fbpx
Connect with us

Abruzzo

Asl Teramo, in corso a Roma il maxi concorso per l’assunzione di 90 infermieri

Pubblicato

il

giornata sollievo 31 maggio

TERAMO – Si sta svolgendo da stamattina a Roma il maxi concorso  per l’assunzione di 90 infermieri. Sono 5.005 i candidati, provenienti da tutta Italia,  che hanno presentato domanda per partecipare alla prova in corso in due padiglioni della Nuova Fiera di Roma in via Portuense.

Le prove si stanno svolgendo in due sessioni, una di mattina e una oggi pomeriggio. A quella di stamattina hanno partecipato in 1.863 su 2.500 convocati, una percentuale molto alta. Come nel precedente concorso per Oss, una ormai rodata  macchina organizzativa ha proceduto all’identificazione dei candidati, che sono stati invitati a spegnere i cellulari, riposti in appositi contenitori schermati, che poi vengono riconsegnati all’uscita. A ciascuno è stato consegnato un tablet ed è stato apposto un bracciale da polso antirottura sul quale è impresso un Qrcode che abbina i dati del candidato  al tablet che il candidato usa per rispondere ai quiz.

Coloro  che hanno documentato la necessità fruiranno di tempi aggiuntivi,  supporto umano (interprete LIS, tutor per candidati con DSA) e di ausili.

Alle candidate neo mamme è stata data la possibilità di allattare. I bimbi con gli accompagnatori sono stati ospitati all’interno dei padiglioni in locali separati da quelli della sessione di prova.

La procedura viene descritta sui maxi schermi presenti nei padiglioni anche con il linguaggio LIS (dei segni). Al termine del tempo stabilito i tablet si spengono automaticamente.

La correzione delle prove è interamente informatizzata.

 L’identità di coloro che hanno superato la prova potrà essere conosciuta solo dopo la valutazione dei titoli, come previsto dal DPR 220/2001 e verrà pubblicata sul sito aziendale. I risultati saranno disponibili ai candidati entro 60 giorni.

Ciascun candidato potrà verificare la propria prova sulla piattaformahttps://aslteramo.concorsismart.it accedendo alla propria area riservata mediante le credenziali create in fase di registrazione.

“La Asl sta  continuando nell’espletamento di concorsi per dotarsi di personale fondamentale per coprire le carenze e  garantire l’assistenza sanitaria. E’ importante l’ingresso di nuovi infermieri, così come degli Oss del precedente concorso, soprattutto considerando che ci troviamo di fronte a una nuova ondata della pandemia e quindi alle strutture sanitarie viene chiesto uno sforzo ulteriore”, dichiara il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia.

Abruzzo

Coronavirus Abruzzo, dati aggiornati al 7 dicembre: oggi 156 nuovi positivi e 240 guariti

Pubblicato

il

PESCARA – Sono 156 (di età compresa tra 1 e 95 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 89384.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi (di età compresa tra 78 e 92 anni, due in provincia dell’Aquila e uno in provincia di Teramo) e sale a 2602

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 81821 dimessi/guariti (+240 rispetto a ieri).  

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 4961* (-87 rispetto a ieri). 

*(nel totale sono ricompresi anche 811 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche)

119 pazienti (-1 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 8 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 4834 (-86 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 3792 tamponi molecolari (1611254 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 13597 test antigenici (1421401). 

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 1.59 per cento. 

Del totale dei casi positivi, 22594 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+38 rispetto a ieri), 22573 in provincia di Chieti (+67), 21098 in provincia di Pescara (+12), 22268 in provincia di Teramo (+35), 713 fuori regione (+4) e 138 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Continua a leggere

Chieti

Denunciato un 36enne: girava con un piccone dentro l’auto

Pubblicato

il

Un 36enne di origine albanese è stato denunciato per porto abusivo di armi o di oggetti atti ad offendere.

FRANCAVILLA AL MARE – Durante dei servizi di perlustrazione effettuati lungo viale Alcione di Francavilla al Mare, i carabinieri hanno fermato un 36enne. L’uomo, di origine albanese, è stato denunciato perchè girava con un piccone in auto. È saltato agli occhi dei militari poiché era alla guida di un’auto con targa inglese. Durante il controllo dei carabinieri, il 36enne è apparso agitato e il suo nervosismo ha indotto gli uomini dell’Arma ad un’ accurata perquisizione del veicolo.

All’interno del bagagliaio dell’auto, è stato rinvenuto un piccone di legno di 80 cm con una punta all’estremità. L’albanese non ha saputo fornire motivazione sul piccone trovato . Inoltre, l’uomo è risultato pregiudicato e con numerosi precedenti alle spalle. Il 36enne è stato così denunciato per porto abusivo di armi o di oggetti atti a offendere.

Posto sotto sequestro il piccone di legno, l’uomo è stato accompagnato in caserma. Al termine delle formalità di rito, l’uomo denunciato perchè girava con un piccone in auto è stato deferito in stato di libertà alla procura della Repubblica di Chieti.

Continua a leggere

Abruzzo

Porto di Pescara: Marsilio, Consegnati i lavori della seconda fase dell’intervento di deviazione del porto canale

Pubblicato

il

PESCARA – La consegna da parte dell’ARAP, l’Azienda regionale per le attività produttive,  dei lavori di realizzazione del pennello di foce e della sopraelevazione della scogliera di radicamento finalizzata alla  deviazione del porto canale di Pescara è stata al centro di una conferenza stampa che si è tenuta, questa mattina, a Pescara, nella sede del Comune ed alla quale, tra gli altri, hanno preso parte il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, il Sottosegretario alla Presidenza, Umberto D’Annuntiis, l’assessore alle Attività produttive, Daniele D’Amario, il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, il presidente ARAP, Giuseppe Savini, ed i rappresentanti dell’impresa che realizzerà i lavori.

“Lo sviluppo dei porti di Pescara ed Ortona – ha ricordato Marsilio – era stati finanziati con i fondi Sviluppo e coesione, il cosiddetto Masterplan, fin dal 2016 ma, tre anni dopo, quando ci siamo insediati ed abbiamo fatto lo stato dell’arte, abbiamo potuto constatare che la progettazione affidata all’ARAP non era neanche partita.  Inoltre, ci siamo trovati anche gestire forti conflittualità all’interno a livello di vertice. Successivamente, con il nuovo management, abbiamo dovuto modificare i rapporti convenzionali in modo tale da poter fornire ad ARAP le risorse necessarie per iniziare ad operare. Oggi si può dire che ARAP ha vinto la sfida e, se è vero che c’è la consegna del cantiere, vuol dire che ciascuno ha fatto la propria parte”.

In sostanza, la Regione Abruzzo ha individuato Arap come soggetto attuatore del progetto di deviazione del porto canale di Pescara, prima fase di attuazione delle previsioni del piano regolatore portuale di Pescara, concedendo un primo finanziamento di 15 milioni di euro nel 2017 (Masterplan) e un secondo finanziamento nel 2019 di 16 milioni di euro (CIPE), destinato al completamento dei moli guardiani, per il quale il progetto deve acquisire la VIA in sede statale.

Per la terza fase dei lavori sono previsti 22 milioni di euro per realizzare i due nuovi moli guardiani mentre per la quarta fase sono è in via di perfezionamento il finanziamento di circa 21 milioni di euro per completare la deviazione del porto canale.

Questa mattina vengono consegnati i lavori previsti dalla seconda fase che, con un investimento complessivo di 7 milioni 557mila 826 euro, interamente finanziati con i fondi del Masterplan, permetteranno di realizzare il pennello di foce della lunghezza di circa 120 metri lineari e la sopraelevazione della scogliera di radicamento per circa 530 metri lineari.

“Oggi possiamo parlare di una storia a lieto fine di buona amministrazione – ha ripreso Marsilio – che vedrà, già nei prossimi giorni, la posa dei primi massi. Tuttavia, gli ostacoli da rimuovere lungo la strada che ha portato all’affidamento di questa gara non sono stati pochi. Basti pensare che, ad un certo punto, siamo stati persino convocati dal Gabinetto dell’allora ministro Toninelli poiché un comitato, spalleggiato da alcuni parlamentari, sosteneva che il progetto fosse addirittura sbagliato. Alla lunga, il ministro, sia per la robustezza della argomentazioni tecniche a supporto del progetto sia per l’oggettivo pericolo incombente sul porto in caso di inerzia, si è convinto della validità del progetto ed ha dato un nuovo via libera”.

Il sottosegretario alla Presidenza, Umberto D’Annuntiis, dal canto suo, ha esaltato “l’eccellente sinergia tra Presidente, Giunta, Dipartimento regionale Infrastrutture ed Arap, che ha creato i giusti presupposti dapprima per cercare e poi per trovare risorse importanti beneficio dello sviluppo dei due porti nazionali di Pescara ed Ortona e successivamente ad intercettare ulteriori fondi nazionali senza gravare sul bilancio regionale. Nonostante la precedente governance dell’Autorità di Sistema portuale non abbia supportato la nostra azione – ha rimarcato D’Annutiis – siamo comunque riusciti a far finanziare il porto di Pescara con 21 milioni 500mila euro e quello di Ortona con 20 milioni di euro”.

Anche l’assessore alle Attività produttive, Daniele D’Amario, ha parlato di “giornata importante per Pescara e l’Abruzzo poiché dalle parole si è passati ai fatti e, grazie all’impegno comune di Regione, Arap, Comune di Pescara, assessorati regionali e delle rispettive strutture tecniche, i lavori cominceranno a breve”.

Gli obiettivi previsti in questa fase sono il miglioramento delle condizioni di sicurezza della navigabilità dell’attuale porto canale, la riduzione della diffusione del plume fluviale sulla spiaggia nord di Pescara, l’intercettazione dei sedimenti marini provenienti dal trasporto solido litoraneo prima della loro miscelazione con i sedimenti di cattiva qualità del fiume Pescara.

Le opere sono state affidate alla ditta Nuova Co.Ed.Mar di Chioggia.  La fine dei lavori è prevista entro i primi mesi 2023.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy