fbpx
Connect with us

Teramo

“I semi dell’odio” all’IIS “Alessandrini-Marino” un incontro sulle ragioni per cui molti giovani scelsero la via della violenza

Pubblicato

il

i-semi-dell'odio-icnontro-all-iss-alessandrini-marino

TERAMO – Venerdì 20 gennaio 2023 l’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino” di Teramo e il “Premio Nazionale Paolo Borsellino tutto l’anno” con l’Incontro sul tema “I semi dell’odio: Alessandrini, Dalla Chiesa come Borsellino e Falcone?“, svoltosi presso l’Auditorium dell’Istituto, hanno aperto una ricca rassegna di incontri culturali ed educativi interrogandosi sulla complessità delle ragioni che spinsero molti giovani a intraprendere la via della violenza per dare una risposta in termini storici e culturali al fenomeno che si manifesta ancora oggi in maniera multiforme, strappando quegli anni alle pagine della memorialistica, della cronaca o, peggio, della dietrologia.

Relatore l’avvocato Marco Alessandrini, ex sindaco di Pescara e figlio del magistrato Emilio Alessandrini assassinato a Milano, durante il periodo degli “anni di piombo” (29 gennaio 1979, ndr), da un “commando” del gruppo terroristico “Prima Linea”.  

Ha aperto i lavori la Dirigente Scolastica, Dott.ssa Manuela Divisi, che ha salutato i presenti e ringraziato gli organizzatori e il relatore, soffermandosi sull’importanza dell’evento per gli studenti dell’Istituto. Poi è intervenuto Leo Nodari, Fondatore e Presidente dell’Associazione “Società Civile” (Associazione che ogni anno organizza il Premio Nazionale “Paolo Borsellino”, ndr), per illustrare le finalità dell’incontro e per una breve presentazione del relatore. Successivamente ha preso la parola l’avvocato Marco Alessandrini che ha ripercorso brevemente gli anni delle stragi, del terrorismo e della mafia, che hanno lasciato un ricordo indelebile nella collettività.

Ha parlato della sua storia, ricordando la figura del padre Emilio e ha dato degli spunti di riflessione sull’intera stagione del terrorismo sia perché è importante conoscere e ricordare il passato sia per condannare con forza la violenza.

Ha anche riferito di aver scritto sul suo profilo Facebook la frase <<è sempre un grandissimo privilegio poter parlare nelle scuole perché fa bene al cuore, all’anima e allo spirito>>, sottolineando che per lui le scuole rappresentano una sorpresa in quanto, nonostante quello che si pensi, i ragazzi possono riservare piacevoli sorprese come è accaduto con gli studenti dell’Alessandrini-Marino” che hanno seguito attentamente il suo intervento, mostrando un grande interesse per le tematiche del terrorismo e della mafia. Del resto, l’enorme successo riscosso dalla fiction “Il Nostro Generale”, dedicata al Generale dei Carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa e andata in onda in prima serata su Rai1, l’attenzione per il recente arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro (latitante da oltre 30 anni, ndr) e le numerose trasmissioni dedicate alle tematiche del terrorismo, delle stragi e della mafia testimoniano il grande interesse, anche da parte delle nuove generazioni, su questi periodi brutti della storia d’Italia.

È seguito un dibattito nel corso del quale numerosi studenti hanno rivolto domande all’avvocato Alessandrini, il quale ha risposto in modo esauriente a tutti i quesiti, complimentandosi con i ragazzi per la pertinenza delle domande stesse.

L’incontro si è concluso con l’intervento del Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto che ha portato ai presenti i saluti dell’Amministrazione comunale, sottolineando che <<negli ultimi anni sono state organizzate numerose attività legate al Premio Nazionale “Paolo Borsellino”, grazie soprattutto alla partecipazione e all’attenzione delle scuole alle tematiche relative alla mafia e che ci spinge, oggi più che mai, a valorizzare il messaggio della lotta alla cultura mafiosa sempre, ovunque e comunque, uscendo fuori dallo schema relativo alla sola collocazione geografica della problematica mafiosa. Giornate come quelle che stiamo vivendo sono caratterizzate anche dalle riflessioni che l’arresto di Matteo Messina Denaro porta con sé, riflessioni profonde che, come comunità istituzionale, dobbiamo fare tutti e portarci a trarre il valore fondamentale di forza e coraggio per ricordare tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita affinché oggi si possa dire, secondo la nota citazione di Peppino Impastato, che la mafia è e resta una montagna di merda>>.            

Ha assistito all’incontro “I semi dell’odio” preso l’istituto “Alessandrini-Marino” di Termo anche Francesca Martinelli, Referente del Premio Nazionale “Paolo Borsellino”, la quale ha ringraziato sentitamente la Dirigente Scolastica Divisi per l’accoglienza ricevuta.

Teramo

Ruba un gioiello e lo vende al compro oro: denunciata badante a Teramo

Pubblicato

il

carabinieri-cc-112-giulianova-arrestato-ricercato

Il gioiello rubato e venduto ad un compro oro di Teramo per 500 euro da una badante, poi denunciata, è stato recuperato e restituito. A San Nicolò a Tordino, identificato l’uomo che nel parcheggio di un supermercato ha spaccato un finestrino per impossessarsi di un borsello lasciato in macchina.

TERAMO – Era in servizio in una casa teramana, ma ha condotto le pulizie un po’ troppo a fondo, la badante denunciata per il furto di un gioiello. Dopo aver rubato il monile, si è recata presso un compro oro e lo ha venduto per 500 euro. I carabinieri però hanno recuperato l’oggetto prezioso e lo hanno riconsegnato al legittimo proprietario, mentre la badante che l’ha rubata è stata denunciata per furto.

A San Nicolo a Tordino invece, i carabinieri, insieme ai colleghi di Tortoreto, hanno identificato e deferito per furto aggravato l’uomo che nel parcheggio di un supermercato ha spaccato un finestrino per impossessarsi di un borsello lasciato in una macchina.

A Teramo invece, un uomo che è uscito da un supermercato senza pagare una spesa da 150 euro, è stato fermato, dopo la segnalazione del proprietario del negozio, mentre un altro è stato denunciato per minaccia a Pubblico Ufficiale, in seguito gli insulti rivolti ai carabinieri intervenuti per sedare una lite famigliare.

Sempre a Teramo, è stato denunciato per spaccio un uomo sorpreso a cedere una dose di Ketamina. addosso aveva anche un grammo di eroina. Tre individui infine, che si erano messo al volante dopo aver bevuto alcolici, sono stati sorpresi e denunciati.

Continua a leggere

Teramo

Corropoli si aggiudica il bando “Città che legge 2021” con “Scrittori a Corte”

Pubblicato

il

Il Comune di Corropoli è stato finanziato con un importante contributo di 18 mila euro per il progetto “Scrittori a Corte”, pensato per offrire ai giovani lettori l’occasione di conoscere i loro scrittori preferiti e di presentarli alla comunità, che si è aggiudicato il bando “Città che legge 2021” del Ministero dei Beni Culturali.

TERAMO – E’ di ieri la comunicazione che Il progetto culturale “Scrittori a corte” presentato dal Comune di Corropoli è risultato vincitore del bando “Citta che legge 2021”. Il bando, promosso dal Ministero dei Beni Culturali era rivolto, ai Comuni che hanno ottenuto la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2020-2021, mettendo a disposizione un totale di un milione di euro a assegnare a 34 progetti “esemplari”, in grado di coinvolgere scuole, biblioteche, istituzioni e associazioni creando un ecosistema favorevole.

Grazie a questo risultato il Comune di Corropoli è stato finanziato con un importante contributo di € 18.000,00. Il progetto è stato pensato per offrire ai giovani lettori l’occasione di accogliere e conoscere gli scrittori dei loro libri preferiti e di presentare questi autori ad altri studenti, ai propri familiari, alla comunità. Sarà realizzato in collaborazione con la Scuola di Corropoli coinvolgendo le classi di ogni ordine e grado.

«Siamo entusiasti che “Scrittori a Corte” sia tra i 34 progetti esemplari di tutta Italia – dichiara l’Assessore alla Cultura Alessia Lupi – Siamo tra i pochi comuni che hanno scelto di investire ed impegnarsi nella promozione della lettura come strumento di libertà. Un percorso avviato con il Sindaco D’Annuntiis quando nel 2019 il nostro paese ottenne per la prima volta la qualifica di “ Città che legge”».

«Grande soddisfazione – dichiara il Sindaco Dantino Vallese – per questo risultato molto
importante per il nostro paese. Continueremo ad investire sui giovani e nella cultura come
un bene e una ricchezza di tutti».

Continua a leggere

Teramo

288 comuni abruzzesi nel progetto “Polis – Casa dei Servizi digitali” di Poste Italiane

Pubblicato

il

progetto-Polis-–-Casa-dei-Servizi-digitali-poste-italiani-comuni-abruzzesi

Sono 288 i comuni abruzzesi coinvolti nel progetto “Polis – Casa dei Servizi digitali”, che riguarda 7.000 uffici postali dei comuni con meno di 15.000 abitanti. Tra le molte novità la possibilità per i cittadini di richiedere numerosi servizi della Pubblica Amministrazione. Invitati nella capitale 7.000 sindaci.

PESCARA – Lunedì 30 gennaio a Roma Poste Italiane presenta il progetto “Polis – Casa dei Servizi digitali” e per l’occasione ha invitato 7000 Sindaci da tutta Italia dei Comuni sotto i 15mila abitanti, 288 dei quali abruzzesi.

In Abruzzo infatti sono 288 i comuni coinvolti nel progetto di ristrutturazione degli uffici postali per offrire i servizi della Pubblica Amministrazione e migliorarne l’accoglienza, trasformandoli in Sportello Unico digitale di prossimità attivo 24 ore su 24.  

Il progetto di Poste Italiane vuole favorire la coesione economica, sociale e territoriale del Paese e il superamento del digital divide nei piccoli centri.

I lavori di ristrutturazione sono già stati avviati nell’ufficio postale di Cepagatti (Pescara), che sarà il primo in Abruzzo ad essere interessato dal potenziamento dei servizi.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.