fbpx
Connect with us

Teramo

Vagnoni: «basta polemiche strumentali, nessuna revoca del finanziamento per il ponte sul Tronto»

Pubblicato

il

fiume-tronto-attesa-ponte-ciclopedonale

Il sindaco di Martinsicuro Massimo Vagnoni ritorna sulla questione del ponte ciclopedonale sul fiume Tronto, dopo che in settimana sono montate polemiche a causa di alcune indiscrezioni delle opposizioni, secondo le quali il finanziamento previsto sarebbe stato dirottato verso il lancio della Grande Partenza del Giro d’Italia.

MARTINSICURO – Continua a tenere banco la questione dell’opera tanto attesa, il ponte ciclopedonale sul fiume Tronto tra Martinsicuro e Porto d’Ascoli, che collegherebbe Marche ed Abruzzo. In settimana i gruppi consiliari di opposizione hanno reso noto che l’opera avrebbe subito un ulteriore slittamento a causa della decisione di Regione Abruzzo di dirottare le risorse necessarie alla sua realizzazione, verso la campagna marketing per il lancio della Grande Partenza del 106° Giro d’Italia. Oggi il primo cittadino di Martinsicuro Massimo Vagnoni, ha diffuso una lettera, che pubblichiamo integralmente, con la quale smentisce questa ricostruzione ed assicura che il Ponte sul Tronto si farà, che la Regione non ha intenzione di bloccare l’opera, né ha previsto revoche del finanziamento. Di seguito la nota di Vagnoni:

«Ennesima inutile strumentalizzazione politica da parte di chi continua solo ad alimentare sterili polemiche senza informarsi su come stanno realmente le cose .Una cosa è rappresentare un disappunto su evidenti ritardi nella realizzazione dell’opera, altra cosa è strumentalizzare politicamente la vicenda veicolando messaggi non veritieri .

Vediamo di fare chiarezza. Innanzitutto l’opera si farà così come confermato più volte dagli enti interessati e dal recente comunicato della Regione Abruzzo con la quale c’è una interlocuzione costante affinché continuino ad essere garantite le risorse necessarie .

Non c’è stata alcuna revoca del finanziamento per il ponte ciclopedonale finalizzata a finanziare altro intervento .Il messaggio che si vuol far passare è fuorviante e dettato solo da ragioni di opportunismo politico .

In realtà , non essendo riuscito il soggetto attuatore dell’intervento – Regione Marche – a completare la progettazione in tempi utili per garantire l’aggiudicazione dei lavori entro il 31.12.2022 (termine entro il quale vi doveva essere l’assunzione di obbligazioni giuridicamente vincolanti per consentire il mantenimento della quota di  finanziamento della Regione Abruzzo) la Regione Abruzzo per non perdere i fondi  li ha riprogrammati per altre finalità.

Se le minoranze si fossero informate meglio avrebbero appreso come vi sia stata nel corso degli ultimi mesi una interlocuzione istituzionale tra le 2 Regioni a seguito della quale la Regione Marche – su sollecitazione della Regione Abruzzo – comunicava di non poter garantire il rispetto del termine del 31\12\2022 per l’assunzione delle obbligazioni giuridicamente vincolanti (OGV) . Ciò anche in considerazione dell’azione in corso di revisione dei prezzi dell’opera .

Capisco che sia faticoso approfondire gli argomenti ma da consiglieri comunali mi aspetterei un atteggiamento più costruttivo e meno populista. Evidentemente è più semplice raccontare le cose per come può far comodo che non spiegare i reali termini della vicenda.

A prescindere da cosa la Regione Abruzzo finanzierà con le somme previste originariamente per co-finanziare il ponte, resta il fatto incontestabile che , purtroppo , quella somma non poteva essere più utilizzata per finanziare il ponte stante – ripetesi – i ritardi nella progettazione dell’opera rispetto all’iniziale cronoprogramma che non sono imputabili alla Regione Abruzzo .

Ora, invece di preoccuparsi di una semplice operazione di bilancio – in quanto le somme necessarie verranno previste con fondi PNRR –  continuiamo a lavorare affinché non si accumulino ulteriori ritardi .

Alcuni giorni fa ho inviato ennesima nota a tutti gli enti interessati per avere un aggiornamento sul nuovo cronoprogramma per la realizzazione dell’opera con indicazione dei tempi e delle fonti di finanziamento , proprio per fornire a tutti i cittadini informazioni chiare sul reale stato delle cose .

Al momento sappiamo che è in corso una verifica sui prezzi al fine di individuare il nuovo importo in modo da consentire alle due regioni di adeguare i propri stanziamenti .

La regione Abruzzo , come ben rappresentato dall’assessore D’amario , ha confermato la propria volontà nel finanziare l’opera con i fondi PNRR nella misura che sarà individuata a seguito della revisione dei prezzi .

A noi non interessano le inutili polemiche ma fare tutto il possibile per arrivare all’esecuzione dell’opera. Su questo obiettivo continueranno a concentrarsi i nostri sforzi.

Teramo

Illeciti ambientali in un’azienda vitivinicola del teramano

Pubblicato

il

illeciti ambientali azienda del teramano forestali guardia costiera

L’operazione è stata condotta dai militari del Gruppo Carabinieri Forestali di Teramo e dell’Ufficio Circondariale marittimo – Guardia Costiera di Giulianova.

TERAMO – Rifiuti liquidi stoccati in una vasca non idonea allo scopo. E’ quanto hanno trovato i Carabinieri Forestali e la Guardia Costiera in un’azienda vitivinicola del teramano, il cui legale rappresentante è stato deferito per illeciti ambientali.

Grazie al supporto tecnico fornito dal personale di Arta Abruzzo poi, i militari hanno accertato che l’azienda captava acque da un pozzo, senza la preventiva autorizzazione. E’ stata così contestata una sanzione amministrativa, il cui importo sarà determinato dal Servizio Gestione Idrico e Fluviale della Regione Abruzzo per un minimo di € 8.000 ed un massimo di € 50.000.

Al termine delle verifiche, la polizia giudiziaria ha impartito al titolare dell’azienda vitivinicola nella quale sono stati accertati illeciti ambientali, prescrizioni asseverate ai sensi della parte VI bis del Testo Unico Ambientale, volte alla risoluzione delle condotte illecite riscontrate.

Continue Reading

Teramo

28 Daspo, 1 Dacur e 4 avvisi orali per gli scontri tra ultras di Teramo e Giulianova

Pubblicato

il

daspo scontri tifosi teramo giulianova

Prima del derby del febbraio scorso, si sono verificati scontri tra tifosi. All’indomani della partita vennero arrestate 5 persone, mentre oggi sono stati identificati tutti i tifosi del Teramo e del Giulianova che hanno partecipato agli scontri, i quali hanno ricevuto Daspo, Dacur ed avvisi orali.

TERAMO – Lo scorso 4 febbraio, poco prima dell’inizio del derby di calcio Giulianova-Città di Teramo 1913, valevole per il campionato Eccellenza, un gruppo di tifosi della squadra rivale ha ingaggiato uno scontro con i tifosi ospiti. Nei giorni seguenti ai disordini, 5 persone vennero arrestate, mentre oggi la Questura rende noto che sono stati emessi altri 28 Daspo, 1 Dacur, il cosiddetto Daspo urbano, e 4 avvisi orali, oltre ad altri provvedimenti, per gli scontri tra tifosi durante Giulianova-Teramo.

Gli agenti della Digos di Teramo, dopo aver visionato le immagini dei sistemi di videosorveglianza, hanno identificato 17 tifosi teramani e 7 giuliesi. Altri due ultras del Teramo sono invece stati identificati dai Carabinieri. Tutti hanno ricevuto il Daspo, mentre qualcuno di essi, recidivo, ha ricevuto anche l’obbligo di presentazione presso l’Ufficio di Polizia competente in occasione delle partite disputate dal Teramo e dal Giulianova.

Medesimo provvedimento di DASPO è stato adottato nei confronti di un ulteriore sostenitore del Giulianova, che in occasione dell’incontro valevole per la Coppa Italia Eccellenza Abruzzo “Città di Teramo 1913” – “Giulianova”, disputatosi il 1il 17 gennaio allo stadio Gaetano Bonolis di Teramo, aveva scavalcato la recinzione che separa la curva dal terreno di gioco.

Il clima tra le due tifoserie rivali è così teso che lo scorso 12 febbraio, tre tifosi teramani, visibilmente ubriachi, sono entrati in un bar armati di bastoni in cerca di tifosi giuliesi con cui battersi.

Lo scorso 4 febbraio, mentre gli ospiti raggiungevano lo stadio, gli ultras dei padroni di casa hanno ingaggiato lo scontro, incuranti del cordone delle forze dell’ordine. Durante gli scontri, un poliziotto ed un carabinieri rimasero feriti.

Continue Reading

Teramo

Giornata Mondiale delle Malattie Rare, a Teramo un evento di sensibilizzazione

Pubblicato

il

evento sensibilizzazione su malattie rare a teramo

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare (Rare Disease Day) domani, 29 febbraio, a Teramo si terrà una giornata dedicata alla sensibilizzazione sul tema, dalle ore 09.00 alle ore 13.00, presso la sala del Teatro delle Querce di Colleparco.

TERAMO – Dopo l’apertura dell’evento ed i saluti istituzionali, alle ore 09:30 si terrà una conferenza dal titolo “Le Malattie Rare: stato dell’arte, prospettive future e sostenibilità” con la moderazione di Silvia Di Michele (Referente Regionale Malattie Rare) e gli interventi del Dott. Francesco Delle Monache (referente aziendale delle malattie rare della ASL di Teramo e Direttore dell’Unità Operativa Complessa Medicina Interna dell’ospedale di Teramo), del Dott. Antonio Sisto (Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria dell’ospedale “Mazzini”) e della Dott.ssa. Chiara Di Sciascio (farmacista, referente farmacia ospedaliera di Teramo).

Alle 11.30 interverranno infine due associazioni che si occupano di queste tematiche: Luisa Di Nicola per “L’abbraccio dei prematuri” e Sonia Costantini (di Martinsicuro) per “Insieme per Silvia”.

Scopo dell’evento di sensibilizzazione che si terrà domani a Teramo è accendere le luci su oltre 300 milioni di persone che convivono con malattie rare nel mondo; di queste, oltre 2 milioni di persone in Italia.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.