fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Paesaggi marchigiani: l’eremo di San Marco

Pubblicato

il

ASCOLI PICENO – L’eremo di San Marco è un romitorio che si trova nel comune di Ascoli Piceno, a sud della città. L’edificio religioso, dedicato a san Marco evangelista, di proprietà comunale, ereditato dalla famiglia Sgariglia, è abbarbicato alla parete rocciosa del Colle San Marco, nei pressi della frazione di Piagge.

La costruzione rappresenta un’importante memoria di arte e spiritualità per la città di Ascoli. Visibile da piazza del Popolo, vigila da molti secoli sulla Valle del Tronto, scorgendo l’ampio panorama che giunge fino al mare Adriatico.

Panorama sulla città di Ascoli

STORIA

Le prime documentazioni dell’eremo risalgono agli inizi del XIII secolo, quando vi si stabilì una comunità di monaci dell’Ordine cistercense. Questi religiosi, seguendo la loro regola e mossi da un ardente desiderio di solitudine, sceglievano i luoghi dove fissare dimora in ambienti difficilmente accessibili, lontani dai centri urbani, tra i boschi delle aspre alture, abitando in grotte naturali o in modesti fabbricati austeri ed essenziali. Le intere zone del Colle San Marco, della montagna dei Fiori, del Colle Palombaro e della montagna dell’Ascensione, per la loro peculiare conformazione territoriale, che presenta dirupi e cavità naturali circondati da folta e compatta vegetazione, erano popolate da penitenti ed asceti già dal VI secolo. In quel tempo visse sul Colle San Marco l’anacoreta Agostino, il primo di cui si hanno notizie certe, venerato dalla chiesa ascolana come santo e come patrono dagli eremiti che condussero la loro esistenza tra questi luoghi.

Lo storico Sebastiano Andreantonelli, descrivendo questa istituzione eremitica, la qualifica come l’ottavo monastero ascolano appartenente ai cistercensi, con annessa la chiesa di San Marco della Vena, retto da priori[3], soppresso nell’anno 1387 dal vescovo Archeoni.[4][5] L’autore ne ricorda la sua collocazione al di fuori delle mura cittadine, a circa 1.500 passi di distanza.

Si trova menzione del cenobio in un lascito testamentario datato 1253. Al tempo era già pertinenza dei monaci cistercensi e abitato da una comunità di appartenenti alla congregazione benedettina di Bernardo di Chiaravalle. Il monastero si trovava sotto la protezione della chiesa ascolana e, nell’aprile dell’anno 1287, il vescovo Bongiovanni affidò ai religiosi nuove costituzioni da osservare.

Papa Niccolò IV, il 3 settembre 1289, emanò una bolla pontificia con cui disponeva la concessione dell’indulgenza plenaria a chi si fosse recato penitente in visita all’eremo nel giorno della ricorrenza di san Marco.

Nel tempo, il cenobio aveva accumulato anche un consistente patrimonio fondiario con possedimenti a Marino del Tronto e ad Acquasanta Terme, inoltre disponeva di un altro piccolo edificio, oggi scomparso, innalzato nella zona sottostante, che si componeva degli ambienti di una cappella, un dormitorio, una cucina e un refettorio.

Ingresso all’eremo

I monaci avevano anche una macina in travertino, utile per la lavorazione dei cereali raccolti nelle terre di proprietà, ma di questa non rimane traccia perché è stata trafugata. Il monastero godeva di una certa agiatezza economica che si concretizzava anche negli arredi della chiesa, in croci e calici in argento, paramenti di pregio e volumi sacri.

Il priore Nunzio da Fabriano mosso, probabilmente, dall’intento di nascondere la prosperità del cenobio alla chiesa ascolana, respinse nel 1385 la visita pastorale del vescovo ascolano Pietro III Torricella che non esitò ad emanare l’interdetto contro la comunità eremitica. Il vescovo Antonio Archeoni, succeduto al Torricella, nell’anno 1387 soppresse il monastero e concesse alla famiglia Sgariglia il diritto di patronato sul cenobio e sulle sue pertinenze. Le possibili ragioni di quest’assegnazione sono riferite dallo storico Cesare Mariotti che, nel descrivere la mancanza di prove assolute e documentate, non presenti presso alcun archivio ascolano, ritiene opportuno attingere direttamente dal manoscritto di Luigi Pastori che tratta dei diritti e delle pertinenze della famiglia. Quest’ultimo ha delineato esempi di congetture per spiegare la decisione dell’Archeoni, argomentando sulle possibili ipotesi che condussero il vescovo Archeoni ad affidare agli Sgariglia questa proprietà ed il conferimento del titolo di Priori. Pastori avvalora e sostiene l’ipotesi che in tempi antecedenti alla costruzione del romitorio, la famiglia Sgariglia, aderente alla fazione guelfa cittadina, proprietaria di varie realtà feudali nelle vicinanze di Ascoli ed incline all’erezione di chiese e luoghi pii, fosse stata proprietaria della porzione di fondo che, probabilmente, destinò e concesse ai monaci per edificare il cenobio. A seguito della soppressione del monastero, il vescovo ascolano avrebbe restituito lo stesso fondo, goduto dai monaci per il loro mantenimento, ai benefattori, ossia ai conti Sgariglia. La riconsegna ai vecchi proprietari era, però, soggetta alla regola imposta dal Concilio di Calcedonia che stabiliva l’impossibilità della secolarizzazione dei luoghi destinati ai monasteri, quindi gli Sgariglia beneficiarono solo dell’«erezione di un ecclesiastico beneficio e del diritto di patronato». Gli stessi conti ascolani trasformarono, nel 1410, il cenobio in una piccola chiesa, elevarono la torre campanaria, dove trovò la sua collocazione una campana che aveva in giro, fuse a rilievo, le lettere dell’Ave Maria. Aggiunsero, inoltre, la costruzione della scala di accesso e dell’altare nel locale adibito al culto, dove vollero mantenere la dedicazione a san Marco. Durante il patronato della famiglia Sgariglia la chiesa di San Marco esercitò anche la cura animarum (cura delle anime), ufficio che non ebbe lunga vita per la difficoltosa accessibilità del luogo. La famiglia ascolana dei Tibaldeschi, imparentata con quella degli Sgariglia, vi fece erigere tombe per la sepoltura dei propri defunti.

Il luogo rappresentò rifugio per alcuni nobili guelfi fuggiti da Ascoli per timore della guerra civile portata da Federico II: tra questi vi furono membri delle casate Sgariglia e Tibaldeschi, entrambe a capo del partito guelfo. Nel 1474 fu costruita per gli abitanti della frazione di Piagge la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo. Da questo momento ebbe inizio la lenta e inesorabile decadenza dell’eremo di San Marco.

Sul finire del XIX secolo, approfittando dello stato di abbandono dell’edificio religioso, furono compiuti atti di vandalismo: fu spogliato l’altare dei miseri arredi di cui era ornato, furono profanate le tombe e deturpati arredi e affreschi.

Tombe ad arcosolio della famiglia Tibaldeschi

Il sindaco di Ascoli, Garzia Civico, nell’anno 1908 sottopose il fabbricato a opere di conservazione e restauro.

ARCHITETTURA

L’eremo è stato costruito in blocchi di travertino, grossolanamente squadrati, legati tra loro da malta di calce, seguendo i canoni dello stile romanico. I monaci racchiusero la cavità della grotta con l’elevazione della cortina muraria, realizzandola direttamente sulla rupe e appoggiandola sulla sporgenza della parete rocciosa.

Il suo fronte è costituito dall’accostamento di due corpi di fabbrica quali: il campanile, sulla sinistra, e la facciata scandita orizzontalmente da un doppio ordine di bifore. Le finestre, divise verticalmente da una colonnina centrale con capitello, si aprono in numero di 2 al piano superiore e 3 a quello inferiore. La terza finestra, di destra, del piano inferiore manca della colonnina ed è chiusa da una grata di ferro.

L’interno è ripartito in due cavità sovrapposte: nell’ambiente sottostante, un tempo affrescato, si nota la copertura a botte del soffitto che si raccorda con il sovrastante piano di calpestio; nello spazio della grotta superiore, invece, trovano la loro collocazione 3 monumenti funebri della famiglia ascolana dei Tibaldeschi di cui rimane uno stemma. I sepolcri sono ad arcosolio e risalgono al XV secolo.

All’eremo si accede mediante una possente scalinata in pietra che, come un ponte, attraversa il profondo burrone. L’opera, progettata dall’ingegnere Enrico Cesari, fu realizzata dall’Amministrazione comunale di Ascoli con i fondi provenienti dalle consistenze dell’Opera Pia Sgariglia, di cui il comune divenne proprietario.

Prospettiva dell’eremo

Ascoli Piceno

Giornata del Mare, le celebrazioni partono da San Benedetto del Tronto

Pubblicato

il

Da oggi e per tutta la settimana, la Direzione Marittima delle Marche ha organizzato una serie di iniziative per celebrare la Giornata del Mare e della cultura marinara, che prenderà avvio da San Benedetto del Tronto.

ASCOLI PICENO – Oggi, giovedì 11 aprile, si celebra la Giornata del Mare e della cultura marinara, una ricorrenza italiana istituita nel 2017 che valorizza la conoscenza e la tutela del mare. Per celebrare l’incantevole angolo di Adriatico centrale, risorsa preziosa per il territorio che si snoda dal Monte San Bartolo al Piceno, la Direzione Marittima delle Marche retta dal Contrammiraglio Donato De Carolis, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale, ha organizzato una serie di eventi lungo le principali località costiere marchigiane. Le celebrazioni della giornata del Mare prendono avvio oggi a San Benedetto del Tronto.

«Il mare è la risorsa trainante della nostra fervida economia – ha dichiarato l’Ammiraglio De Carolis, Comandante Regionale della Guardia Costiera – Qui più che in altre regioni d’Italia, il mare è una fonte di inestimabile ricchezza, ma anche cultura e coesistenza tra passato e presente, tra antiche tradizioni e business moderni. Abbiamo fortemente voluto festeggiare il nostro mare, perché ai nostri ragazzi dobbiamo lasciare in eredità un patrimonio che rappresenti, per loro, il punto di partenza per uno sviluppo sostenibile ed una migliore qualità della vita».

Coordinate dalla Direzione marittima di Ancona, le celebrazioni iniziano oggi alla riviera delle palme di San Benedetto del Tronto, con un evento la cui regia e promozione è curata dalla locale Capitaneria di porto, in collaborazione con l’Istituto alberghiero Buscemi e con il Museo del mare.

Porto, aula magna e laboratori didattici: tre location di eccezione, per oltre 150 studenti provenienti dalla Provincia per promuovere la consapevolezza sull’importanza di preservare il nostro prezioso ecosistema marino.

Una “poliedrica ed itinerante” iniziativa che mira a sensibilizzare giovani e giovanissimi, quindi, sviluppandone il concetto di responsabilità ambientale per renderli cittadini attivi del mare, tutori della sua conservazione e della sua cultura.

L’evento di apertura avviato dalla Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto vedrà la partecipazione dei militari e subacquei della Guardia Costiera, Biologi dell’Università di Camerino, esperti pescatori locali, nonché cani di salvataggio.

Inoltre, le attività saranno impreziosite anche dalla presenza della motovedetta SAR Classe 300 della Guardia Costiera, da una unità a vela della Marina Militare e da un guardacoste della Guardia di Finanza.

Questo è solo un assaggio di quanto è stato riservato agli studenti che saranno coinvolti in quella che vuole essere una grande festa del mare e della scuola.

Le iniziative proseguiranno nella settimana prossima nelle date del 16 aprile presso il porto di Pesaro per concludersi il 18 aprile nel porto di Ancona.

Ancora una volta, orgogliosamente, le nostre coste e le città che racchiudono sono viva testimonianza dell’impegno nella protezione del nostro ambiente marino.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Incendio in galleria in autostrada a Cupra Marittima

Pubblicato

il

incendio galleria cupra autostrada

Al momento non sono noti i dettagli relativi a dinamica dell’incidente e mezzi coinvolti. Sul posto stanno convergendo i mezzi di soccorso. Traffico deviato su una sola corsia.

ASCOLI PICENO – Le immagini hanno già fatto scalpore sul web, ma ancora non si conoscono molti dettagli relativi all’incendio sviluppatosi questa mattina, giovedì 4 aprile, all’interno di una galleria dell’autostrada A14, all’altezza di Cupra Marittima, in direzione sud.

Sul posto stanno convergendo al momento i mezzi di soccorso. Non si sa al momento che cosa abbia potuto originare l’incendio propagatosi in galleria a Cupra Marittima, né quali mezzi siano coinvolti o se ci sono feriti. Dal luogo dell’incendio si è sollevata una densa colonna di fumo, visibile da grande distanza.

Continue Reading

Ascoli Piceno

La “Capa Fresca” di Giovanni Vernia al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno

Pubblicato

il

giovanni vernia al teatro ventidio basso di ascoli piceno

Lo spettacolo di Giovanni Vernia andrà in scena il prossimo sabato 6 aprile al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno.

ASCOLI PICENO – Chi “tiene a capa fresca” ha la testa libera da pensieri faticosi e preoccupanti, è sempre pronto a guardare la parte divertente in tutto ciò che accade. Ogni occasione per lui è buona per divertirsi e sdrammatizzare. Giovanni Vernia è così, è sempre stato così, stando a quanto il padre, di origini pugliesi, era solito ripetergli: «Giovà, tu tieni la capa fresca». Questo è ciò che Giovanni Vernia porterà in scena sul palco del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno il prossimo sabato 6 aprile.

Ogni stortura di questo Paese, tra le mani del comico si plasma e diventa incredibilmente pretesto per ridere: dalla sanità, vissuta in prima persona in seguito alla rottura di un piede, all’odio social, alla tv, alle ultime manie degli italiani in fatto di sport, di svago, di gusti musicali, dei personaggi più in voga. Un nuovo spettacolo ricco di ironia, di satira di costume, di parodie, imitazioni, musica ed energia, mai volgare, tutti ingredienti ai quali il poliedrico artista ci ha già abituato sia nei precedenti spettacoli sia tutti i giorni nel suo show radiofonico su RDS. Perché come diceva Nietzsche: «Non si può ridere di tutto, ma ci si può provare»…basta avere la “Capa Fresca”.

Evento organizzato dalla realtà ascolana Follow Me Events, le agenzie Ventidieci e Top Agency Music, e che vede il patrocinato del Comune di Ascoli Piceno. Lo show è in programma sabato 6 aprile alle ore 21:00, biglietti disponibili presso la biglietteria del Teatro Ventidio Basso in Piazza del Popolo, online e nei punti vendita di Vivaticket e TicketOne.

Per ulteriori info: info@followmeevents.it +39329948107 https://www.comune.ap.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/23698

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.