fbpx
Connect with us

Abruzzo

Fratino e spiagge abruzzesi: i primi dati e altre belle storie di Natura

Pubblicato

il

VASTO – SOA, Gruppo Fratino Vasto e Dune Bene Comune nei primi due mesi di attività del loro programma di monitoraggio del Fratino che si concluderà a fine luglio hanno trovato 24 nidi in 6 comuni costieri, di cui 21 di Fratino e 3 di Corriere piccolo, una specie simile al fratino. A questi vanno aggiunti ulteriori nidi trovati da altre associazioni e anche da semplici cittadini fortunatamente sensibili che li hanno segnalati. Ben 15 sono stati, invece, gli esposti depositati, tra distruzioni di nidi, disturbo da cani, parapendii, ruspate su siti sensibili con piante protette e anche uno scarico abusivo scovato a Silvi. A questi si aggiungono un’altra trentina di segnalazioni “rapide” realizzate sul momento con i mezzi più vari (pec, wapp, telefonate ecc) per cercare di intervenire ad horas su comportamenti e/o iniziative irregolari. Insomma, siamo nella media di quasi un esposto per nido! A fine luglio avremo il quadro definitivo ma quello che sta emergendo è una generale inosservanza delle più basilari regole esistenti per un uso ordinato e sostenibile del litorale. Le autorità dovrebbero pensare ad assicurare un controllo costante. Le belle e significative storie che derivano dall’impegno volontario di tante associazioni, alcune delle quali raccontiamo brevemente qui sotto, rischiano di essere vanificate dal far west che vediamo sulle spiagge. Così non va” dichiara Massimo Pellegrini, presidente della Stazione Ornitologica Abruzzese e decano degli ornitologi abruzzesi.

Dei 24 nidi trovati dalle tre associazioni, tutti segnalati in tempo reale per PEC alle autorità, 20 sono stati anche delimitati con paletti e cordino dai 25 volontari impegnati, in quanto in posizioni molto vulnerabili per il disturbo. Inoltre la Stazione Ornitologica Abruzzese ha anche diffuso un dossier tecnico “Il Fratino e i suoi nidi” sulle metodologie di tutela dei nidi e dell’habitat della specie che spesso non vengono rispettate.

Gli ornitologi delle associazioni hanno marcato finora 8 fratini (3 adulti e 5 pulcini) con anelli nell’ambito di un progetto di ricerca a scala nazionale dell’Istituto Superiore per la Ricerca e Protezione Ambientale – ISPRA per lo studio della specie.

Importantissimi i dati raccolti sui fratini precedentemente inanellati. Oltre alla femmina marcata alla nascita a Senigallia e venuta a nidificare nell’Area Marina Protetta di Cerrano a Pineto, oggetto di un precedente comunicato, a Ortona ha nidificato una femmina marcata ben 10 anni fa, nel 2011, a Fermo, sempre nelle Marche. Un bellissimo esempio di longevità in quanto, essendo stata marcata da adulta, ha almeno 11 anni e ora si è anche riprodotta con tre pulcini che corrono sulle spiagge ortonesi!

Altra storia bellissima, che fa capire la resistenza di questi animali, è quella della femmina inanellata dagli ornitologi della SOA a Scerne di Pineto quest’anno. Il gruppo familiare, con uno sforzo che deve essere stato enorme per i pulcini (un adulto pesa 45 grammi; un pulcino pochi grammi), con una vera e propria maratona imposta dai genitori, ha percorso zampettando ben 5,4 km attraversando pure la foce del Calvano e portandosi all’interno dell’Area marina protetta del Cerrano.  All’inizio si pensava che fosse un gruppo familiare di un nido non localizzato ma poi, grazie alle fotografie (di cui una qui allegata; nota bene, la femmina non ha 6 zampe, ma sta nascondendo due pulcini!) abbiamo avuto la conferma che era appunto la femmina del nido di Scerne di Pineto.

“Sono queste storie che motivano i volontari delle associazioni a proseguire nel loro impegno con un approccio fondato su dati scientifici e tecnici che magari qualcuno dimentica, tra i balbettii se non peggio di troppi enti e uffici a parte qualche lodevole eccezione. A fine stagione faremo un dossier in cui evidenzieremo ed esamineremo, dati alla mano, nel dettaglio queste luci e queste ombre. Speriamo che gli enti inizino a dare le risposte giuste ” conclude Pellegrini.

Teramo

Teramo: ancora incendi. A fuoco 110 ettari a Sardinara e 4mila metri a Bellante

Pubblicato

il

TERAMO – Durante la notte scorsa i vigili del fuoco di Teramo sono stati impegnati nelle operazioni di spegnimento di diversi incendi di sterpaglie e bosco. È stato ultimato lo spegnimento degli incendi di Piancarani di Campli, di Villa Ripa di Teramo, di Fontanelle di Atri, Valle Castellana ed Ancarano. Nel corso della mattina sono rientrate ai Comandi di appartenenza le squadre de L’Aquila, Ascoli Piceno e Ravenna che erano intervenute a supporto dei colleghi teramani. Particolarmente complesso lo spegnimento dell’incendio di Sardinara, che si è esteso per circa 110 ettari e che durante la notte si è avvicinato pericolosamente ad alcune abitazioni e solo grazie all’impegno dei vigili del fuoco non sono state raggiunte dalle fiamme.

Nel corso della giornata di oggi sono ripartiti alcuni focolai a Sardinara di Teramo, prontamente spenti dalle squadre a terra con il concorso dell’elicottero Erikson S-64 dei vigili del fuoco e l’elicottero regionale che hanno effettuato oltre quaranta lanci per spegnere i focolai che si sono riattivati. L’azione dei mezzi aerei è stato coordinata da un Dos (Direttore delle Operazioni di Spegnimento) del Comando di Teramo.

Nel pomeriggio di oggi una squadra del Distaccamento di Nereto è intervenuto a Collerenti di Bellante dove si è sviluppato un incendio di sterpaglie che ha interessato un’area di circa 4 mila metri. Complessivamente sono stati impegnati ventuno unità dei vigili del fuoco e diversi volontari Aib delle associazioni di volontariato Gran Sasso D’Italia e Cives che sono state attivate dalla Soup della Regione Abruzzo

Continua a leggere

Teramo

Sant’Egidio alla Vibrata: viola divieto di avvicinamento, arrestato 30enne

Pubblicato

il

SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Era già finito in carcere, nei mesi scorsi, in applicazione del protocollo previsto dal “Codice rosso” per atti persecutori, violenza sessuale e violazione di domicilio, per essersi invaghito di una condomina alla quale aveva rivolto le sue attenzioni morbose. Una volta scarcerato, gli era stato, comunque, notificato il provvedimento emesso dal Gip del Tribunale del divieto di avvicinamento alla parte offesa.

Ciò non è stato sufficiente, perché il 30enne è tornato alla carica imperterrito ed ha reiterato le violazioni delle prescrizioni imposte dal Giudice avvicinandosi alla vittima che ha segnalato tempestivamente l’accaduto ai Carabinieri di Sant’Egidio alla Vibrata.

I militari hanno informato nel senso il Gip, Giovanni Cirillo, che ha revocato il precedente provvedimento disponendo nuovamente la custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato quindi prelevato e tradotto presso la Casa Circondariale di Vasto in applicazione del richiamato “codice rosso”.

Continua a leggere

Teramo

Giulianova: non rispetta il divieto di avvicinamento, denunciato 50enne. Scoperti due tentati furti

Pubblicato

il

Carabinieri notte (ilmartino.it)

GIULIANOVA – Un uomo di 50 anni, è stato denunciato per non aver ottemperato ad un provvedimento di divieto di avvicinamento comminato nei suoi confronti dall’Autorità Giudiziaria di Teramo. Particolarmente incisiva è stata l’attività preventiva del dispositivo in atto che consentiva di intervenire immediatamente su due abitazioni di Giulianova e Cologna Spiaggia dove era stata segnalata la presenza di persone sospette in procinto di compiere dei furti.

Il tempestivo intervento dei militari ha messo in fuga i malviventi. L’attività di controllo territoriale posta in essere dal Comando di Giulianova si sta rivelando efficace sul territorio anche grazie ai numerosi servizi finalizzati alla massima proiezione esterna che porta anche un maggiore contatto con il cittadino allo scopo di aumentare la percezione di sicurezza.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy