fbpx
Connect with us

Teramo

L’onorevole Boccia a Martinsicuro: «in Abruzzo la destra peggiore»

Pubblicato

il

Francesco Boccia a Martinsicuro per la campagna elettorale in vista delle Amministrative

MARTINSICURO – Piazza Anfiteatro gremita per l’incontro con l’onorevole Francesco Boccia del Partito Democratico, già ministro per  gli affari regionali e le autonomie nel Conte bis. Grande lo sforzo profuso dal Pd in questa campagna elettorale, che mette a disposizione due nomi altisonanti a supporto della candidata del centrosinistra Simona Lattanzi. L’evento elettorale di ieri, venerdì 3 giugno, anticipa infatti l’appuntamento di oggi con il segretario Enrico Letta, atteso alle 10 in Piazza Cavour.

Prima dell’intervento di Boccia, hanno preso la parola i candidati consiglieri Victoria Fanini, Matteo Ciabattoni, Fabio Di Carlo, Marta Viola ed il consigliere comunale e candidato Giuseppe Capriotti. Presente anche l’assessore regionale Dino Pepe, che si è limitato a qualche battuta prima di passare la parola a Boccia, mentre la candidata sindaco ha parlato per ultima.

L’onorevole non ha usato giri di parole: «in Abruzzo avete la destra peggiore. L’attività di Marsilio è stata drammaticamente fallimentare, ma vi garantisco che tra due anni verremo qui in massa e questo sarà il suo ultimo mandato». Boccia ha poi ringraziato i candidati che lo hanno anticipato: «i vostri interventi mi hanno molto colpito, rappresentano l’essenza della politica, quello per cui vale la pena scendere in campo».

L’onorevole ha messo in chiaro il peso politico delle prossime Elezioni Amministrative: «le risorse del Pnrr, volute e intercettate dal centrosinistra, saranno gestite da Regioni e Comuni. Si tratta della più grande opportunità per gli Enti locali di decidere il proprio sviluppo che io ricordi. Sarebbe una beffa anche per Martinsicuro – ha commentato Francesco Boccia – che questa opportunità venisse amministrata dalla destra peggiore».

Al tema ha voluto dedicare un approfondimento: «Ricordiamoci sempre che la destra è quella che il 15 luglio 2020 disse no al Pnrr: Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia votarono contro perché volevano alimentare la rabbia degli italiani, mentre noi lottavano in Europa per ripartire. Raccontavano che stavamo commissariando l’Italia, che era in atto una trojka. Poi tornammo con 209 miliardi e loro prima passarono un po’ di tempo in un silenzio vergognato e vergognoso, prima di iniziare a passare in quel terreno. Io – racconta l’onorevole – dissi a Conte che il giorno in cui era tornato da Bruxelles, era iniziata la fine del governo giallorosso».

«Quei 209 miliardi rappresentano un’idea di Paese, per la quale dobbiamo batterci. Le risorse del Pnnr sono nostre e le abbiamo ottenute per eliminare le diseguaglianze sociali e favorire le transizioni digitale ed ecologica. La destra ha un’altra idea di società: detesta l’Europa, non crede nell’Europa e vuole un’Europa dei fili spinati. Noi invece nel corso del secolo scorso siamo diventati europei e i nostri figli già ci nascono. Il mondo che iniziava a ovest e finiva a ovest non c’è più, ora è cambiato ed è totalmente aperto. Pensare di chiuderlo è da folli. Come è da matti anche solo proporre di arginare la crisi energetica ritornando al carbone, mentre tutto il mondo va verso la decarbonizzazione».

In merito al voto di domenica 12 giugno invece, l’onorevole ha spronato i membri della coalizione a non risparmiarsi in questa campagna elettorale: «nel 2020 abbiamo iniziato a cambiare la storia. Salvini alle Regionali diceva che ci dava 7 a 0, abbiamo vinto 4 a 3. L’anno scorso abbiamo riparato al disastro del 2016, tornando a vincere nelle grandi città. C’è ancora tempo – chiosa Francesco Boccia – per vincere queste Elezioni e affidare Martinsicuro in buone mani, per poi concentrarsi su quelle politiche che decideranno le sorti del Paese e quindi dell’Europa, perché senza un Italia forte non esiste un’Europa».

