fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

CAS a rischio per 11 famiglie di Maltignano. Falcioni: ‘Estendere l’ordinanza ai comuni limitrofi’

Carlo Di Natale

Published

il

MALTIGNANO – Una delle ultime ordinanze firmate dal Capo del Dipartimento Protezione Civile (n° 614 del 12/11/2019) avente per oggetto ‘Ulteriori interventi urgenti di Protezione civile conseguenti agli eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo a partire dal giorno 24 agosto 2016’ potrebbe ripercuotersi negativamente per alcuni residenti marchigiani al confine con il vicino Abruzzo.

È il caso di Maltignano, ultimo Comune della Regione Marche che dista solo 1 km dalla Regione Abruzzo. Una penalizzazione per i cittadini terremotati maltignanesi, esplicitata al punto E dell’articolo 1 dell’ordinanza, che porterebbe alla perdita del CAS per 11 famiglie su 53 trasferitesi nel confinante comune di Sant’Egidio alla Vibrata per mancanza di alloggi presenti a Maltignano a causa dei noti danni provocati dal sisma.

Armando Falcioni

‘La nostra richiesta – afferma il sindaco di Maltignano, Armando Falcioni, tramite comunicato stampa – è quella di poter estendere la norma, limitatamente al punto E dell’art. 1, almeno ai comuni limitrofi abruzzesi confinanti, considerato anche che la Regione Abruzzo è inserita tra le quattro regioni coinvolte dal sisma.

In tale modo le famiglie citate, già provate da un forzoso trasloco ed in attesa della ricostruzione del proprio alloggio, non siano costrette ad un nuovo forzoso trasloco entro il 19 marzo – continua il primo cittadino –, tra l’altro complicato dalla mancanza di appartamenti da locare nel territorio.

Apparirebbe paradossale che, in forza dell’appartenenza regionale – conclude il sindaco –, le famiglie sfollate dovrebbero abbandonare l’alloggio ad 1 km dalla propria casa e richiederne uno da affittare, di contro, a decine di Km dal proprio domicilio, purché appartenente alla Regione Marche. Inoltre il problema potrebbe riguardare tutti, visto che molti comuni del cratere sono al confine ed hanno sfollati fuori regione. Basti pensare alle persone domiciliate sulla nostra costa provenienti da Amatrice o Norcia‘.

Ascoli Piceno

Coronavirus, un caso positivo nel maceratese

Lo comunica il Gores della Regione Marche

Published

il

 Un caso positivo al coronavirus è stato registrato nelle ultime 24 ore in provincia di Macerata.
    Lo rende noto il Gores (ANSA). Sono stati effettuati 1.061 tamponi: 630 nel percorso nuove diagnosi e 431 nel percorso guariti.

Continua a leggere

Ancona

RisorgiMarche, le prime date

Torna la kermesse musicale dei borghi marchigiani

Published

il

Anche quest’anno il nostro giornale è lieto di segnalare un importante avvenimento come RisorgiMarche.

Vi proponiamo il programma, che è ancora provvisorio, vista l’emergenza Covid-19, ricordando inoltre le misure di precauzione.

Sabato 18 Luglio 2020
Petra Magoni & FerruccioSpinetti “MUSICA NUDA”
“Verso Sud”
Teatro Romano – Falerone FM

Mercoledì 22 Luglio 2020

Ambrogio Sparagna Trio
“Il viaggio di Giuseppantonio”
Villa Fermani – Corridonia MC

Sabato 25 Luglio 2020
La Banda della Ricetta
Parco Monteguarnieri – Montemonaco AP

Martedì 28 Luglio 2020
PEPPE SERVILLO & SOLIS STRING QUARTET
“Presentimento”
Piazza della Repubblica – Treia MC

Mercoledì 29 Luglio 2020
ZIAD TRABELSI & CARTHAGE MOSAIK
Abbazia Sant’Urbano – Apiro MC

Sabato 1 Agosto 2020
Enzo Avitabile (Official) Trio
“Acoustic World”
Piazza Alta – Sarnano MC

Domenica 2 Agosto 2020
DENTE
“Live Acustico”
Piazza del Popolo – Offida AP

Inizio dei concerti alle ore 19.

Per ulteriori informazioni : https://risorgimarche.it/

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Inaugurate le Case dell’Acqua di Monteprandone e Centobuchi

Per quindici giorni erogazione gratuita dell’acqua. Il Sindaco Loggi: “L’acqua è un bene prezioso, non sprechiamola”. Dal 27 luglio sarà possibile prelevarla con moneta o con una card

Published

il

Per quindici giorni erogazione gratuita dell’acqua. Il Sindaco Loggi: “L’acqua è un bene prezioso, non sprechiamola”. Dal 27 luglio sarà possibile prelevarla con moneta o con una card 

Nel corso di una doppia cerimonia, sabato 11 luglio, sono state inaugurate le due “Case dell’acqua”: prima quella ubicata in via Leopardi a Monteprandone, a seguire quella di via dei Tigli a Centobuchi. Le due “Case” sono state realizzate con il determinante contributo del Consorzio per il Bacino Imbrifero – BIM del Tronto, installate e gestite dalla Ditta Acquanet.

Alla cerimonia hanno preso parte il sindaco Sergio Loggi, il consigliere con delega all’ambiente Sergio Calvaresi, il vicesindaco Daniela Morelli, gli assessori Fernando Gabrielli, Christian Ficcadenti e Gianpietro Vallorani, i consiglieri Sergio Calvaresi, Martina Censori, Marco Romandini e Antonio Riccio, il presidente del BIM Luigi Contisciani e i delegati BIM per il Comune di Monteprandone Giacinta Maoloni, Massimiliano Narcisi e Massimiliano Coccia, Giannetto Albanesi referente della Ditta Acquanet, Stefano Caponi e Saturnino Loggi, rispettivamente Presidente e Presidente emerito della Proloco di Monteprandone e numerosi cittadini.   

Nel suo saluto, il sindaco Loggi ha sottolineato che iniziative come queste, oltre a fornire un servizio alla collettività, hanno un duplice obiettivo: permettono un sensibile risparmio per le tasche dei cittadini che possono acquistare acqua ad un prezzo inferiore rispetto a quello di mercato e al tempo stesso, utilizzando bottiglie di vetro e non di plastica per prelevare l’acqua, consentono di rispettare l’ambiente.  

“Si tratta di acqua diretta del nostro acquedotto – ha spiegato Loggi – che viene filtrata, controllata e monitorata periodicamente dall’azienda che gestisce il servizio. Per i primi quindici giorni l’erogazione sarà gratuita. Ricordo a tutti che sul nostro territorio è in atto una crisi idrica e che l’acqua è un bene prezioso, non sprechiamola”.

Il presidente Contisciani, nel ricordare la mission del consorzio tra enti pubblici da lui presieduto, ovvero sostenere il progresso economico e sociale delle popolazioni con l’obiettivo di investire sui giovani e sull’ambiente, ha dichiarato: “Da oltre sette anni stiamo installando sul territorio le casette dell’acqua. Oltre a distribuire acqua refrigerata sia naturale, sia gasata, contribuiscono alla riduzione delle emissioni di CO₂ e dei rifiuti di plastica e, nello stesso tempo, alla salvaguardia dell’ambiente e del futuro dei nostri ragazzi”.

Sergio Calvaresi, consigliere con delega all’ambiente che ha seguito il progetto, ha spiegato le modalità d’uso delle Case: “dopo i quindici giorni in cui si potrà prelevare acqua gratuitamente, le famiglie riceveranno a casa una card che contiene già 60 litri di acqua. E’ una card ricaricabile direttamente sul distributore. Per chi vuole, c’è la possibilità di acquisto di una scheda prepagata che verrà venduta da rivenditori autorizzati sul territorio e permette di prelevare fino a 1.400 litri all’anno. Avevamo pensato diversamente questa cerimonia – ha concluso Calvaresi – volevamo organizzarla alla presenza dei ragazzi delle scuole, nella Giornata mondiale dell’Acqua a fine marzo, purtroppo il Covid non lo ha permesso. In quella occasione avremmo distribuito ai ragazzi borracce in alluminio sponsorizzate dalla CIIP e dal BIM. Lo faremo al rientro in classe a settembre”.

L’inaugurazione si è conclusa con un brindisi con l’acqua erogata dal distributore, versata in bicchieri in plastica biodegradabile.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone