fbpx
Connect with us

Abruzzo

Lanciano, al via “(Con)fusioni 2017, mostra sull’arte incompiuta

(Con)fusioni 2017, dal 17 al 28 maggio a Lanciano

I locali del Diocleziano e il Foyer del Teatro Fenaroli ospiteranno performance artistiche di ogni genere nella nona edizione della mostra sull’arte incompiuta

Published

on

 LANCIANO – Si è tenuta ieri nella Sala Consiliare del Comune di Lanciano la conferenza stampa di presentazione di (Con)fusioni, l’inusuale mostra sull’incompiuto che si terrà dal 17 al 28 maggio nei locali del Diocleziano e nel Foyer del Teatro Fenaroli. Hanno partecipato alla presentazione dell’iniziativa, che giunge alla sua nona edizione ed è organizzata dall’associazione culturale “Arena7” con il patrocinio del Comune di Lanciano, l’ideatore Luca Di Francescantonio, il coordinatore della sezione “Arte” Angelo Bucci, il sindaco Mario Pupillo e l’assessore alla Cultura Marusca Miscia.

Dopo otto anni e dopo un anno di riposo siamo arrivati ad una nona edizione con un format diverso, più contenuto e più selezionato – spiega Luca Di Francescantonio, designer e ideatore di (Con)Fusioni. “L’incompiuto – aggiunge – porta ad una dimensione a parte, è la via di passaggio verso la realizzazione delle idee, il sentiero delle percezioni e delle ispirazioni. Quest’anno questo concetto sarà più identificativo, abbiamo messo un fondamento, un qualcosa su cui pensare”.

Saranno cento gli artisti tra fotografi, pittori, scrittori, scultori e musicisti provenienti da tutto l’Abruzzo che daranno vita alle performance della singolare kermesse artistica. “(Con)fusioni è un movimento artistico – spiega Di Francescantonio – che sta crescendo e che basa la sua vita sul concetto dell’incompiuto inteso come attimo della creazione dell’opera stessa”.

(Con)fusioni si avvale come di consueto della presenza professionale dei coordinatori di settore che per questa edizione saranno il designer Angelo Bucci, coordinatore sezione arti del Diocleziano, e Michela Piccoli, coordinatrice sezione fotografia al Foyer Teatro Fenaroli.

L’inaugurazione ufficiale dell’evento ci sarà mercoledì 17 maggio alle ore 18,00 al Diocleziano e da lì partiranno, per dieci giorni, diverse iniziative interamente dedicate all’arte incompiuta. Dieci gli artisti che esporranno nei Locali del Diocleziano, per la sezione “Arte”, le loro opere “interrotte”: Michele Montanaro, Jorg Grunert, Piotr Hanzelewicz, Christian Ciampoli, Davide Crcuiata, Riccardo Chiodi, Maurizio Righetti, Nicola Antonelli, Enzo Francesco Testa e Carla Cerbaso. “Quest’anno – sottolinea il curatore Angelo Bucci – ci sarà la possibilità di entrare completamente nel mondo dei singoli artisti dato che le installazioni saranno completate dal percorso che ogni pittore e scultore ha compiuto per la creazione della sua opera”.

Quaranta saranno invece i fotografi, seguiti dalla coordinatrice Michela Piccoli, che esporranno nel Foyer del Teatro Fenaroli: Lara Zibret, Massimo Scognamiglio, Margherita Maniscalco Pier Costantini, Piero Geminelli, Federico Annichiarico, Emanuela Amadio e tanti altri.

Cinque saranno le opere letterarie presentate nel corso della rassegna: “Il risveglio di Bruno” di Gabriele Di Camillo (il 19 maggio alla Libreria Barbati), “Sotto Falso Nome” di Andrea Magno (il 20 maggio alla Libreria Barbati), Anila Hanxhari presenta la sua poesia (26 maggio al Diocleziano), “Incantesimo Salentino” dell’autore Antonio Di Muzio (il 27 maggio al Diocleziano) e “Fiore d’Oriente” di Luca Di Francescantonio, (il 28 maggio al Diocleziano).

