fbpx
Connect with us

Pescara

Avevano pianificato una rapina all’ufficio postale, ma sono stati arrestati prima

Pubblicato

il

carabinieri-112-cc-posto-di-blocco-pattuglia-gazzella

Le indagini dei carabinieri hanno permesso di sventare il colpo prima ancora che il piano potesse entrare in esecuzione e i malviventi che avevano organizzato nel dettaglio una rapina all’ufficio postale di Turrivalignani sono stati arrestati prima che la commettessero. Ritrovato tutto il materiale che avrebbero usato per il colpo, più una sorpresa: un fucile a canne mozze.

PESCARA – Avevano studiato il colpo fin nei minimi dettagli, ma non sapevano che i carabinieri, nello stesso tempo, stavano studiando le loro mosse. Tutto era pronto per la rapina all’ufficio postale di Turrivalignani, nel pescarese, che sarebbe dovuta essere compiuta lo scorso sabato 26 novembre, ma il blitz dei carabinieri ha fermato tutto e i malviventi sono stati arrestati.

I militi hanno ritrovato il materiale che i rapinatori avevano preparato e che avrebbero usato: guanti, fascette da elettricista legate per essere utilizzate come manette improprie, trucchi, parrucche e travestimenti, una targa per l’auto palesemente falsa, una pistola giocattolo identica a quelle in uso alle forze dell’ordine, auricolari e ricetrasmittenti. I carabinieri però durante la perquisizione si sono imbattuti anche in una sorpresa: un fucile a canne mozze calibro 12, perfettamente funzionante e fornito di cartucce, che non avevano ancora contemplato. Sono anche saltati fuori dieci grammi di hashish.

La rapina sventata, per la quale sono stati arrestati alcuni malviventi prima che potessero mettere a segno il colpo, sarebbe dovuta avvenire lo scorso sabato: i rapinatori avrebbero approfittato della chiusura del Municipio, ospitato nello stesso stabile in cui si trova anche l’ufficio postale.

Pescara

Pescara, incendio in pieno centro: a fuoco i cassonetti di fronte ad una banca

Pubblicato

il

carabinieri-polizia-forze-dell'ordine-gazzella-volante

Alta colonna di fumo, aria irrespirabile fiamme altissime. Danneggiata la facciata e le vetrine dell’istituto, chiuso durante le operazioni di spegnimento dell’incendio, dopo che sono andati a fuoco i cassonetti di fronte alla banca, nella centralissima via Roma, a Pescara. Indagini in corso per stabilire se si sia trattato di un rogo di origine dolosa o meno. Non si esclude la matrice anarchica, in seguito alle proteste per la detenzione di Cospito.

PESCARA – Da un’isola ecologica situata in via Roma, non distante da corso Vittorio Emanuele, si sono levate fiamme altissime e una colonna di denso fumo. In breve, l’incendio che si è sviluppato dai cassonetti in pieno centro a Pescara, ha iniziato a lambire una banca situata nelle vicinanze, che ha riportato danni a facciata e vetrine.

L’incendio sviluppatosi in pieno centro a Pescara

L’istituto bancario è stato chiuso durante le operazioni di spegnimento delle fiamme da parte dei vigili del fuoco, mentre polizia, polizia locale e carabinieri si sono messi al lavoro per chiarire la dinamica che ha portato al rogo. Non si segnalano feriti.

Gli inquirenti vogliono capire se quello che si è sviluppato nei cassonetti di fronte ad una banca sia un incendio doloso o meno. non si esclude che possa essere collegato alle proteste relative alla detenzione di Alfredo Cospito al 41bis, messe in atto da una rete anarchica internazionale, ma nemmeno che possa essere stato il frutto di una tragica disattenzione da parte di qualcuno che magari ha gettato inavvertitamente materiale incandescente o un mozzicone di sigaretta.

Continua a leggere

Pescara

Cospito trasferito a Milano, nel padiglione per i detenuti con patologie gravi

Pubblicato

il

alfredo-cospito-anarchico-pescarese-rischia-ergastolo-per-starge-senza-feriti

Il pescarese Alfredo Cospito, arrestato in seguito agli attentati senza vittime a Fossano nel 2006 e detenuto in regime di carcere duro, è stato trasferito nel carcere di Opera di Milano, nel padiglione del Servizio assistenza intensificata. Il suo avvocato: «non terminerà la sciopero della fame».

PESCARA – Alfredo Cospito ha trascorso la prima notte nel carcere di Opera di Milano, nel quale è stato trasferito ieri. Prima era a Sassari. L’anarchico pescarese, detenuto in regime di 41bis, si trova ricoverato nel padiglione del Servizio assistenza intensificata, destinato a detenuti affetti da gravi patologie. Il suo avvocato, Flavio Rossi Albertini, ha spiegato che il suo assistito non ha intenzione di interrompere lo sciopero della fame, che ha raggiunto il giorno 104.

Cospito, condannato per aver gambizzato un dirigente dell’Ansaldo e a processo per gli attentati dinamitardi avvenuti in provincia di Cuneo, per i quali rischia l’ergastolo, protesta contro la sua detenzione in regime di carcere duro. Nei giorni e nei mesi scorsi, la rete anarchica internazionale ha messo in atto una serie di attentati incendiari, per protestare contro le misure a cui il loro compagno è soggetto.

Ieri il suo medico di fiducia aveva raccomandato il trasferimento, a causa del «rischio fibrillazione» dovuta al calo ponderale. Nelle ultime immagini l’anarchico appariva visibilmente dimagrito.

Il suo legale ha presentato al ministro della Giustizia una richiesta di revoca del rgime di carcere duro disposto per quattro anni. Se entro il 12 febbraio Nordio non avrà dato una risposta, la richiesta viene considerata respinta.

Continua a leggere

Chieti

Abruzzo fra due allerte: gialla per neve, arancione per valanghe

Pubblicato

il

slavina-valle-castellana-provinciale-52-chiusa

L’AQUILA – Il dicembre appena trascorso è stato il più caldo della storia recente per la Regione, con temperature al di sopra della media dal 1991 ad oggi. Gennaio tuttavia ha portato con sé il gelo dell’inverno, che ha attanagliato l’Abruzzo che si trova ora costretta a fare i conti con due allerte meteo, una gialla per quanto riguarda precipitazioni piovose e nevose, l’altra arancione per il rischio valanghe.

L’allerta gialla per neve prevede nevicate sparse su Abruzzo e Molise al di sopra dei 700 metri, anche abbondanti. Avviso analogo per Molise, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e su settori di Emilia-Romagna, Campania e Sardegna.

Il rischio valanghe invece, la seconda delle due allerte meteo, riguarda tutte e cinque le zone di allerta d’Abruzzo: aree Gran Sasso Est, Gran Sasso Ovest, Maiella e Parco Nazionale d’Abruzzo,  e area di rischio Velino-Sirente.

Tutto questo dopo che ieri il Cetemps, il Centro di eccellenza in telerilevamento e modellistica previsionale di eventi severi, che fa capo all’Università dell’Aquila, ha diffuso i dati relativi alle temperature nel periodo 1991-20221. Lo studio evidenzia come il mese appena trascorso sia stato il dicembre più caldo della storia recente, con temperature di 3,5 gradi centigradi in media più elevate e scarsa piovosità. La zona in cui gli effetti del riscaldamento globale sono stati più evidenti è quella del chietino.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.