Campli inserita nel programma d’ammissione dei Borghi più Belli d’Italia

Foto di Valentina Fagnani

CAMPLI – Bisogno di sviluppo dopo uno degli anni più duri per l’intero territorio abruzzese. Campli è stata inserita nel programma di visite propedeutico all’ammissione al Club dei Borghi Più Belli d’Italia, un passaggio fondamentale per essere presenti nelle proposte turistiche dell’Italia più autentica.

Gli ultimi mesi erano risultati già ottimo scenario per iniziative degne di sviluppo cittadino. Le isole ecologiche informatizzate avevano già conferito a Campli un ruolo d’avanguardia nei rifiuti; si tratta di strutture automatizzate per il conferimento dei rifiuti differenziati. Tali isole saranno accessibili H24, 7 giorni su 7, lasciando quindi piena libertà all’utente di poter conferire quando vorrà. Si era poi detto no alla spopolamento: chi vorrà a risiedere a Campli capoluogo avrà infatti azzerate le tasse per tre anni; non pagherà Tari, Tasi e Imu. Segnale di forte attaccamento al territorio e voglia di non lasciare Campli città sola e dimenticata.

L’ammissione al Club dei Borghi Più Belli d’Italia arriva dunque in un momento prolifico per la cittadina. Le parole del Sindaco Pietro Queresimale sono dense di soddisfazione ed orgoglio: ”Un passaggio fondamentale per essere ancor più presenti nelle proposte turistiche dell’Italia più autentica. Adesso dobbiamo lavorare tutti insieme per raggiungere questo obiettivo. Per farlo è necessario rendere ancor più accogliente il nostro borgo, un impegno che deve andare – e va – di pari passo con le iniziative legate alla ricostruzione, come abbiamo fatto con la messa in sicurezza di Palazzo Farnese, la riapertura del Museo Archeologico e altri progetti.

Abbiamo subito terremoti, nevicate eccezionali, frane. Le emergenze non sono finite e le difficoltà restano tante. Ma pur nelle difficoltà siamo andati avanti e questa lettera è sicuramente un riconoscimento per tutto il lavoro che, insieme, abbiamo fatto finora. E per la forza della comunità camplese che ha dimostrato di non mollare mai! Campli c’è.”