fbpx
Connect with us

Teramo

Martinsicuro, 150 mila euro dalla regione per gli interventi al “Tempo Libero”

Published

on

Immagine d'archivio: foto dei lavori che hanno interessato la struttura nel 2019

MARTINSICURO – Il Comune di Martinsicuro ha ottenuto un finanziamento dalla Regione Abruzzo di 150 mila euro, mediante la Legge Regionale 12 gennaio 2018 e s.m.i. per interventi di impiantistica sportiva, che serviranno per realizzare importanti lavori all’interno dell’impianto sportivo “Tempo Libero”.

Gli interventi, per una spesa complessiva di circa 200 mila euro (oltre ai 150 mila euro del finanziamento regionale, la restante parte dei lavori al Tempo Libero verrà coperta con fondi del Comune di Martinsicuro ndr) riguarderanno: realizzazione di una nuova balaustra della pista di pattinaggio; sostituzione dell’impianto di illuminazione della pista con un impianto a led con n. 2 torri faro in sostituzione dei n. 21 pali esistenti; realizzazione di un impianto di illuminazione mediante l’istallazione di un impianto di tipo UPS; impermeabilizzazione della copertura del tunnel e rigenerazione della ringhiera di protezione;  risanamento dei servizi igienici e degli spogliatoi.

«Durante il nostro mandato abbiamo investito oltre 400 mila euro in interventi, manutenzioni e nuove opere all’interno del “Tempo Libero”, una delle strutture sportive storiche del nostro territorio e che rappresenta un vero e proprio fiore all’occhiello del nostro comune” dichiara il Sindaco di Martinsicuro Massimo Vagnoni. «Ancora una volta questa Amministrazione è riuscita a intercettare, grazie al lavoro degli uffici e degli amministratori, importanti finanziamenti e risorse pubbliche da mettere al servizio della collettività grazie ad un attento lavoro di analisi e programmazione».

«Sono contenta di aver ottenuto anche questo finanziamento perché ci dà un ulteriore possibilità di continuare il processo di recupero e rigenerazione, iniziato già dai primi mesi del nostro mandato, di questo impianto sportivo» spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Monica Persiani. «L’impianto infatti, oltre ad ospitare due tra le più prestigiose associazioni sportive dilettantistiche del territorio comunale (la A.S.D. Rolling Pattinatori “D. Bosica” e l’A.S.D. Circolo Tennis Martinsicuro) viene giornalmente fruito da bambini che utilizzano l’area verde attrezzata esistente all’interno della struttura, motivo per cui considero questo impianto uno spazio vitale per l’intera comunità e le opere che sono state finanziate risultano quindi di grande importanza per l’intero territorio».

«La vocazione sportiva che abbiamo nella nostra città e l’impegno che stiamo mettendo per rilanciare l’impiantistica sportiva territoriale e tutte le potenzialità del suo indotto è significativa alla luce di quest’ultimo traguardo» sottolinea il Consigliere delegato allo sport Alessandro Casmirri. «Il nuovo anno non poteva iniziare in modo migliore. Un grande risultato frutto del lavoro degli uffici, perché abbiamo saputo calibrare bene i tempi di predisposizione del progetto per partecipare al bando e individuare le criticità dei nostri impianti sportivi che cogliessero lo spirito di rilancio che era al centro della linea di indirizzo del mandato. Il nostro obiettivo è quello di intervenire su tutti gli impianti sportivi, in modo tale che si possano moltiplicare le proposte di vocazione sportiva in una condizione di lustro e sicurezza. Perché ciò accada serve fornire i luoghi e attrezzature necessarie allo svolgimento di eventi, grandi e piccoli, all’aperto e al chiuso. Il segno della qualità del lavoro che stiamo facendo è che queste somme vengono dopo diversi interventi iniziati dai primi mesi del mio mandato, e che spero possa concludersi completando i restanti impianti e aree della nostra città. Andando in giro noto però che c’è ancora tanto da fare! Le strutture servono per far crescere i giovani nel modo migliore. Mi auguro che il 2022 sia un anno pieno di salute e che si riesca ad avere un poco più di libertà visto che da due anni stiamo vivendo una situazione difficile. Resto a disposizione di tutte le associazioni sportive nel raccogliere le loro esigenze e problematiche legate all’organizzazione e al miglioramento delle strutture mancanti, il mio messaggio positivo è che Martinsicuro è un luogo in cui lo sport si vive e si coltiva, perché oggi più che mai è un simbolo di speranza, e noi vogliamo dare a questa speranza tutte le energie per un futuro migliore, facendo innamorare tante persone al mondo dello sport qualsiasi esso sia».

Abruzzo

Intervista a Daniele Tassoni, in arte Loonkito, rapper di Martinsicuro

Published

on

Daniele "Loonkito" Tassoni rapper di Martinsicuro

Classe 1996, Daniele Tassoni da Martinsicuro è una delle penne più interessanti della scena rap adriatica. Prima con il nome d’arte di Lewi, poi con quello di Loonkito (dal 2021) il giovane truentino ha al suo attivo un EP (“Lewis”), l’apertura di un concerto di Mahmood e un nuovo progetto di inediti in uscita a fine 2022.

MARTINSICURO – In occasione dell’uscita del suo nuovo singolo “Amigdala”, abbiamo intervistato Daniele Tassoni, altresì noto come Loonkito.

Ciao Daniele, la domanda potrebbe non apparire molto giovane, ma di chi si lu fije?

Ciao Gino, sono molto contento per questa intervista, ti ringrazio.
I miei genitori sono di Martinsicuro, entrambi grandi ascoltatori di musica.

Come e quando è nata la passione per la musica?

Penso che la passione sia nata anche da loro, soprattutto da mia madre (Maria Giovanna) che adora cantare (da piccolo mi calmava con la sua voce).
Mio padre (Mauro) è cresciuto a Martinsicuro e mi ha sempre aiutato nei piccoli lavori di costruzione dello studio, anche se abbiamo idee differenti.

Nel tuo singolo “Monster” c’è una frase che recita: “amo la musica ma non so cantare”. Che ne pensi dell’autotune?

Intanto mi fa molto piacere che tu abbia sentito MONSTER , pezzo in collaborazione con KURT INSANE (Amedeo Canala).
La musica per me non è saper cantare, scrivere o stare davanti ad un microfono, per me la musica è uno spazio, un posto sicuro dove posso esprimere quello che non riesco a dire normalmente. Per dar voce a quello che abbiamo dentro non bisogna saper cantare perché secondo me è importante seguire i proprio sogni senza farsi fermare da nessuna limitazione.
L’autotune è un mezzo molto attuale diventato parte integrante del sound del momento; io sono a favore e secondo me troppe paranoie in merito non servono: l’importante è che la canzone suoni bene , trasmetta qualcosa e ti faccia muovere la testa.

Vivere a Martinsicuro, perla baricentrica dell’Adriatico e città naturalmente e sordidamente hip hop, ti ha ispirato in modo particolare?

Sicuramente ha influito. Uno dei miei migliori amici e colleghi, YELLOWGOLD (Nuri Nabli) di Martinsicuro, mi ha iniziato a questo mondo.
Io e lui “seme cresciute ‘nzimbre” dalle elementari. Già delle medie ricordo che lui sentiva sempre rap: pensa che a quei tempi a me non piaceva più di tanto poi, piano piano, iniziò ad appassionare anche a me e cominciammo a scrivere i primi testi.
In seguito è diventata la mia più grande passione.
A Martinsicuro il posto che più ci ha ispirato è il molo dove ancora oggi andiamo spesso, ci fumiamo una sigaretta in macchina, mettiamo un beat e cominciamo a fare freestyle o a scrivere testi insieme: il molo di Martinsicuro è un po’ la mia musa.

Quando ti arriva un beat, che fai? Come ti poni a livello della scrittura del testo?

Di solito creo una linea melodica che mi piace, che suona bene e matcha (sic) col beat, poi aggiungo le parole; altre volte scrive direttamente il testo e il mio produttore Cappo (Lorenzo Cappelletti), che ormai mi sopporta da anni, crea un beat apposito.
I progetti che ci sono riusciti meglio li abbiamo creati all’unisono: ci siamo chiusi giornate intere nel mio studio e mentre io provavo le linee melodiche, lui faceva lo stesso con la strumentale. Lavorando insieme è più facili che arrivi l’idea giusta.

Il tuo ultimo singolo, “Amigdala”, tratta il tema degli attacchi di panico e dell’ansia. Puoi dirci qualcosa in più in merito?

Questo è un tasto delicato, grazie alla musica ho superato un periodo parecchio scuro.
Amigdala è nata da sola, Cappo mi aveva mandato questo beat molto triste e cupo con della pioggia in sottofondo: subito ho iniziato a descrivere quello che provavo quando avevo un attacco di panico.


L’attacco di panico è una lotta contro te stesso, una continua risalita per non annegare.
Nel video della canzone ho rappresentato questo: la mia fuga da me stesso.
Ho avuto periodi in cui non uscivo di casa, alcune volte ho dovuto lasciare il lavoro perché mi sentivo morire: i miei problemi erano solo nella mia testa. Ho cominciato a stare di più a casa, da solo; poi, con il passare del tempo, grazie allo studio, alla mia famiglia e agli amici, ma soprattutto grazie alla musica, sono riuscire a “calmare la mia vita”.
La mia è un’esperienza che molti vivono e può portare a problematiche serie, so cosa significa e voglio dire due cose: non sentitevi mai soli e fatevi sempre aiutare.
All’inizio anche io non davo peso a nulla e non volevo sentire i consigli, ma poi è arrivato il momento di chiedere aiuto.


Tornando a parlare di cose un po’ più belle, Amigdala è fuori dal 25 maggio su tutti i digital store e su Youtube… Spero possa piacervi!

Progetti per il futuro? Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo progetti di inediti?

L’unica cosa che posso dirti sul futuro è che la musica sarà sempre al mio fianco. Non smettete mai di fare quello che vi fa stare bene.

Grazie.

Grazie a te e a tutta la redazione de “Il Martino”.

Continue Reading

Teramo

Intervista a Simona Lattanzi: «mi candido per cambiare volto a Martinsicuro»

Published

on

Simona Lattanzi

Simona Lattanzi è la candidata di centrosinistra alle Elezioni Amministrative di Martinsicuro, che si terranno, insieme al Referendum, il prossimo 12 giugno. Supportata da Pd, Verdi e il contenitore civico Piazza Grande, punta la sua campagna elettorale su ambiente, riqualificazione urbana e dialogo coi cittadini.

MARTINSICURO – Simona Lattanzi è la candidata che il centrosinistra ha scelto per le Elezioni Amministrative del prossimo 12 giugno. In questa breve intervista, illustra le sue proposte per la città.

Buongiorno Candidata. È fiduciosa in vista delle prossime elezioni?

Sì, abbiamo costruito un bel gruppo, molto coeso, e credo che saremo in grado di presentare una valida alternativa all’attuale maggioranza. Il nostro obiettivo è avere quantomeno una buona rappresentanza in Consiglio comunale, per far valere le nostre istanze.

Eppure, la scelta del candidato di coalizione è stata piuttosto travagliata…

Si è vero, stata una discussione interna lunga e vivace, durante la quale abbiamo vagliato diverse proposte. Io, non ho problemi a dirlo, avrei scelto Marta Viola, che però ha declinato. Per carattere personale, preferisco agire lontano dai riflettori e preferisco dare il mio contributo da dietro le quinte. Ma quando mi hanno chiesto di rappresentare il centrosinistra non mi sono tirata indietro. Voglio, come molti, dare un nuovo volto a Martinsicuro e credo che il modo migliore per farlo sia agire se si ha la possibilità non aspettare che lo faccia qualcun altro.

Lo schieramento di centrosinistra è l’unico che presenta un simbolo di partito, quello del Pd. Questo la spaventa o la incoraggia?

Noi abbiamo deciso di non nasconderci e di giocare a carte scoperte. Credo che la trasparenza sia la base da cui partire. Anche per non far trovare sgradite sorprese agli elettori, che magari votano una lista convinti che sia civica e poi dentro vi ritrovano esponenti di partiti che non gradiscono.
Il Pd sta dando un grande contributo e devo dire che Giuseppe Capriotti ha svolto al meglio il suo ruolo in questi anni, ma a un certo punto si è trovato solo in Consiglio Comunale e se l’opposizione è divisa, la maggioranza ha gioco facile.

E per quanto riguarda le altre liste che la sostengono?

Ribadisco la mia stima per Marta Viola e sono molto contenta del supporto di Europa Verde. Ringrazio anche Enzo Pierantozzi per il sostegno e la grande spinta aggregativa.

Invece com’è il suo rapporto con l’attuale Amministrazione?

Nessun pregiudizio, o chiusura da parte mia. Però devo dire che in questi anni ho notato una certa impermeabilità da parte del Comune a recepire le proposte che venivano dai cittadini. Anche in qualità di presidente di comitato per la riqualificazione di via Risorgimento, ho riscontrato sempre diverse difficoltà ad interagire con l’Amministrazione. Su questo vorremmo rappresentare una discontinuità e puntiamo molto sul dialogo con la popolazione, vero, franco e costruttivo, per apportare migliorie per il bene comune.

Se l’aspettava la candidatura di Emma Zarroli?

Sì me l’aspettavo. È una donna forte, che vuole esprimere i suoi concetti. Forse non si è sentita libera di farlo negli ultimi tempi.

Di che cosa ha bisogno Martinsicuro?

Guardi, non servono stravolgimenti. Il territorio è bellissimo e la città non è ciò che spesso viene raccontato. C’è tuttavia bisogno di apportare migliorie al decoro pubblico e riqualificare alcuni spazi abbandonati al degrado. Si sente spesso dire che un Comune non ha molti mezzi, ma credo che invece abbia la possibilità di essere decisivo nella manutenzione e nella cura della città.

Ad esempio?

Ad esempio la cura del verde. Ci son troppo spazi pubblici dimenticati, in cui la vegetazione cresce incolta, oppure è rinsecchita perché nessuno la annaffia. Piccole cose, che però potrebbero fare la differenza e cambiare davvero il volto a Martinsicuro. Anche per quanto riguarda edifici abbandonati, o aree urbane da riqualificare. Si deve incentivare la rigenerazione di queste aree, attraverso una collaborazione tra pubblico e privato, oppure organizzando iniziative culturali in grado di apportare migliorie.

Si riferisce a qualcosa in particolare?

Mi piacerebbe lanciare un contest di street art, attirare nel nostro Comune artisti talentuosi e affidare loro il “restauro” di edifici pubblici che necessitano di cambiare.

Quali sono i punti che ha maggiormente a cuore?

Ambiente in primis, attraverso lo sviluppo di parchi e giardini, la cura del verde pubblico e la difesa del biotopo costiero, ma anche incentivi alla mobilità sostenibile e attenzione alle tematiche legate all’impatto ambientale. Credo che bisognerebbe poi affrontare in maniera risoluta il problema dell’erosione costiera, che riguarda anche comuni limitrofi. È necessario mettere tutte le parti in causa intorno a un tavolo, coinvolgere esperti, scienziati e tecnici e trovare una soluzione efficace e condivisa. Poi bisogna lavorare sulla sicurezza e sulla riqualificazione urbana per restituire alla cittadinanza spazi di aggregazione. Anche in questo caso servono sforzi immani, ma interventi mirati. Ad esempio, implementando l’illuminazione pubblica per non lasciare più al buio le vie di Martinsicuro.

E per quanto riguarda le opere da realizzare?

Recupero del molo nord e delle piazze cittadine soprattutto. A Villa Rosa una piazza vera e propria non c’è, a Martinsicuro invece non vi è alcun riparo dal sole di giorno e di notte diventa luogo di frequentazioni ambigue. Bisogna poi riqualificare e sfruttare al meglio gli spazi della ex Veco. Si tratta di un’area ampia e in una posizione strategica, che potrebbe essere utilizzata per fare qualcosa di veramente importante.

Cosa crede che potrebbero chiederle i cittadini?

Tutela del turismo, rilancio del settore e della capacità di intercettare visitatori tutto l’anno e non solo nei mesi estivi. Ma anche, lo sviluppo di nuove opportunità di lavoro e formazione, soprattutto per i più giovani. Già dalle medie inizia una diaspora di ragazzi che si spostano in comuni limitrofi, ai quali non abbiamo nulla da invidiare, in cerca di maggiori opportunità, risorse, ma anche momenti di svago. E con lo spostamento alle scuole superiori prima e nel mercato del lavoro e all’Università poi, il fenomeno si acuisce. Dobbiamo fare in modo che i nostri ragazzi possano avere qui tutto ciò di cui hanno bisogno.

E lei invece che cosa chiederebbe ai cittadini?

Di cambiare l’immaginario collettivo che circonda Martinsicuro e di essere più pronti a valorizzarne i pregi, piuttosto che indicarne i difetti. E magari una maggiore sensibilità verso il rispetto del decoro pubblico.

Perché i cittadini dovrebbero votarla?

Perché sono una donna [ride] e noi donne abbiamo uno spirito d’osservazione più sviluppato. A parte gli scherzi, credo che le proposte che abbiamo formulato siano valide e garantiamo impegno, passione, serietà, dialogo e ascolto della cittadinanza.

Continue Reading

Abruzzo

Sequestri e denunce dei Nas in 44 studi di Medicina Estetica in tutto Abruzzo

Published

on

Uno Studio sequestrato e sanzioni complessive per oltre 42 mila euro. Tra le violazioni segnalate carenze igienico-sanitarie e tecnologiche, mancanza di autorizzazioni e assenza di qualifiche professioni riconosciute.

PESCARA – I carabinieri del Nas di Pescara hanno eseguito un’ispezione su vasta scala, finalizzata alla verifica delle conformità degli studi di Medicina Estetica, che ha interessato 61 centri sparsi in tutto Abruzzo. In quarantaquattro di essi sono state segnalate violazioni. Uno studio è stato sequestrato, cinque medici sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria, trentanove segnalati alle autorità sanitarie e in totale sono state cinquantaquattro le sanzioni amministrative, per un totale complessivo di 42 mila euro.

Lo scopo dei Nas era accertarsi che negli studi di Medicina Estetica d’Abruzzo, fossero rispettate tutte le norme igienico-sanitarie, che i dottori fossero in possesso delle autorizzazioni e delle qualifiche necessarie e che fossero rispettati gli standard qualitativi per quanto concerne l’equipaggiamento e le attrezzature mediche impiegate. Nella maggior parte degli studi ispezionati, non era così.

La Medicina Estetica è una branca che ha come oggetto di studio, terapia micro-invasive e non invasive, per risolvere inestetismi e difetti estetici. Tra i trattamenti più noti il filler, il botox, il prp e la biorivitalizzazione. Tutte pratiche relativamente semplici e rapide da eseguire, che quindi ben si prestano ad una somministrazione abusiva.

Le violazioni riscontrate da carabinieri riguardano in particolare le carenze igienico-sanitarie degli ambienti in cui tali trattamenti venivano eseguiti, ma anche la mancanza di autorizzazioni e di qualifiche professionali riconosciute. In particolare, un dottore di Pescara, medico chirurgo specializzato in ematologia, è stato denunciato e i locali in cui riceveva i pazienti è stato posto sequestro insieme alle attrezzature che custodiva, dal valore di circa 600 mila euro, perché non rispettavano i requisiti di legge previsti.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.