fbpx
Connect with us

Teramo

Martinsicuro, arrestato corriere della droga, aveva 23 ovuli di eroina

Pubblicato

il

sequestro ovuli di eroina

MARTINSICURO – Importante operazione a contrasto del narcotraffico messa a segno dal Nucleo Radio Mobile di Alba Adriatica. I carabinieri hanno messo le mani su quello che reputano essere il responsabile dell’approvvigionamento di droga dalla Campania. Lo hanno sorpreso in possesso di diversi ovuli di eroina.

Erano sulle tracce di un corriere nigeriano. Le indagini si erano strette intorno alla figura incaricata di trasportare dalla Campania, la droga destinata ai mercati della costa teramana e di San Benedetto del Tronto. Secondo gli inquirenti, questa persona sarebbe Joseph Ukpon, trentatreenne nigeriano, irregolare sul suolo nazionale, senza fissa dimora e con precedenti alle spalle. Già in passato infatti, è stato collegato ad una vicenda di spaccio. Venne arrestato dopo essere stato fermato con 380 ovuli di eroina.

Ieri i carabinieri lo hanno sorpreso in un appartamento di Villa Rosa. In camera da letto hanno trovato, nascosti, 23 ovuli di eroina purissima, per un peso totale di circa 100 grammi. Il valore di mercato, una volta tagliata e venduta al dettaglio, supera i 12 mila euro.

L’uomo era in possesso di un permesso di soggiorno falso, che ha ammesso di aver comprato a Napoli. In una tasca del giubbotto nascondeva circa 3 mila euro in contanti di piccolo taglio. Oltre a questi i militi hanno sequestrato anche un coltello a serramanico, con una lama lunga 18 centimetri, 4 telefoni cellulari ed un’agenda. Questa fungeva da libro contabile e sopra vi sono segnati i movimenti e la rete clientelare. Sarà utile agli inquirenti per approfondire le indagini.

L’uomo è stato arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di stupefacenti, porto di coltello del genere proibito e falsificazione di documenti.

Teramo

Teramo: armato di ascia a casa della vittima, arrestato 32enne per stalking

Pubblicato

il

TERAMO – Nel pomeriggio di oggi, i Carabinieri di Castelnuovo Vomano, in collaborazione con i colleghi della Stazione di Val Vomano di Penna Sant’Andrea, hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Teramo, un uomo di 32 anni, di Castellalto, per il reato di atti persecutori.

L’autorità giudiziaria, avallando l’attività di indagine dei militari dell’arma, ha disposto la misura cautelare in carcere nei confronti dell’uomo che negli ultimi due mesi aveva posto in essere comportamenti vessatori e minacciosi nei confronti di una vicina di casa, sua conoscente, sfociati poi in pedinamenti, appostamenti sotto l’abitazione, sia di giorno che di notte e invio di messaggi minacciosi.

In un’occasione si è anche presentato sotto casa della vittima brandendo in mano un’ascia, cagionando nella donna un forte stato di ansia e, soprattutto, tanta paura. La vittima, nel tentativo di sfuggire alle attenzioni moleste dell’uomo, si era anche assentata per un periodo dalla propria attività lavorativa, cambiando domicilio e rifugiandosi da alcuni parenti, ma tutto ciò non è bastato a frenare le condotte persecutorie del suo aguzzino.

La donna ha quindi sporto formale denuncia contro il 32enne consegnando tutto il materiale probatorio contro l’uomo il quale, dopo le formalità di rito in caserma, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Vasto, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: scoperte piantagioni di cannabis, sequestri e denunce

Pubblicato

il

Guardia di Finanza (Il Martino - ilmartino.it -)

TERAMO – Prosegue, sinergica la collaborazione tra i Reparti territoriali e la componente Aeronavale della Guardia di Finanza finalizzata a prevenire e reprimere la produzione e il traffico di sostanze stupefacenti.

Durante lo scorso mese di luglio, i finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, nel corso di mirate ricognizioni aeree, finalizzate al telerilevamento di aree ritenute di interesse operativo, hanno confermato la presenza di piantagioni di cannabis.

L’incisiva azione svolta dalla Sezione Aerea di Pescara è stata determinante nella localizzazione di sei siti insistenti nel pescarese, nel chietino e nel teramano, consentendo poi la predisposizione di un dispositivo operativo di intervento, integrato dai militari del Gruppo Pescara, della Compagnia di Lanciano, della Compagnia di Vasto e Compagnia di Teramo.

Attese le risultanze dei successivi interventi sul posto, condotti in sinergia con le locali Procure della Repubblica territorialmente competenti, 8 soggetti responsabili sono stati denunciati alla Autorità Giudiziaria per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

L’operazione condotta rientra in un più ampio dispositivo di “analisi dei rischi locali” in costante aggiornamento. Il continuo monitoraggio del territorio è, infatti, assicurato anche grazie alla dinamicità e versatilità dell’impiego del mezzo aereo, i cui apparati di ricerca e scoperta, consentono di svolgere missioni attagliate alle esigenze operative del Corpo.

L’operazione di servizio evidenza il costante impegno delle Fiamme Gialle nel contrasto alla produzione illecita ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, che rappresenta ancora una delle principali fonti di arricchimento dei trafficanti.

Continua a leggere

Teramo

Rubano nei centri commerciali di Teramo e Colonnella, arrestate due donne

Pubblicato

il

TERAMO – La mattina del 13 maggio scorso, nei negozi “Douglas” e “Sephora”, ubicati rispettivamente presso i centri commerciali “Gran Sasso” di Teramo e “Iper” di Colonnella, 3 donne, fingendosi clienti ed utilizzando borse schermate in grado di eludere i sistemi di allarme antitaccheggio, trafugavano numerosi prodotti cosmetici e profumi per un valore complessivo di circa 8500 euro.

Le indagini condotte dagli uomini della Squadra Mobile della Questura di Teramo e coordinate dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Teramo, Stefano Giovagnoni, grazie alle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza ed al loro modus operandi permettevano in breve tempo di identificarle quali cittadine Ue provenienti dall’est Europa: una di anni 20, una di anni 41 ed un’altra di anni 23.

Le donne sono specializzate in furti in profumeria. Gli i elementi di colpevolezza acquisiti dagli inquirenti determinavano il Gip del Tribunale di Teramo, su richiesta della Procura della Repubblica, ad emettere nei confronti delle 3 donne straniere l’ordinanza di applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari. Le ricerche delle stesse fino a quel momento domiciliate a Roma.

La mattina del primo agosto due di loro sono state arrestate a Milano dall’equipaggio di una Volante della Polizia di Stato intervenuta presso il negozio “Coin” del centro commerciale “City Life” di Piazza Tre Torri in quanto trovate in possesso di 10 profumi “Chanel” del valore complessivo di 1.350 euro che avevano appena rubato ed occultato dentro alcune borse risultate “schermate” con dell’alluminio rivestito con nastro isolante per eludere le barriere antitaccheggio.

Durante gli accertamenti gli agenti hanno quindi scoperto che nei confronti delle due donne pendeva il provvedimento di misura cautelare emesso dall’Autorità Giudiziaria teramana e sono state tratte, pertanto, in arresto anche per i fatti commessi nel Teramano.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy