La torre di Cerrano prima della tempesta, scenario mozzafiato ieri a Pineto

Torre di Cerrano, fotografia di Giovanni Di Fabio

PINETO – La Torre di Cerrano è una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli, si trova sulla costa teramana tra Silvi Marina e Pineto; spicca all’orizzonte su una piccola collina a ridosso della spiaggia, circondata da un ciuffo di alti pini marittimi, in un ambiente di rara bellezza.

La costruzione originale del XVI secolo, che costituisce il nucleo del complesso attuale, è formata da un massiccio torrione a base quadrata in laterizio. Le mura sono inclinate a piramide, ciascuna coronata da quattro robusti beccatelli e tre caditoie sormontate da sei merli di fattura guelfa. L’altezza è di 12,60 metri esclusi i 90 centimetri dei merli. I soffitti sono a botte. La tipologia è tipica delle torri costiere del Viceregno, molto simile alla “gemella” Torre del Salinello.

Nel 1981 la torre è stata acquistata dall’Amministrazione Provinciale di Teramo che, dopo aver provveduto a lavori di ristrutturazione e consolidamento, nel 1983 vi istituì un Centro Ricerche e Studi; il 21 maggio 1983 il complesso fu affidata all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo.

Ieri, 11 marzo, lo scenario del pomeriggio era di una bellezza incantata. Il cielo ha assunto forme astratte e piene di forme, le onde del mare si confondevano con i nuvoloni densi di vento.

La bellissima foto è di Giovanni Di Fabio, fotografo di professione, che ringrazio.