fbpx
Connect with us

Teramo

Scambio di salme al cimitero di Pineto: prega per anni sulla tomba del padre, ma dento non c’era lui

Pubblicato

il

profanare una tomba

Non si sa ancora a chi appartenga la salma che una donna credeva fosse quella padre, né che fine abbiano fatto le spoglie del genitore, ma quel che è certo è che al cimitero di Pineto è avvenuto un incredibile scambio di salme.

PINETO – Per anni ha pregato sulla tomba del defunto padre, che non mancava di tenere in ordine, pulita e adornata con fiori sempre freschi. 31 anni per la precisione. Fino a che non ha scoperto che in quel sepolcro non riposava il genitore, ma un illustre sconosciuto. L’incredibile scambio di salme è avvenuto nel cimitero di Pineto, nell’ormai lontano 1986.

Una donna di origine piacentina, ma residente a Silvi, di 61 anni ha scoperto l’imperdonabile confusione nel 2017, quando il Comune ha disposto il trasferimento di alcune spoglie nell’ossario, per fare spazio alle nuove sepolture. Ad essere scelti per il trasferimento, i feretri che riposavano da più di trent’anni, tra i quali avrebbe dovuto esserci anche il padre della donna. Invece, nella bara che avrebbe dovuto ospitarlo c’era un uomo nettamente più giovane, del quale non si conosce l’identità. Così come non si sa che fine abbia fatto la salma che avrebbe dovuto essere in quella tomba.

La vicenda è stata portata alla luce quando la donna, in seguito alla comunicazione, ha contatto gli uffici cimiteriali per acquistare un nuovo loculo e fissare un appuntamento per l’esumazione del padre, alla quale voleva assistere. Qualche mese dopo però, recatasi al cimitero, si accorge che la lapide della tomba del padre era stata rotta. La signora ha chiesto spiegazioni agli addetti e si è sentita rispondere che le operazioni di esumazione erano state avviate in sua assenza, ma che il feretro non fosse ancora pronto per il trasferimento nell’ossario e, dopo essere stato trattato con un acido per accelerare il processo di mineralizzazione, rimesso nel suo loculo.

Infuriata, sporge denuncia per vilipendio di cadavere, dal momento che in vase a quanto appreso, e registrato, nel processo sarebbe stato utilizzato un acido non consentito. Questo ha dato il via alle perizie forensi, che danno il responso meno atteso: l’acido era consentito, ma le spoglie non sono quelle del padre della signora.

L’inchiesta sullo scambio di salme al cimitero di Pineto è stata archiviata. Il pm ha presunto che possa essere avvenuto nel 1986, ma che non c’è modo di stabilirlo con certezza. Il custode del cimitero che avrebbe dovuto assistere alle operazioni di esumazione nel frattempo è deceduto a sua volta, sebbene fosse stato in precedenza sentito. Prosegue invece la causa civile intentata dalla donna, che si batte affinché venga rimossa la foto di suo padre dalla tomba in cui riposa in realtà una persona ignota.

Teramo

Tortoreto, si schianta contro un muretto: guida in stato d’ebrezza e patente ritirata

Pubblicato

il

etilometri-posto-di-blocco-alcol-test-cc-carabinieri-112

A Nereto invece, nel corso di una perquisizione domiciliare nell’abitazione di un soggetto pregiudicato, è stato ritrovato un ciclomotore rubato un anno fa. L’uomo che ha fatto un incidente e che si è schiantato contro un muretto a Tortoreto è risultato ubriaco.

TERAMO – Dopo aver prestato soccorso allo stesso automobilista che avevano inseguito e che si era schiantato con la sua auto dopo essere fuggito al posto di blocco, i carabinieri della Radiomobile sono intervenuti sempre sulla Statale Adriatica, per un altro incidente stradale. All’altezza di Tortoreto, un uomo, che si era messo alla guida dopo aver bevuto e che è risultato ubriaco, è andato a sbattere contro un muretto: patente ritirata e auto in fermo amministrativo.

L’uomo stava percorrendo la Statale 16 quando, all’altezza della rotonda che collega la strada provinciale 8, “Fondovalle Salinello”, ha perso il controllo del proprio mezzo ed ha terminato la corsa contro un muretto presente nelle vicinanze. I carabinieri sono arrivati ed hanno sottoposto l’automobilista all’alcol test, che ha evidenziato quanto fosse alto il suo tasso alcolemico.

A Nereto invece, nel corso di una perquisizione domiciliare presso l’abitazione di un soggetto pregiudicato, hanno ritrovato un ciclomotore scomparso un anno fa, che è stato riconsegnato al legittimo proprietario. L’uomo invece è stato denunciato a piede libero.

Continua a leggere

Teramo

Alba Adriatica, non si ferma al posto di blocco e si schianta contro un semaforo

Pubblicato

il

cc-112-carabinieri

L’inseguimento dei carabinieri di Alba Adriatica lungo la Statale 16 all’uomo che non si è fermato al posto di blocco è durato poco ed è terminato con un incidente stradale. Dopo una serie di manovre azzardate e pericolose infatti, l’uomo ha perso il controllo del mezzo ed è andato a schiantarsi contro un semaforo: denunciato dopo essere stato medicato.

TERAMO – Prima la fuga al posto di blocco, ad Alba Adriatica, poi l’incidente. Un uomo che non ha rispettato l’alt dei carabinieri ed ha provato a dileguarsi, si è schiantato dopo una brevissima fuga ed ha riportato alcune ferite e guadagnato una denuncia, oltre al ritiro della patente e diversi danni all’auto. Quando ha visto la paletta mostratagli da un militare, non si è fermato, ma ha ingranato la marcia ed ha provato a dileguarsi lungo la Statale Adriatica.

I militi si sono allora lanciati al suo inseguimento, che però non è durato molto. Dopo una serie di manovre pericolose e azzardate, l’uomo ha perduto il controllo del proprio veicolo ed è adattato a schiantarsi contro un impianto semaforico.

Immediatamente i militari hanno prestato i primi soccorsi ed hanno allertato il 118, che in breve è arrivato sul posto. Il personale sanitario ha accompagnato in ospedale a Giulianova per accertamenti l’automobilista ferito, al quale è stata ritirata della patente, è stato sequestrato il mezzo ed è stata consegnata una sanzione da 680 euro. L’uomo è stato anche deferito per resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

Teramo

Torna il Carnevale a Martinsicuro e Villa Rosa: il 19 in via Filzi, il 21 in piazza Cavour

Pubblicato

il

carnevale-2023-martinsicuro

TERAMO – Dopo diversi anni di attesa, nel 2023 torna la festa di Carnevale a Martinsicuro e Villa Rosa. I primi festeggiamenti si terranno domenica 19 febbraio in via Filzi a Villa Rosa, mentre le celebrazioni di martedì grasso, 21 febbraio, si terranno n piazza Cavour a Martinsicuro.

La locandina del Carnevale di Martinsicuro

Animazione, giochi musicali, spettacoli di magia e clown per i più piccoli, comici, sfilata in maschera e dj set per i più grandi. Il carnevale di Martinsicuro «riparte dai Quartieri e associazioni sportive, riparte dal paese, è era e sarà una delle feste più sentita sia nel suo periodo naturale che per le prossime estati» afferma il consiglieri Marco Massetti, tra i promontori dell’iniziativa, che rende noto che il tema di quest’anno sarà la spensieratezza. Il riscontro per l’organizzazione del carnevale 2023 a Martinsicuro, afferma ancora il consigliere, è stato ottimo e molti cittadini si sono lasciati coinvolgere dal progetto. Decisivo inoltre l’apporto fornito dalla Pro Loco cittadina.

«Stiamo lavorando come amministrazione comunale nel rilanciare il Carnevale di Martinsicuro. L’obiettivo sarà nei prossimi anni quello di riportarlo ai vecchi splendori di un tempo! Molto importante sarà coinvolgere i quartieri, le associazioni sportive e tutti i cittadini.- afferma invece Umberto Barcaroli, che prosegue – Nell’organizzazione dell’evento come delegato al Turismo mi sto occupando nella programmazione degli eventi per i bambini mentre Massetti delegato ai comitati di quartiere e Casmirri delegato allo sport, si stanno occupando nel coordinare il coinvolgimento dei quartieri e delle associazioni sportive! Un lavoro di squadra per coinvolgere tutta la cittadinanza. Ringraziamo inoltre tutta l’amministrazione comunale consiglieri ed assessori che ci sta supportando e dando una mano nell’organizzazione nell’ambito delle loro deleghe».

Umberto Barcaroli e Marco Massetti, consiglieri comunali di Martinsicuro.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.