fbpx
Connect with us

Abruzzo

Marta Viola nuova responsabile di MW Abruzzo

Pubblicato

il

L’Assemblea ordinaria delle socie e dei soci abruzzesi di MW Italia svoltasi in remoto il 30 gennaio 2021 ha eletto all’unanimità la giovane attivista Marta Viola Responsabile regionale per il triennio 2021/2023, alla presenza di Franco Tessadri Presidente nazionale e di Fabio Valentini della Segreteria nazionale.

            Marta è la prima donna che assume questo ruolo in Abruzzo a rappresentare Mountain Wilderness Italia  (Associazione Alpinistica e di Protezione Ambientale riconosciuta dal Ministero dell’ambiente, aderente a Mountain Wilderness International – Alpinisti/e di tutto il mondo in difesa della Montagna).

            Marta è membro del Consiglio Direttivo nazionale di MW, cura la grafica e l’impaginzione del Notiziario Nazionale e il Magazine della Montagna Etica.

            Sin dall’infanzia ha iniziato a frequentare le montagne dell’Appennino centrale e da ragazza le Alpi occidentali e centrali, le Dolomiti e i Pirenei, praticando l’escursionismo, l’arrampicata, la speleologia e lo sci.

            Marta si è laureata in Psicologia Clinico-Dinamica all’Università di Padova. Ha frequentato lo IED (Istituto Europeo del Design) per a Fotografia. Ha esposto le sue opere in Italia e all’estero. Scrive su riviste regionali e nazionali. Ha pubblicato il libro Sangue Bianco nel quale racconta i suoi mesi vissuti in ospedale, nella lotta per vincere la leucemia.

Segue la dichiarazione della nuova responsabile.

“Ringrazio le socie e i soci abruzzesi di MW per l’incarico che mi hanno affidato per il triennio 2021/2023. Ho chiesto a loro il sostegno per la salvaguardia delle nostre montagne, ultimi spazi liberi e incontaminati dell’Abruzzo e per aiutare i giovani montanari resilienti ad assumere il ruolo di protagonisti attivi nella tutela, gestione e valorizzazione del loro (e nostro) Capitale Natura. Il Progetto Laboratorio Appennino delle buone pratiche verrà portato avanti dal gruppo di lavoro dei soci che si è costituito  l’8 gennaio, aperto al contributo di altri soci e dei piccoli imprenditori di montagna resilienti.

            La crisi climatica globale ci chiede di agire in fretta, con comportamenti responsabili. In Abruzzo, le prime vittime del clima alterato si sono manifestate con la scomparsa del ghiacciaio Calderone, morto con 30 anni di anticipo rispetto alle previsioni dei glaciologi; il calo delle precipitazioni nevose che ha ridotto le risorse idriche per gli abitanti e per l’irrigazione dei campi agricoli; i fiumi con meno acqua che non trasportano materiale solido sulla costa per ripascere le spiagge; il mare Adriatico che risale di livello e l’erosione che consuma gli arenili; le mareggiate sempre più estreme che spingono il mare a lambire le città. Di fronte a queste emergenze epocali, le istituzioni preposte continuano a far finta di nulla e ad investire denaro pubblico per opere inutili.

            Abbiamo tutte/i il dovere civico di risparmiare le risorse naturali ancora disponibili, di pulire l’aria, l’acqua, l’aria, il suolo dall’inquinamento chimico consentito da un modello di sviluppo attuato dalla politica degli ultimi 40 anni contro il benessere della natura e della salute umana.

            Dobbiamo tutelare e incrementare le foreste, i boschi, gli alberi e le siepi e le erbe spontanee per il contenimento dell’effetto serra e dare ospitalità agli animali di terra, di cielo e alle insostituibili api, garanti della nostra sopravvivenza.

            Chiederò alle istituzioni pubbliche l’impegno urgente per la difesa dei suoli in frana, affidando la progettazione ai giovani geologi, ingegneri idraulici, agronomi, forestali e botanici disoccupati per la messa in sicurezza della intera fascia appenninica basale orientale, dal fiume Tronto a nord ai fiumi Sangro e Trigno a sud, con i fondi europei Next Generation Eu.

            Con queste riflessioni e idee voglio impegnarmi con le socie e i soci MW e con le persone, in particolare giovani e donne, sensibili e disponibili a dedicare un’ora di conversazione a settimana al servizio della natura, per trasmettere ai bambini di oggi che stiamo lavorando per il loro futuro, basato sul diritto ad una vira sana in un ambiente pulito.

L’Associazione che rappresento non possiede immobili, depositi bancari e non fa compromessi con le lobby e la politica. E’ composta da persone libere che pensano e agiscono in libertà, trasparenza e solidarietà. Chi vuole, può contattarmi per formare insieme una cordata ecopacifista giovanile, fantasiosa e determinata a incidere culturalmente nel tessuto sociale abruzzese.

Teramo

Sventata dai Carabinieri una truffa agli anziani ad Alba Adriatica

Pubblicato

il

tentata truffa finto maresciallo ad anziani sventata ad alba adriatica

Una signora di 78 anni ed il marito di 84 sono stati contattati da un finto maresciallo che chiedeva soldi per liberare il figlio coinvolto in un incidente. Fortunatamente con loro c’era la figlia.

TERAMO – I Carabinieri di Alba Adriatica hanno già avviato le indagini per risalire ai responsabili della tentata truffa del finto maresciallo a due anziani del luogo, sventata grazie all’intervento della figlia dei due coniugi.

La prima ad essere stata contattata, è stata la signora, di 78 anni. A questa il sedicente militare ha raccontato che serviva pagare una cauzione per liberare il figlio, che, sempre secondo quanto raccontato dal falso milite, aveva provocato un grave incidente stradale. La donna ha spiegato di non aver soldi con sé e, dopo ripetute insistenze, ha fornito all’interlocutore il numero del marito, di84 anni.

A questi, il finto maresciallo della truffa sventata ad Alba Adriatica ha ripetuto lo stesso copione. Ma in macchina con lui c’era la figlia, che si è fatta passare la telefonata ed ha capito che qualcosa non andava.

La donna ha interrotto la telefonata ed ha subito allertato le forze dell’ordine, le quali si sono messe all’opera per individuare i responsabili. I Carabinieri ricordano a tutti che nessuna Forza di Polizia, avvocato, ente, assicurazione e via discorrendo, chiede il versamento di denaro per liberare un congiunto, ovvero per pagare una assicurazione o un debito. Nei casi dubbi è sempre consigliabile prima di intraprendere qualsiasi iniziativa contattare il 112, ovvero le altre Forze di Polizia presenti sul territorio.

Continue Reading

Teramo

«I lavori al cimitero di Martinsicuro creano troppi disagi ai cittadini: l’amministrazione intervenga»

Pubblicato

il

nuovi loculi cimitero martinsicuro

Il circolo truentino del Partito Democratico dopo aver ricevuto diverse segnalazioni da parte dei cittadini, invita l’Amministrazione «a farsi parte attiva nella mitigazione degli inevitabili disagi».

TERAMO – I lavori di ampliamento del cimitero di Martinsicuro hanno inevitabilmente comportato alcuni disagi per i cittadini che si recano a presentar omaggio alla memoria dei propri defunti. Il circolo locale del Pd, «pur comprendendo i naturali ed inevitabili disagi che le attività di opere civili possano portare», chiede all’Amministrazione di adoperarsi per trovare una soluzione che possa in qualche modo allievare i disagi dei cittadini in visita al cimitero di Martinsicuro.

«In seguito alle segnalazioni pervenute da concittadini relativamente alla cura e al decoro delle sepolture dei propri cari nel cimitero di Martinsicuro,  Il Circolo del Partito Democratico di Martinsicuro invita l’Amministrazione Comunale a farsi parte attiva nella mitigazione degli inevitabili disagi che derivano dai doverosi lavori di ampliamento in sopraelevazione del cimitero di Martinsicuro».

