fbpx
Connect with us

Focus

Cinema Ambra: memorie, attualità e progetti futuri. Il racconto di Ambra

Perché lasciar morire la memoria?, perché avere tra le mani un patrimonio culturale, economico e sopratutto ARTISTICO e far finta di nulla?, perché non far rivivere una parte di storia di Martinsicuro e farla divenire il futuro della nostra città? perché in definitiva: tapparsi gli occhi per non vedere le potenzialità e l’incredibile forza che la settima arte e l’arte teatrale hanno?

Published

on

V secolo a.c. ad Atene iniziano a praticare le prime forme teatrali, 1596 Shakespeare finisce di scrive Romeo e Giulietta, 1878 Eleonora Dusé conquistò il ruolo di prima amorosa nella compagnia Ciotti-Belli Blanes e appena ventenne fu a capo di una compagnia con Giacinta Pezzana, 24 agosto 1891 Thomas Edison brevetta il primo Kinétographe, 28 dicembre 1895 al Salon indie du Grand Cafè di Boulevard des Capucines a Parigi venne proiettato pubblicamente il primo film della storia: “L’uscita dalle Officine Lumière”, 19 ottobre 1906 viene realizzato a Pisa il primo esperimento di sonorizzazione sincronizzata di pellicola da parte del professor Pietro Pierini, 1929 venne assegnato per la prima volta il premio Oscar, 1935 nasce il centro sperimentale di Roma, 1979 venne fondato il premio Ubu considerato il riconoscimento più importante di Teatro in Italia, 9 maggio 1982 il musical “Nine” debuttò per la prima volta al Richard Rodgers Theatre, 1995 “Toy story” il primo lungometraggio interamente realizzato al computer, 2002, 2014, 2037, 2145, …

Queste sono solo alcune delle date più importanti che hanno fatto la storia del cinema e del teatro, solo puntini in un cielo sconfinate di stelle. Queste due arti, una conseguente all’altra, sono diventate nel corso della storia punti di riferimento per l’umanità intera. Sono arti del popolo (tranne che per alcune eccezioni), arti comprensibili da chiunque ed è per questo che sono diventate, sopratutto il cinema, una sorta di fenomeno culturale, un componente essenziale e quotidiano della vita, veri e propri fiumi di immagini che si susseguono e permettono agli spettatori di immedesimarsi e vivere realtà differenti dal proprio vissuto. Il cinema, e più marginalmente il teatro, sono parte integrante della società. Utilizzati in qualunque contesto e forma, come propaganda, pubblicità, in modo ludico o didattico, sono entrati nella vita di tutti i giorni e nella cultura dei popoli e, sopratutto, nel vissuto di ogni persona. Il cinema e il teatro sono storia e spesso non solo il loro concetto in sé, ma le stesse strutture, di pietra, di mattoni, alluminio o vetro che sia, sono parte integranti della storia di una città o di un paese.

Hollywood, è una città costruita attorno al mondo delle star e della cinematografia, è la colonna portante di ciò che molti definiscono cinema commerciale, Hollywood è industria quanto Arte. Se pensi alla Grecia, molto probabilmente ti verrà in mente il teatro e le antichissime quanto spesso inquietanti maschere della commedia o della tragedia greca. Viaggiando nel mondo possiamo arrivare fino in Italia dove una seconda “città” cinematografica è parte della nostra storia e cultura italiana: Cinecittà. Fellini, Rossellini, Pasolini, Anna Magnani, quanti attori, registi e altre figure sono ancora tutt’oggi ben impressi nelle menti delle persone. Personaggi che vengono ricordati con nostalgia e che, molto spesso, sono piccoli segnalibri  fissati sui ricordi della gente, quante volte, un film, uno spettacolo, un frase del copione o altro segnano alcuni momenti della vita ed entrano a far parte del proprio patrimonio di esperienza e, sopratutto, di racconti.

Avevamo forse 16 o 17 anni, una mia amica mi chiese di andare al cinema a vedere un film di Totò. Quanto ci piaceva vedere i film di Totò. Io non sapevo come chiederlo a mio padre che, con mia grande sorpresa, acconsentì ad una condizione: che fossi tornata prima di sera – così, Livia Di Concetto (nata e sempre vissuta a Martinsicuro) inizia a raccontare un simpatico aneddoto legato al cinema Ambra, il vecchio cinema della nostra cittadina – contentissima dissi alla mia amica che avevo avuto il permesso, così, andammo a vedere il nostro Totò. Pagammo sulle 150 lire il biglietto d‘ingresso, ma furono soldi spesi veramente bene. Ridemmo tantissimo durante la proiezione e le ore volarono, avevamo completamente perso la cognizione del tempo, la sala era buia e sembravano essere passati solo pochi minuti. Decidemmo di rimanere in sala e rivedere nuovamente il film. Quando uscimmo fuori, il mondo era diventato improvvisamente buio come quella sala del cinema Ambra. Dov’era unito il sole  luminoso di quando entrammo? Corremmo a casa, ma ormai la punizione per i prossimi giorni era già stata decisa… ma intanto passai un pomeriggio favoloso in compagnia di Totò e della mia amica… che bei ricordi tra quelle mura!!

Ebbene sì, anche la nostra bella Martinsicuro aveva un cinema a tutti gli effetti. Aperto agli inizi degli anni ’50, il cinema Ambra, fu costruito da Vito Lupacchini in società con Gaetano di Fabio. Vito decise di aprire questa struttura e chiamarla come la piccolissima secondogenita: Ambra.

Un cinema di circa 250 posti, più che sufficienti per un paesino come Martinsicuro – ci racconta la stessa Ambrapurtroppo io ero molto piccola e l’unica cosa che ricordo con chiarezza è l’avvento del CINEMASCOPE quando avevo 10-11 anni – il cinema stava crescendo e Ambra con lui.

Purtroppo per Martinsicuro, intorno al 1980 il cinema fu venduto alla conosciuta azienda Bosica che lo acquistò per utilizzare la struttura per i suoi estintori. Il comune di Martinsicuro, fortunatamente, non acconsenti e dopo parecchi anni la struttura dell’ex-cinema è passata nelle mani del comune stesso. Ormai chiuso da tempo, ora è lasciato completamente alla sua decadenza dovuta agli anni che passano, usato come rimessa per materiale inutilizzato e biciclette rubate o abbandonate  con tutta probabilità ammucchiate li dalla Poliservice che possiede le chiavi della struttura, o materiali che non si usano più.

Oggi il cinema Ambra, parte integrante della storia più antica di Martinsicuro e parte dei ricordi dei cittadini che hanno fondato il nostro paese, è lasciato solo ed abbandonato, all’ombra della chiesa di piazza Cavour, senza alcuna targa di riconoscimento o insegna che ne possa almeno ricordare l’esistenza ai giovani che, nella maggior parte delle volte, rimangono sorpresi di scoprire che a Martinsicuro esisteva un cinema (come è successo anche a me personalmente).

Morta la struttura, sta morendo anche il ricordo, nemmeno meritevole di una foto sui libri che parlano del paese. Perché non impegnarsi a ricostruirlo  e donare a Martinsicuro qualcosa che possa veramente dare un sostegno concreto alla città, sia a livello culturale che economico. Ricordando che nel giro di parecchi chilometri non esiste, in Abruzzo, un vero e proprio teatro e che le compagnie o le rassegne teatrali della zone sono costantemente costretti a rifugiarsi nelle Marche, o al rischio dell’aria aperta o in pseudo palchi improvvisati all’interno di sale parrocchiali, potrebbe essere una buona idea renderlo un cine-teatro e avere, finalmente, un posto dove l’arte teatrale e cinematografica possono tornare a vivere a Martinsicuro.

“L’ amministrazione attuale vuole fortemente che al posto dell’ex cinema Ambra sorga una sala polifunzionale da adibire anche a cinema e teatro. Tanto che è stato indetto un concorso di idee aperto a tutti, scaduto un mese fa e al quale hanno partecipato oltre trenta professionisti. A breve verrà nominata una commissione tecnica che definirà la graduatoria e premierà (mi sembra) i primi tre lavori. I progetti verranno successivamente esposti in sala consiliare per poter essere visionati dai cittadini. Poi si deciderà con i cittadini quale dei progetti realizzati meriterà di essere realizzato e si procederà, una volta individuati i fondi necessari, a far partire l’opera. Naturalmente il fabbricato esistente dovrà essere abbattuto.” Boris Giorgetti (confermato dal vice sindaco Debora Vallese)

La risposta a cosa tre con l’ex cinema, in realtà, secondo me, dovrebbe essere chiara agli occhi di tutti: ciò che era dovrebbe ancora essere.Allo stato attuale, è nelle pessime condizioni facilmente visibili  nelle foto all’interno dell’articolo, quindi ci domandiamo:  quale sarà il destino di quelle mura impregnate di storie ed emozioniate?

Ancona

Senigallia, concerto di beneficienza “Colonna sonora della Solidarietà”

Published

on

Senigallia, concerto di beneficienza "Colonna sonora della solidarietà"

SENIGALLIA – Domenica 24 aprile alle ore 21:15 presso il Teatro La Fenice di Senigallia, si terrà un concerto di beneficienza a favore dell’associazione “Venezuela lavoro e persona”, con l’Orchestra di fiati “insieme con gli altri”, diretta dal maestro Gianpiero Ruggeri.

L’Associazione “Venezuela lavoro e persona “ è nata in Italia per sostenere “Trabajo y Persona” (T&P) che è nata a Caracas nel 2009 al fine di promuovere il valore del lavoro nella società venezuelana. Il concerto, organizzato dall’Associazione Bellanca di Senigallia, in collaborazione con il Comune di Senigallia, fa parte di una serie di serate musicali finalizzate alla raccolta di fondi per diverse situazioni di bisogno.

Seguiranno infatti altri appuntamenti. Il primo sarà  finalizzato all’Associazione per la tutela del diabetico e verrà realizzato il 4 giugno. Il successivo, che avrà  luogo il 15 ottobre, sarà rivolto all’accoglienza dei  profughi ucraini nel nostro territorio.

La serata del 24 aprile, presentata dalla giornalista  Laura Mandolini, sarà una vera colonna sonora della solidarietà,  a sostegno delle imprenditrici del cioccolato in Venezuela, cioè di circa cento donne che hanno intrapreso la strada dell’imprenditoria nel settore del cioccolato e che hanno bisogno del nostro  accompagnamento.

Grazie all’aiuto dato a queste donne coraggiose sarà possibile sostenere,  indirettamente, altri 400 parenti la cui condizione di vita versa in una situazione assolutamente  precaria e fragile. Il Venezuela sta vivendo una delle più gravi e prolungate crisi socioeconomiche del mondo, generando il maggior fenomeno migratorio della storia dell’America latina.

L’orchestra di fiati “Insieme per gli altri” ha portato gratuitamente musica e solidarietà in tantissimi luoghi e teatri, permettendo alle realtà benefiche di raccogliere fondi per progetti solidali, grazie anche al sostegno di aziende del territorio: per questo si è conquistata il prestigioso soprannome di “colonna sonora della solidarietà”.

A Senigallia l’orchestra è già conosciuta e apprezzata per un precedente concerto a favore dell’Associazione Le Rondini. Si ringrazia il Comune di Senigallia per il Patrocinio, Anteas e Banco Marchigiano per il sostegno, l’Ing. Gabriele Miccinipatron della  Giessegi Industria Mobili di Appignano e Luca Buldorini del Centro Funerario Città di Macerata.

Prevista la prenotazione, l’ingresso al concerto di beneficienza al Teatro La Fenice di Senigallia è a offerta libera. Info e prenotazioni  : 3333404656  –  3282480198  –  3331804575  -3479473287

Continue Reading

Ancona

Presentazione del libro “Gli antichi lavatoi della città di Jesi” di Maria Cristina Zanotti

Published

on

presentazione "Gli antichi lavatoi della città  di Jesi", scritto e pubblicato da Maria Cristina Zanotti

JESI – Si è  svolta venerdì 1 aprile a Palazzo Bisaccioni la presentazione del volume “Gli antichi lavatoi della città di Jesi” di Maria Cristina Zanotti: una serata di intrattenimento sul tema dei lavatoi, una vera istituzione nel passato della nostra città, di cui, purtroppo, sono sopravvissuti al degrado pochissimi esemplari. Una storia, questa, che si declina tutta al femminile, dato che più  strettamente a contatto con l’acqua si trovavano proprio le donne: casalinghe, acquaiole, filandaie, ortolane, lavandaie. Una vicenda che coniuga la fatica quotidiana, notevolissima, con la socialità più  pura e spensierata; ai lavatoi nascevano amicizie, contrasti, dialoghi piccanti e vicende amorose, in un universo incentrato pienamente  sulla figura femminile.

Alla presentazione del volume “Gli antichi lavatoi della città  di Jesi”, scritto e pubblicato da Maria Cristina Zanotti, Vicepresidente del Quaderni Storici Esini e di Italia Nostra, che si è  tenuta nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, hanno partecipato  moltissimi appassionati di storia locale. Patrocinato dal Comune di Jesi e dall’Assessorato alla Cultura, nella persona  del dottor Luca Butini, l’evento si è  giovato della partecipazione dell’Assessore all’Ambiente, dott.ssa Cinzia Napolitano, che ha curato per anni, con successo, il settore relativo al contratto di fiume e quindi al suo risanamento. Il dottor Paolo Morosetti, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, ha offerto una calorosa accoglienza. Hanno preso parte all’evento la Presidente di Italia Nostra Onlus Sezione di Jesi, prof.ssa Costantina Marchigiani, la Presidente di Sigea dott.ssa Paola d’Astore e la dott.ssa Chiara Biondi, del settore Cultura della Regione Marche. Moderatore è stato il dottor Giovanni Filosa, mentre la bravissima geologa Giovanna Massacci ha riferito sulla nascita e sull’evoluzione del fiume Esino.

Interessante convegno quello tenutosi a Palazzo Bisaccioni – commenta Paola Pino d’Astore, Consigliera Nazionale Sigea APS – Sono stati ampiamente profusi i temi dell’acqua nel suo unico interlocutore ” il fiume”. Il convegno è stato spunto di riflessioni e approfondimenti sul futuro del territorio di Jesi  focalizzandosi  su quelle aree che sono caratterizzate ed interessate dall’attraversamento delle vie d acqua e sulle politiche attive e possibili di valorizzazione dell’ambiente e del paesaggio fluviale, urbano ed extraurbano. 
Sempre molto  belli i cortometraggi di Gennaro Olivieri, che ci fanno entrare in punta di piedi nella piacevole scoperta di una città veramente bella».

Continue Reading

Abruzzo

Intervista a Yuri Cacchiò, matematico da Martinsicuro al MIT di Boston

Published

on

Yuri Cacchiò, martinsicurese DOC, dopo la laurea in matematica con lode è riuscito ad ottenere una possibilità di ricerca per il suo progetto di dottorato in America, in una delle università più prestigiose al mondo, il MIT di Boston.

La celebre matematica Gigliola Staffilani, nativa di Villa Rosa (frazione di Martinsicuro), seconda donna di sempre ad ottenere una cattedra di Matematica Pura al MIT, pur non conoscendo il suo giovane paesano, ha voluto dare fiducia a Yuri, credendo nella sua preparazione nonché nella coccia tosta tipicamente abruzzese.

Ma andiamo con ordine…

Ciao Yuri, essendo noi finanche paesani, sta già parlato: di chi si lu fije?

Ciao Gino, è un piacere per me questa chiacchierata, ci tengo a dirlo.
Mamma è nata e cresciuta a Martinsicuro, Rossana casata “Giomm’la”; papà, Francesco, invece è di Colonnella, casata “Chivite”. Io ho sempre vissuto a Martinsicuro.

Quando e perché è nata la tua passione per la matematica?

Penso sia nata fin da subito, alle elementari, probabilmente per pigrizia. Ricordo che in italiano, storia ecc. lo studio mi era pesante, invece con la matematica era diverso, se stavo molto attento in classe, poi non dovevo far nulla a casa perché capivo i concetti al volo. Inoltre tanto merito voglio darlo alla mia maestra Giulietta, che spero possa leggere queste righe. Era sicuramente molto severa (ride NdR) ma è riuscita a stuzzicare il mio interesse verso questa materia. Ancora oggi penso sia stata lei ad indirizzarmi e a farmi scoprire questo bellissimo mondo.

Da Martinsicuro a Boston il passo non credo sia stato breve. Hai studiato a Bologna, poi a Roma, infine al di là dell’Oceano. Raccontaci un poco il tuo percorso.

Se ci penso mi vengono i brividi. Conosco una persona che ha già fatto questo percorso prima di me, anche tu la conosci, ma ne parleremo sicuramente dopo… Se sei anni fa, al primo anno di università, qualcuno mi avesse detto che oggi avrei risposto a queste domande seduto in un’aula del MIT di Boston, lo avrei mandato a quel paese. Davvero si tratta di un sogno divenuto realtà.
Ho iniziato a studiare seriamente matematica a Bologna. Dopo il diploma mi misi a bighellonare in giro anche per Martinsicuro, mio padre se ne accorse subito e mi pose dinanzi ad una scelta: lavorare con lui o continuare l’università. Non ebbi dubbi e scelsi Bologna, avevo molti amici lì e la città mi piaceva. La mole di lavoro inizialmente mi mise in difficoltà, poi tirai dritto e mi laureai in tempi brevi.
A quel punto partii per Roma per frequentare un corso di studi specifico in analisi: in due anni a Roma sono riuscito a laurearmi con lode. Dopo un’esperienza di cinque mesi a Lisbona (facoltà di Scienze) feci domanda per il dottorato. Il dipartimento SBAI della Sapienza di Roma accettò la mia richiesta e mi diede inoltre la possibilità di collaborare con una struttura esterna…

Stava già parlato Gì, non ebbi dubbi, scrissi a Gigliola Staffilani, sapevo che lei lavorava al MIT, sapevo che era di Martinsicuro: pruvemece! Il resto te lo dico dopo…

Ti sei ambientato facilmente? Quali differenze hai notato nell’approccio allo studio?

Devo dirti, per il momento, non molte. Sia qui (a Boston NdR) che in Italia le lezioni sono molto teoriche, forse la differenza sta nella valutazione finale. Qui ci sono prove intermedie e ed esercitazioni settimanali continue, bisogna sempre essere pronti.

Abbiamo già sfiorato l’argomento, approfondiamolo. Ripeto solo il nome, il resto aggiungilo tu: Gigliola Staffilani da Villa Rosa.

Eccoci qua (ride NdR). Da dove iniziare? Tutti conoscono la storia di Gigliola, basta googlare, non vorrei banalizzare con le mie parole una figura così incredibile.
Gigliola oltre ad essere una matematica straordinaria, è una persona meravigliosa.
Rispose alla mia domanda di collaborazione senza neanche conoscermi, mi diede un appuntamento su Zoom per conoscerci e parlare un po’. Iniziammo a lavorare insieme già dopo qualche settimana. Dal nulla ha deciso di dedicarmi del tempo, ancora non ci credo.
Oggi se sono qui è grazie a lei. Mi ha invitato ufficialmente al MIT, abbiamo lottato un po’ con tutta la burocrazia ma alla fine ce l’abbiamo fatta.
Non è finita qui… Arrivando da Martinsicuro mi era un po’ difficile trovare casa; lei, ancora una volta, dimostrando una bontà per me assurda, ha voluto ospitarmi a casa sua per qualche tempo. Ho avuto il piacere di conoscere suo marito Tom e i suoi due figli. Mi hanno trattato come un figlio dal primo giorno in cui ho messo piede nella loro casa.
L’ultima cosa che voglio raccontarti di lei è la sua genuinità. Vivere quei primi giorni con lei e vederla fare le piccole “cose normali” della quotidianità, sapendo comunque di trovarmi dinanzi ad una delle più importanti matematiche al mondo, mi ha lasciato senza parole.

Pensi di tornare a vivere nella perla baricentrica dell’Adriatico (Martinsicuro), o comunque in Italia, oppure immagini la tua vita ormai in America?

Domanda difficile. Sicuramente questa estate dovrò rientrare, perché il mio dottorato è a Roma e dovrò laurearmi li. Dopo? Sinceramente spero di tornare qui in America. Il MIT è l’università migliore al mondo e sarebbe un privilegio immenso poter continuare a studiare e lavorare qui. Tuttavia non sarà facile, essendo un’università così prestigiosa il livello richiesto è estremamente alto. Testa bassa e provo a fare del mio meglio, devo alzare l’asticella e lavorare sempre duro. Per questo motivo sto cercando di sfruttare al massimo questa esperienza seguendo più classi possibile, conferenze e seminari.

Progetti – anche di studio – per il futuro?

Con Gigliola stiamo studiando l’equazione di Navier-Stokes con l’aggiunta di un termine che tiene conto della forza di Coriolis. Il Professor Ferrari del MIT – dipartimento di terra, atmosfera e scienze planetarie – ci ha posto questo problema, per così dire. L’equazione di cui sopra descrive come “ruotano” i fluidi e il nostro lavoro potrebbe dare un contributo per comprendere meglio le formazioni di vortici e correnti. Tutto ciò spiegato in parole molto povere.
Il progetto è davvero interessante e speriamo di riuscire ad ottenere risultati importanti. In questo periodo stiamo avendo qualche difficoltà ma la soluzione è vicina. Futuro? Penso di continuare con lo studio delle equazioni differenziali, in particolare con quelle che descrivono la fluidodinamica.

Grazie assai.

Grazie a te e a tutta la redazione de “Il Martino”, un saluto particolare a tutti i martinsicuresi!

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.