fbpx
Connect with us

Pescara

Pettinari lascia il M5S e lancia la sua candidatura a Pescara, il Movimento: «storia già vista»

Pubblicato

il

domenico pettinari lascia il m5s e si candida a pescara

Il consigliere regionale lancia una coalizione civica che, nelle dichiarazioni, sarà alternativa alle candidature di centrosinistra e centrodestra. Il M5S però accusa Domenico Pettinari di opportunismo politico: si candida a Pescara alla scadenza del suo secondo mandato.

PESCARA – Il consigliere regionale Domenico Pettinari correrà per la fascia tricolore a Pescara, ma non sotto le insigne del Movimento 5 Stelle, bensì con una lista civica. A partire dal prossimo marzo, ha fatto sapere, le strade si separeranno. Pomo della discordia, le alleanze politiche. La coalizione con Pd, Azione ed Italia Via per Pettinari più un campo largo è un camposanto: «hanno scelto loro da che parte stare. Io rimango con i miei sani principi, la mia coerenza e la voglia di cambiare questa città, fuori dai partiti».

L’interpretazione del Movimento 5 Stelle però diverge: «Una presa di distanza radicale che arriva, come è accaduto per altri portavoce, allo scadere del secondo mandato. Una storia che si ripete. Una storia che, seppur raccontata con parole diverse a seconda di chi la narra, si conclude sempre allo stesso modo: in altri partiti o ricoprendo ruoli che all’interno del Movimento non possono essere rivestiti» ha commentato il capogruppo in Regione Francesco Taglieri. Impossibile non notare il riferimento all’ex ministro Di Maio.

Dunque secondo il Movimento più che divergenze su programma e coalizione, a spingere il vicepresidente del Consiglio regionale ad intraprendere un nuovo percorso politico sarebbe stato il vincolo di due mandati, che i pentastellati hanno in statuto. Chi ha già svolto due mandati infatti, non più ricandidarsi con il Movimento 5 Stelle.

Pettinari però rigetta tale ricostruzione: «A nulla valgono le regole del doppio mandato perché come ho ripetuto più volte ho rifiutato tantissime offerte da parte del M5S che voleva facessi il candidato Sindaco della coalizione . Poi mi dovranno spiegare perché è consentito fare anche 10 mandati da Ministro ,sottosegretario e assessore nominato e non eletto …».

Pescara

Botte alla compagna a Pescara, ma intervengono i Carabinieri: arrestato

Pubblicato

il

cc carabinieri 112 volante

Quando hanno udito le grida provenienti da quell’appartamento, le altre persone che abitano in quel condominio hanno lanciato l’allarme. I Carabinieri di Pescara lo hanno arrestato in flagranza di reato: a causa delle botte, la sua compagna aveva il volto tumefatto.

PESCARA – Non era la prima volta che veniva fatta oggetti di maltrattamenti. Per anni ha subito vessazioni di ogni tipo e violenza, sia fisica che psicologica. Botte, insulti, frasi ingiuriose. Ieri mattina, domenica 21 aprile, il copione si è ripetuto uguale, ma questa volta sono intervenuti i Carabinieri, che hanno arrestato un trentaquattrenne di Pescara che aveva preso a botte la compagna, nell’appartamento nel quale abitavano.

Sono state proprio le grida provenienti dall’appartamento ad attirare, intorno a mezzogiorno, l’attenzione di una pattuglia della Radiomobile. I Carabinieri sono entrati in azione giusto in tempo: lam donna aveva già un occhio tumefatto ed il corpo coperto di lividi. Il suo compagno l’ha tempestata di pugni, non risparmiandole nemmeno il volto.

La donna è stata accompagnata in Pronto Soccorso, dove ha ricevuto una prognosi di 21 giorni. Durante la ricostruzione dei fatti, è stato accertato che in passato aveva già subito violenze. Il suo compagno è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia, in attesa dell’udienza di convalida.

Continue Reading

Pescara

Amministrative 2024, Masci verso la ricandidatura a Pescara, ma la Lega chiede una verifica

Pubblicato

il

municipio pescara

Il sindaco uscente dovrebbe incassare nuovamente l’appoggio della coalizione di centrodestra, anche se la Lega chiede una «verifica sul gradimento reale».

PESCARA – Si è ufficialmente insediata ieri la Giunta Regionale della XII Legislatura e, con le ultime polemiche relative alle nomine degli assessori, può definitivamente considerarsi concluso il dibattito relativo alle Regionali del 10 marzo scorso. E’ tempo, dunque, di aprire quello relativo alle prossime Elezioni Amministrative, che a giugno riguardano 97 comuni abruzzesi. Le sfide più importanti a Montesilvano, Giulianova e Pescara, dove il sindaco Carlo Masci dovrebbe ottenere l’appoggio della coalizione di centrodestra e presentare la propria ricandidatura, anche se il coro a sostegno del primo cittadino uscente non è canta proprio all’unisono: la Lega infatti ha espresso qualche perplessità.

Con una nota a firma del portavoce regionale Franco De Santis, chiede una «verifica sul gradimento reale dell’attuale sindaco Carlo Masci. L’obiettivo che dovremo darci – prosegue De Santis – sarà di evitare a tutti i costi che le sinistre possano avere qualche possibilità di vittoria, impedendo loro di governare ancora una volta e male la città di Pescara. C’è la necessità di un’analisi sulla figura dell’attuale sindaco, richiesta insistentemente da più parti e l’intera coalizione non può che tenerne conto». Che tradotto significa che il carroccio solleva dubbi sulla forza elettorale di Masci.

A stretto giro arriva la replica di Lorenzo Sospiri, fresco di nomina a Presidente del Consiglio Regionale: «Incontreremo la Lega, così come tutti gli altri partiti e liste civiche della coalizione di centrodestra, per un confronto indispensabile sulle prossime amministrative di Pescara e sicuramente otterremo il loro consenso avendo governato sempre e su ogni tema insieme, assumendo sempre decisioni condivise». Che tradotto significa: alla fine troveremo una quadra. Molto probabilmente su Masci.

Insomma, sebbene non appaia davvero in discussione, si è in qualche modo complicata la strada che porta alla conferma dell’attuale primo cittadino. Che pareva essersi messi al riparo dalle insidie del fronte interno nel momento in cui Valeria Toppetti, che sembrava in procinto di candidarsi come sindaca tra le fila di Forza Italia, ha garantito il suo appoggio al sindaco. Adesso però è la Lega a mormorare, anche in seguito ai malumori venutisi a creare dopo le nomine della Giunta Regionale, e a portare qualche nube sulla ricandidatura di Mascia a Pescara.

Continue Reading

Pescara

Atti sessuali con un’alunna: sospesa professoressa a Pescara

Pubblicato

il

aula-scuola

Una docente di 5 anni di un noto istituto pescarese è stata interdetta dall’insegnamento per 12 mesi. Ha avuto una relazione clandestina con un’alunna minorenne, con la quale ha avuto anche un rapporto sessuale.

PESCARA – Prima giusto qualche messaggino, poi le conversazioni si sono fatte via via più intense. Anche nel cuore della notte. Gli apprezzamenti si sono fatti sempre più audaci e tra le due è sorta una reciproca attrazione, sfociata in un rapporto sessuale. Ma una era una docente, l’altra una sua allieva. Minorenne. La professoressa di 55 anni di un noto istituto di Pescara è stata sospesa per 12 mesi a causa degli atti sessuali con l’alunna minorenne. All’epoca dei fatti la ragazzina aveva 14 anni, ora ne ha 16.

La relazione tra le due sarebbe nata sul finire del 2022 e sarebbe proseguita fino allo scorso marzo. Prima qualche battuta, poi conversazioni sempre più fitte e decise. Fino a che l’alunna minorenne si è recata a casa della professoressa, a Pescara, e le due hanno compiuto atti sessuali. Dopo quella volta non hanno mai più avuto un rapporto completo, ma non sono terminati gli scambi di effusioni durante incontri clandestini nelle aule della scuola o nel laboratorio.

A poco a poco però la giovane, inizia ad allontanarsi e manifesta l’intenzione di troncare quel rapporto. Non ha negato il fatto che fosse consenziente, ma ha detto di essersi sentita confusa ed in qualche modo nel torto, sebbene attratta da quella donna più grande di lei.

Il pm aveva chiesto nei confronti della docente gli arresti domiciliari, ma il gip ha ritenuto sufficiente l’interdizione dall’insegnamento per 12 mesi e il divieto assoluto di aver contatti di qualunque natura con la ragazza. Il legale della professoressa però ha annunciato che reputala sentenza troppo severa e che si appellerà al Tribunale del Riesame, anche per attendere i risultati delle perizie sul telefono della ragazza e poter leggere le chat che sono state cancellate.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.