fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Grottammare, Arpam: «le acque della foce del Tesino sono in salute»

Published

on

qualità delle acque foce Tesino Grottammare

GROTTAMMARE – L’Agenzia regionale ambientale conferma la buona qualità delle acque del torrente Tesino. La comunicazione arriva a pochi giorni dall’apertura della stagione balneare, fissata dalla Regione Marche al 30 aprile, e nell’imminenza della Cerimonia delle Bandiere Blu 2022, per la quale è già arrivato in Comune l’invito a partecipare martedì prossimo.

«L’indagine è stata svolta dall’Arpam a marzo 2022, la quale ha eseguito valutazioni tecniche sulla qualità delle acque superficiali del Torrente Tesino, nel tratto ricadente nel Comune di Grottammare, alla luce delle pressioni ambientali esercitate sul corpo idrico dal depuratore di acque reflue urbane di S. M. Goretti ubicato nel comune di Offida e dalle attività produttive ad esso connesse», spiega la responsabile del servizio Ambiente Elisa Mauro, inquadrando l’indagine dell’Agenzia ambientale realizzata a monte dello scarico del depuratore di S.M. Goretti, a monte dello scarico di acque reflue urbane provenienti dal depuratore di S. Leonardo e a valle del depuratore di S. Leonardo in prossimità della foce del torrente Tesino prima dell’immissione in mare.

«I parametri analizzati – prosegue il tecnico comunale, in riferimento alla nota dell’Arpam – sono di natura chimica e chimico-fisica, microbiologica (Parametro E. coli), biologica (crescita algale e fenomeni di eutrofizzazione) ed ecologica (macroinvertebrati, diatomee, macrofite, ossigeno, nutrienti a base di azoto e fosforo). Dal punto di vista ecologico e biologico, seppur l’intero tratto del torrente sia classificato secondo l’indice IBE in classe V (ovvero fortemente degradato), non sono state rilevate specie algali tossiche per l’uomo o per l’ambiente. Per quanto riguarda l’aspetto microbiologico (E. coli), è stata riscontrata una condizione diB miglioramento significativo della qualità del corpo idrico superficiale nel tratto che interessa il territorio comunale di Grottammare, in riferimento al punto di bianco (ubicato a monte del depuratore di S. M. Goretti). Inoltre sono stati monitorati anche oli e grassi animali e vegetali, principali responsabili della presenza di materiali in galleggiamento nei corpi idrici superficiali; i dati hanno fatto rilevare l’assenza di questo parametro. I parametri Azoto ammoniacale e Fosforo totale, che rappresentano i principali nutrienti presenti nei corpi idrici superficiali responsabili di eventuali fenomeni di eutrofizzazione, hanno fatto riscontrare una concentrazione poco significativa. In conclusione, seppure gli effetti delle pressioni antropiche sul corpo idrico superficiale sono evidenti dal punto di vista ecologico, le analisi chimico-fisiche e microbiologiche del monitoraggio ambientale mostrano una buona capacità di resilienza del torrente Tesino; tutto ciò è confermato dal monitoraggio svolto nel 2021 della qualità delle acque di balneazione, il quale ha confermato uno stato di qualità “Eccellente” del tratto costiero di Grottammare».

Dati confortanti che incoraggiano le politiche ambientali in essere ma sui quali tenere alta l’attenzione, sostiene l’ assessore alla Sostenibilità ambientale e Salute, Alessandra Biocca: «Aspettavamo da tempo la relazione dall’Arpam, la salute del fiume Tesino è importante e rafforza l’importanza dei temi di sensibilizzazione ambientale. Abbiamo raccolto diverse segnalazioni, anche da parte di alcuni consiglieri comunali, e dalle indagini sui campionamenti risulta che il torrente Tesino, quando ha scarsa portata, ha una ottima capacità di autodepurarsi. Nonostante ciò, l’attenzione è e resterà alta per garantire costantemente la salubrità delle sue acque».

