fbpx
Connect with us

Abruzzo

Mosciano, Mahmood “Good Vibes” al Pin Up [Foto Gallery]

Simona Borghese

Published

il

Good Vibes Tour Mahmood Pin Up Mosciano

MOSCIANO – Dopo tanta attesa, Mahmood, vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, che ha lanciato l’album ”Gioventù Bruciata” ed ha partecipato all’Eurovision Song Contest, ieri sera è approdato sul palco del Pin Up con il suo “Good Vibes Tour”.

Un’attesa per questa tappa del “Good Vibes Tour” ben ripagata dal live che Alessandro Mahmoud, classe 1992, ha regalato ai suoi fan. Un parterre variegato composto soprattutto da tanti giovani, ma anche di gente più matura, uniti sotto il palco da una passione comune per questo giovane protagonista della musica italiana.

Mahmoud, infatti, con la sua musica e il suo stile inconfondibile, si è rivelato un artista in grado di unire i gusti musicali di più generazioni che lo hanno sostenuto e appaludito, cantando a squarciagola i brani proposti.

Un interesse, quello del pubblico, cresciuto soprattutto nell’ultimo anno, grazie alla partecipazione a Sanremo e al fortunato album di debutto Gioventù Bruciata ( Island Records) pubblicato il 22 febbraio dopo la vittoria di “SOLDI”.

Ph: Denny Venturini

Sono giovanissimi i tre artisti che hanno calcato il palco, aprendo il concerto di Mahmood: Flavius, Lewi ed Ennerrico, sono riusciti a scaldare il pubblico a colpi di sonorità rap e pop fino all’arrivo di Mahmood.

Ed eccolo finalmente. Sulle note di “Africa” viene accolto da appalusi scrocianti, per poi via via snocciolare i diversi brani in scaletta. Dopo aver scalato le classifiche con “Soldi”, doppio disco di Platino che ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song, facendole guadagnare un secondo posto di tutto riguardo, Mahmood si sta godendo il meritato succcesso con il “Good Vibes Tour 2019” .

Il concerto prosegue ed è sul secondo pezzo ”Mai figlio unico” che Alessandro rompe il ghiaccio col pubblico, salutando con un <<Ciao, grazie per essere qua>>. Seguono “Sabbie mobili”, “ Gioventù Bruciata”, “Anni ’90“ e poi “SOLDI”, pezzo autobiografico che conquista i fan che cantano a cappella il ritornello, tra un “Soldi” e il famoso battito di mani.

A chi si aspettava solo una fedele e precisa esecuzione della tracklist dell’album, Mahmood ha dato molto di più. Freschezza genuina, semplicità nel rapportarsi con la gente e l’emozione palpabile tra un brano e l’altro.

<<Non so se qualcuno lo sa, ma ho già partecipato a Sanremo qualche anno fa>> afferma scherzando per introdurre il pezzo “Dimentica” con cui si presentò a Sanremo Giovani nel 2016; brano molto intimo, eseguito al piano e che arriva dritto al cuore.

Mahmood è un artista che si è fatto le ossa formandosi al Centro Professionale per la Musica di Milano e allo stesso tempo percorrendo strade in diversi contest televisivi come XFACTOR 2012, Sanremo Giovani nel 2016. Notevoli anche le importanti esperienze come autore per artisti del calibro di Fabri Fibra, Michele Bravi, Elodie, Marco Mengoni e Gué Pequeno.

Un percorso lungo, fatto anche di attese, per un artista che nel tempo ha maturato e delineato la sua identità musicale fatta di R’ n ‘B soul e venature elettroniche.

Il live prosegue spedito con altri pezzi tra cui “Asia Occidente”, “Milano Good Vibes” e si conclude con “Uramaki”. <<Ragazzi questo è l’ultimo pezzo, grazie a tutti>>. Le luci si abbassano, Mahmood abbandona il palco ed è il pubblico a richiamarlo a gran voce. Sulle note di “Soldi” il cantante torna nuovamente sulla scena per stupire ancora una volta i fan. Il live si conclude con applausi interminabili ma è solo un arrivederci. Il Good Vibes Tour continuerà a regalare emozioni per tutta l’estate.

Info ai seguenti link
http://www.Mahmood.it
http://www.Facebook.com/ Mahmoodworld/

LA SCALETTA DEL CONCERTO

  1. Africa
  2. Mai figlio unico
  3. Sabbie Mobili
  4. Il Nilo nel naviglio
  5. Remo
  6. Gioventù Bruciata
  7. Anni 90
  8. Soldi
  9. Dimentica
  10. Asia occidente
  11. Milano Good Vibes
  12. Uramaki

BIS

  1. Soldi

Abruzzo

Da hacker a responsabile dell’Innovazione Digitale INPS, la storia di un giovane abruzzese

Valentina Fagnani

Published

il

Da hacker, bravissimo, a responsabile dell’Innovazione Tecnologica e la Trasformazione di Digitale dell’Inps, il passo non è breve eccetto in rari picchi miracolosi. Il protagonista della vicenda è Vincenzo Di Nicola, quarantunenne abruzzese chiamato dai piani alti per tentare di rendere possibile quella che da sempre è vista come ardua impresa: rendere fluido il meccanismo digitale dell’INPS. L’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) è il principale ente previdenziale del sistema pensionistico pubblico italiano, presso cui debbono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori dipendenti pubblici o privati e la maggior parte dei lavoratori autonomi, che non abbiano una propria cassa previdenziale autonoma. L’INPS è sottoposto alla vigilanza del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Ad aprile dello scorso anno, in piena pandemia globale, in Italia lo Stato aveva dato la possibilità ad una fascia di cittadini con specifici requisiti, di ricevere un Bonus mensile di 600 mesi. La faticata richiesta poteva essere fatta tramite il sito dell’INPS: tanti i disservizi iniziali, tale da circolare voce che erano stati gli hackers ad attaccare il sito. Di Nicola, con un profilo professionale da poterselo permettere, smentì questa tesi con un giusto e duro attacco in cui invitava chi di dovere e pacificamente ad aprirsi ad un regime digitale adeguato. Evidentemente gli uffici dell’INPS, invece di offendersi, hanno letto con seria apertura tali parole: il giovane è stato preso per cercare di risolvere la faccenda. Non ha infinito tempo, ma qualche anno per poter portare dalla sua parte la fiducia dell’ente. Per il momento, la nostra simpatia l’ha conquistata tutta.

Continua a leggere

Teramo

Val Vibrata: finiscono in carcere due trafficanti di droga

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

ALBA ADRIATICA – Il fatto risale a stato 2 gennaio. Due uomini di origine albanese, sono stati arrestati dalla Carabinieri con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti. Durante l’operazione sarebbe stato rinvenuto un borsone contenente oltre 26 kg di droga. Oggi, in data 27 gennaio, il Gip del Tribunale di Teramo ha firmato un’ordinanza di carcerazione per i due trafficanti, che precedentemente erano stati posti ai domiciliari e per loro, si apriranno le porte del carcere di Rieti.

Continua a leggere

Pescara

Spoltore: 65enne muore per un colpo accidentale durante una battuta di caccia

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

Elicottero del 118: eliambulanza (Il Martino - ilmartino.it -)

SPOLTORE – Tragedia questa mattina, mercoledì 27 gennaio, a Caprara (Spoltore) sulla strada provinciale 12. Un 65enne è deceduto durante una battuta di caccia con un amico. Da quanto appreso dalla ricostruzione, un colpo accidentale sarebbe partito dal fucile che aveva in spalla e questo gli avrebbe raggiunto il fianco destro. Immediatamente sul posto, assieme ai Carabinieri, il personale del 118 in elicottero e ambulanza ma purtroppo per l’uomo non c’è stato nulla da fare. I militari stanno procedendo alla ricostruzione di quanto accaduto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy