili, con tante foto, riguardano soprattutto le grandi città. Mentre poche case editrici si occupano di territori più piccoli, meno inflazionati di Firenze o Venezia, che, però, interessano tanto il turismo alternativo”.

Il Gruppo Editoriale Raffaello, ha riferito il responsabile commerciale Salvatore Passaretta, “ha sposato questa idea che si è rivelata, poi vincente: lo vediamo dall’Interesse suscitato. Quindi è un qualcosa di nuovo, non soltanto per Ancona, ma in generale per i territori di provincia, tutti da scoprire”.

Il libro è stato realizzato grazie a cinque sponsor privati, sensibili alla valorizzazione del territorio: Innoliving Spa, Umani Ronchi, The Begin Hotels, Sartoria Luca Paolorossi e Gruppo Gabrielli. Verrà presentato al pubblico il 5 maggio alle 18.00 presso la Mole Vanvitelliana, in un plurievento che prevede anche la visita della mostra “Terra Sacra” e la proiezione delle immagini artistiche del fotografo marchigiano Enzo Torelli. L’evento si tiene in collaborazione con la Libreria Feltrinelli di Ancona. Prenotazioni: https://www.eventbrite.it/e/registrazione-100-cose-da-sapere-e-da-fare-ad-ancona-e-nella-riviera-del-conero-328683550347

Ancona

Busta con veleno per topi al commissario della Fondazione Senigallia

Published

on

SENIGALLIA – Una busta da lettere, anonima, contenente due bustine di veleno per topi, è stata indirizzata al commissario della fondazione “Città di Senigallia”, che ha finalità pubbliche per servizi socio-assistenziali, l’avv. Corrado Canafoglia.

E’ avvenuto nella giornata di ieri. A comunicarlo è la stessa realtà socio assistenziale senigalliese che rende noto come almeno due dipendenti dell’ente di via del Seminario siano venuti a contatto con la lettera contenente la sostanza topicida, fortunatamente senza riportare conseguenze.

All’interno del plico due bustine di veleno per topi, rotte in modo che la sostanza potesse uscire e contaminare la busta. Un atto “deprecabile”, condannato fermamente dal commissario straordinario dell’ente senigalliese, Corrado Canafoglia, già oggetto – allora assieme all’interno consiglio di amministrazione – di una lettera minatoria in cui si ricordava la fine dell’avvocato e commissario Ambrosoli. Canafoglia ha fatto sapere che tali gesti non fermano “l’azione commissariale di risanamento, del ripristino della legalità e della trasparenza amministrativa dell’ente”. “Abbiamo sollevato tanti coperchi ultimamente, – afferma – e non tutti sono stati resi noti ma noi andiamo avanti”.

Come riporta l’Ansa, la denuncia contro ignoti è stata sporta presso la caserma dei Carabinieri di Senigallia; in occasione della lettera minatoria del settembre scorso, l’allora presidente dimissionario si era rivolto alla Polizia.

Continue Reading

Ancona

“Marche: dall’acqua alla tavola”, un docufilm per raccontare il prodotto ittico dell’Adriatico

Published

on

ANCONA – “Marche: dall’acqua alla tavola”, è un docufilm realizzato grazie a un bando della Regione Marche (contributo FEAMP 2014-2020- Misura 5.68) con l’obiettivo di promuovere il consumo e la conoscenza del prodotto ittico dell’Adriatico. L’agenzia Comunica Srl di Fano si è aggiudicata il bando di gara pubblicato nella primavera del 2021. Ha realizzato un documentario avvalendosi della direzione artistica di Giampiero Solari (autore, tra gli altri, di X Factor e Pavarotti & Friends) e coinvolgendo esclusivamente professionisti marchigiani.

Le riprese sono iniziate a giugno 2021 e sono terminate a ottobre del 2021. Da quel momento è cominciata tutta la fase di post produzione e montaggio. Un lavoro intenso che ha impegnato per mesi tutta la produzione per realizzare un girato che ha interessato, in particolare, il porto di Ancona, con uscite in mare e interviste dei marinai e delle loro mogli; il mercato ittico di Ancona, dove è stato spiegato come avviene l’asta del pesce con il sorteggio e dell’importante presenza femminile nell’imprenditoria del mondo pesca; lo chef Mauro Uliassi che ha parlato del valore del pescato dell’Adriatico e di come si sceglie un buon pesce; l’istituto superiore Panzini di Senigallia dove gli studenti hanno realizzato un menù a base di pesce fresco dell’Adriatico.

Questo progetto ha avuto quindi un duplice valore: il primo è stato quello di mettere in risalto il pescato dell’Adriatico, sia attraverso professionisti di rilievo nazionale come Mauro Uliassi, sia con la formazione per gli studenti dell’Alberghiero. Il secondo merito è stato quello di raccontare una storia ai più sconosciuta e cioè quella delle mogli dei pescatori: donne che aspettano i mariti in banchina per occuparsi dell’aspetto imprenditoriale della pesca, legato alla vendita al mercato ittico.

Centinaia e centinaia di ore di lavoro per ottenere un girato di 27 minuti che non ha solo il merito di raccontare un mondo, quello della pesca, con tante sfaccettature, ma di farlo utilizzando esclusivamente professionisti marchigiani. Tutte le persone che hanno lavorato a questo progetto, dalla produzione di Comunica Srl agli studi di montaggio fino agli operatori utilizzati, sono infatti marchigiani.

Il video ha ottenuto un finanziamento del 50 per cento dalla Regione Marche, grazie al contributo FEAMP 2014-2020/Misura 5.68. È possibile visionare il materiale prodotto, con foto e video, al seguente indirizzo: https://marchegoods.it//

Continue Reading

Ancona

Malore su un rimorchiatore al porto di Ancona: muore marittimo 41enne

Published

on

ANCONA – Malore a bordo di un rimorchiatore al porto di Ancona, questa mattina, dove è morto un primo ufficiale di coperta di 41 anni. L’uomo, originario di Napoli, si trovava nel suo alloggio, nell’imbarcazione “Blue boy”, ancorata al molo 1, vicino all’arco di Traiano, quando attorno alle 6:30 non si è sentito bene.

Come riporta l’Ansa, i colleghi a bordo si sono accorti che qualcosa non andava e hanno tentato di soccorrerlo, chiamando anche il 118. Inutili i soccorsi sanitari, arrivati a bordo del rimorchiatore, che non sono riusciti a far ripartire il cuore del marittimo.

L’imbarcazione, che fa stanza al porto dorico, è una unità logistica di appoggio per le piattaforme petrolifere. La salma, su autorizzazione del magistrato di turno della Procura di Ancona, è stata portata all’obitorio dell’ospedale di Torrette. Sono in corso accertamenti da parte della Capitaneria di Porto intervenuta con il personale di terra a bordo del rimorchiatore.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.