fbpx
Connect with us

Abruzzo

Ferrovie: Marsilio, L’Aquila-Roma in un’ora, emendamento per studiare progetto

Pubblicato

il

L’AQUILA – Uno stanziamento di 40 milioni di euro finalizzato alla realizzazione di uno studio di fattibilità e alla progettazione della velocizzazione del tracciato ferroviario tra Roma e la città di Ascoli Piceno e il collegamento tra Rieti e L’Aquila, al fine di garantire un nuovo percorso tra la Capitale e le aree interne colpite dai sismi del 2009 e del 2016.  È il contenuto di un emendamento alla legge di bilancio predisposto dal presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, d’intesa con il collega della Regione Marche, Francesco Acquaroli, raccogliendo le sollecitazioni dei sindaci dell’Aquila, Pierluigi Biondi, di Rieti, Antonio Cicchetti, e di Ascoli, Marco Fioravanti. Interventi da realizzare sul tracciato già esistente, rivisitando il progetto già finanziato dal Cipe nel 2006 in modo da inserire il capoluogo d’Abruzzo lungo la direttrice che da Roma conduce sino ad Ascoli Piceno. “Un provvedimento che se approvato rappresenterebbe il primo passo verso il superamento di un importante gap infrastrutturale esistente tra aree interne ed aree costiere, facilitando la connessione tra il versante adriatico e quello tirrenico, abbattendo i tempi di percorrenza in partenza e in arrivo verso la Capitale”, spiega Marsilio.  “Un elemento qualificante per i territori del centro Italia colpiti dai terremoti e che scontano già un grave ritardo infrastrutturale, dove al processo di ricostruzione in atto va necessariamente affiancato un programma di sviluppo e rilancio che non può prescindere da una rete di comunicazioni moderna, in grado di coniugare trasporti e sostenibilità ambientale e sulla quale stiamo lavorando con determinazione” aggiunge il presidente Acquaroli. “Le sfide decisive che si prospettano all’orizzonte, a partire da quell’utilizzo delle risorse del Pnrr e del fondo complementare, impongono scelte in grado di incidere, positivamente, sulle prospettive dei territori appenninici che, unitariamente, chiedono al Parlamento di adottare misure volte ad agevolare la vivibilità delle comunità ed aumentare l’attrattività per famiglie e imprese”, sottolineano i tre primi cittadini.  “La proposta è frutto di una importante rete tra i territori e concertazione tra amministratori. Per tale ragione è auspicabile un’ampia condivisione da parte di tutte le forze politiche nei confronti di una proposta normativa valida che delinea una visione strategica per il futuro dei cittadini e, soprattutto, dei loro figli”, concludono i due presidenti e i sindaci.

Abruzzo

Intervista al creatore della pagina “L’abruzzese fuori sede”

Pubblicato

il

Con oltre 205.000 seguaci su Facebook e qualche triste migliaio su Instagram (il corposo vecchio profilo instagram gli è stato rubato), “L’abruzzese fuori sede” è ormai una pagina storica del web agricolo.

Vincitore inspiegabilmente di alcuni premi abruzzesi (“Premio Sulmona per la comunicazione, Premio amore per l’Abruzzo, Premio Dean Martin, Premio Abruzzese Sotte a la Madunnine, Targa a caso del Comune di Villalfonsina ecc.), terzo abruzzese più influente del 2018 secondo Abruzzolive (poi, in quella classifica, ha fatto ‘na calata), amico di Gianni Morandi e tutte cose, Gino Bucci è l’anima di tale pagina.

Ciao Gino, come stai?

Male, un dolorino persistente al gomito tra l’altro…

Come mai hai accettato questa intervista?

Devo arrivare di nuovo a 70 articoli per (ri)prendere il patentino, sto tentando di intervistare altre persone ma ancora non mi rispondono e allora mi son detto: “io mi rispondo subito!”

Bella pensata; pensi davvero sia una bella pensata?

Vattelappesca.

Jim Morrison diceva che l’auto-intervista è la forma massima di creatività, concordi?

No.

Trovi sia leggermente patetico?

No dai, alla fine è pur sempre letteratura, poi comunque qualcuno se la leggerà volentieri, stai a vedere.

Che hai mangiato stasera?

Carciofi ripieni.

Che ne pensi di questo Abruzzo?

Una regione per me stupenda, sincero. Ho dedicato tutta la mia vita all’Abruzzo e ne sono fiero.

Qual è il paese d’Abruzzo che ami di più?

Martinsicuro ovviamente, al secondo posto Guardiagrele, al terzo Colonnella.

Che ti piace dell’Abruzzo?

Il silenzio.

E a chi dice, cito: “Martinsicuro è una città marchigiana.”?

Pernacchietta sardonica.

Tua nonna come sta?

Bene, grandissima.

Qual è la soddisfazione più bella che hai ottenuto grazie alla pagina?

L’affetto delle genti, praticamente non mi odia nessuno. Anche quei maccheroncini alla chitarra della signora Esterina mi fecero sentire molto soddisfatto.

Quando la creasti, la pagina?

2014 circa.

Lavoro?

Scrivo qua, scrivo di là, scrivo altrove. Entro Pasqua esce un libro, poi sto tentando di creare una specie di podcast, mo vediamo dai.

Un romanzo rosa?

Una raccolta di filastrocche paesane, anche dialettali, già sta pronto, ci mancano solo i disegnetti, casa editrice finanche teramana. Uno scoop: la prefazione sarà di uno scrittore Premio Campiello, tiè.

Io credo che tu sia una persona parecchio infelice.

Dici?

Le domande le faccio io.

Ok.

Che ne pensi di Scontrone (AQ)?

Paese molto bello con murales non banali.

