fbpx
Connect with us

Abruzzo

Dizionario minimo dell’offesa in Abruzzo

Gino Bucci

Published

il

Cesare Pavese – che non era pavese e neppure abruzzese – diceva: «nulla è volgare di per sé, ma siamo noi che facciamo volgarità secondo come parliamo o cosa pensiamo». L’offesa, specialmente quella dialettale, è un’arte nobile; poiché non mira all’ingiuria (solitamente), ma alla presa in giro. E ridere nobilita l’uomo.

Attraverso la pagina “L’abruzzese fuori sede” – grazie ai commenti degli utenti e tramite un sondaggio – sono state raccolte alcune delle offese più amate dagli abruzzesi, partendo dagli evergreen, giungendo a delle chicche non banali. Non esistendo una lingua abruzzese unica, sono state inserite le frasi più utilizzate a livello regionale, nei vari dialetti, in ordine alfabetico.

Ar’cala da ssa piand/piticon/quercia: Abbassa la cresta.

Cacacazz: Persona noiosa, stancante.

Chiappagallì: Fanfarone, chiacchierone inutile.

Chisciccis/’sciccis: Che tu possa morire.

Cellangulo: Volendo: “Bimbominkia”.

Cengion: Scarso.

Fangul.

La fregna di sorete/mammete ecc.: Celebre sinonimo di vulva dei dialetti centro-meridionali. Si noti la tipica enclisi del possessivo (tua madre — mammete).

Lu cazz che te frech: Svariati gli utilizzi per il primo termine; in questo caso: “Non sono d’accordo con te, stai dicendo un’idiozia”. Segnaliamo, inoltre:

– Che cazz vu!?

– Chi cazz ti cunosc’?

Mammalucc: Persona di non rapidissimo pensiero.

Maulone: Gattone, tipo furbo.

‘Mbapite-‘Mbapì/’Ndundite-‘Ndundì: Tonto, tontolone.

‘Ndrigande/’Ndricante: Traffichino, tipo losco.

‘Ngul a mammet (Ngula a mammete): la frase regina, il mantra di ogni vero cittadino d’Abruzzo. Pronunciata quasi come una parola unica, con echi ancestrali e salmodianti. L’offesa alla madre – non a caso – è un classico mondiale.

Puzza/Puzz/Puozz: Le offese con Puzza (che tu possa) e varianti sono infinite, ne ricordiamo alcune:

– Puzza avè na raja – T’ puzz arrajà (Che tu possa avere un forte dispiacere).

– Puzza avè na fun ‘nganne/ Che t’ puzza noma mbenn (Che tu possa perire tramite impiccagione).

– Puzza cacà li chiuv. (Che tu possa defecare dei chiodi, con dolore).

– Puzza fa bubbù. (Solitamente rivolta a dei bambini).

– Puzza fa la vav/ la vav giall/ la vav nir (Che tu possa fare la bava gialla o nera, stare male).

– Che ng’ puzza arr’và. (Che tu possa cadere nel tuo incedere).

– Che t’ puzza cicà/ard/sfiatà. (Che tu possa divenire non vedente/ bruciare / soffocare).

– Che t’ pozza pija nu tucch/tocch. (Che tu possa avere un male improvviso).

– Puzza ittà lu sangue/ Puzza avè nu sbucch d’ sangue. (Che tu possa avere un’emottisi). Variante tipica: Puzza jettà lu velen.

– Puzza ‘ngarrà li dind. (Che tu possa serrare i denti/morire).

– Puozza sendì la messa ppe llungh. (Che tu possa ascoltare la messa allungato/dalla bara).

Bonus:

 Che te pozzene cresce j’occhi alle tinocchia, cuscì quanne cammini pe’ le restoppie te cichi! Che possano crescerti gli occhi sulle ginocchia così quando cammini per le restoppie (stelo della pianta del grano dopo l’aratura) diventi cieco. (Marsica).

– Puzza cascà pi li scal ng li man/min ‘nsaccocce. (Che tu possa cadere da una scala con le mani in tasca, senza possibilità di proteggerti).

– Se ngià rivedem la mmanganze puzza esse la tua. (Nel caso in cui non dovessimo rivederci, spero che a mancare sarai tu).

– Quanno dio stea a somentà lo stupido, ncima a ti s’è scioto ju saccu. (L’Aquila): Inserita, nonostante la peculiarità dialettale, per l’eccezionale inventiva: Quando Dio stava seminando la stupidità, sopra di te si è sciolto il sacco.

Sagnon: Una sagna, un tipo molle.

Salablacco/Salabracc: Scemo, Boccalone.

Sturd’llit/Stupitò: Stordito/Molto stupido.

Ti la coccia sol pe spartì li recchie: Stupido, senza cervello.

Ti trit gne/nda lu sal fin: Ti faccio molto male.

Turdacò: Tordo. Tonto.

Vann/Va’ a pasc’ li pecure: Vai a far pascolare le pecore, vai a lavorare.

Vatt a r’ponne /a durmì: Fatti da parte, togliti di mezzo.

Voccapè: Di persona semplice, non molto intelligente.

Zalleccus: Sporco, sporcaccione. Utilizzato sovente nel detto popolare: “Chi è schifus, è zalleccus” (Chi fa troppo lo schizzinoso, spesso, è lui stesso uno sporcaccione).

 

L’articolo è in continuo aggiornamento.

 

 

 

 

Pescara

Pescara: sequestrati 6 chili di droga, nei guai un 38enne e un 25enne

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – Sequestrati 6 chili di droga. E’ questo il bilancio dell’operazione compiuta dalla sezione antidroga della squadra mobile di Pescara. A finire nei guai, un 38enne e un 25enne che, già da tempo, gli investigatori tenevano d’occhio. Durante la perquisizione dell’abitazione del 38enne, sarebbero stati rinvenuti un altro chilo di cocaina, pronto per essere immesso sul mercato dello spaccio, 5 chilogrammi di marijuana e alcuni involucri contenenti 100 grammi di hashish e materiale per il confezionamento delle dosi. Ora i due uomini, dovranno rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Per il 28enne sono stati disposti i domiciliari, mentre per il 38enne si sono aperte le porte del carcere.

Continua a leggere

Abruzzo

Controguerra: casi di Covid-19, chiusa la scuola dell’infanzia

Pio Di Leonardo

Published

il

CONTROGUERRA – Con Ordinanza Sindacale n. 04 del 02/03/2021 è stata disposta la sospensione dell’attività didattica e la chiusura della Scuola dell’Infanzia in via E. Fermi nel Comune di Controguerra.

La ASL ha avviato la procedura ai sensi del D.M. 3787 del 31/01/2021 in quanto si tratta di caso COVID-19 sospetto per infezione da variante, pertanto sono stati immediatamente disposti i tamponi a tutti i contatti.

Sentito il Direttore della ASL il sindaco Franco Carletta precisa che, ai sensi del D.M. 3787 del 31/01/2021 tutti i contatti individuati ed i loro conviventi sono disposti all’isolamento domiciliare per elevata trasmissibilità della variante.

Carletta sottolinea che il corretto svolgimento della quarantena disposta dalla ASL è volta a limitare la diffusione del virus e per i conviventi si ricorda di rispettare rigorosamente e costantemente le misure di distanziamento fisico, di indossare la mascherina e, in caso di comparsa di sintomi, di isolarsi immediatamente contattando il medico curante.
I tamponi effettuati in data odierna dovranno essere ripetuti il 12/03/2021 presso il Test drive di Tortoreto. La quarantena potrà interrompersi solo dopo l’esito del secondo tampone, e nella settimana successiva alla fine della quarantena dovranno osservarsi rigorosamente tutte le misure di distanziamento volte a limitare i contagi.

“Sono a stretto contatto con la Dirigente Scolastica e con il Direttore della ASL per coordinare le azioni da intraprendere” afferma il primo cittadino di Controguerra.

Continua a leggere

Pescara

Pescara: investe un cane e si schianta contro un’auto, ferito ciclista 58enne

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

PESCARA – L’incidente è avvenuto questa mattina, mercoledì 3 marzo, in via Di Sotto a Pescara. Un ciclista di 58 anni avrebbe investito un cane, schiantandosi poi contro un’automobile parcheggiata. Da quanto appreso, il cane sarebbe sfuggito al padrone e dopo l’investimento, il ciclista, avrebbe perso il controllo della sua bicicletta. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno provveduto al trasferimento in ospedale dell’uomo in codice rosso. La prognosi, dopo il ricovero in chirurgia toracica, sarebbe di 30 giorni. Per i rilievi, la polizia municipale di Pescara.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy