fbpx
Connect with us

Focus

Una volta l'educazione civica

L’ora prevista di cittadinanza e costituzione sembra essere scomparsa, sostituita quasi completamente dalle materie curricolari perdendo di vista l’importanza della conoscenza della costituzione e dei diritti e dei doveri di ogni cittadino.

Pubblicato

il

L’educazione civica è lo studio delle forme di governo di una cittadinanza, con particolare attenzione al ruolo dei cittadini, alla gestione e al modo di operare dello Stato.

Consiste nell’educazione dei cittadini all’interno di una determinata politica o tradizione etica. La storia di questa materia risale alle prime teorie formulate dal filosofo greco Platone che, insieme ad altre menti dell’antica Grecia e dell’Oriente, hanno contribuito ad elaborare i concetti, estremamente innovativi per l’epoca, di giustizia e di diritto da attuare nella vita pubblica che saranno poi ripresi dalle grandi menti contemporanee.

In Italia fu Aldo Moro il primo ad introdurre, nel 1958, l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole medie e superiori.Negli ultimi 50 anni la materia si è chiamata “Educazione civica”, affidata per due ore mensili al docente di storia. Durante questi anni alla materia fu cambiato nome, contenuti e diminuite le ore dedicate. La sistemazione attuale fu voluta dal ministro Gelmini. Oggi non è una disciplina con un quadro orario definito, ma un insegnamento affidato ai docenti dell’aria letterario-umanistica che attraversa varie discipline. Dall’anno scolastico 2010/2011 si è cambiato nome all’insegnamento di educazione civica, passando al nome “Cittadinanza e costituzione“. Esso comprende cinque argomenti: educazione ambientale, educazione stradale (codice della strada), educazione sanitaria (regole basilari di pronto soccorso), educazione alimentare e costituzione italiana.

Per molti professori questa è la materia “più bella del mondo” e affermano che non basta il sapere ma bisogna apprendere e sviluppare anche e soprattutto personalità e responsabilità sociale, sentimenti di empatia, rispetto, appartenenza e partecipazione. La scuola va vissuta come una comunità educativa e dev’essere il mezzo che, non solo fa imparare le scienze e le tecniche, ma aiuta a crescere in umanità.

Come nelle altre scuole, anche in quelle di Martinsicuro l’educazione civica era una materia spiegata dalle maestre e professoresse di storia e geografia spesso con l’ausilio delle forze di polizia locali.
La scuola impiegava ore per impartire ai bambini le regole basilari della strada. Era un’occasione preziosa per affrontare anche temi come bullismo, violenza domestica e questioni di genere, perché la «formazione civile» dovrebbe educare la personalità dei ragazzi in tutte le dimensioni. Si andavano a sensibilizzare i bambini alle diversità che si possono trovare in una comunità come quella della scuola e si portavano gli studenti alla comprensione di queste e alla successiva accettazione; erano proposte campagne di sensibilizzazione per l’ambiente, contro la droga, la violenza sulle donne e molte altre.

Ma, da qualche anno a questa parte, questa materia è diventata una materia-fantasma.
Se chiedessimo ai bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie “Di cosa parlate durante l’ora di Cittadinanza e Costituzione?” la loro risposta probabilmente sarebbe “Cos’è l’ora di Cittadinanza e Costituzione?”

Sta velocemente scomparendo dalle nostre scuole. Giustamente, dicono alcuni, non avendo un posto ben preciso nell’orario, maestre e professoresse, non trovano il tempo da dedicargli, dovendo portare avanti il loro programma, oppure riescono a ricavare brevissimi lassi di tempo per leggere i capitoletti dedicati in appendici e approfondimenti nei libri di storia.

E se Aldo Moro chiedeva di «trovare senza indugio un adeguato posto nel quadro didattico della scuola, al fine di rendere consapevole la nuova generazione delle raggiunte conquiste morali e sociali che costituiscono ormai sacri retaggio del popolo italiano» e Luigi Sturzo avvertiva: «Se (la Costituzione) cade dal cuore del popolo, se non entra nella coscienza nazionale, anche attraverso l’insegnamento e l’educazione scolastica, verrà a mancare il terreno sul quale sono fabbricate le nostre istituzioni e ancorate le nostre libertà».

A chiarire il compito della scuola in proposito è stato Giorgio Napolitano: «È importante che la Carta Costituzionale venga sistematicamente insegnata e analizzata nelle scuole italiane, per offrire ai giovani un quadro di riferimento indispensabile per costruire il loro futuro di cittadini, consapevoli dei propri diritti e dei propri doveri». Nel 2008 al ministero si stava lavorando a un disegno di legge che assegnava a questa materia un monte ore annuale di 33 ore. Ma la previsione è poi scomparsa.

Bisognerebbe ripuntare su questa materia che aiuta a formare i bambini che saranno gli adulti di domani, che guideranno il nostro paese e la nostra città ? E’ necessario pretendere la conoscenza delle regole basilari di una convivenza civile per garantire una permanenza serena nella nostra città e nel nostro Paese e per farlo i punti di partenza devono essere i banchi di scuola.

 

Focus

I segreti della Legge di Attrazione: come funziona e come utilizzarla. Il seminario del dottor Primo Pierantozzi

Pubblicato

il

seminario i segreti della legge di attrazione primo pierantozzi

Domenica 14 novembre si è svolto, sulla piattaforma Zoom, un interessante seminario teorico-pratico sui segreti della “Legge di Attrazione”, come funziona e come applicarla, tenuto dal mental coach Primo Pierantozzi.

Un’esperienza formativa di alto livello, con una parte teorica ed una esperienziale cadenzata da esercizi e una metodologia veloce per imparare a mettere subito in pratica questa favolosa legge, con riscontri testabili nel lungo termine. Obiettivo principale dell’incontro formativo: acquisire le basi della tecnica per “Manifestare nella tua vita tutto ciò che hai sempre desiderato”. A conclusione del corso sui Segreti della Legge di attrazione, il dottor Primo Pierantozzi ha condotto una bellissima meditazione guidata, un momento di intensa partecipazione e relax che ha trasportato i presenti in una dimensione extra sensoriale.

«C’è un invisibile denominatore che accomuna tutti gli esseri viventi su questo pianeta ed è rappresentato dalle leggi universali – commenta durante il break Pierantozzi –  Quella che si conosce meglio è senza dubbi la gravità, una forza invisibile che attrae qualsiasi cosa alla Terra anziché farla fluttuare in aria. Tuttavia, ne esistono anche altre che agiscono su un piano energetico e spirituale, meno evidenti della forza di gravità, ma ugualmente potenti e in grado di influenzare l’esistenza delle persone. E tra queste, la più importante è la legge di attrazione, un affascinante principio che opera costantemente nella  vita di ognuno e regola l’intero equilibrio dell’Universo.  In base ad esso, ogni essere umano è in grado di attrarre a sé situazioni ed eventi in linea con la propria emissione mentale ed emotiva. Tutto ciò che accade nella vita non è un caso, ma la fedele riproduzione delle vibrazioni di ognuno di noi: ciò che sentiamo e ciò in cui crediamo non sono contenuti astratti, ma hanno una frequenza ben precisa che seleziona e porta a manifestare un tipo di realtà piuttosto che un’altra».

Piaccia oppure no, ogni giorno interagiamo con il campo attorno a noi usando questa legge, ma lo facciamo in maniera inconsapevole, portando a manifestare anche quelle situazioni disarmoniche che non si allineano con i nostri desideri.

«In questo seminario esperienziale – continua il mental coach – svelo, non solo come funziona la legge di attrazione, ma anche come ha funzionato per me e qual è l’unica impostazione mentale da utilizzare per riuscire ad attrarre esattamente ciò che da sempre hai desiderato, ma purtroppo non si è mai manifestato nella propria vita. Gli allievi del corso impareranno anche dei principali errori da non commettere  e che solitamente portano la maggior parte delle persone a desistere e provare diffidenza dopo che non hanno ottenuto risultati soddisfacenti seguendo questo entusiasmante scibile. Infatti, si tratta di un antico e sottile principio che funziona sempre, ma che non si basa solo sul visualizzare e fare pensieri positivi… Occorre restare sul piano dell’essere piuttosto che sul fare: solo lavorando in profondità su noi stessi saremo finalmente in grado di evolvere, cambiare e iniziare ad attrarre ciò che davvero vogliamo. E lo faremo insieme durante il modulo didattico, grazie a dei pratici esercizi».

Il Dr. Primo Pierantozzi è un Mental Coach Professionista certificato AICP, facilitatore in meditazione Mindfulness accreditato IPHM e autore del libro bestseller  Il Distacco Che Libera. Collabora con aziende di spessore nazionale in ambito di team coaching, crescita personale e sviluppo delle potenzialità nelle risorse umane. La passione per le scienze umanistiche e filosofiche, mirate all’evoluzione personale, da sempre lo impegnano in studi e approfondimenti sui molteplici comportamenti umani. Organizza seminari esperienziali e conferenze informative di coaching, meditazione e risveglio spirituale. Da sempre appassionato al mondo della crescita personale, ha come obiettivo la ricerca, la creazione e la divulgazione di nuovi metodi al fine di portare sempre più persone a raggiungere i propri obiettivi attraverso la consapevolezza, l’allenamento delle potenzialità e il miglioramento personale. Maggiori informazioni su https://www.pierantozzi.it/.

Luana Salvatore

Continua a leggere

Abruzzo

UniTE: Master in INTERNATIONAL COOPERATION AGAINST TRANSNATIONAL FINANCIAL ORGANIZED CRIME

Prevenzione e contrasto (a livello nazionale, europeo ed internazionale) della criminalità transnazionale

Pubblicato

il

Università Teramo

BANDO 21/22 DEL MASTER IN “INTERNATIONAL COOPERATION AGAINST TRANSNATIONAL FINANCIAL ORGANIZED CRIME”

Il Master, presso l’Università degli Studi di Teramo, consentirà agli iscritti italiani e stranieri di conoscere ed approfondire le principali tematiche della criminalità transnazionale quali: traffico di esseri umani (donne, bambini, migranti), alcol  e stupefacenti, armi da fuoco, patrimonio culturale, criminalità ambientale, corruzione,  contraffazione di prodotti farmaceutici, marchi e brevetti, frodi al bilancio comunitario, riciclaggio,  terrorismo, criminalità informatica.

Le lezioni del  Master – che si terranno in lingua inglese – forniranno un’adeguata preparazione sia in tema di prevenzione che di contrasto (a livello nazionale, europeo ed internazionale) della criminalità transnazionale.
Sarà analizzata anche l’attività svolta da organismi – che saranno sede di stage – quali Onu, Unesco,  Interpol,  Olaf, Gafi, Europol, Eurojust, Ocse, Seci,  Procura Nazionale Antimafia.    

Le lezioni che si terranno in lingua inglese  forniranno un’adeguata preparazione sia in tema di prevenzione che di contrasto (a livello nazionale, europeo ed internazionale) della criminalità transnazionale.

Info:

Prof. ssa Maria Cristina Giannini (coordinatrice)

mcgiannini@unite.it

Pagina ufficiale : https://www.unite.it/UniTE/International_cooperation_against_transnational_financial_organized_crime_6 

Continua a leggere

Abruzzo

Anche Abruzzo e Marche a Tutto Food e HostMilano

Siamo stati alla Fiera di Milano ed abbiamo visitati i diversi stand

Pubblicato

il

Anche gli Stand di Marche ed Abruzzo a Rho Milano Fiera. Tra le due manifestazioni, oltre 150 mila visitatori professionali: ha superato ogni aspettativa il ritorno in presenza di HostMilano e TUTTOFOOD, che si sono concluse oggi a fieramilano a Rho, in contemporanea con MEAT-TECH.

“La scommessa di tornare a incontrarsi di persona si è rivelata vincente – commenta Luca Palermo, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Fiera Milano –. C’era grande voglia di fare business dal vivo, come dimostrano gli incontri degli oltre 150 mila visitatori con più di 2.700 aziende. Insieme ai nuovi accordi siglati da Fiera Milano, questa vivacità rafforza l’approccio di filiera che occorre all’ecosistema italiano dell’agroalimentare e dell’ospitalità e fuoricasa per presentarsi all’estero in maniera organica”.

Corsie gremite e vivaci scambi agli stand consolidano il crescente ruolo di fieramilano come hub fieristico europeo e volano di internazionalizzazione per le imprese italiane di ogni dimensione. Una strategia continuativa e organica, come dimostra il costante incremento dei buyer internazionali, anche in collaborazione con ICE Agenzia.

In tema di accordi, la nuova partnership con Filiera Italia e Coldiretti promuoverà il Made in Italy agroalimentare nel mondo con modalità innovative, con l’obiettivo di raddoppiare il valore dell’export. Il recente accordo con Informa Market invece, tra i leader mondiali nel settore fieristico con oltre 450 eventi in portafoglio, porterà in modo ancora più capillare in aree estere strategiche le aziende presenti alle manifestazioni di Fiera Milano. Tra i primi appuntamenti, la partecipazione di imprese italiane alle prossime edizioni di FHA-HoReCA, manifestazione dedicata al food e all’’hotellerie organizzata da Informa a Singapore.

“La collaborazione tra Fiera Milano e Informa Markets – prosegue Palermo – prende avvio dai settori Food & Hospitality, dove siamo leader a livello internazionale, per poi proseguire in altri settori. Siamo certi che questa alleanza possa rappresentare un’ulteriore opportunità di internazionalizzazione da offrire alle aziende che partecipano alle fiere. La nostra ambizione rimane invariata: vogliamo rafforzarci come hub europeo in grado di ospitare congressi e manifestazioni di respiro mondiale. Per questo siamo sempre più concentrati ad attivare partnership con grandi attori internazionali”.

Con questa edizione HostMilano e TUTTOFOOD si sono confermate come piattaforme non solo di business, ma anche di presentazione di dati e ricerche, condivisione di conoscenze, competizioni internazionali e scoperta di nuove tendenze: centinaia gli eventi in programma.

Stand Marche-Foto IL MARTINO
Stand Abruzzo- Foto IL MARTINO

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy