fbpx
Connect with us

Fermo

Fermo: violenza e atti vessatori

Pubblicato

il

FERMO – Le cronache nazionali riportano purtroppo sempre più frequentemente casi di violenza di genere, di maltrattamenti, di lesioni subìte la maggior parte delle volte da donne ad opera di partner, di ex, di componenti del nucleo familiare ma sono in numero notevolmente superiore gli episodi di prevaricazione, di vessazione, di violenza e minaccia morale, fisica e economica che non assurgono agli “onori della cronaca”, sia per le indagini di polizia giudiziaria in corso ma ancor più spesso perché nascoste tra le mura domestiche o per il timore di denunciare tali comportamenti, di perdere definitivamente un rapporto che si spera di poter “aggiustare”, di dover ricominciare da capo una nuova vita della quale non si riesce a vedere il futuro.

Ma un rapporto sentimentale, affettivo, familiare non è un meccanismo che si può riparare da soli, ci vuole la volontà di entrambe le parti, il coraggio di mettere in discussione i propri comportamenti, il rispetto della libertà altrui e molto spesso anche quello di sé stessi.

Casi frequenti, sempre più frequenti, anche nella nostra provincia che vengono in superficie sia per la decisione delle vittime sia per la sempre maggiore attenzione di tutte le Forze di polizia nel segnalare situazioni che apparentemente sembrano risolversi con il solo primo intervento delle pattuglie a seguito di richiesta della vittima di un abuso o dei vicini di casa allertati da una lite nell’appartamento vicino.

Anche se la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è il 25 novembre, ogni giorno deve essere ricordato che gli atti di violenza e minaccia devono essere denunciati e che uscire dalla spirale di soggezione è possibile con coraggio e fiducia nelle Istituzioni; Forze di polizia e Autorità Giudiziaria sono costantemente attente alle richieste di intervento, di aiuto, anche psicologico, e il legislatore ha prodotto norme che rendono disponibili strumenti di carattere amministrativo e giudiziario che possono consentire un’efficace tutela delle vittime.

E compito delle Istituzioni è anche quello di ricordare che uscire dalla spirale di violenza è possibile, riportando non solo i casi con esito ferale ma anche quelli che hanno avuto un risultato positivo grazie al coraggio ed alla fiducia nella Polizia di Stato di chi l’ha subita, prima che fosse troppo tardi.

Pochi giorni ma di intenso lavoro delle donne e degli uomini della Divisione Anticrimine della Questura di Fermo, tre casi affrontati in poco meno di 20 giorni dai quali, al termine del procedimento, sono scaturiti i provvedimenti dell’Ammonimento del Questore. Nello stesso arco temporale, altri casi analoghi analizzati ma che, a seguito della notifica al vessatore dell’avvio del procedimento amministrativo, il soggetto ha terminato i suoi comportamenti di prevaricazione, ha compreso il disvalore e di danni prodotti dai suoi atti e le gravi conseguenze personali nel caso li avesse proseguiti.

Il primo caso, su richiesta della vittima anche per la tutela dei figli minori, l’Ammonimento irrogato ad un uomo poco più che trentenne in fase di separazione giudiziale che ha messo in atto comportamenti aggressivi, di umiliazione ed oltraggiosi nei confronti della moglie e dei minori, senza rispettare né la loro libertà né le prescrizioni previste dal Tribunale negli atti della separazione. Timore per la propria incolumità fisica, paura per una libertà di movimento e di vita costretta dalle angherie dell’uomo e dal suo senso di dominio hanno determinato la donna a presentare istanza della misura di prevenzione che dopo i necessari accertamenti e l’avvio del procedimento è stata decisa dal Questore di Fermo per la salvaguardia della serenità della vittima e dei suoi figli.

Il secondo caso è quello di una delle tante relazioni affettive finite, al termine della quale una delle parti, come spesso succede l’uomo, non ha accettato di essere stato lasciato e ha iniziato a mettere in atto una serie di comportamenti vessatori sperando inutilmente, in tal modo, di ricostruire un rapporto senza futuro, di convincere la partner della sua esclusività. Una “tempesta” di telefonate e di messaggi sul cellulare e ad ogni ora del giorno e della notte anche con “velate” minacce nel caso la donna non avesse accettato la sua disponibilità a ricominciare la loro storia, il postare sui social le immagini della loro vita passata come a voler ribadire l’ineluttabilità della loro passione, alcuni appostamenti sotto casa tipici dello stalker.

Tutta una serie di indizi, di elementi che hanno provato i comportamenti persecutori dell’uomo al quale, dopo l’avvio del procedimento che non è stato sufficiente a fargli comprendere i suoi errori, è stato notificato l’Ammonimento.

Il terzo caso, ultimo solo per questo report, quello evidenziato da un intervento della Volante della Questura che è accorsa a seguito della richiesta per un violento alterco in ambito familiare. Anche in questo caso un uomo, di circa 35 anni, che nell’occasione si era scagliato con violenza contro la moglie, altri familiari presenti in quel momento nella loro abitazione, danneggiando mobili e provocando una lieve lesione ad una delle donne.

Come ricostruito dai poliziotti, non era la prima volta che il soggetto aveva tenuto comportamenti irosi, minacciosi e violenti in ambito familiare ma l’escalation, quella sera, aveva determinato le vittime a richiedere l’intervento della Polizia di Stato.

Acquisite e verbalizzate le dichiarazioni dei presenti, anche relativamente ai fatti pregressi, è stato adottato, d’urgenza proprio per la violenza evidenziata, il provvedimento dell’Ammonimento che, come più volte ricordato, diffida l’autore degli atti vessatori dal proseguire i suoi comportamenti persecutori e dal quale derivano, in caso di violazione delle prescrizioni, conseguenze penali di rilievo, quali la denuncia d’ufficio all’Autorità Giudiziaria, l’arresto in flagranza e l’aumento della pena.

Fermo

Minaccia di morte un cliente per una recensione negativa: denunciata

Pubblicato

il

carabinieri fermo pedaso minacce al cliente per una recensione negativa

Dopo che la struttura turistica che gestisce ha ricevuto una recensione negativa, ha incominciato a tampinare di insulti e minacce, anche di morte, un cliente di Pedaso: denunciata ventisettenne romana.

FERMO – Un uomo residente a Pedaso ha denunciato per minacce e molestie telefoniche una donna romana di 27 anni di telefonate moleste e messaggi su WhatsApp contenenti insulti e minacce anche di morte, per convincerlo a cancellare la recensione negativa sulla struttura turistica della quale è stato cliente.

In seguito alla denuncia, i Carabinieri di Pedaso hanno approfondito gli accertamenti ed hanno tempestivamente informato dell’accaduto l’autorità Giudiziaria competente, che procederà ora ad ulteriori approfondimenti sulla vicenda. La ventisettenne è risultata avere precedenti penali.

I Carabinieri ricordano che «in un’epoca in cui i social media e le piattaforme online sono diventati strumenti di comunicazione privilegiati, è fondamentale che ogni cittadino sappia gestire con intelligenza e responsabilità la propria presenza su tali canali. La diffamazione, le minacce e la violenza verbale online non solo danneggiano le persone coinvolte, ma minano anche la fiducia e il rispetto che dovrebbero caratterizzare le relazioni umane. I Carabinieri continuano a impegnarsi attivamente per garantire la sicurezza e il benessere sociale, con una particolare attenzione alla tutela delle vittime di reati di natura psicologica o virtuale. Si invitano pertanto tutti i cittadini a segnalare eventuali episodi di questo genere, consentendo alle forze dell’ordine di agire prontamente».

Continue Reading

Ascoli Piceno

Pittbull e vedette contro la Polizia a Fermo: rintracciato un altro pusher

Pubblicato

il

polizia arresto pusher fermo

Nell’ambito dell’operazione “Tre Archi” la Polizia ha dato esecuzione ad una misura cautelare nei confronti di un cittadino algerino di trent’anni pregiudicato.

FERMO – E’ stato rintracciato e sottoposto a divieto di dimora nelle province di Ascoli Piceno e Fermo, con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, uno dei pusher che avevano allestito nel quartiere una piazza di spaccio, con tanto di vedette e pitbull, smantellata dalla polizia con un blitz a settembre.

Nei locali che avevano adibiti a supermercato della droga, i tossicodipendenti si presentavano a tutte le ore del giorno e della notte. Nell’operazione del 18 settembre, finirono in manette 10 persone.

Durante le perquisizioni quel giorno saltarono fuori circa 800 grammi di eroina e quasi quattro chili di hashish e sono state accertate cessioni di stupefacente per circa mezzo chilo di cocaina.

Quasi tutti nordafricani i pusher coinvolti, avevano allestito una piazza di spaccio nel quartiere Tre Archi di Fermo e si avvalevano di vedette pronte a dare l’allarme e di pitbull da sguinzagliare all’arrivo delle forze dell’ordine.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Sante Copponi, nuovo Prefetto di Ascoli: «onorato di lavorare in questa provincia»

Pubblicato

il

sante copponi nuovo prefetto ascoli piceno

Il nuovo prefetto di Ascoli Piceno Sante Copponi ha diramato agli organi di stampa una lettera con la quale presenta il suo insediamento.

ASCOLI PICENO – Il nuovo prefetto Sante Copponi, da poco insediatosi dopo , illustra quali saranno le linee guida del suo operato in una lettera alla stampa che pubblichiamo per intero. Pur arrivando dalla Prefettura di Matera, si tratta di un ritorno nelle Marche per Copponi, nato a Pievebovigliana, in provincia di Macerata, l’11 marzo 1959 e laureatosi in Scienze politiche all’Università di Camerino. Nel corso della sua carriera ha prestato servizio nelle prefetture di Macerata, Piacenza, Fermo e Pesaro e Urbino.

Di seguito la lettera del nuovo prefetto di Ascoli Piceno:

«Nell’assumere l’incarico di Prefetto di Ascoli Piceno, onorato di poter lavorare in questa bellissima provincia, laboriosa, ricca di storia, di beni culturali e di paesaggi, rivolgo un saluto a tutte le autorità civili, militari, religiose, al mondo delle imprese e del lavoro e al mondo delle associazioni.

Il mio massimo impegno sarà quello di preservare la coesione sociale del territorio assumendo tutte le iniziative necessarie per la tutela dell’ordine, della sicurezza pubblica, dell’incolumità pubblica e dell’ambiente, con particolare attenzione rivolta alle categorie fragili e maggiormente vulnerabili.

Analogo impegno sarà profuso per favorire l’inclusione sociale delle categorie maggiormente svantaggiate.

Una particolare attenzione intendo rivolgere ai territori colpiti dal sisma del 2016 per fornire tutto il necessario supporto alla risoluzione delle problematiche sociali ed economiche.

Assicuro fin d’ora la massima collaborazione con le istituzioni locali, con il mondo delle imprese e quello del lavoro per la risoluzione delle problematiche socio-economiche presenti sul territorio provinciale contando, al riguardo, nella disponibilità e collaborazione di tutti gli attori sociali ed economici della provincia che incontrerò a breve per avere un quadro completo dell’assetto produttivo-occupazionale della provincia».   

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.