Al termine del suo intervento Boccia ci ha concesso qualche altro commento: «non è naufragato il campo largo con i 5 Stelle. Nel 2020 sono andati da soli per l’ultima volta ed abbiamo dovuto battere la destra anche per loro. L’anno scorso invece, è stato il primo con le alleanze su scala locale e ci siamo presentati insieme nel 50% dei Comuni, vincendo in tutte le grandi città: Torino, Napoli, Roma, Milano e Bologna. Quest’anno, in cui abbiamo riunito il centrosinistra, ci presentiamo insieme ai 5 Stelle nel 70% dei Comuni». In tema di stabilità di governo Boccia ha risposto con una battuta: «si avvicina l’estate, il rischio di colpo di sole per Salvini è sempre dietro l’angolo».

Teramo

Numeri record per l’edizione 2024 di Cantine Aperte in Abruzzo

Pubblicato

il

cantine aperte 2024 3

Il weekend dedicato alla celebrazione dell’arte vitivinicola in Abruzzo ha registrato un numero maggiore di cantine che ha aderito all’iniziativa ed un aumento del numero di visitatori.

TERAMO – Vigneti ed azienda agricole in festa durante il weekend appena trascorso, sabato 25 e domenica 26 maggio, per l’edizione 2024 di Cantine Aperte: l’evento, organizzato dal Movimento Turismo del Vino, in Abruzzo ha registrato numeri record sia per quanto riguarda la partecipazione delle cantine del territorio, sia per quanto riguarda le presenze di pubblico.

Nella due giorni dedicata alla scoperta dei segreti dell’arte vitivinicola, decine di migliaia di persone, munite di calice celebrativo, si sono riversate tra i vigneti delle oltre 50 cantine abruzzesi che hanno aderito all’iniziativa, per assaggiare le varietà del territorio e per acquistare le bottiglie di vino direttamente dai produttori.

Quest’anno in Abruzzo si è registrato un aumento delle aziende che hanno partecipato a Cantine Aperte 2024, suddivise tra terre aquilane, colline teatine, colline teramane, terre dei vestini, Tullum e Villamagna. «È stato per noi un grande piacere partecipare per la prima volta a questo importante evento – afferma Nicola Illuminati di Illuminati Vini di Controguerra – Si tratta sicuramente di un’ottima occasione per promuovere l’arte vitivinicola, un’eccellenza di questa regione, e mostrare alle persone la cura e l’attenzione che c’è dietro alla preparazione di un buon vino, partendo dalla vigna fino al lavoro in cantina».

«Cantine Aperte ha permesso di avvicinare le persone al nostro mondo -spiega ancora il viticoltore – caratterizzato da numerose variabili, alcune controllabili ed altre no, e all’unicità che c’è dietro a ogni annata. Ma non dimentichiamoci che è stato soprattutto un giorno di festa e di relax. Il pubblico ha partecipato con grande entusiasmo e non si è fatto spaventare nemmeno dalla pioggia del sabato. Preventivamente, avevamo allestito opportuni spazi al coperto e siamo riusciti comunque ad accogliere i numerosi partecipanti».

Nonostante il tempo incerto infatti, Cantine Aperte 2024 è stato uno straordinario successo di pubblico, con migliaia di appassionati di vino che hanno visitato le cantine di tutto Abruzzo.

Continue Reading

Teramo

Una panchina rossa contro la violenza sulle donne a Nepezzano

Pubblicato

il

panchina rossa nepezzano

L’opera, è stata realizzata da un abitante della frazione teramana. All’inaugurazione della panchina rossa di Nepezzano erano presenti autorità civili e religiose.

TERAMO – Venerdì 17 maggio 2024, presso l’Oratorio “All’ombra del campanile” di Nepezzano, è stata inaugurata la “panchina rossa” in ricordo delle vittime dei femminicidi, panchina ideata e realizzata da Mimmo Faenza (abitante di Nepezzano, ndr) in collaborazione con l’Associazione “Comitato di frazione Nepezzano”. Sulla panchina è stata riportata la frase “Si può amare da morire ma morire d’amore no”, tratta dal noto brano musicale “Le ragazze” interpretato dai Neri per caso.

L’evento è stato organizzato da don Carlo Farinelli, parroco della Parrocchia “San Lorenzo Martire” di Nepezzano-Piano d’Accio, e dalla suddetta Associazione presieduta da Mauro Di Gaetano. L’inaugurazione è stata preceduta dall’introduzione di don Carlo Farinelli e dall’incontro formativo parrocchiale sul tema “Scuola: matrice di valori” a cura di Maria Letizia Fatigati, dirigente scolastica del Polo Tecnologico Economico “Alessandrini-Marino-PascalComi-Forti” di Teramo. La dirigente Fatigati ha ringraziato il parroco don Carlo «per aver avuto una sensibilità profonda nel coinvolgere la Scuola, fattore educante per “formazione” e “prevenzione”; formare gli studenti e le studentesse per favorire autonomie forti di vita e prevenire comportamenti scorretti, soprattutto quelli violenti» e ha declinato le varie iniziative messe in campo dal Polo da lei diretto a favore di quanto dichiarato, attraverso la partecipazione a concorsi e seminari di studi organizzati dal territorio e tesi a dar forma a quel curricolo implicito che pone al centro il valore prezioso dell’Umanità in ogni circostanza di vita di ciascun studente.

Nel corso della manifestazione sono intervenuti il prefetto di Teramo Fabrizio Stelo, il sindaco Gianguido D’Alberto e il questore Carmine Soriente, i quali hanno sottolineato l’importanza di organizzare eventi di questo tipo contro la violenza sulle donne per sensibilizzare l’opinione pubblica e per accrescerne la consapevolezza rispetto al fenomeno della violenza di genere. Il questore Soriente si è soffermato sull’importanza di Youpol, una semplice app gratuita per smartphone con la quale è possibile segnalare alla polizia (e in forma anonima, ndr) determinati reati. Dopo gli interventi delle suddette autorità, è stato proiettato il cortometraggio “Parole e sguardi che uccidono”, realizzato dagli studenti della classe 4B del Liceo delle Scienze Umane “Giannina Milli” di Teramo con cui recentemente si sono aggiudicati il primo premio del Concorso “Filomena Delli Castelli”.

Hanno partecipato all’evento Luana Strippoli – Capo di Gabinetto del Prefetto di Teramo, Flavio Bartolini – delegato del presidente della Provincia di Teramo Camillo D’Angelo, Alessandra Ferri – assessore alle pari opportunità del Comune di Teramo, Andrea Di Brindisi – comandante della stazione dei Carabinieri di San Nicolò a Tordino, delegato del Comandante Provinciale Pasquale Saccone, Maria Zoccolillo – primo dirigente della Polizia di Stato e una rappresentanza di docenti del Polo Tecnologico Economico di Teramo. Hanno fatto pervenire i loro saluti ai presenti le seguenti autorità impossibilitate a partecipare: Mons. Lorenzo Leuzzi – Vescovo della Diocesi di Teramo-Atri, Alessio Fiorentino – comandante della Capitaneria di Porto di Giulianova, Fabrizio Chirico  – comandante provinciale della Guardia di Finanza di Teramo, Davide Martella – comandante dei Vigili del Fuoco di Teramo, Dino Mastrocola – Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Teramo, Amelide Francia – presidente della Commissione Pari Opportunità della Provincia di Teramo e Gabriella Lucidi Pressanti – presidente del Rotary Club Teramo.

La serata si è conclusa con un rinfresco, allestito in collaborazione con Marco Di Marcantonio, Vincenzo Gabella e Silvestro Procacci, e con l’installazione e l’inaugurazione della panchina rossa nei pressi della Chiesa parrocchiale di Nepezzano. La giornata è da ritenersi storica per la frazione di Nepezzano sia per l’importanza degli argomenti trattati che per la presenza delle massime autorità del territorio.

Continue Reading

Teramo

Furto al supermercato a Colleranesco: asportata la cassaforte

Pubblicato

il

arresto notaresco 112 cc carabinieri

Il colpo è avvenuto la notte scorsa. Quando i Carabinieri sono arrivati, i malviventi si erano già dileguati. Indagini in corso. Danni ancora da quantificare.

TERAMO – L’allarme è scattato ed i militari di Giulianova si sono subito precipitati sul posto, ma quando sono arrivati, i responsabili del furto si erano già dati alla fuga a bordo dell’auto sulla quale avevano caricato la cassaforte appena asportata dal supermercato Tigre di Colleranesco.

I malviventi sono riusciti a penetrare nell’esercizio commerciale a notte fonda, intorno all’1:15. Dopo aver asportato la cassaforte, si sono dati alla fuga, prima che i Carabinieri potessero entrare in azione.

La struttura ha ripotato alcuni danni, che non sarebbero modesti, anche se sono ancora da quantificare. Il personale del Nucleo Operativo e Radiomobile di Giulianova ha avviato le ricerche dei responsabili del furto al supermercato di Colleranesco.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.