La rassegna sarà completata da interessanti workshop : “Corso di sviluppo digitale” a cura di Giancarlo Bomba (il 18, 21 e 26 maggio al Foyer Teatro Fenaroli), “Corpo e Segno” a cura di Jörg e Cam (il 20, 21, 27 e 28 maggio al Diocleziano), “Identità e memoria” a cura di Emanuela Amadio (il 20 maggio al Foyer Teatro Fenaroli), Abruzzo Instant (il 27 maggio al Foyer Teatro Fenaroli).

Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco del Comune di Lanciano Mario Pupillo che ha sottolineato la particolarità dell’evento sostenendo: “(Con)fusioni è una iniziativa originale e innovativa, è una provocazione che vuole fermare l’attenzione su momenti singolari del percorso creativo di ogni arista. Questi sono spazi ed eventi sui quali la nostra città deve investire”.

E’ una manifestazione – ha aggiunto l’assessore alla Cultura Marusca Miscia – destinata sicuramente a crescere e che si sposa perfettamente con l’intento dell’amministrazione, ovvero ampliare tutte le espressioni artistiche con una serie di iniziative, tra le quali il Mese della Cultura all’interno del quale si inserisce anche (Con)fusioni”.

Teramo

Svago, interazioni sociali e business: la Val Vibrata è già nel Metaverso

Published

on

in Val vibrata un ciclo di incontri dedicato al metaverso

Si è concluso ieri un ciclo di incontri dedicati al metaverso, organizzato da un’azienda con sede in Val Vibrata. Tre appuntamenti che hanno riempito un’aula virtuale di utenti e aziende provenienti da tutta Italia ed interessati a scoprire le potenzialità di questo nuovo strumento, destinato a cambiare i nostri stili di vita.

«Da un annetto circa, tutti abbiamo sentito parlare di metaverso, ma in molti non si sono ancora fatti un’idea precisa di cosa si tratti. È un videogioco? È l’evoluzione di un social network? È un nuovo modo di lavorare? In realtà è un mix di queste cose, e di molte altre ancora, e cambierà le nostre vite». Così ci introduce al nuovo mondo digitale Daniele Horeczko, marketer ed informatico di Iseini Group, azienda con sede ad Alba Adriatica. Già da tempo ha iniziato ad esplorare i segreti del metaverso, immergendosi in un mondo tutta da scoprire e da navigare, senza mai spostarsi dal suo ufficio, in Val Vibrata. Successivamente ha deciso di mettere a disposizione di tutti le conoscenze che ha appreso, attraverso un ciclo di incontri.

«Il metaverso è uno strumento ancora agli albori, ma ha già mostrato diverse potenzialità ed infiniti campi di applicazione. Siamo di fronte agli inizi di una nuova era digitale – continua Horeczko – per fare un confronto, è una situazione simile ai tempi dei primi telefoni cellulari, o di quelli delle prime connessioni internet. In molti erano scettici, ma sono rimasti presto smentiti. Al contrario, chi ha puntato subito su questi strumenti, si è affacciato per primo verso nuove opportunità».

Il metaverso nasce per cambiare il mondo. Su questo punto non ha dubbi Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, che non a caso adesso ha inglobato i suoi social sotto un nuovo marchio che si chiama Meta. In base alle sue previsioni, nel giro di qualche anno gran parte delle interazioni sociali e delle forme di intrattenimento, ma anche dei meeting e delle riunioni di lavoro, si sposterà sul metaverso. Giochi, film, briefing, semplici appuntamenti, avverranno in questa realtà virtuale. Non resteremo quindi più davanti all’armadio indecisi su quale abito indossare, ma passeremo il nostro tempo a scegliere quale aspetto dare al nostro avatar, ovvero il nostro rappresentante nel mondo digitale.