«I cittadini – prosegue la nota dei dem – ci segnalano che in alcuni padiglioni sono stati demoliti i lavatoi ed i rubinetti dell’acqua, costringendo alcuni concittadini a percorsi lunghi e tortuosi attraverso camminamenti provvisori per l’approvvigionamento dell’acqua, mentre basterebbe un’ installazione provvisoria di una linea d’acqua, anche con un economico tubo in gomma, per evitare quanto sopra, ci viene segnalato anche che parte della terra di scavo, non sia stata conferita in maniera rispettosa riguardo i loculi di tumulazione, situazione che oltre ad urtare particolari sensibilità, potrebbe provocare una risalita di umidità sui manufatti che ne comprometterebbe quantomeno il decoro».

«Il Circolo del PD di Martinsicuro- conclude il comunicato – pur comprendendo i naturali ed inevitabili disagi che le attività di opere civili possano portare a chi si reca al cimitero, vuole sensibilizzare chi ha la gestione e il controllo sulle attività dell’Impresa Appaltatrice aggiudicataria dei lavori, affinché si adoperi quanto più possibile ad attenuare tali disagi».

Continue Reading

Pescara

Amministrative 2024, Masci verso la ricandidatura a Pescara, ma la Lega chiede una verifica

Pubblicato

il

municipio pescara

Il sindaco uscente dovrebbe incassare nuovamente l’appoggio della coalizione di centrodestra, anche se la Lega chiede una «verifica sul gradimento reale».

PESCARA – Si è ufficialmente insediata ieri la Giunta Regionale della XII Legislatura e, con le ultime polemiche relative alle nomine degli assessori, può definitivamente considerarsi concluso il dibattito relativo alle Regionali del 10 marzo scorso. E’ tempo, dunque, di aprire quello relativo alle prossime Elezioni Amministrative, che a giugno riguardano 97 comuni abruzzesi. Le sfide più importanti a Montesilvano, Giulianova e Pescara, dove il sindaco Carlo Masci dovrebbe ottenere l’appoggio della coalizione di centrodestra e presentare la propria ricandidatura, anche se il coro a sostegno del primo cittadino uscente non è canta proprio all’unisono: la Lega infatti ha espresso qualche perplessità.

Con una nota a firma del portavoce regionale Franco De Santis, chiede una «verifica sul gradimento reale dell’attuale sindaco Carlo Masci. L’obiettivo che dovremo darci – prosegue De Santis – sarà di evitare a tutti i costi che le sinistre possano avere qualche possibilità di vittoria, impedendo loro di governare ancora una volta e male la città di Pescara. C’è la necessità di un’analisi sulla figura dell’attuale sindaco, richiesta insistentemente da più parti e l’intera coalizione non può che tenerne conto». Che tradotto significa che il carroccio solleva dubbi sulla forza elettorale di Masci.

A stretto giro arriva la replica di Lorenzo Sospiri, fresco di nomina a Presidente del Consiglio Regionale: «Incontreremo la Lega, così come tutti gli altri partiti e liste civiche della coalizione di centrodestra, per un confronto indispensabile sulle prossime amministrative di Pescara e sicuramente otterremo il loro consenso avendo governato sempre e su ogni tema insieme, assumendo sempre decisioni condivise». Che tradotto significa: alla fine troveremo una quadra. Molto probabilmente su Masci.

Insomma, sebbene non appaia davvero in discussione, si è in qualche modo complicata la strada che porta alla conferma dell’attuale primo cittadino. Che pareva essersi messi al riparo dalle insidie del fronte interno nel momento in cui Valeria Toppetti, che sembrava in procinto di candidarsi come sindaca tra le fila di Forza Italia, ha garantito il suo appoggio al sindaco. Adesso però è la Lega a mormorare, anche in seguito ai malumori venutisi a creare dopo le nomine della Giunta Regionale, e a portare qualche nube sulla ricandidatura di Mascia a Pescara.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.