fbpx
Connect with us

Chieti

Il centro storico di Bucchianico immutato dal XIII secolo

Published

on

Il centro storico di Bucchianico

CHIETI – Il centro storico di Bucchianico fornisce un’immagine chiara della sua storia. L’attuale forma urbanistica del centro antico è identica a quella vista e vissuta da S. Camillo; nulla è cambiato nell’impianto, se non in piccola parte in seguito all’intensa ricostruzione edilizia avvenuta nel XVIII secolo, modificante peraltro anche la morfologia volumetrica. L’assetto urbanistico della Bucchianico antica risale ai secoli XIII e XIV ed è connesso alla fioritura comunale che si ebbe, sebbene già nei secoli precedenti vi fosse un chiaro modello di sviluppo urbano.

Il centro storico di Bucchianico si sviluppa sui quattro assi longitudinali e paralleli: Corso Samuele Pierantonj, via S. Camillo, via Vasari e via S. Bartolomeo, cui si intersecano ripide traverse denominate “rue” (o “rue acquarie”) inizialmente destinate allo scolo delle acque meteoriche e domestiche.

Alle estremità degli assi che si adattano alla morfologia della collina, la piazza Roma (già Piazza S. Angelo) e la chiesa di S.Urbano (già monastero benedettino) fungono da poli contrapposti e centri di vita sociale.

Il tessuto edilizio si adagia alle falde collinari rivelando la lottizzazione medievale e la successiva modificazione sei-settecentesca.

Scendendo dalla piazza nella scalinata di via Cappellina S. Camillo si scorge sulla destra il medievale Portico di S. Silvestro con due campate voltate a crociera interamente realizzate in mattoni con due ben conservati archi gotici. Sopra questo portico si sviluppava l’antica chiesa di S. Silvestro (prime notizie risalgono al 1085) trasformata nella seconda metà del ‘700 nel palazzo Maij Scoppetta.

Di questo palazzo si osserva dalla piazza l’ordinata facciata, ritmata dalle paraste binate con cornice a dentelli, entrambi realizzati nella sapiente combinazione cromatica del mattone rosso e mattone giallo.

Il nome del paese prende origine da una disputa che ci fu nel XIV sec. tra chietini e bucchianichesi circa i confini. L’esercito chietino era prossimo alle mura e i bucchianichesi si preparavano a respingere un attacco che si preannunciava fatale per Bucchianico. Ma Sant’Urbano andò in sogno al Sergentiere, capo della milizia, (questa figura è ereditaria ed appartiene da secoli alla famiglia Tatasciore-papè) e gli suggerì di far correre gli uomini, contraddistinti da fasce rosse e azzurre e con un pennacchio di piume colorate, sui merli delle mura in andirivieni per far sembrare l’esercito più numeroso di quanto realmente fosse. Nel frattempo, la popolazione delle campagne si era rifugiata, condotta dal Banderese, dentro le mura di Bucchianico. Il trucco funzionò e i chietini, spaventati, desistettero dall’attaccare.

Continue Reading
Advertisement

Chieti

Il Giro d’Italia 2023 partirà in Abruzzo, a Fossacesia la “Grande Partenza”

Published

on

Giro d'Italia-2023-Grande-Partenza-Fossacesia-Abruzzo-Costa-dei-Trabocchi

Tre tappe abruzzesi al Giro d’Italia 2023, arrivato alla 106^ edizione, che partirà da Fossacesia il prossimo 6 maggio e che toccherà tutte le province d’Abruzzo.

L’AQUILA – Le indiscrezioni dei giorni scorsi sono state confermate nella conferenza stampa di questa mattina. Il Giro d’Italia 2023 partirà in Abruzzo, più precisamente da Fossacesia dove avverrà la “Grande Partenza”. La centoseiesima edizione della corsa ciclistica più amata dagli italiani, e tra le più seguite al mondo, partirà il prossimo 6 maggio. La splendida Costa dei Trabocchi è la cornice scelta per ospitare la prima tappa della Corsa Rosa, una crono individuale di 18,5 chilometri che terminerà ad Ortona.

Alla cerimonia di presentazione, oltre ai sindaci dei comuni che saranno attraversati dalla carovana rosa, il Presidente di Regione Abruzzo Marco Marsilio, il Direttore del Giro, Mauro Vegni e il Direttore Generale della RCS Sport, Paolo Bellino.

La “Grande Partenza” da Fossacesia a Ortona non sarà l’unica tappa abruzzese del Giro d’Italia 2023, che toccherà tutte le province della Regione. La seconda tappa, che oltretutto attraverserà nuovamente Fossacesia, è la Teramo-San Salvo, mentre la terza partirà da Vasto e si dirigerà a sud, ma ancora non è stata fissato l’arrivo. La settima tappa infine, si concluderà con una salita sul Gran Sasso.

«La “Grande Partenza” dalla nostra città è un evento storico per Fossacesia, straordinario sia per il valore sportivo, che per l’imponente ricaduta mediatica e turistica  – afferma a caldo il sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio – Se c’è uno sport capace di presentare sul palcoscenico internazionale un territorio con le sue bellezze e le sue tipicità, questo è il ciclismo. Dovremmo essere quindi capaci di cogliere appieno la grande opportunità che ci è capitata. Sarà anche l’occasione per ricordare al mondo intero Alessandro Fantini, una delle figure simbolo dello sport regionale, protagonista dal 1948 al 1961 di successi dal valore assoluto nel ciclismo a cui Fossacesia ha dedicato la sua piazza principale e lo scorso anno, le sue spoglie, per 60 anni custodite a Brescia, sua città d’adozione, sono ritornate nella terra d’origine. Ma questa è anche la città nella quale amava soggiornare in estate Gino Bartali, al quale è intitolata una strada del lungomare della Marina».

Continue Reading

Abruzzo

Giro d’Italia, dopo 20 anni nel 2023 il via in Abruzzo: show sui Trabocchi

Published

on

L’AQUILA – “Grande partenza dal mare fino si contrafforti dell’Appennino, un Giro d’Italia che toccherà tutte le province dell’Abruzzo”, così Mauro Vegni direttore del Giro d’Italia Ha introdotto all’Aquila la Gran Partenza in Abruzzo del Giro d’Italia 2023 prevista per 6 maggio dalla Costa dei Trabocchi a Fossacesia in provincia di Chieti. Come riporta l’Ansa, la presentazione , precede quella di tutte le tappe previste a Ottobre è stata organizzata dalla Regione Abruzzo, attore principale di questa impresa.

Per la seconda volta nella storia, dopo quella del 2001, la Corsa Rosa partirà dalla Regione Abruzzo. La prima e la seconda tappa si svolgeranno interamente sul territorio, la terza, con partenza da Vasto, si dirigerà verso Sud mentre la settima farà ritorno in Abruzzo terminando ai 2135 metri del Gran Sasso d’Italia (Campo Imperatore). Alla presentazione sono intervenuti i ciclisti abruzzesi della Trek-SegafredoTruck Giulio Ciccone e Dario Cataldo il primo originario di Chieti e il secondo di Miglianico (CH). In partenza ci sarà una cronometro individuale di 18.4 km sulla Costa dei Trabocchi da Fossacesia Marina (quasi interamente sulla pista ciclabile) ad Ortona. La seconda frazione sarà adatta ai velocisti e porterà il gruppo da Teramo a San Salvo (7 maggio). Il giorno successivo la carovana saluterà l’Abruzzo con una tappa che partirà da Vasto con direzione Sud prima di rientrare sul territorio venerdì 12 maggio con la settima frazione che si concluderà sul Gran Sasso d’Italia (Campo Imperatore). Per il quarto anno di fila l’Abruzzo ospiterà un arrivo in salita. Da notare che nelle ultime due occasioni il vincitore di tappa, nel 2021 Egan Bernal a Campo Felice e nel 2022 Jai Hindley sul Blockhaus, si è anche aggiudicato il Giro d’Italia.

“Un prologo sulla costa dei Trabocchi è qualcosa di speciale perché io lì mi ci alleno tutti i giorni, qualcosa di incredibile a livello emotivo”, dice Cataldo. “Mi godrò il tempo e le strade su questa crono”, dice scherzando lo scalatore Ciccone, sottolineando: “Una partenza dalla costa dei trabocchi è un sogno che si avvera per noi ciclisti abruzzesi.”

Continue Reading

Abruzzo

Vasto, corriere arrestato sull’A14: aveva 11 kg di cocaina

Published

on

CHIETI – Un carico di 11,8 chilogrammi di cocaina, che sul mercato al dettaglio potrebbe rendere all’incirca un milione di euro, è stato sequestrato ieri sull’autostrada A14 dagli agenti della Sottosezione della Polizia Stradale di Vasto Sud che hanno arrestato un uomo, un italiano, poi rinchiuso nel carcere di Lanciano.

Come riporta l’Ansa, gli agenti avevano notato una Volvo V60 ferma in una piazzola di sosta dell’autostrada, in direzione sud: il conducente era fuori dall’abitacolo e i poliziotti si sono fermati per verificare se avesse bisogno di aiuto.

All’uomo sono stati richiesti i documenti di identità e la carta di circolazione e durante il controllo è sembrato subito particolarmente nervoso e poco collaborativo, tanto che gli agenti si sono insospettiti e dopo aver chiesto i rinforzi della Squadra di Polizia Giudiziaria, hanno scortato l’auto fino alla Sottosezione di Vasto per procedere a controlli più approfonditi.

La perquisizione al veicolo, effettuata con l’ausilio delle squadre cinofile del Gruppo Guardia di Finanza di Pescara, ha consentito il ritrovamento di alcuni panetti di stupefacente, ma è stato necessario l’intervento dei Vigili del fuoco per ispezionare il veicolo in modo approfondito e scoprire altri panetti che erano nascosti in un tunnel posizionato sotto il cambio. Per accedere al nascondiglio, difficilmente raggiungibile, è stato necessario smontare i sedili, parti degli interni e il cruscotto del veicolo. 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.