«Per accedere al metaverso basta un computer, o uno smartphone – prosegue ancora il marketer di Iseini Group – tuttavia l’immedesimazione che si ha con il visore non ha pari. Mettersi il “casco” e tuffarsi in un mondo virtuale, popolato però da persone vere, è un’esperienza affascinante ed entusiasmante».

Il ciclo di incontri dedicati al metaverso ideato in Val Vibrata ha radunato in un’aula virtuale una platea composta da aziende e persone provenienti da tutta Italia. I partecipanti hanno dimostrato interesse e curiosità verso gli argomenti proposti, ma ovviamente non tutti i loro dubbi sono stati sciolti. «Si trattava di eventi introduttivi, nei quali appunto dovevamo dare una panoramica generale, senza entrare troppo nello specifico, per risultati comprensibili a chiunque. Tuttavia, siamo consapevoli che aziende e persone potrebbero avere voglia di approfondire, per questo abbiamo deciso di aprire il nostro “ufficio“, una sorta di sportello virtuale nel quale risponderemo concretamente alle domande degli utenti e al quale chiunque può rivolgersi». La Val Vibrata dunque pare pronta ad affacciarsi nel metaverso.

Continue Reading

Abruzzo

L’Aquila, domani i funerali del piccolo Tommaso. Il legale della famiglia chiede riservatezza

Published

on

L’AQUILA – “La famiglia di Tommaso chiede riservatezza. Noi ci sentiamo tutelati dalla Procura dell’Aquila. Chiediamo, preghiamo tutti, di portare il massimo rispetto a questa famiglia così duramente colpita”. Così all’Ansa l’avvocato Tommaso Colella, legale dei genitori del piccolo morto nella tragedia dell’asilo Primo Maggio.

L’avvocato prosegue spiegando che “la famiglia non vuole rapporti con i mezzi di comunicazione, non vogliono essere ripresi dalle televisioni. Capiamo che tutti lavorano, ma desidero far capire che non vogliono essere cercati: se serve ci si può rivolgere a me, non vorrei essere frainteso – conclude Colella – ma cerchiamo di preservare la loro vita”.

Si svolgeranno, intanto, domani alle 15,30 nella basilica di Collemaggio all’Aquila i funerali del piccolo Tommaso. Le esequie sono state fissate dopo che l’Autorità giudiziaria ha riconsegnato la salma alla famiglia dopo l’autopsia effettuata oggi dall’anatomo patologo dell’ospedale dell’Aquila Giuseppe Calvisi.

A celebrare la funzione funebre il cardinale Giuseppe Petrucci e il rettore della Basilica di Collemaggio, don Nunzio Spinelli. Il luogo sacro, simbolo della città dell’Aquila, può ospitare fino a 2mila persone.

Continue Reading

Abruzzo

Pescara, ridicolizza disabile online: nei guai aspirante influencer

Published

on

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

PESCARA – Con l’obiettivo di ottenere più follower e diventare influencer, prende in giro, attraverso stories e dirette su Instagram, un sessantenne affetto da deficit mentale, ridicolizzandolo davanti al pubblico dei social. La sorella dell’uomo, però, denuncia i fatti e lui, al termine delle indagini dei carabinieri, viene segnalato alla Procura.

Protagonista dell’episodio di cyberbullismo, avvenuto nel Pescarese, è un giovane di 20 anni. Per diversi giorni e per più volte al giorno, il ragazzo è andato avanti con la diffusione del materiale in cui scherniva il 60enne, con l’obiettivo di ottenere consensi e follower. I militari dell’Arma della Stazione di Spoltore (Pescara), dopo la denuncia, hanno ricostruito l’accaduto e hanno segnalato il giovane in Procura.

“E’ molto importante denunciare certi episodi, proprio come ha fatto la sorella della vittima”, sottolineano i carabinieri. 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.