fbpx
Connect with us

L'Aquila

Matteo Messina Denaro trasferito in Abruzzo

Pubblicato

il

matteo-messina-denaro-trasferito-in-Abruzzo

Il boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro arrestato dopo trent’anni di latitanza ieri è stato trasferito in Abruzzo ed è atterrato all’aeroporto di Pescara, dove lo attendeva una folta schiera di forze dell’ordine. Il cordone di polizia e carabinieri si è poi mosso verso L’Aquila. Probabile che il boss possa scontare qui, almeno per il momento la sua pena: il carcere di Costarelle accoglie detenuti in regime di 41 bis.

L’AQUILA – Da Pescara a L’Aquila, dove potrebbe scontare la sua pena. Dopo l’arresto avvenuto ieri, lunedì 16 gennaio, nel pieno centro di Palermo, il boss di Cosa Nostra, stragista e pluriomicida Matteo Messina Denaro, preso dopo trent’anni di latitanza, è stato trasferito in Abruzzo. Probabile che possa scontare, almeno momentaneamente, la sua pena presso il carcere di Costarelle.

Il penitenziario infatti non permette solo rapidi spostamenti verso Roma, ma ospita detenuti in regime di 41bis. Tra i nomi eccellenti, passati o detenuti nel carcere, i mafiosi Leoluca Bagarella, Filippo Graviano e Carlo Geco, il boss della Nuova Camorra Organizzata Raffaele Cutolo, Francesco Schiavone detto Sandokan del clan dei Casalesi, Felice Maniero detto “faccia d’angelo” della mala del Brenta, ed alcuni brigatisti.

Matteo Messina Denaro è atterrato ieri sera in Abruzzo, all’aeroporto di Pescara, con un volo militare. A terra, schierato e pronte a prenderlo in consegna, numerose auto e pattuglie dei carabinieri. Poi il cordone s è mosso in direzione L’Aquila. Durante le operazioni di trasferimento, due voli sono stati messi in attesa sopra il polo pescarese e il loro atterraggio è stato sospeso fino a che non è stato completato il trasferimento del boss.

Il capo della mafia trapanese, considerato erede di Riina e Provenzano e custode di molti segreti di Cosa Nostra e della Repubblica, è stato arrestato in una clinica privata palermitana, dove si trovava ricoverato in day hospital sotto falso nome per la cura di un tumore. Subito dopo che la notizia è stata resa nota, non sono mancate ipotesi che hanno parlato di possibili trattative dietro al suo arresto. Tra gli altri, Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo.

Abruzzo

Nominata la nuova Giunta Regionale: confermate le indicazioni della vigilia

Pubblicato

il

nuova giunta regionale abruzzo xii legislatura

Il presidente Marco Marsilio ha firmato il decreto di nomina dei nuovi assessori a margine del primo Consiglio Regionale.

L’AQUILA – Non ci sono sorprese, dopo la grande sorpresa. I nomi che già da ieri hanno cominciato a circolare per quanto riguarda la composizione della nuova giunta Regionale d’Abruzzo della XII Legislatura sono stati confermati. Giunta a trazione FdI, con FI che riesce a strappare qualcosa in più della Lega, che mastica amaro.

Tra le fila di Fratelli d’Italia, ha fatto clamore l’esclusione eccellente di Paolo Gatti, che dopo il buon risultato elettorale in molti davano già assessore. Le dichiarazioni di Marco Marsilio, che aveva detto che avrebbe ascoltato con attenzione le indicazioni uscite dalle urne, sembravano confermare questa ipotesi. Invece l’uomo più votato a Teramo ed il secondo più votato in Abruzzo non siederà in Giunta, mentre sono stati confermati alcuni nomi che i “bene informati” davano sicuramente per esclusi. Un nome su tutti, l’assessore Verì, confermata al suo posto.

Di seguito, la composizione della nuova Giunta Regionale d’Abruzzo:

  • Marco Marsilio – Presidente, con le competenze sottoelencate
    • Ricostruzione; Protezione Civile; Programmazione nazionale, comunitaria e politiche europee; Delegazione di Roma; Avvocatura regionale; Stampa; Affari della Giunta e Legislativo; Indirizzo e controllo A.G.I.R.; Programmazione Restart; Urbanistica e Territorio; Demanio Marittimo; Paesaggi; Energia; Rifiuti; Turismo
  • Emanuele Imprudente, Vicepresidente e Assessore con delega ad Agricoltura; Caccia e Pesca – Parchi e riserve naturali; Sistema idrico; Ambiente
  • Nicoletta Verì, Assessore con delega a Salute; Famiglia e Pari Opportunità
  • Umberto D’Annuntiis, Assessore con delega a Trasporti pubblici locali; Mobilità; Lavori Pubblici; Difesa del Suolo e Infrastrutture.
  • Mario Quaglieri, Assessore con delega a Bilancio; Strategia Nazionale Aree Interne (S.N.A.I.) – aree interne; Sport e Impiantistica Sportiva; Ragioneria; Patrimonio; Erp; Informatica; Sistemi territoriali della Conoscenza; Personale; Controllo di gestione Enti Strumentali e Società Partecipate
  • Roberto Santangelo, Assessore con delega a Formazione Professionale; Istruzione; Ricerca e Università; Politiche Sociali; Enti Locali e Polizia locale; Edilizia scolastica; Beni e Attività Culturali e di Spettacolo.
  • Tiziana Magnacca, Assessore con delega ad Attività Produttive (Industria, Commercio e Artigianato); Ricerca industriale; Lavoro

Il Presidente della Giunta regionale esercita tutte le funzioni non espressamente conferite agli Assessori.

Continue Reading

L'Aquila

Omicidio di Casoli, estradato in Italia Micheal Withbread

Pubblicato

il

omicidio casoli estradato

L’uomo è accusato di aver ucciso a coltellate la convivente e compagna. Si trovava agli arresti in Inghilterra, dove fece rientro il giorno in cui è stato scoperto il corpo della vittima. Si è sempre professato innocente.

L’AQUILA – Atterrerà questa sera a Fiumicino Micheal Withbread, l’uomo di 66 anni accusato dell’omicidio di Casoli. L’ex consulente informatico è ritenuto colpevole di aver ucciso a coltellato la convivente Michele Faiers Dawn, di 66 anni, per motivi passionali.

La donna è stata uccisa con 7 coltellate il 29 ottobre dello scorso anno, ma il corpo è stato ritrovato soltanto il primo novembre, in contrada Verratti a Casoli. Il ritrovamento avvenne in seguito alla segnalazione di un’amica, che non aveva più notizie della vittima da diverso tempo. Withbread, allontanandosi con l’auto di famiglia, lo stesso giorno fece ritorno in Inghilterra. E’ stato fermato ed arrestato qualche giorno a Shepshed, nel Davon.

Il 13 marzo scorso il Tribunale britannico ha concesso l’estradizione e questa sera Withbread sarà in Italia. Dopo una permanenza temporanea nel carcere di Rebibbia, dove avrà luogo l’interrogatorio di garanzia, il principale sospettato dell’omicidio di Casoli potrebbe essere trasferito nel carcere di Lanciano.

Continue Reading

Abruzzo

Truffe on-line sventate dalla Polizia Postale: vishing e smishing in aumento in Abruzzo

Pubblicato

il

I truffatori, attraverso SMS o telefonate che, apparentemente, provengono da banche ed istituti di credito, raggirano le vittime convincendole a fornire loro i dati o direttamente a fargli un bonifico, per prevenire un presunto attacco telematico.

L’AQUILA – Nelle ultime settimane in Abruzzo gli investigatori della Sezione Operativa della Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale dell’Aquila hanno sventato due tentate truffe on-line, provate mediante le tecniche dello smishing e del vishing.

La prima prevede l’invio di un SMS apparentemente inviato da un istituto di credito o da una banca, che avvisa l’utente di aver subito un tentativo di accesso non autorizzato nei propri conti. Didascalia e intestazione del messaggio replicano in tutto e per tutto quello della banca. Chi non si accorge del raggiro, viene indirizzato verso un sito clone, che presenta simboli, loghi e colori di quello dell’istituto di credito, nel quale le persone, credendo di mettere al sicuro i propri risparmi, forniscono ai truffatori tutti i dati sensibili e le chiavi per aprire i propri conti.

Il vishing è simile allo smishing, ma avviene tramite telefonata, ed anche questo è stato recentemente tentato in Abruzzo. Un presunto addetto della banca, segnalando sempre un tentativo di accesso, convince le persone ad effettuare un “bonifico sicuro”, per mettere al sicuro i soldi sotto attacco. Soldi che ovviamente sparirebbero.

Fortunatamente, la Polizia Postale è intervenuta prima che potessero andare a buon fine le due truffe tentate. In un caso le indagini sono partite dalla segnalazione di una persona, contatta da un sedicente “commissario Rizzo”, apparentemente appartenente proprio alla Sezione Operativa della Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale dell’Aquila. Durante la telefonata è caduta la linea e l’interlocutore, spaventato, ha chiamato la Polizia Postale chiedendo di essere rimesso in contatto con il presunto commissario. Da lì gli agenti, quelli veri, hanno sventato le due tentate truffe on-line.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.