fbpx
Connect with us

Teramo

I carabinieri restituiscono il dipinto rubato dalla Chiesa di San Michele Arcangelo

Pubblicato

il

dipinto-rubato-recuperato-martinsicuro

TERAMO – Alle ore 12:30 di questa mattina, lunedì 21 novembrei Il Comandante Provinciale dei Carabinieri Colonnello Pasquale Saccone e il Comandante dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell’Aquila Capitano Manuel Curreri, restituiranno al Vescovo della Diocesi Teramo-Atri Sua Eminenza Lorenzo Leuzzi, un antico dipinto rubato dalla Chiesa di San Michele Arcangelo di Rocca Santa Maria, località Riano e recuperato dai Carabinieri della Stazione di Martinsicuro. La cerimonia nella quale verrà restituita la tela, si terrà presso la Chiesa Cattedrale di Santa Maria Assunta Duomo di Teramo.

Il dipinto era sparito nel corso di quest’anno, in un periodo non meglio precisato, dalla chiesa di Rocca Santa Maria, località Riano, dichiarata inagibile. Fu un custode, nel corso di un controllo, ad accorgersi della sua assenza. Alle indagini, coordinate dalla Procura, hanno partecipato i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dell’Aquila e i militari delle Compagnie Carabinieri di Teramo e Alba Adriatica.

Il dipinto, un pala d’Altare databile intorno al  1700 di autore ignoto raffigurante “Madonna con Bambino assisa in un trono di nuvole incoronata da Angeli, San Michele Arcangelo e Angelo custode”, è stato ritrovato in un edificio abbandonato a Martinsicuro. Probabilmente era stato depositato lì in attesa che si calmassero le acque , per immetterlo nel mercato nero. Nonostante non fosse stato conservato in condizioni ottimali, la tela si è presentata in buone condizioni.

Del quadro non si hanno molte notizie e le poche informazioni raccolte si devono alle ricerche di don Franco Marcone, scomparso nel 2011, che durante il suo servizio pastorale a Rocca Santa Maria e Torricella Sicura aveva iniziato a curare un elaborato storico, che purtroppo non ha visto la luce in seguito alla sua dipartita. Grazie al suo lavoro è possibile affermare che non fosse presente nell’anno dell’edificazione della chiesa, 1611, ma che la sua presenza è stata registrata solo in seguito ad una visita pastorale del 1742.

Il dipinto rubato ritrovato dai carabinieri a Martinsicuro, sarà ora conservato dalla Diocesi in attesa che le condizioni di sicurezza consentiranno che possa essere restituito al suo luogo d’origine. La pala d’altare dunque, tornerà ad occupare il suo posto nella Chiesa di San Michele Arcangelo di Rocca Santa Maria.

Teramo

Controlli dei Carabinieri con il laboratorio mobile per il Carnevale Estivo di Giulianova

Pubblicato

il

controlli carabinieri teramo giulianova LABORATORIO MOBILE 2

I Carabinieri in concomitanza con il Carnevale Estivo di Giulianova hanno intensificato i controlli su strada e nei luoghi della movida, impiegando anche un laboratorio mobile, per reprimere in particolare i fenomeni della guida in stato d’ebrezza e quello dello spaccio tra i più giovani.

TERAMO – Hanno utilizzato anche il laboratorio mobile della Forensic Lab Service srl, i Carabinieri impegnati nei controlli straordinari del territorio in occasione del Carnevale Estivo di Giulianova.

Il laboratorio mobile impiegato nell’ambito di un protocollo operativo per l’accertamento della guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti direttamente su strada rientra nell’ambito di un protocollo stipulato tra il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

10 pattuglie hanno fermato oltre 100 veicoli, identificando più di 250 persone. Tre di essere sono risultate alle guida in stato d’ebrezza ed è stato loro ritirata la patente. Le auto sono state sequestrate.

Oltre a questo, un giovane è stato sorpreso in possesso di diverse dosi di stupefacenti pronte per la vendita ed è stato denunciato. Un altro, trovato in possesso di una modica quantità di cocaina, è stato segnalato alla Prefettura in qualità di assuntore.

I Carabinieri infine hanno dato esecuzione a due misure di custodia cautelare in carcere emessi dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Teramo nei confronti di un uomo di 63 anni, per violazione degli obblighi famigliari, e i un uomo di 45, per reati contro il patrimonio.

controlli carabinieri teramo giulianova LABORATORIO MOBILE

Continue Reading

Teramo

Chiusa casa dello spaccio a Martinsicuro, arrestata la coppia che ci abitava

Pubblicato

il

cc 112 carabinieri teramo arresto daspo tifoso scalmanato

I Carabinieri hanno monitorato l’andirivieni di clienti, fermando chi usciva da quella casa di Martinsicuro e sequestrando di volta in volta dosi di eroina e cocaina: sabato la coppia è stata arrestata per spaccio.

TERAMO – Risiedevano a Martinsicuro da settembre ed avevano trasformato la loro casa in un punto nevralgico di spaccio. Lo scorso sabato 20 luglio però, i Carabinieri li hanno arrestati e condotti in carcere.

I militari stavano tenendo d’occhio i movimenti intorno allo stabile, notando un continuo andirivieni di persone che dopo essere entrata nello stabile, ne usciva pochi minuti dopo. I Carabinieri si sono allora appostati, fermando di volta in volta chi usciva e sequestrando dosi di eroina e cocaina. Almeno una ventina gli episodi di spaccio documentati. I clienti provenivano soprattutto dalla vicina provincia di Ascoli Piceno.

Sabato scorso, sulla base degli elementi raccolti dagli investigatori, il Gip di Teramo ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti della coppia residente a Martinsicuro ed i Carabinieri sono andati a prenderli presso la loro casa per condurli in carcere.

Continue Reading

Teramo

Maltrattamenti a Tossicia: allontanato da casa marito violento

11 codici rossi attivati dall’inizio di giugno. Gli ultimi a Teramo e Notaresco.

Pubblicato

il

maltrattamenti tossicia codice rosso carabinieri 112 violenza domestica

Una donna residente a Tossicia ha trovato il coraggio di denunciare 15 anni di maltrattamenti e vessazioni. L’ultimo episodio è stato segnalato alle forze dell’ordine dalla figlia.

TERAMO – È stata la figlia della presunta vittima, in seguito all’ennesimo gesto di violenza, a chiamare i Carabinieri. Quando i militari sono arrivati nell’appartamento di Tossicia, hanno ascoltato una storia di 15 anni di maltrattamenti ed abusi. Un infermiere di origine extracomunitaria di 52 anni avrebbe ripetutamente e continuamente esercitato violenza verbale e fisica nei confronti della moglie, coetanea dell’uomo.

Questa volta, però, la donna ha trovato la forza di denunciare ed è stato attivato il Codice Rosso. La presunta vittima di maltrattamenti a Tossicia ha rifiutato di essere accompagnata in una struttura protetta, preferendo recarsi presso la casa di alcuni conoscenti, insieme ai figli di 22 e 24 anni.

Il Gip, accogliendo in toto le tesi investigative dei Carabinieri, ha disposto l’allontanamento dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento alla moglie e ai figli nei confronti dell’uomo, al quale è stato anche applicato il braccialetto elettronico.

In via cautelativa, gli sono state sequestrate tutte le armi e le munizioni che deteneva legalmente.

Allontanamento da casa e divieto di avvicinamento anche per un operaio di 42 anni di Teramo, che dal settembre dello scorso anno ha subissato la moglie di continue vessazioni, imponendole un isolamento totale dalla famiglia e dagli amici. Aveva perfino installato telecamere nascoste per monitorare i suoi spostamenti e non si faceva problemi a ricorrere alle mani per imporre le sue regole.

A Notaresco, un idraulico di 45 anni è stato arrestato per aver violato il divieto di avvicinamento a cui era stato sottoposto per maltrattamenti in famiglia. Al culmine di una lite avvenuta in casa, dove si trovavano anche i figli maggiorenni della coppia, le sferrò un violento colpo al volto. L’uomo, senza alcuna autorizzazione, si è materializzato nella casa dell’ex coniuge, la quale ha chiamato i Carabinieri, che hanno proceduto all’arresto.

I casi di violenze e maltrattamenti in famiglia sono in aumento e nell’ultimo periodo stanno raggiungendo cifre spaventose. Sono undici i codici rossi attivati in provincia di Teramo dal 1° giugno. In sette casi, è stato disposto anche il braccialetto elettronico.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.