fbpx
Connect with us

M'Art

Inaugura ad Alba Adriatica la mostra “Ballate da Rio Moro” con le poesie e le opere del Maestro Duccio Di Monte

«Duccio Di Monte è stato per il suo territorio uno dei portabandiera della ricerca artistica e poetica».

Pubblicato

il

mostra duccio di monte presentazione libro ballate da rio moro

Dal 15 aprile al 15 giugno resterà in allestimento la mostra “Ballate da Rio Moro” con le poesie e le opere del Maestro Duccio Di Monte. Nella giornata inaugurale verrà presentato anche il libro che dà il titolo alla mostra.

TERAMO – Inaugura il prossimo 15 aprile, e resterà in allestimento fino al 15 giugno, la mostra “Ballate da Rio Moro”, con le opere e le poesie del Maestro albense Duccio Di Monte. La mostra personale, che ha ottenuto il patrocinio del Comune di Alba Adriatica e dell’Associazione Ars Nova, resterà aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17, presso Villa Flaiani, al civico 32 di via Roma ad Alba Adriatica. L’ingresso è libero. All’inaugurazione, che si terrà alle 16:30, verrà anche presentato l’omonimo libro del Maestro. La presentazione critica è affidata a Giuseppe Bacci, mentre i curatori della mostra sono Andrea Di Monte e Sandria Di Monte. L’evento sarà allietato dalla lettura delle poesie intervallate da brani musicali proposti dai maestri Massimo Fava e Stefano Befacchia. Modera il giornalista Alex De Palo.

“Ballate da Rio Moro” presenta un nutrito corpo di opere, pittoriche e grafiche eseguite con tecniche di alta ricerca, frutto di oltre sessant’anni di attività del Maestro. Afferma il critico d’arte Giuseppe Bacci: «Duccio Di Monte è stato per il suo territorio uno dei portabandiera della ricerca artistica e poetica, come risulta eloquentemente dalla sua produzione artistica. Egli è stato sempre presente apportando contributi in esposizioni, convegni, simposi e, nei
consensi artistici abruzzesi. Piacevolmente nostalgico e sapiente, così si presenta questo volume, che verrà ulteriormente arricchito nelle varie presentazioni del libro con la promozione di incontri d’esperienza e libere testimonianze: ricordi, poesie, prosa, annotazioni, sui fatti che caratterizzarono un particolare momento del tempo passato. Incontri che si terranno in svariati luoghi, ma principalmente laddove, il sentimento si accende di amore, nella propria città di Alba adriatica, con il contributo di personaggi del territorio abruzzese, attenti studiosi della fenomenologia artistica contemporanea e amici di lungo corso che, con qualità di giudizio e di equilibrio, possono offrire alle generazioni future stimoli e contenuti nel presente, affinché essi possano cooperare a costruire un mondo migliore».

E ancora: «il verseggiare di Duccio Di Monte, in questa raccolta poetica, è un dolce
navigare nel mare dei suoi ricordi che non ha la pretesa di biografarci la sua vita, bensì di orientarci sul suo tempo trascorso configurando il suo pensiero tra spirito apollineo e dionisiaco. Egli ci racconta con colori forti e composizioni vibranti l’affascinante ispirazione artistica, l’inventiva e l’introspettiva che è in lui. Il suo manifesto pittorico dichiara l’urgenza del recupero di identità, la grandezza delle cose semplici, la sublimità della natura umana, l’anelito al trascendente, infondendo bellezza negli abiti virtuosi del vissuto quotidiano e li manifesta in opere che assumono il valore edificante della vita ordinaria. Attraverso le forme splendide dell’arte ha riscattato, fino ad esorcizzare, l’esistenza quotidiana nelle sue sofferenze e nelle sue gioie. Tutte le sue opere, disegni, pitture e poesie, confluiscono a comporre un momento di storia del suo percorso di vita e d’arte dove il tempo viene considerato come una sorta di schema entro il quale collocano i fatti che si succedono, per cui il concetto di “tempo” si accompagna al concetto di “spazio” e si raffigura come un continuo, omogeneo e ritmico cambiamento lineare (e dunque misurabile) attraverso il quale il presente diviene passato».

Ancona

Le celbrazioni per il 250° anniversario della nascita di Gaspare Spontini

Pubblicato

il

presentazione 250° anniversario nascita di gaspare spontini

Si è svolta a Roma, presso la Sala Spadolini del Ministero della Cultura, la presentazione del programma delle celebrazioni del 250° anniversario della nascita del compositore Gaspare Spontini.

ANCONA – Partiranno il prossimo 16 marzo al Teatro Pergolesi di Jesi le celebrazioni del 250° anniversario della nascita del compositore Gaspare Spontini, con il concerto dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” diretta dal Maestro Riccardo Muti, da sempre musicista spontiniano par excellence, benefattore delle Opere Pie Spontini e Cittadino Onorario di Maiolati Spontini. Il giorno successivo si terrà un replica al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno.

Alla presentazione delle celebrazioni del 250° anniversario di Gaspare Spontini, tenutasi a Roma presso la Sala Spadolini del Ministero della Cultura, erano presenti Antonio De Rosa, Management Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, Lucia Chiatti, Direttore Generale Fondazione Pergolesi Spontini, Lorenzo Fiordelmondo, Presidente Fondazione Pergolesi Spontini e Sindaco Comune di Jesi, Onorevole Giorgia Latini, Vice Presidente Commissione Cultura, Scienze e Istruzione Camera dei Deputati, Onorevole Gianmarco Mazzi, Sottosegretario Ministero della Cultura, Marco Fioravanti, Sindaco di Ascoli Piceno, Tiziano Consoli, Vicepresidente Fondazione Pergolesi Spontini e Sindaco Comune di Maiolati Spontini, Sebastiano Mazzarini, Assessore alla Cultura del Comune di Maiolati Spontini, Cristian Carrara, Direttore Artistico Fondazione Pergolesi Spontini.

Oltre ai due concerti inaugurali sono diverse le iniziative in programma, tra cui concerti, incontri e convegni. Il programma completo è consultabile sul sito dedicato.

Commenta così il programma il Direttore Artistico della Fondazione Pergolesi Spontini, Cristian Carrara: «Gaspare Spontini è stato un compositore pienamente europeo. Capace di leggere, spesso in anticipo, i grandi cambiamenti culturali e politici che hanno attraversato l’Europa nel tempo in cui è vissuto. Nonostante questo aspetto, che lo rende un personaggio unico nel suo genere, ha mantenuto nel suo linguaggio una profonda italianità innovando profondamente il linguaggio dell’opera lirica del suo tempo. Celebrarne la nascita è per noi l’occasione per ribadire quanto ci sia bisogno che la sua musica sia eseguita e conosciuta ancor più di quanto lo è oggi, e quanto importante sia stato il suo contributo per tanti compositori che, dopo di lui, lo hanno visto come un maestro e un innovatore da cui prendere spunto».

Il Sindaco di Maiolati Spontini e Vicepresidente della Fondazione Pergolesi Spontini, Tiziano Consoli, e l’Assessore alla Cultura Sebastiano Mazzarini, sottolineano «come questo sia il primo atto dell’avvio dei festeggiamenti spontiniani che rievocano i 250 anni dalla nascita del Compositore: genio musicale, ma anche uomo e filantropo che ha saputo portare nelle corti europee della seconda metà dell’Ottocento le proprie opere rendendo lustro alla sua nazione, alla sua terra marchigiana di origine ed alla sua comunità. La città di Maiolati Spontini è oggi come in passato grata per le innumerevoli opere benefiche destinate alla popolazione. La sua musica e le sue opere camminano ancora oggi tra noi».

Il Sindaco di Jesi e Presidente della Fondazione Pergolesi Spontini, Lorenzo Fiordelmondo, aggiunge: «Una celebrazione importante per tutto il territorio marchigiano che sarà coinvolto nell’omaggiare il grande compositore, esaltato dalle corti europee dell’800 e preso come riferimento da Wagner. Dopo aver fatto conoscere il suo talento a Parigi e Berlino, Spontini decise di tornare nel borgo dove nacque il 14 novembre 1774. Dedicò alla musica gli ultimi anni della sua vita con l’amata moglie Celeste e mai dimenticò la comunità maiolatese: qui fondò le Opere Pie e donò alla comunità il parco che porta il nome di Celeste Erard, dimostrando il forte e profondo legame che ha avuto con il suo territorio. La vita e il talento di Gaspare Spontini sono stati raccontati nel docufilm “Gaspare Spontini Celeste Amore”, prodotto dalla casa di produzione jesina SubwayLab, che attraverso il cinema sta facendo conoscere ad un pubblico vasto ed eterogeneo questo grande protagonista della musica europea. Siamo orgogliosi, dunque, di celebrare questa importante ricorrenza in piena sinergia con il territorio: un lavoro di rete che è importante per sostenere percorsi culturali e turistici».

Il Direttore Generale della Fondazione Pergolesi Spontini, Lucia Chiatti, chiude così questo primo annuncio di un calendario che aumenterà progressivamente la propria offerta nel corso dell’anno: «Ogni anno sono felice ed orgogliosa di vedere tante nostre produzioni nei cartelloni dei teatri di tutto il paese e non solo. Tra le realtà teatrali, siamo un unicum assoluto: un centro di costante produzione artistica, crescita di professionalità e sviluppo della consapevolezza culturale del territorio che lavora in un contesto fatto di tanti piccoli borghi, che concretizza, con creatività ed entusiasmo, ambizioni intellettuali degne di un grande centro europeo e che vogliamo sempre più attrattivo per chi vive anche in realtà diverse, perché nella nostra aria tersa un trillo suona diversamente, un cielo dipinto a mano, un ricamo di seta dei nostri artigiani porta con sé il dolce sapore dei nostri colli. Molti ci conoscono per le nostre opere sempre in tournée in Italia, credo che sia giunto l’anno giusto perché tutti veniate a goderne qui».

Continue Reading

Ancona

Per la prima volta un presepe nelle Grotte di Frasassi: la presentazione il 29 dicembre

L’allestimento durerà fino al 9 gennaio. Alla presentazione, canti lirici di Natale e una sorpresa.

Pubblicato

il

presepe grotte frasassi

I presepi artistici del Maestro Andrea Pistolesi dell’Associazione “Amici del Presepe Monte San Giusto”, in mostra permanente a Palazzo Bonafede, entrano alle Grotte di Frasassi.

ANCONA – La Natività nella suggestiva Sala delle Candeline, un mercato nella sala dell’Organo, nelle altre l’Annunciazione e diverse raffigurazioni. I presepi artistici della collezione del Maestro Andrea Pistolesi dell’Associazione “Amici del Presepe Monte San Giusto”, in mostra permanente a Palazzo Bonafede, entrano alle Grotte di Frasassi. La presentazione si terrà venerdì 29 dicembre, mentre l’allestimento durerà fino al 9 gennaio.

È la prima volta che viene allestito un presepe all’interno delle sale delle Grotte. Statue alte 65 centimetri, con occhi di cristallo, in un allestimento progettato e realizzato nel rispetto di tutte le rigide norme di tutela dell’ambiente speciale delle Grotte di Frasassi.

Un secondo allestimento dell’Associazione “Amici del Presepe Monte San Giusto” si trova nella splendida location del Tempio neoclassico del Valadier, dove sono allestite ben sei teche e diorami, con presepi ispirati a scene tipicamente marchigiane.

L’idea di allestire un presepe nelle Grotte di Frasassi è venuta in mente a Melissa Sciacca, professoressa in marketing e comunicazione, che racconta la genesi dell’esposizione: «Pur abitando ad Ancona, ho sempre avuto nel cuore le Grotte di Frasassi, il Castello di Genga e gli scenari della Gola della Rossa. Qualche anno fa stavo per partecipare al celeberrimo presepe vivente che poi fu annullato per motivi di Covid e di sicurezza. Ho sempre immaginato, però, quanto potesse essere suggestivo allestire un presepe all’interno delle Grotte di Frasassi, così, conoscendo la bellissima mostra di presepi del maestro e amico Andrea Pistolesi, a novembre inoltrato mi sono lanciata in una proposta di allestimento: mi sono rivolta alla Pro Loco di Genga che con premura mi ha indirizzata al Consorzio Frasassi, che con entusiasmo e generosità ha accettato l’idea.  Partecipare all’allestimento (fatto nel pieno rispetto delle norme di tutela dell’ambiente delle Grotte) e vivere questa meravigliosa esperienza è stata per me una grande gioia. Ringrazio il Consorzio Frasassi, la Pro Loco di Genga, il Comune di Genga, la Direttrice e tutti i collaboratori delle Grotte di Frasassi».

Pierpaolo Mascia 

Continue Reading

M'Art

Ultimi biglietti per “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek al Comunale di Teramo

Pubblicato

il

mine vaganti teramo ozpetek

Il cast, che vede oltre dieci attori in scena, comprende tra gli altri Francesco Pannofino, Gianna Coletta, Loredana Cannata ed Erik Tonelli. Prima regia teatrale per Ozpetek, che con “Mine Vaganti” porta in scena anche a Teramo l’adattamento di una delle sue pellicole migliori. Spettacolo serale già sold out, ma c’è ancora qualche tagliando per la replica pomeridiana.

TERAMO – Terzo appuntamento per la Stagione di Prosa 2023/2024 della Riccitelli con un grande titolo e un allestimento importante. “Mine vaganti”, film cult nella filmografia di Ferzan Ozpetek, che ne cura anche la regia teatrale, è in programma al Teatro Comunale di Teramo giovedì 21 dicembre alle 20:30 e venerdì 22 alle 18 per la replica pomeridiana.

Ricco e importante il cast con attori del calibro di Francesco Pannofino insieme, tra gli altri, a Gianna Coletta, Loredana Cannata, Erik Tonelli, per una produzione che vede più di dieci attori in scena.

Ozpetek firma la sua prima regia teatrale mettendo in scena l’adattamento di uno dei suoi capolavori, vincitore di 2 David di Donatello, 5 Nastri d’Argento, 4 Globi d’Oro, il Premio Speciale della Giuria al Tribeca Film Festival di New York ed il Ciak D’Oro come Miglior Film.

Così il regista racconta e descrive il suo spettacolo sul palcoscenico: «Come trasporto i sentimenti, i momenti malinconici, le risate sul palcoscenico? Questa è stata la prima domanda che mi sono posto, e che mi ha portato un po’ di ansia, quando ha cominciato a prendere corpo l’ipotesi di teatralizzare Mine vaganti. La prima volta che raccontai la storia al produttore cinematografico Domenico Procacci, lui rimase molto colpito aggiungendo entusiasta che sarebbe potuta diventare anche un ottimo testo teatrale. Poco dopo avviammo il progetto del film e chiamammo Ivan Cotroneo a collaborare alla sceneggiatura.

Oggi, dietro invito di Marco Balsamo, quella prospettiva si realizza con un cast corale e un impianto che lascia intatto lo spirito della pellicola. Certo, ho dovuto lavorare per sottrazioni, lasciando quell’essenziale intrigante, attraente, umoristico. Ho tralasciato circostanze che mi piacevano tanto, ma quello che il cinema mostra, il teatro nasconde, e così ho sacrificato scene e ne ho inventate altre, anche per dare nuova linfa all’allestimento.

L’ambientazione pure cambia. Ora una vicenda del genere non potrebbe reggere nel Salento, perciò l’ho ambientata in una cittadina tipo Gragnano o lì vicino. In un posto dove un coming out ancora susciterebbe scandalo. Rimane la famiglia Cantone, proprietaria di un grosso pastificio, con le sue radicate tradizioni culturali alto borghesi e un padre desideroso di lasciare in eredità la direzione dell’azienda ai due figli. Tutto precipita quando uno dei due si dichiara omosessuale, battendo sul tempo il minore tornato da Roma proprio per aprirsi ai suoi cari e vivere nella verità.

Racconto storie di persone, di scelte sessuali, di fatica ad adeguarsi ad un cambiamento sociale ormai irreversibile. Qui la parte del pater familias è emblematica, oltre che drammatica e ironica allo stesso tempo.

Le emozioni dei primi piani hanno ceduto il posto a punteggiatura e parole; i tre amici gay sono diventati due e ho integrato le parti con uno spettacolino per poter marcare, facendone perfino una caricatura, quelle loro caratteristiche che prima arrivavano alla gente secondo le modalità mediate dallo schermo. Il teatro può permettersi il lusso dei silenzi, ma devono essere esilaranti, altrimenti vanno riempiti con molte frasi e una modulazione forte, travolgente. A questo proposito, ho tratto spunto da personali esperienze. A teatro non ci si dovrebbe mai annoiare. Sono partito da questo per evitare che lo spettacolo fosse lento. Ho optato per un ritmo continuo, che non si ferma, anche durante il cambio delle scene. Qui c’è il merito di Luigi Ferrigno che si è inventato un gioco di movimenti con i tendaggi; anche le luci di Pasquale Mari fanno la loro parte, lo stesso per i costumi di Alessandro Lai, colorati e sgargianti.

Ho realizzato una commedia che mi farebbe piacere andare a vedere a teatro, dove lo spettatore è parte integrante della messa in scena e interagisce con gli attori, che spesso recitano in platea come se fossero nella piazza del paese e verso cui guardano quando parlano. La piazza/pubblico è il cuore pulsante che scandisce i battiti della pièce».

I biglietti per lo spettacolo serale di “Mine Vaganti” di Ferzan Ozpetek al Teatro Comunale di Teramo sono andati presto esauriti, tuttavia è ancora possibile acquistare gli ultimi tagliandi disponibili per la replica pomeridiana. Info e dettagli su www.primoriccitelli.it, pagina Facebook e Instagram della Riccitelli.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.