E di Reginaldo, frazione di Roccamontepiano?

Frazione epocale.

In molti si lamentano perché non rispondi sempre ai messaggi privati. Commenti?

Leggo tutto, non rispondo sempre per cause di forza anche maggiori.

Che ne pensi di quelli che confondono i gruppi con le pagine?

Prossima domanda.

Cos’è per te l’amore?

Beh, beh…

La morte?

Tutte ha scorte.

La signora sconosciuta che ogni sera ti scrive “Buonanotte” e ogni mattina “Buongiorno”, lo fa ancora?

Sempre, da 4 anni esatti. Saltuariamente anche “Buon pomeriggio”.

Ma ‘sta laurea?

Sono laureato in lettere moderne.

Qual è stata la cosa più imbarazzante che hai dovuto fare in questi anni?

Parlare in pubblico.

Hai parlato nelle scuole, ti hanno invitato a dei festival e tutte cose… Perché non pubblicizzi mai degnamente queste apparizioni?

Chi non conosce la vergogna è padrone del mondo.

Ma invece sei tanto dolcino quando parli, con quel biascicare vacuo…

Serio.

Poeta preferito?

Modesto Della Porta, Guido Gozzano e Serafino Aquilano.

Poeta abruzzese preferito?

Modesto Della Porta.

Cantante preferito?

Francesco Guccini, Setak e ‘Nduccio.

Domani è Sant’Antonio, che ti viene in mente?

Lu porche.

La canzone?

Fu un successone.

Gino, che ne pensi di Pericle Pazzini?

Un genio assoluto.

A chi ti ispiri quando scrivi?

Gianni Clerici.

Il tennis?

Ho vinto cinque volte il torneo sociale di Martinsicuro e mo mittece ‘na pezze.

Gira voce che tu voglia candidarti…

Li chiacchiere si li porte lu vende.

Perché odi i politici?

Non odio nessuno.

Non ti esponi mai su questi temi, paura eh?

Mi espongo fra le righe da anni. Certamente sono un noto cerchiobottista.

Che ne pensi dell’orso marsicano?

Un fratello per me.

E del camoscio d’Abruzzo?

Praticamente mio padre.

Perché ti piacciono così tanto le tradizioni e i dialetti?

Nonna.

Che hai fatto in tutti questi anni?

Sono andato a letto tardi.

Completa questa frase: “Meglio andare…”

A casa.

Direi che può bastare dai, ti saluto caramente.

Il mio piatto preferito sono le pallotte cace e ove con un bel sughetto mmm.

Non te l’ho chiesto.

Ti saluto caramente.

Ok.

Bella!

C’arivideme.

Dai chiudi tu.

No no, prima tu.

Ok, ciao.

Ultima cosa, scegli una bella foto da mettere qua sopra.

Sta parlato.

Continua a leggere

Chieti

Vessa e maltratta la moglie per due anni: denunciato 66enne

Pubblicato

il

La donna, in quanto invalidante, per circa due anni ha subito il comportamento violento del marito.Per il 66enne scatta il divieto di avvicinamento.

PAGLiETA – Vessa e maltratta la moglie con comportamenti violenti. Lui, un vedovo 66 enne e lei divorziata da tempo, ma invalida. Un rapporto cambiato da quando l’uomo ha perso il lavoro. Attimi terrore per la donna che ha subito umiliazioni e violenze per due anni. Nonostante le sopraggiunte ristrettezze economiche, l’uomo ha anche preteso un tenore di vita superiore alle possibilità economiche della coppia.

L’uomo, in poco tempo ha prosciugato i pochi risparmi della moglie. La donna, con problemi di salute in quanto colpita da una grave malattia invalidante, per due anni ha subito violenze e minacce a morte dall’uomo. Picchiata, umiliata e ingiustamente tant’è che la donna, per la paura si chiudeva a chiave in camera da letto.

Il 66enne che vessa e maltratta la moglie, ha portato a cedere psicologicamente e disperata la donna, a rivolgersi ai carabinieri di Paglieta. Immediatamente, le forze dell’ordine hanno attivato la procedura del “Codice rosso” informando la Procura della Repubblica di Lanciano. Visti i gravi indizi di colpevolezza in ordine al reato contestato, ha richiesto ed ottenuto dal GIP del Tribunale di Lanciano una misura cautelare a tutela della vittima.

Continua a leggere

Pescara

Rapinato e accoltellato: titolare di un bar ferito alla gamba

Pubblicato

il

Il proprietario del bar Otello è stato rapinato e accoltellato ad una gamba. Si cerca l’aggressore.

PESCARA – Guido Pettine 50 anni, titolare del bar Otello, in Piazza Unione a Pescara, è stato rapinato e accoltellato ad una gamba. L’episodio è accaduto questa mattina intorno alle ore 07:00. Secondo la ricostruzione, Guido Pettine, è stato aggredito da un suo cliente. Poco prima, l’aggressore, si è presentato nel locale dove poi è nata una discussione.

La vittima ha raccontato che durante la lite, l’uomo ha preso con sè una somma di 1.200,00 euro e l’ha colpito con dei pugni e una coltellata alla gamba. Pettine, è stato ferito in maniera lieve oltre alla gamba anche il labbro. Il ladro, in seguito all’aggressione è subito fuggito. Una volta dato l’allarme, sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra Mobile e il personale del 118.

Il titolare del bar è stato trasportato in ospedale per le cure necessarie alla gamba. Le indagini sono ancora in corso per ricostruire meglio la dinamica dell’accaduto e individuare l’aggressore che pare sia una persona conosciuta dalla vittima. Guido Pettine, è stato già ascoltato dagli agenti della Mobile, coordinati da Gianluca Di Frischia che cercano di individuare il ladro.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy