fbpx
Connect with us

Marche

Emergenza idrica, disposta sospensione prelievi dai corsi d’acqua nella provincia di Pesaro e Urbino

Pubblicato

il

PESARO – La Regione Marche ha disposto la sospensione di tutti i prelievi dai corsi d’acqua superficiali presenti nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino, fatti salvi quelli destinati all’uso idropotabile e all’abbeveraggio del bestiame, dal 1 agosto 2022 al 15 ottobre 2022. Il provvedimento si è reso necessario a causa del perdurare di anomale condizioni meteo-climatiche, caratterizzate da alte temperature e dall’assenza di precipitazioni significative, che hanno determinato una significativa contrazione delle portate dei corsi d’acqua, insistenti nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino, rendendo critico l’approvvigionamento idrico a scopo idropotabile. La Regione ha recepito l’invito del Comitato provinciale di protezione civile riunitosi in forma straordinaria il 26 luglio 2022. Il provvedimento è stato adottato con decreto del Settore Genio Civile Marche Nord n. 559 del 27/07/2022.

Le sospensioni si applicano anche ai prelievi effettuati dai pozzi di subalveo (così come definiti dall’art. 1, comma 3, della L.R. 5/2006) che, essendo prossimi ai corsi d’acqua, sono equiparati a prelievi di acque superficiali. Eventuali modifiche al provvedimento potranno essere adottate in relazione all’evoluzione del contesto meteo-climatico o delle condizioni di portata dei corsi d’acqua. Per sopperire a situazioni o esigenze di particolare e grave necessità, adeguatamente documentate e motivate, e in assenza di fonti di approvvigionamento alternative, il Settore Genio Civile Marche Nord – Ufficio di Pesaro, potrà rilasciare specifiche deroghe ai soggetti che ne faranno richiesta.

La Regione Marche rende anche noto che la violazione delle disposizioni comporterà, ai sensi dell’art.17 del R.D. 11/12/1933 n. 1775, il pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 4.000 a euro 40.000 e, nei casi di particolare tenuità, da euro 400 a euro 2.000. Nel ricordare che è fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare, l’ufficio di riferimento della Regione Marche – Settore Genio Civile Marche Nord – sede di Pesaro, è a disposizione per eventuali chiarimenti o informazioni:

recapiti telefonici: 071/806.7020-7091-7018

e-mail: acque.pu@regione.marche.it

Pesaro-Urbino

Piobbico, precipita durante la “chiodatura” del percorso: morto scalatore di 54 anni

Pubblicato

il

ragazzi bloccati sul Corso Grande recuperati dal soccorso alpino speleologico Corno Grande

PESARO-URBINO – Tragedia la notte scorsa sulla falesia Balza della Penna a Piobbico, dove un esperto scalatore intento alla “chiodatura” di un nuovo percorso di arrampicata, è morto dopo essere caduto e precipitato da un’altezza di 20 venti metri.

La “chiodatura” è l’operazione di posizionamento dei chiodi lungo il percorso. L’uomo che ha perso la vita ieri notte aveva 54 anni. Le operazioni di ricerca e recupero della salma sono state condotte dal personale del Soccorso Alpino e Speleologico. L’allarme era stato dato nel pomeriggio dalla fidanzato dello scalatore, che non aveva più ricevuto sue notizie.

In seguito alle segnalazioni fatte dalla donna anche alla sua cerchia di amici e appassionati della montagna, alcuni climber si sono recati nei luoghi nei quali si erano perdute le tracce dello scalatore. Lo hanno cercato per tutto il pomeriggio, ma quando è calato il sole, non lo avevano ancora trovato. Nel frattempo anche 8 operatori del Soccorso ALpino e Speloelogico si erano messi all’opera.

La macabra scoperta l’hanno compita due amici della vittima. Il corpo dello scalatore precipitato durante la chiodatura e morto dopo una caduta di 20 metri, si trovava alla base della parete sulla quale stava operando. La salma è stata composta e trasportata a valle. Sul posto anche vigili del fuoco e carabinieri.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Incidente sul lavoro in centro ad Ascoli, operaio caduto da impalcatura: è grave

Pubblicato

il

eliambulanza-118

Un operaio è caduto da un’impalcatura mentre si trovava all’opera in un cantiere in via delle Stelle ad Ascoli Piceno. Lo scorso 20 gennaio si era verificato un incidente sul lavoro simile in via Soderini. Trasportato in eliambulanza al Trauma Center di Torrette, sarebbe in gravi condizioni.

ASCOLI PICENO – Mentre si trovava all’opera in un cantiere allestito nel centro cittadino, un operaio è caduto da un’impalcatura, per cause ancora in fase di accertamento. L’uomo è stato immediatamente soccorso dai colleghi, che hanno provveduto a lanciare l’allarme e chiamare i soccorsi. L’operaio ha riportato diverse ferite ed è stato trasferito all’ospedale regionale di Torrette di Ancona in gravi condizioni.

Si tratta del secondo incidente sul lavoro che si verifica in pochi giorni ad Ascoli. L’episodio è avvenuto in via delle Stelle intorno alle 9:30. Il personale sanitario intervenuto sul posto, resosi conto della serietà delle lesioni riportate dall’operaio, ha richiesto l’intervento dell’eliambulanza. Il ferito è stato trasferito al Trauma Center dell’ospedale regionale.

Il 20 gennaio scorso, un altro incidente con modalità analoghe. In quell’occasione, un operaio cadde da un ponteggio in via Soderini, riportando diverse fratture.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Branco di cinghiali attraversa l’autostrada tra Pedaso e Porto San Giorgio

Pubblicato

il

cinghiali-autostrada-a14

L’autista di un autobus non ha potuto evitare l’impatto con uno dei cinghiali che ha attraversato l’autostrada, ma è riuscito ad evitare manovre brusche e potenzialmente pericolose.

FERMO -Singolare investimento in A14 nel tratto compreso tra Pedaso e Porto San Giorgio, lungo la carreggiata nord, dove un branco di cinghiali ha attraversato l’autostrada, questa mattina, giovedì 2 febbraio. In quel momento stava transitando per quel tratto un autobus e il conducente non ha potuto evitare di investire un esemplare, pur riuscendo a non compiere sterzate brusche, inchiodate o manovre che avrebbero potuto mettere in pericolo l’incolumità dei passeggeri o degli altri automobilisti.

L’animale colpito è stato scagliato a qualche metro di distanza ed è deceduto, mentre gli altri cinghiali che hanno attraversato l’autostrada A14 tra Pedaso e Porto San Giorgio sono riusciti a dileguarsi.

La circolazione ha subito qualche rallentamento dal momento che la carreggiata è stata chiusa durante le operazioni di sgombero della carcassa, effettuate dal personale di Società Autostrade. Tanto spavento, ma nessuna conseguenza per i passeggeri del bus, che ha potuto riprendere il suo viaggio. Il mezzo infatti ha riportato qualche danno, ma non tale da impedirgli la circolazione.

Nei giorni scorsi, altre segnalazioni avevano già segnalato la presenza di cinghiali non lontano dal punto in cui si è verificato l’incidente questa mattina. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della polizia stradale.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.