Va comunque ricordato che nei pressi della foce del Tesino vige il divieto di balneazione (150 metri a nord e 150 metri a sud), come da ordinanza sindacale nr. 18 del 21.04.2022, consultabile qui: file:///C:/Users/Utente/Downloads/ORDINANZA_N._18.PDF

Abruzzo

A14, stop cantieri Marche-Abruzzo: tutte le corsie disponibili

Published

on

ANCONA – Sull’autostrada A14 Bologna-Taranto, in particolare nel tratto marchigiano-abruzzese Pedaso-Val di Sangro, stamattina “le squadre della Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l’Italia hanno completato le operazioni di rimozione dei cantieri di ammodernamento, come previsto dal cronoprogramma condiviso con le Istituzioni locali, sotto la supervisione del Ministero del Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Dalla tarda mattina, grazie all’interruzione delle lavorazioni, è stata ripristinata la viabilità su tutte le corsie disponibili, sia in direzione Nord che in direzione Sud”.

Come riporta l’Ansa, lo comunica Autostrade per l’Italia. “L’interruzione delle lavorazioni, che proseguirà fino alla sera di martedì 6 settembre, – spiega la società – consentirà di garantire una maggiore fluidità al traffico per le settimane estive, caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico per via degli spostamenti verso le località di mare e di rientro dalle vacanze verso le città”. I cantieri, “da oggi sospesi nel tratto della A14 tra Pedaso e Val di Sangro, rientrano nel programma di ammodernamento e potenziamento che Autostrade per L’Italia sta portando avanti sulle principali infrastrutture della rete, secondo quanto previsto dalle più recenti linee guida del Ministero concedente”.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Regione Marche, scatta il piano per il potenziamento dei Pronto soccorso: ”Rispondiamo ai bisogni dei cittadini”

Published

on

ANCONA – Dal 15 giugno scatta il piano sperimentale per riorganizzare e potenziare le attività dei pronto soccorso e ridurre tempi di attesa e i disagi dei cittadini. Lo hanno annunciato oggi nel corso di una conferenza stampa il presidente della Regione Francesco Acquaroli e l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini dopo l’approvazione della relativa delibera in giunta. Presenti tra gli altri, anche la presidente della Commissione Sanità Elena Leonardi e il dirigente Armando Gozzini.

“Stiamo mettendo in campo una serie di azioni fondamentali – ha detto Acquaroli – per dare una risposta immediata ad una emergenza di sistema che non coinvolge solo la nostra Regione, ma tutte le Regioni d’Italia, dove il sistema sanitario vive un momento di difficoltà. Una di queste è il piano di potenziamento dei Pronto Soccorso che si avvia da oggi per tutto il periodo estivo, per cercare di efficientare tutto il sistema di emergenza-urgenza. Nel frattempo stiamo lavorando anche ad interventi strutturali che però hanno bisogno di più tempo per dare risultati tangibili soprattutto laddove manca la continuità assistenziale sul territorio e scarseggiano i medici di medicina generale. Pensiamo che i Codici che arrivano in pronto soccorso sono bianchi o verdi per il 50% e, non rivestendo il carattere di urgenza o di appropriatezza, sono destinati a lunghe attese e a disagi per i cittadini. Noi vogliamo andare incontro a questa fascia di utenti perché crediamo che, soprattutto nel periodo estivo quando ci sono anche i turisti, vadano date risposte più efficienti. Siamo consapevoli che non si tratta di una soluzione definitiva, ma è comunque un passo avanti nel sistema di miglioramento ed efficientamento del sistema attuale. Colgo l’occasione per esprimere la gratitudine dei marchigiani a tutti gli operatori sanitari in prima linea nei reparti ordinari e per lo sforzo sostenuto negli ultimi due anni di Covid”

“Le criticità nelle attività di pronto soccorso – ha continuato Saltamartini –  sono principalmente dovute alla cronica carenza di personale e ad occasionali e temporanee situazioni di sovraffollamento, che comportano un prolungato stazionamento dei pazienti in fase pre e post-triage.Per risolvere i problemi abbiamo quindi effettuato una verifica sull’attività dei pronto soccorso regionali e sono emerse specifiche indicazioni utili al potenziamento delle attività in emergenza-urgenza. Sono stati inoltre condotti incontri con il gruppo tecnico regionale costituito dalle Direzioni degli Enti e delle Aree Vaste per la mappatura delle criticità e l’identificazione di specifiche strategie per il potenziamento dei servizi. Pertanto, nelle more dell’emanazione del nuovo Piano socio sanitario regionale PSSR, in vista del possibile acuirsi delle criticità durante i mesi estivi (giugno-settembre), dovuto alla massiccia affluenza di turisti nella nostra Regione e a garanzia dei programmi di ferie estive del personale che a causa del Covid ha già fatto anche troppe rinunce, la Regione Marche ritiene opportuno sperimentare ulteriori misure organizzative che possano garantire una maggiore capacità delle strutture del SSR, in risposta ai bisogni assistenziali di emergenza sanitaria, maggiore o minore, e maggior supporto alla continuità della presa in carico”.

La sperimentazione avrà durata dal 15 giugno 2022 al 15 settembre 2022. Entro il 30 settembre 2022, gli Enti del SSR trasmetteranno una relazione completa, in termini di efficacia, efficienza e qualità, relativa alle attività sperimentali realizzate. 
Di seguito le iniziative che verranno intraprese:

1 Ottimizzazione dell’attesa attiva 
Alla cittadinanza dovrà essere garantita maggiore trasparenza informativa in merito ai tempi di attesa. Per consentire un’adeguata comunicazione con gli utenti di altra lingua, è utile disporre di supporti tecnologici di traduzione a distanza o schede di accoglienza multilingue. 
Si ritiene necessario promuovere iniziative di miglioramento dell’”attesa attiva”, mirate ad ottimizzare: 
– il comfort in sala attesa: cartellonistica, opuscoli, videoproiezioni, monitor TV, filodiffusione musicale, erogatori di bevande e cibo; 
– la gestione delle conflittualità: integrazione in PS H24 di una figura con compiti comunicatore/facilitatore (es. psicologo, infermiere, personale del volontariato accreditato, etc.) e del mediatore culturale al fine di fornire al cittadino che accede in PS le informazioni richieste; 
– la trasparenza informativa mediante tabelloni elettronici/display che indichino in tempo reale:  il numero di postazioni di emergenza impegnate,  il numero di pazienti nelle sale visita; il numero di pazienti in attesa di ricovero;  il numero di pazienti in attesa per ogni classe di priorità; i tempi medi di attesa per ogni classe di priorità. 
Le rilevazioni informatizzate sul livello di sovraffollamento dei PS dovranno essere rese disponibili in tempo reale alla Centrale operativa 118 regionale e all’Agenzia Regionale Sanitaria. 
2 Istituzione della figura del bed manager 
Ogni struttura ospedaliera dotata di PS dovrà individuare formalmente la figura del Bed Manager, operativa H12, finalizzata ad assicurare, attraverso il coordinamento e l’integrazione delle aree produttive ospedaliere e dei percorsi diagnostico/terapeutici, la tempestiva prosecuzione della presa in carico del paziente che afferisce al PS. 
3 Sovraffollamento 
Ogni struttura ospedaliera dovrà formalizzare un “piano di gestione del sovraffollamento”, aggiuntivo rispetto a quello per le gravi emergenze (PEIMAF), da rendere operativo nei casi di sovraffollamento “relativo”. Il fine è ottimizzare la permanenza dei pazienti nelle aree del Pronto Soccorso/OBI ed evitare in ogni caso lo stazionamento prolungato dei pazienti su letti bis e barelle.  In caso si ravvisi una situazione emergente di sovraffollamento o di prolungato stazionamento dei pazienti in modalità non appropriata (es. letti bis, barelle, etc.), sarà compito del Responsabile del Pronto Soccorso informare tempestivamente il Direttore Sanitario e il Direttore Generale al fine di concordare specifiche azioni per la risoluzione della criticità.  In tal caso, verrà garantita la disponibilità di comfort di tipo alberghiero, compatibilmente con le condizioni cliniche del paziente. 
4 Definizione dei percorsi di fast track 
Invio rapido dei pazienti in ambulatori dedicati per alcune specialità e patologie minori
5  Continuita’ assistenziale e dimissioni protette 
Le strutture ospedaliere dovranno definire procedure efficaci per la semplificazione e accelerazione dei trasferimenti dei pazienti, se consentito dalle condizioni cliniche, dai reparti per acuti a quelli di post-acuzie e residenziali. 
6 Misure straordinarie per garantire la disponibilità di medici 
Si ritiene indispensabile verificare preliminarmente la messa in atto, anche in via straordinaria, di tutte le possibili modalità di reclutamento per dotare ogni Pronto Soccorso del personale adeguato, che dovrà essere specificamente formato, a garanzia di una efficace erogazione dei servizi (medici, infermieri OSS etc.). Ogni struttura ospedaliera con sede di Pronto Soccorso dovrà redigere, su base settimanale (H24, 7/7gg), un elenco riportante i nominativi delle professionalità mediche di specialità equipollenti o affini (anche in formazione), che giornalmente sono disponibili presso la struttura ospedaliera per integrare le risorse di personale in servizio presso il Pronto Soccorso. 
7  Misure organizzative per la gestione delle non urgenze/urgenze minori 
Coinvolgimento della medicina territoriale e incentivazione all’uso di strumenti di teleconsulto e telemonitoraggio.
8 Osservazione breve intensiva (OBI) in connessione funzionale con la Medicina d’Urgenza (MURG).  
Le strutture ospedaliere dovranno provvedere a rendere disponibili postazioni OBI (1 postazione adulto ogni 5000 accessi al pronto soccorso + 2 postazioni pediatriche per ogni UO di pediatria), di cui almeno la metà dotate di sistemi di monitoraggio multiparametrico del paziente. 
9  Progetti di adeguamento strutturale e tecnologico 
Ogni struttura ospedaliera dovrà redigere uno specifico progetto finalizzato ad adeguare, qualora necessario, gli spazi dedicati alle attività di emergenza-urgenza, per garantire facile accessibilità all’ utenza e comfort nella fase di attesa. Sarà inoltre necessario definire interventi per l’acquisizione e l’aggiornamento delle risorse strumentali a disposizione del pronto soccorso, in particolare per la diagnostica Radiologica (TAC elevata risoluzione). 
10 Attivazione di percorsi specifici (pediatrico e ostetrico) 
Il Triage pediatrico dovrà essere effettuato da un infermiere pediatrico, ove presente in organico, o da un infermiere specificamente formato per la valutazione e la presa in carico del paziente pediatrico e della sua famiglia.

Continue Reading

Ancona

Elezioni Amministrative Marche: sindaci e ballottaggi

Published

on

Elezioni comunali amministrative

ANCONA – Sono diversi i Comuni marchigiani che andranno al ballottaggio. Nei sette comuni superiori ai 15 mila abitanti, solo due candidati sono riusciti ad imporsi al primo turno nelle Marche alle Elezioni Amministrative 2022. A Fabriano Daniela Ghergo ha superato di poco la quota del 50+1 ed è stata eletta sindaco con il 50,51% dei voti. A Porto San Giorgio invece, Valerio Vesprini si è imposto con il 66,11% in quella che era già una corsa a due. Negli altri Comuni delle Marche i sindaci saranno eletti il prossimo 26 giugno, dopo i ballottaggi.

A Jesi si sfideranno Lorenzo Fiordelmondo e Matteo Marasca, a Porto Sant’Elpidio Alessio Pignotti e Gionata Calinari, che ha superato per una manciata di voti il candidato Fabiano Alessandrini, 30,54% contro 30,52%. A Tolentino la gara è tra Silvia Luconi e Mauro Scalvi, a Corridonia tra Giuliana a Giampaoli e Manuele Pierantoni, mentre a Civitanova Marche si concludono i ballottaggi con il duello tra Fabrizio Ciarapica e Mirella Paglialunga.

I comuni delle Marche inferiori ai 15 mila abitanti in cui si votava per le Elezioni Amministrative 2022 sono 10. Corinaldo, Offagna e Rosora in provincia di Ancona, dove sono stati eletti rispettivamente sindaci Gianni Aloisi, Ezio Capitani e Fausto Sassi. In provincia di Ascoli Piceno era chiamato a rinnovare l’amministrazione comunale solo il Comune di Acquaviva Picena, dove si è imposto Sante Infraccioli. Stesso discorso Pedaso in provincia di Fermo, dove è stato eletto sindaco Vincenzo Berdini.  In provincia di Macerata  si è votato a Camerino, dove è stato eletto Roberto Lucarelli, e a Valfornace, in cui è stato eletto Massimo Citracca. Andrea Spagna è stato eletto primo cittadino di Frontino, Stefano Pompei a Tavoleto e Antonio Sebastianelli a Terre Roveresche, nella provincia di Pesaro-Urbino.

L’affluenza si è fermata al 55,15%, oltre quattro punti percentuali in meno rispetto alle Eelezioni del 2017, quando si attestò sul 59,67%. Per i dettagli sui risultati elettorali, vi rimandiamo al sito Eligendo, a cura del DAIT – Ministero dell’Interno.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.