fbpx
Connect with us

Abruzzo

ANCI Abruzzo su situazione post-terremoto

L’intervento del Presidente ANCI Abruzzo Gianguido D’Alberto

Published

il

ricostruzione terremoto l'aquila

Pubblichiamo l’intervento del Sindaco di Teramo e Presidente ANCI ABRUZZO, Gianguido D’Alberto, sulla situazione attuale post-terremoto.

“Come sindaci abruzzesi del cratere siamo pronti anche a restituire le fasce tricolori al Presidente del Consiglio se il pacchetto di misure per le zone terremotate non verrà inserito nel DL ‘Rilancio” ovvero nel prossimo DL Semplificazioni”.

E’ inaccettabile il fatto che non siano stati discussi gli emendamenti, la cui gran parte sono ad invarianza finanziaria, a costo zero, e non si capisce come il Governo non si sia reso conto della delicatezza della tematica legata alla ricostruzione post sisma 2016, a distanza di quattro anni dai primi eventi sismici.

Il momento per poter adottare misure tese alla sburocratizzazione delle procedure non può che essere adesso e, non essendoci motivi finanziari ostativi, gridiamo a gran voce di poter inserire il “pacchetto sisma” nel prossimo decreto oggetto di conversione. In questi mesi, tutti noi Sindaci del Cratere abbiamo lavorato al fianco del Commissario Legnini per un pacchetto di norme tese ad affiencientare il percorso della ricostruzione Sisma Centro Italia e, a distanza di anni, non tolleriamo più questa situazione di mancate risposte.
Siamo disposti a riconsegnare le nostre fasce se non otteniamo una vera risposta per la tematica sisma centro Italia. L’azione intrapresa dal Commissario, come è evidente, è tesa ad un percorso che veda la ricostruzione come elemento fondamentale per le Regioni colpite. Noi Sindaci del cratere, combattiamo quotidianamente affinchè vi possano essere delle risposte alle migliaia di sflollati che ancora non hanno minima consapevolezza del loro rientro negli alloggi, ma se il Governo pensa di ignorare i nostri territori a distanza di tutti questi anni, evidentemente dimostra di non avere consapevolezza della portata della problematica.

Con la non considerazione del pacchetto ricostruzione rischiamo di assistere ad un ulteriore schiaffo ai territori del cratere. Vedere i nostri territori costretti ancora all’ elemosina legislativa è un insulto agli ancora 45.000 sfollati del sisma del centro Italia, oltre che a a tutti i sindaci conivolti.

Ricordo che gli emendamenti presentati sono riconducibili a temi essenziali per i nostri territori, come: stabilizzazione del personale tecnico ed amministrativo, rafforzamento degli organici e proroga dei contratti in scadenza, con allineamento alla scadenza dello stato d’emergenza al 31.12.2021, insieme ad ulteriori misure per i Comuni (Tari e mutui); l’Istituzione di un fondo stabile per lo sviluppo dell’economia del cratere mediante la destinazione di una quota delle risorse disponibili e future destinate alla ricostruzione; superincentivi sisma ed ecobonus con un contributo per la ricostruzione delle case; semplificazione della ricostruzione pubblica e poteri straordinari per le opere più complesse, con rifinanziamento per gli anni futuri del fondo per gli interventi pubblici; revisione delle tariffe professionali dopo l’introduzione della modalità certificata dei progetti che abbiamo attuato con l’Ordinanza 100.
Si tratta di temi noti e a tempo condivisi con i Sindaci e i Ministeri competenti e che trovano corrispondenza negli emendamenti che sono stati depositati dai parlamentari appartenenti a diversi gruppi nel corso della conversione del decreto “Rilancio”.
Condivido la posizione che hanno espresso le altre Anci regionali . Non è importante il veicolo normativo dove queste norme troveranno collocazione . È decisivo invece che esse siano varate al più presto perché solo così sarà possibile completare il quadro delle misure indispensabili per far finalmente decollare la ricostruzione, alla vigilia del quarto anno dal sisma.
Il tempo è già scaduto, noi sindaci non staremo a guardare.

Abruzzo

Eseguiti i tamponi su tutti i dipendenti della Ditta AviCoop di Controguerra

Lo comunica la ASL di Teramo

Published

il

Comunicazione dalla ASL di Teramo. Dopo aver accertato, venerdì u.s., la positività al Covid-19 di alcuni operatori dell’AviCoop, sono stati eseguiti tamponi su tutti gli altri dipendenti.

I risultati hanno individuato ulteriori 5 persone positive al Coronavirus.

Come da protocollo, il SISP e l’UCAT della ASL teramana stanno tracciando tutti i contatti dei Covid positivi che, nel frattempo, sono stati immediatamente isolati e sottoposti a controlli clinici.
La ASL continuerà comunque a monitorare, in stretta collaborazione con l’Azienda interessata, l’eventuale evoluzione della situazione.

Continua a leggere

Pescara

Rilanciamo la cultura e vinciamo la paura, parla il Maestro Veleno: «La musica è il pane dell’anima»

Il Coro della Virgola, diretto dal Mestro Pasquale Veleno, ha ricominciato la sua attività esibendosi in concerto nella storica Chiesa Madre della Madonna delle Grazie di Roccacaramanico

Published

il

Foto di Andrea Croce

ROCCACARAMANICO –  Ieri, 9 agosto 2020, a Roccacaramanico si è esibito per la prima volta, dopo la quarantena, il Coro della Virgola di Pescara, diretto dal Maestro Pasquale Veleno. Il quale ha svolto, svolge e svolgerà una ragguardevole attività come professionista e uomo di musica e cultura.

Il Coro della Virgola ha ricominciato la sua attività con un concerto nella storica Chiesa Madre della Madonna delle Grazie di Roccacaramanico, riproducendo con grande vitalità e forza canti di autori italiani, estoni, russi e sudamericani.

L’associazione Achcelerator APS di Pescara, interessata a valorizzare la cultura abruzzese, ha apprezzato l’iniziativa del Maestro Veleno, il quale ha rilasciato un’intervista. Il Maestro ha lanciato un messaggio di incoraggiamento ai cantori, al fine di risvegliarne la passione per la musica e il canto <<altrimenti si rischia la morte dei cori locali, attanagliati dalla paura e demotivati dal contesto di emergenza sanitaria che noi tutti stiamo vivendo>>.

Di seguito, il monito del Maestro: <<Ravviviamo la vita corale per vincere paure, inibizioni o pigrizia mentale, che questo difficile periodo può aver innescato. Battiamoci per riconquistare la scintilla e la motivazione per ricominciare, pur seguendo le giuste norme dei disciplinari attuali. Chi si ferma e non trova lo spirito per riprendere il cammino della musica, rischia di non percorrerlo più. Uniti possiamo abbattere quel muro che ci si è posto di fronte: la musica deve ripartire, viviamo la cultura! La musica è il pane dell’anima>>.

Continua a leggere

Abruzzo

Calcio: campionato di promozione abruzzese, i tre gironi

La data di inizio del campionato: domenica 4 ottobre 2020.

Published

il

Calcio: campionato di promozione abruzzese, i tre gironi.La data di inizio del campionato: domenica 4 ottobre 2020.

Promozione girone A (Alba Montaurei, Amiternina Scoppito, Celano Calcio, Fucense Trasacco, Montorio 88, Ovidiana Sulmona, Paterno, Piano della Lente, Pizzoli, Pucetta, S.Gregorio, Tagliacozzo 1923, Tornimparte 2002, Valle Peligna).

Promozione girone B (Casoli 1966, Fater Angelini Abruzzo, Fontanelle, Hatria Calcio 1957, Miano, Morro d’Oro Calcio, Mosciano Calcio, Mutignano, New Club Villa Mattoni, Nuova Santegidiese 1948, Pianella 2012, Rosetana Calcio, San Giovanni Teatino, Silvi Calcio).

Promozione girone C (Atessa Calcio, Athletic Lanciano, Bucchianico Calcio, Casolana, Elicese, Francavilla Calcio, Miglianico Calcio, Ortona Calcio, San Salvo Calcio, Scafapassocordone, Tollese Calcio, Union Fossacesia Calcio, Val di Sangro, Virtus Ortona Calcio 2008);

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone