fbpx
Connect with us

Pescara

Le moto elettriche Scarponi Motorcycles conquistano Pescara

Pubblicato

il

moto elettriche scarponi motorcycles a pescara

Da ieri e fino alla mezzanotte di oggi, in piazza Salotto a Pescara sono esposte le moto elettriche Scarponi Motorcyles: nate e prodotte a Teramo, stanno ottenendo grande successo sia in Italia che all’estero.

PESCARA – Pratiche, leggere e compatte, le moto elettriche Scarponi Motocycles hanno attirato l’interesse e la curiosità dei pescaresi che ieri sono passati per piazza della Rinascita, conosciuta col nome di piazza Salotto, dove i mezzi si trovano in esposizione. C’è tempo fino a questa sera a mezzanotte per vedere e toccare con mano queste moto 100% elettriche e 100% abruzzesi. Pensate, disegnate, prodotte e testate a Teramo, le moto Scarponi Motorcycles stanno riscuotendo molto successo anche all’estero.

Equiparabili ai mezzi a due ruote di cilindrata 125, garantiscono un’autonomia di 100 chilometri con una ricarica. Silenziose, maneggevoli e con un’ottima ripresa, garantiscono una potenza che permette loro di affrontare qualsiasi strada e qualsiasi salita. Le moto prodotte artigianalmente negli stabilimenti teramani spiccano per fantasia e varietà di modelli e colori, dal blu elettrico, al verde militare, al rosa confetto. A seconda del gusto di chi monterà in sella.

Ieri in piazza Salotto, persone di tutte le età sono state attirate dalle innovative moto Scarponi Motorcycles, che con il loro design accattivante e prestazioni super inseguono la rivoluzione dei trasporti, all’insegna della mobilità sostenibile.

Tra coloro che si sono fermati ad ammirarle, il presidente di Regione Abruzzo Marco Marsilio. L’esposizione nel salotto a cielo aperto di Pescara rappresenta una sorta di prova generale prima del ritorno all’Eicma di Milano, dove lo scorso anno il sogno nel cassetto di Gianluca Scarponi ha già riscosso successo e consensi.

Attualmente, sono tre i modelli disponibili, tutti estremamente personalizzabili in termini di linea e colore, per permettere ai motociclisti di guidare una moto che rispecchi in pieno la loro personalità. Per ricevere maggiori informazioni, è possibile visitare le piattaforme web dell’azienda, oppure visitare direttamente gli stabilimenti di viale Bovio a Teramo. E se vi trovate a Pescara, potete passare da piazza Salotto entro questa sera. Il team tecnico di Scarponi Motorcycles risponderà a qualunque domanda.

Abruzzo

Raddoppio linea Roma-Pescara, il finanziamento criticato dalle opposizioni che fa bisticciare Lega e FdI

Pubblicato

il

treno TUA Pescara-Roma

E’ stato annunciato ieri il finanziamento del Cipess da 720 milioni per il raddoppio della linea ferroviaria Roma-Pescara e tra Lega e Fratelli d’Italia è scattata una corsa per intestarsi l’assegnazione dei fondi. Il Pd: «Non c’è una data di inizio e fine lavori, è una presa in giro colossale per tirare la volata al fedelissimo di Meloni, Marsilio». Il presidente di Regione: «grazie al Governo, grazie a Giorgia Meloni».

PESCARA – 720 milioni di euro per il raddoppio della linea ferroviaria Roma-Pescara, che vanno ad aggiungersi 231 milioni di euro a carico del Fondo Opere Indifferibili per due lotti della tratta che riguardano il raddoppio delle tratte interporto-Manoppello scalo e Manoppello-Scafa, per un importo totale da 951 milioni. Il Cipess, Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile, ha dato il via libera ieri.

Una notizia che in piena campagna elettorale per le Elezioni Regionali 2024, non può che non provocare polemiche di carattere politico, con le opposizioni che criticano la puntualità dell’annuncio, ma anche gelosie nella coalizione di centrodestra, con una sorta di gara a chi si intesta per primo l’assegnazione dei fondi.

Una ventina di minuti prima di mezzogiorno è la Lega ad annunciare per prima il finanziamento della linea Roma-Pescara, con una nota dal titolo esplicativo: «Abruzzo, la Lega: Roma-Pescara garantita dal Mit di Salvini». Lo stanziamento, nella sintetica dichiarazione del reggente del dicastero, è definito un «passo fondamentale per il celere avvio dei lavori sulla direttrice, così come auspicato dal Vicepremier e Ministro Matteo Salvini».

Sei minuti dopo le 12:00 arriva la “versione di Giorgia”, successiva ad una riunione del Cipess alla quale ha preso parte anche Marsilio. La presidente ringrazia i ministri Salvini e Fitto, ma si intesta si intesta il maxi-finanziamento come «tappa importante nell’azione del governo».

Pochi minuti dopo, Marsilio lavora di diplomazia, ringrazia il governo e getta la palla della discordia nella tribuna delle opposizioni: «Questi 950 milioni sanano un debito accumulato dal precedente governo, che non avendo saputo completare la procedura di autorizzazione di questo appalto nei termini previsti dal PNRR, aveva fatto perdere il finanziamento dell’opera, che ora viene rifinanziata con i fondi sviluppo e coesione grazie alla Presidente Meloni, al Ministro Fitto e al Ministro Salvini che hanno lavorato per individuare questa nuova fonte di finanziamento e colmare quindi questo debito mantenendo un impegno solennemente assunto nei confronti della regione Abruzzo». Il presidente di Regione Abruzzo ne approfitta per sottolineare un altro finanziamento ottenuto: «l’odierna seduta del Cipess ha anche approvato il piano operativo complementare che rifinanzia e torna a destinare quasi 150 milioni di euro di fondi europei che erano stati distratti, utilizzati per l’emergenza Covid tra il 2020 e il 2022, e che oggi, come da impegni presi, tornano nella disponibilità dell’Abruzzo per essere spesi a sostegno delle imprese, dello sviluppo economico e del territorio. Parliamo di circa 1 miliardo e 100 milioni che si aggiungono al 1 miliardo e 250 milioni che due settimane fa Giorgia Meloni ha firmato con l’Accordo di Coesione per l’Abruzzo. Stiamo andando avanti e non dobbiamo fermarci».

Non mancano poi le critiche delle opposizioni. Il Partito Democratico lascia serpeggiare il sospetto che l’opera sia stata precedentemente bloccata per essere annunciata a ridosso del voto: «Una marchetta elettorale. Non c’è una data di inizio e fine lavori, è una presa in giro colossale per tirare la volata al fedelissimo di Meloni, Marsilio». Giuseppe Conte invece, in visita a L’Aquila, vede negli annunci della maggioranza «un segno di grande debolezza l’errore che Meloni sta compiendo anche qui, promettendo in campagna elettorale la Roma-Pescara. Promesse mirabolanti, mentre sono impegni da declinare ogni giorno con una seria attività amministrativa».

Ancora una volta è Marsilio a rispondere, difendendo ancora l’azione del governo, ma con una precisazione: «Il finanziamento della ferrovia Roma-Pescara non è una promessa ma una delibera del Cipess. Conte dovrebbe conoscere pure la differenza; non una promessa ma la realtà concreta. Piuttosto fu lui a fare una promessa mirabolante parlando di alta velocità quando si trattava di una semplice velocizzazione della linea esistente. Conte aveva messo a disposizione solo 620 milioni di euro del PNRR, promettendo di realizzare quattro lotti, quando questi soldi non bastavano nemmeno per due. È grazie al presidente Giorgia Meloni se quel finanziamento è diventato di 950 milioni di euro e completerà due lotti per i quali la gara d’appalto è già sostanzialmente conclusa. Manca solo la scelta del contraente e la firma del contratto. Le chiacchiere e la approssimazione con cui ha governato Conte sono dimostrati plasticamente proprio della vicenda della ferrovia Roma – Pescara che grazie a Giorgia Meloni può finalmente partire».

Continue Reading

Pescara

Il ragazzo che ha trascorso due notti sul balcone a Pescara si è arreso: «non ce la faccio più»

Pubblicato

il

ambulanza-118

Dopo due giorni trascorsi in bilico sul balcone del quinto piano, da cui minacciava di gettarsi nel vuoto, il ragazzo di 23 anni si è arreso ai soccorritori.

PESCARA – Alla fine ha aperto la porta. Il ragazzo che per due giorni ha minacciato il suicidio a Pescara, trascorrendo due notti sul balcone della sua casa in compagnia del suo cane pitbull minacciando di lanciarsi nel vuoto, si è arreso ai suoi soccorritori. Dopo aver aperto al mediatore, è stato bloccato dalla Polizia, che lo ha avvolto in una coperta e l’ha caricato su un’ambulanza diretta all’ospedale. E’ apparso stremato.

Il drappello di forze dell’ordine appostato sotto casa sua sta pian piano smobilitando. Oltre ai Vigili del Fuoco e la squadra di negoziazione della Polizia, erano presenti anche una squadra proveniente da Roma, il personale della Asl, la Polizia Locale ed il 118.

«Sono stanco, non ce la faccio più» avrebbe detto il ragazzo rimasto sul balcone a Pescara per due notti, quando si è arreso ai suoi soccorritori.

Continue Reading

Pescara

Trasferita a Pescara la dirigente della Squadra Mobile di Firenze

Pubblicato

il

manganellate studenti pisa

Era stata la stessa funzionaria a richiedere il trasferimento nell’autunno scorso, che non sarebbe correlato alle cariche dei poliziotti contro gli studenti a Pisa e Firenze.

PESCARA – Silvia Conti, sulmonese, precedentemente dirigente della Squadra Mobile di Firenze è stata trasferita in Abruzzo, a Pescara. Dopo i fatti di Pisa e Firenze, in cui alcuni studenti in corteo, in gran parte minorenni, sono rimasti feriti dalle manganellate dei poliziotti durante le cariche, si è pensato che il suo repentino trasferimento fosse una ripercussione a quanto accaduto. Oggi però si apprende che il trasferimento era già programmato e che sarebbe stata la stessa funzionaria a richiederlo, nell’autunno scorso.

Conti non ha avuto responsabilità dirette nella gestione dell’ordine pubblico, ma in base alle sue funzioni ha assegnato alla Questura di Pisa le squadre che erano state richieste. Non è stata lei insomma a dar l’ordine di caricare, ma il suo compito era quello di inviare gli uomini sul campo, dato che è il reparto della Mobile fiorentina a fornire agenti alla questura pisana.

La dirigente è stata trasferita dalla Squadra Mobile di Firenze Sezione Anticrimine della Questura di Pescara.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.