Guardia di finanza sventa frode fiscale milionaria.

Teramo, 11 luglio- Operavano accreditando i proventi illeciti, profitto delle false fatture fiscali per operazioni inesistenti, sui rapporti bancari intestati alle aziende coinvolte e successivamente dislocati su conti esteri attraverso bonifici online.

L’indagine avviata dalla locale Procura della Repubblica, ha consentito di portare alla luce questo complesso metodo di frode fiscale. 

A conclusione delle indagini, gli uomini della Guardia di Finanza hanno individuato ben 6 aziende, di cui una teramana, operanti nel settore del commercio informatico, che beneficiavano delle fatturazioni illegali. 

L’accurato esame della questione e delle prove, ha permesso agli uomini delle Fiamme Gialle di recuperare nei confronti dell’impresa teramana, materia imponibile sottratta a tassazione per più di cinque milioni di euro, oltre ad  un milione di euro di IVA evasa.