fbpx
Connect with us

Teramo

Siamo Alba: «sul Lungomare vogliamo vederci chiaro, i tagli vanno fermati»

Pubblicato

il

taglio alberi alba adriatica lavori nuovo lungomare

Il gruppo all’opposizione in Consiglio Comunale ad Alba Adriatica punta il dito contro il taglio di alcuni alberi durante i lavori di rifacimento del lungomare e chiede maggior condivisione del progetto all’amministrazione Comunale.

TERAMO – I lavori di rifacimento del lungomare di Alba Adriatica continuano a tenere banco e ad alimentare il dibattito pubblico cittadino. Il gruppo di minoranza Siamo Alba torna nuovamente sulla questione e chiede maggior condivisione all’Amministrazione Comunale, oltre a protestare per l’abbattimento di alcune alberature durante i lavori per il nuovo lungomare.

«Il Sindaco continua a confondere la cittadinanza, sovrapponendo piani di comunicazione e richieste differenti che stiamo inoltrando» comincia la nota diffusa dal gruppo, che prosegue: «Forse non è chiaro al Sindaco che le 800 firme sono state raccolte non solo per trattare la discussione sulla liquidazione del sistema arboreo storico del lungomare in atto in questi giorni, ma per colmare una lacuna addirittura precedente a questa vicenda incresciosa. Con le 800 firme i cittadini vogliono essere messi a conoscenza dal consiglio comunale di cosa l’amministrazione sta per realizzare sul lungomare, di quale progetto si tratta e di come verranno investiti 6 milioni di denaro pubblico».

«Questo progetto del nuovo lungomare non è chiaro a nessun cittadino e lo stesso consigliere
capogruppo di maggioranza Luca Falò ha pubblicamente ammesso che lo strumento messo a
disposizione dall’amministrazione (QR code) non è perfettamente rispondente a fornire le informazioni dovute».

Poi Siamo Alba punta il dito contro un tema specifico dei lavori di rifacimento del Lungomare, il taglio di alcuni alberi: «E’ stato denunciato lo scempio effettuato in questi giorni dall’abbattimento delle alberature del lungomare con un metodo oltraggioso che supera persino il programma di interventi previsti dalle stesse relazioni depositate dai tecnici incaricati dall’Ente. […] I tagli che in questi giorni abbattono i pioppi neri, patrimonio storico della città, vanno sospesi. Il Sindaco è chiamato a discutere con urgenza sul tema specifico del verde pubblico messo in serio pericolo. Vogliamo valutare con attenzione le perizie depositate, il valore scientifico delle stesse, poiché siamo memori degli sbandamenti già emersi in passato negli studi depositati sulla pineta. Vogliamo capire perché la ditta abbia addirittura agito superando le indicazioni progettuali ed abbia tagliato sui primi cento metri di cantiere il 100% delle alberature storiche presenti sul bordo strada. Sono stati eliminati alberi sicuramente in stato di salute e di vigore vegetativo tale da essere considerati ancora un bene prezioso della città. Desta perplessità in questo caso il silenzio assenso dell’amministrazione comunale deputata al dovere della conservazione del bene ambientale cittadino. Se il Sindaco non sospenderà i tagli e non perverrà al confronto sul verde pubblico da noi richiesto, saremo costretti a raccogliere altre 200 firme per convocare, (come stabilito per via di diritto dalle
norme dello Statuto Comunale), il Forum cittadino per il confronto sulle problematiche legate alla gestione del verde del lungomare».

La nota conclude: «E’ la prima volta che ad Alba Adriatica diventa necessario raccogliere firme tra i cittadini per discutere di temi che interessano per via diretta gli interessi della comunità.
Perdura dunque l’atteggiamento ambiguo e la mancanza di trasparenza, già emersa drammaticamente per il caso delle pinete che vennero salvate dal disastro dei tagli grazie all’intervento della cittadinanza».



Teramo

Malmenato e rapinato alla stazione di Giulianova: tre arresti

Pubblicato

il

rapinato in stazione arresti della polfer polizia ferroviaria treni

I fatti si sono svolti in aprile, ma le indagini si sono concluse soltanto nei giorni scorsi. Oltre a questo episodio, a carico dei tre presunti responsabili sono stati ascritti altri reati commessi in concorso.

TERAMO – Nell’aprile scorso hanno aggredito e rapinato un cittadino straniero nel piazzale antistante la stazione dei treni di Giulianova. In quell’occasione, sono stati immortalati dalle telecamere dei sistemi di videosorveglianza e questo ha permesso agli agenti di Polizia Ferroviaria di riconoscerli, nei pressi del luogo del delitto.

Tre persone di cittadinanza italiana sono stati arrestati per la rapina aggravata ed altri reati commessi in concorso. Per due di essi sono scattati i domiciliari, mentre un altro è finito in carcere.

Quando sono stati riconosciuti ed avvicinati nei pressi della stessa stazione, uno di loro ha cercato di aggredire gli agenti di Polfer intervenuti, con un paio di forbici che aveva in tasca. Immobilizzato, è stato arrestato, mentre gli altri due sono stati indagati a piede libero. Dai successivi approfondimenti però sono emersi nuovi indizi nei confronti dei tre che hanno rapinato una persona alla stazione di Giulianova, legati ad altri episodi delittuosi, che hanno portato alle misure emesse dal Gip lo scorso 20 luglio.

Continue Reading

Teramo

Anziano truffato e rapinato al bancomat a Teramo: un arresto

Pubblicato

il

squadra-mobile-polizia

Lo scorso 4 aprile un uomo ha truffato un anziano a Teramo, convincendolo ad inserire il suo pin ad un bancomat: prelevati 1000 euro.

TERAMO – Le indagini sono durate alcuni mesi, ma alle prime dello scorso sabato 20 luglio, la Squadra Mobile ha arrestato e condotto in carcere l’uomo di 47 anni che lo scorso 4 aprile ha truffato e derubato un anziano ad un bancomat.

Con una scusa e con fare amichevole, l’uomo ha agganciato la sua preda in Viale Bovio. spacciandosi per un rappresentante di oggetti preziosi, proponeva all’anziano un affare imperdibile: tutto a 100 euro. Il signore vittima del raggiro ha accettato, ma non avendo con sé il denaro si è recato ad uno sportello bancomat, in compagnia del truffatore.

Qui, con il pretesto di essere più pratico e spostando letteralmente di peso l’anziano, l’uomo si è impadronito dei comandi dello sportello, quando il pin era ormai già stato inserito. Ha prelevato 500 euro e li ha fatti sparire in tasca, senza che la vittima del raggiro si accorgesse di nulla. L’assenza di scontrino è stata giustificata come un errore dell’ATM.

Sembra difficile riuscire a prelevare il denaro dalla cassa automatica senza farsi scoprire, eppure il quarantasettenne ci è riuscito. Due Volte. L’anziano infatti si è dimostrato interessato all’acquisto e l’intera operazione è stata ripetuta. In questo modo il malintenzionato ha prelevato mille euro. E consegnando in cambio paccottiglia di scarsissimo valore.

Una volta resosi conto di essere stato truffato, l’anziano ha sporto denuncia in Questura e sono state avviate le indagini per risalire al presunto responsabile.

Continue Reading

Teramo

Controlli dei Carabinieri con il laboratorio mobile per il Carnevale Estivo di Giulianova

Pubblicato

il

controlli carabinieri teramo giulianova LABORATORIO MOBILE 2

I Carabinieri in concomitanza con il Carnevale Estivo di Giulianova hanno intensificato i controlli su strada e nei luoghi della movida, impiegando anche un laboratorio mobile, per reprimere in particolare i fenomeni della guida in stato d’ebrezza e quello dello spaccio tra i più giovani.

TERAMO – Hanno utilizzato anche il laboratorio mobile della Forensic Lab Service srl, i Carabinieri impegnati nei controlli straordinari del territorio in occasione del Carnevale Estivo di Giulianova.

Il laboratorio mobile impiegato nell’ambito di un protocollo operativo per l’accertamento della guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti direttamente su strada rientra nell’ambito di un protocollo stipulato tra il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ed il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

10 pattuglie hanno fermato oltre 100 veicoli, identificando più di 250 persone. Tre di essere sono risultate alle guida in stato d’ebrezza ed è stato loro ritirata la patente. Le auto sono state sequestrate.

Oltre a questo, un giovane è stato sorpreso in possesso di diverse dosi di stupefacenti pronte per la vendita ed è stato denunciato. Un altro, trovato in possesso di una modica quantità di cocaina, è stato segnalato alla Prefettura in qualità di assuntore.

I Carabinieri infine hanno dato esecuzione a due misure di custodia cautelare in carcere emessi dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Teramo nei confronti di un uomo di 63 anni, per violazione degli obblighi famigliari, e i un uomo di 45, per reati contro il patrimonio.

controlli carabinieri teramo giulianova LABORATORIO MOBILE

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.