fbpx
Connect with us

Pesaro-Urbino

Urbino, furbetti del cartellino in un Ente pubblico: 8 denunciati

Pubblicato

il

gdf-guardia-di-finanza-117-furbetti-del-cartellino-urbino

Assenteismo ingiustificato durante le ore di lavoro, orari di ingressi e di uscita alterati, pause al bar o al ristorante senza permesso e senza timbrare il badge: la Guardia di Finanza di Urbino, dopo aver raccolto diverso materiale probatorio, ha denunciato otto furbetti del cartellino, impiegati in un Ente Pubblico.

URBINO – A lungo la Guardia di Finanza di Urbino ha tenuto d’occhio gli impiegati di un Ente pubblico che erano stati segnalati e, dopo aver raccolto diverso materiale probatorio, ha denunciato otto furbetti del cartellino. Le accusa spaziano da truffa aggravata continuata, falsa attestazione in servizio, abuso d’ufficio, frode informatica e accesso abusivo ad un sistema informatico.

In base ai riscontri del fiamme gialle, gli otto furbetti del cartellino denunciati a Urbino hanno ripetutamente abbandonato il posto di lavoro, senza giustificazioni e senza badgare, per andare al bar, al ristorante, o per effettuare alcune commissioni. In diversi casi poi, i dipendenti non rispettavano l’orario di lavoro previsto, alterando però gli orari di ingresso e di uscita. In questo modo la loro presenza veniva comunque registrata, sebbene fossero assenti, permettendo loro di collezionare un ragguardevole deficit di ore lavorate, ma comunque retribuite.

Dalle indagini è emerso che il funzionario incaricato della gestione dei badge è risultato coinvolto nelle false rendicontazioni, insieme al coniuge. Tra gli altri soggetti collegati a questa vicenda il responsabile dell’Ufficio Amministrativo, che non solo non eseguiva i controlli previsti, ma partecipava alle uscite senza permesso.

Le risultanze delle indagini svolte saranno, inoltre, oggetto di segnalazione alla
competente magistratura contabile in ordine alle plurime ipotesi di danno erariale
emerse, con particolare riferimento alle ore di lavoro retribuite ai dipendenti segnalati in
difetto dell’effettiva prestazione.



Pesaro-Urbino

Ristorante invaso dalle cavallette a Cagli, il titolare: «sono milioni»

Pubblicato

il

ristorante invaso dalle cavallette a cagli
Foto di Amedeo Pisciolini - Il Resto del Carlino

Da sabato scorso l’Hostaria del Vigno, ristorante al centro di Naro, frazione di Cagli, è invaso da «almeno 10 milioni» di cavallette. Il titolare: «mancato incasso e danni alle coltivazioni. Mia madre è chiusa in casa da giorni».

PESARO-URBINO – Sono comparse quasi all’improvviso ed hanno deciso di restare. «Almeno 10 milioni» di cavallette alo scorso sabato 6 luglio hanno invaso il ristorante Hostaria del Vigno, al centro di Naro, frazione di Cagli, e da allora stazionano lì nei pressi.

Il titolare della struttura, Gianluca Rossi, 57 anni, ha raccontato la sua disavventura ad Amedeo Pisciolini de Il Resto del Carlino. «Sono tre giorni che almeno dieci milioni di questi insetti stazionano attorno al mio ristorante. A causa loro domenica non ho potuto servire i clienti come faccio solitamente con chi vuol mangiare all’aperto, all’ombra e al fresco. Oltre al mancato incasso ci sono i danni, la parte superiore della siepe che recinta il locale è stata divorata per non parlare del mio orto, non c’è più un ceppo di insalata, hanno mangiato di tutto, dalle zucchine alla salvia, i cocomeri e i meloni, per adesso si sono salvati solo i pomodori perché non sono maturi e quindi acidi, ora qualche migliaio di cavallette si sono spostate sulla vigna, mangeranno anche quella se nessuno interviene».

Il ristoratore ha proseguito come la madre novantenne, terrorizzata, sia rimasta chiusa in casa fin da quando le cavallette hanno invaso il suo ristorante. Ha anche raccontato di aver provato a chiamare i Vigili del Fuoco, che però gli avrebbero risposto di esere impegnati in altri servizi. Anche la telefonata all’Ast servizio veterinaria non avrebbe avuto molto successo. Gli avrebbero consigliato di rivolgersi al sindaco, o a una disinfestazione privata. «Per la cronaca tra giovedì 20 e venerdì 21 giugno il Comune di Cagli aveva disinfestato il centro di Naro, ma allora non c’erano le cavallette».

Continue Reading

Marche

Caporalato, estorsione, sfruttamento e truffa nei distributori di carburante nelle Marche: 3 arresti e sequestri per 2 milioni

Pubblicato

il

caporalato distributori carburante marche

In seguito ad un’operazione congiunta di Guardia di Finanza e Nucleo Ispettorato del Lavoro, i titolari e gestori di una rete nazionale di distributori di carburante sono stati arrestati. Sequestrati quattro impianti presenti in territorio marchigiano.

PESARO-URBINO – Su richiesta del Gip di Pesaro i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza e i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, in collaborazione con i colleghi di Ancona e Macerata, hanno arrestato tre persone, titolari e gestori di una rete nazionale di distributori di carburante, ed hanno sequestrato quattro impianti presenti nelle Marche, per un valore di oltre 2 milioni di euro, per caporalato, truffa, estorsione e sfruttamwento dei lavoratori.

L’operazione denominata “Manda foto” ha preso avvio all’inizio dello scorso anno in seguito alle verifiche fiscali in materia di accise ed altre imposte dirette sui consumi, eseguite dalle fiamme gialle in un distributore della categoria “pompe bianche”, detta anche “no logo”, ovvero non appartenente alle grandi compagnie petrolifere. In quell’occasione i finanzieri sorpresero un lavoratore in nero e palesi condizioni di sfruttamento del lavoro. Gli approfondimenti hanno portato a scoperchiare un sistema di caporalato, sfruttamento ed estorsione.

I responsabili individuati dagli inquirenti sono gli amministratori di un gruppo societario campano ed un referente di zona, che fungeva da “caporale”. I dipendenti erano costretti a turni massacranti, senza pause, ferie o permessi, con paghe di gran lunga inferiori al minimo salariale previsto, spesso elargite con fatica.

Carabinieri e Finanzieri hanno documentato, grazie ad intercettazioni e pedinamenti, lo sfruttamento dei lavoratori, i quali vivevano all’interno di sgabuzzini presenti nei distributori nei quali lavoravano, in condizioni igienico-sanitarie precarie.

I lavoratori, tutti extracomunitari, erano costretti a provare la propria presenza sul posto di lavoro con foto e video, che i datori di lavoro chiedevano quotidianamente. Da qui il nome dell’operazione: “Manda foto”. In caso contrario i lavoratori venivano minacciati di sospensione dello stipendio, licenziamento, ma anche botte o infortuni.

In alcune conversazioni intercettate, gli indagati fornivano al personale le istruzioni per manomettere la corretta funzionalità degli impianti o come procedere alla mescola dei vari prodotti petroliferi. Ad esempio, i filtri intasati non andavano sostituiti, ma forati, oppure il carburante di scarsa qualità doveva essere camuffato allungandolo con prodotti migliori.

Due degli arrestati per il caporalato ai distributori di carburante nelle Marche sono finiti in carcere, mentre uno è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Continue Reading

Pesaro-Urbino

Elly Schlein a Cantiano: «la Giunta regionale deve svegliarsi»

Pubblicato

il

elly schlein chantal bomprezzi alessandro piccini a cantiano
La segretaria del PD Elly Schlein in visita a Cantiano accomapgnata dal sindaco Piccini e dalla segretaria regionale Bomprezzi.

La segretaria del Partito Democratico Elly Schlein oggi ha fatto visita a Cantiano per fare il punto della situazione dei comuni alluvionati: « È passato un anno e mezzo. Occorre aiutare i Comuni anche con il personale perché sennò i progetti non vanno avanti. Ogni giorno che passa è una spinta in più verso lo spopolamento».

PESARO-URBINO – Se domani e dopodomani il presidente del Partito democratico Stefano Bonaccini sarà in Abruzzo per un tour elettorale, colei che l’ha battuto alle primarie, Elly Schlein, oggi si trovava nelle Marche, a Cantiano, uno dei comuni colpiti dall’alluvione di un anno e mezzo fa. «La giunta regionale deve svegliarsi» ha detto la segretaria del PD.

Accompagnata dal sindaco Alessandro Piccini, dai Primi Cittadini e amministratori dei Comuni alluvionati nella provincia pesarese, dai parlamentari marchigiani del Partito Democratico, dai Consiglieri regionali e dalle Segretarie PD regionale e provinciale, Schlein ha espresso preoccupazioni e richieste chiare riguardo la gestione degli aiuti e al supporto fornito.

Le risorse attualmente disponibili sono state giudicate insufficienti da Schlein, che ha evidenziato che «non coprono nemmeno la metà di quanto necessario per i ristori a pubblico e privato». La Segretaria Dem ha quindi sottolineato che è urgente garantire fondi sufficienti per implementare progetti a lungo termine che evitino futuri eventi simili.

Ha poi espresso preoccupazione per la mancanza di coordinamento ed ha avvertito sul rischio che i fondi possano essere concessi in base al colore politico dell’amministratore locale. «La giunta regionale si deve svegliare! È passato un anno e mezzo… Occorre aiutare i Comuni anche con il personale perché sennò i progetti non vanno avanti. Ogni giorno che passa è una spinta in più verso lo spopolamento. Occorre invece fare proprio il contrario e mettere nelle condizioni i Comuni di poter dire vieni qua che c’è chi ti accoglie e ti da una mano».

Chantal Bomprezzi, Segretaria del PD Marche, ha anch’essa condiviso le preoccupazioni di Schlein, criticando il governo regionale guidato da Acquaroli. Bomprezzi ha affermato: «Acquaroli continua a fare il pesce in barile nascondendosi dietro la figura del vice-commissario Babini per coprire la compagna di partito Meloni. Le Marche sono sempre più isolate; da noi, a differenza dell’Emilia Romagna, mai chiesti risarcimenti al 100% per famiglie, cittadini e imprese».

Bomprezzi ha evidenziato la mancanza di coinvolgimento dei Sindaci e la carenza di personale nella gestione dell’emergenza: «Chiediamo trasparenza e condizioni eque per tutti».

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.