fbpx
Connect with us

Chieti

Incidente sul lavoro ad Atessa, morto un lavoratore: 2 ore di sciopero

Pubblicato

il

«Un lavoratore quando esce di casa deve poter tornarci, il diritto alla vita è un bene assoluto che nessuno può cancellare». Le sigle sindacali indicono 2 ore di sciopero alla Proma di Atessa, dove questa mattina si è verificato un incidente sul lavoro fatale: un operaio morto dopo essere stato colpito da un tubo.

CHIETI – Stava operando intorno ad una pressa l’operaio classe ’76 morto sul lavoro questa mattina negli stabilimenti della Proma spa di Atessa. L’uomo è stato colpito da un tubo metallico che non gli ha lasciato scampo.

L’incidente costato la vita a R. C. si è verificato intorno alle 11:00. Subito sul posto Carabinieri e personale sanitario del 118, che però non ha potuto far altro che constatare il decesso dell’operaio, subito soccorso dai colleghi. E’ stato colpito all’altezza del tronco dal tubo espulso violentemente dalla pressa. Il macchinario è stato posto sotto sequestro dalla procura della Repubblica di Lanciano, che ha disposta anche l’autopsia sul corpo dell’uomo morto in seguito all’ibncidente sul lavoro verificatosi ad Atessa.

Fiom Cgil, Fim Cisl e le Rsu\rls della Proma hanno indetto 2 ore di sciopero da effettuarsi in ciascun turno, domani, martedì 16 gennaio. «Ancora un Lavoratore precario che lavorava nella speranza di avere un posto fisso. In Italia, gli incidenti sul luogo di lavoro non sono il risultato di eventi fatali. Troppo frequentemente, queste tragedie evidenziano la mancanza di adeguate misure preventive e di sistemi necessari per assicurare la protezione e la sicurezza dei lavoratori. Le condizioni di lavoro in molte aziende sono troppe volte trascurate, con scarsa considerazione per l’importanza della prevenzione. Le iniziative di sensibilizzazione riguardo alla sicurezza sul lavoro vengono spesso considerate costi invece che investimenti nelle persone e nel loro futuro. Inoltre, l’aspetto economico talvolta prevale sulle leggi che mirano a regolamentare il lavoro, portando a una deregolamentazione dannosa. È imperativo che la salute e la sicurezza siano prioritarie in tutti i contesti lavorativi, al fine di contrastare queste tragedie e rendere i lavoratori più forti nella difesa dei propri diritti. Inoltre, è essenziale potenziare l’attività ispettiva degli enti preposti, spesso soggetti a tagli da parte dei governi. La promozione di una cultura diffusa della sicurezza contribuirà a garantire un ambiente lavorativo più sano e sicuro per tutti. Un Lavoratore quando esce di casa deve poter tornarci riportando il frutto del proprio lavoro ai propri cari. Non è possibile uscire senza poter tornare. Il diritto alla vita di un Lavoratore è un bene assoluto che nessuno può cancellare».

Chieti

Carenza d’acqua a Fossacesia, il sindaco scrive alla Sasi: «è emergenza idrica»

Pubblicato

il

Lanciano interruzione servizio idrico 21 comuni senza acqua rottura condotta Sasi

Enrico Di Giuseppantonio chiede alla Società Abruzzese per il Servizio Idrico Integrato di convocare un tavolo con tutti i sindaci serviti dalla società, per capire come affrontare l’ «emergenza idrica» a Fossacesia e negli altri comuni afflitti dal problema.

CHIETI – «La carenza di acqua e le continue interruzione della fornitura idrica stanno assumendo le caratteristiche di una emergenza, che merita di essere affrontata in modo serio. Per questa ragione, chiederò al presidente della Sasi, Gianfranco Basterebbe, di convocare al più presto un’assemblea tra tutti i sindaci serviti dalla società, in modo da capire come si potrà risolvere un problema che quest’anno si è fatto più pesante per tutti gli utenti». A chiedere la convocazione di un incontro è il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, alle prese con razionamento o mancanza di acqua nei rubinetti nel suo comune: «Siamo in una vera e propria emergenza idrica».

«Fossacesia è un comune che vive di turismo, che ogni anno, in estate, vede triplicare la popolazione. Ci sono villeggianti, ma anche attività commerciali, aziende agricole, che soffrono oltre il dovuto la carenza d’acqua – ammette Di Giuseppantonio – e chiedono le ragioni per le quali scarseggi. E’ giusto dare loro una risposta. E’ quindi importante un confronto con la Sasi, anche per capire se sono stati stanziati fondi dal Pnrr necessari per eseguire lavori di sostituzione o di rifacimento delle rete idrica». «Siamo in una vera e propria emergenza idrica- conclude il sindaco Di Giuseppantonio- Tutti, dobbiamo cercare di risolvere definitivamente il problema: Governo, Regione, Comuni, Ersi e Sasi». 

Continue Reading

Chieti

Controlli a tappeto della Guardia Costiera: 1500 chili di prodotto ittico sequestrati

Pubblicato

il

controlli a tappeto abruzzo e molise sul settore ittico della guardia costiera di pescara

Si è da poco conclusa l’operazione Mistral del Centro di controllo area pesca della Direzione Marittima di Pescara finalizzata al controllo della filiera ittica.

PESCARA – Oltre 150 ispezioni su tutto il territorio di competenza, tra Abruzzo e Molise, che si sono concluse con il il sequestro di circa 1500 kg di prodotto ittico e svariati attrezzi da pesca non conformi, mentre le sanzioni ammnistrative contestate superano i 25 mila euro. Si è conclusa da pochi giorni l’operazione Mistral della Guardia Costiera di Pescara, con controlli a tappeto su tutta la filiera ittica.

Il personale in forza a tutti gli Uffici della Direzione Marittima, da Martinsicuro a Campomarino, ha intensificato l’attività di vigilanza e monitoraggio sulle attività di pesca, dallo sbarco fino alla commercializzazione del pescato. I controlli hanno riguardato pescherie, ristoranti e grandi centri di smistamento e spedizione di prodotto ittico dell’Abruzzo e del Molise.

Diverse le violazioni contestate dalla Guardia Costiera di Pescara durante i controlli a tappeto nel settore ittico. Tra le principali vi sono la pesca di prodotto in quantità superiori a quelle autorizzate ed il cosiddetto novellame, ovvero lo sbarco, il trasbordo e la commercializzazione di esemplari di taglia inferiore alla taglia minima di riferimento .

I militari della Guardia Costiera hanno anche intercettato lungo lungo l’asse autostradale diversi furgoni isotermici, diretti per lo più verso Roma, utilizzati per il trasporto dei prodotti ittici, ma privi, in alcuni casi, di qualunque documento che potesse attestarne la tracciabilità.

Controlli particolari hanno riguardato il settore dedito alla commercializzazione delle vongole, specie nei grandi centri di distribuzione dove transitano ingenti quantitativi di prodotto ittico, sempre più spesso non accompagnato da alcuna documentazione o in difformità alla normativa di settore.

È proprio in tale contesto che, in occasione di un’ispezione ad un centro di spedizione di molluschi bivalvi, sono stati sequestrati circa 800 kg di prodotto ittico privo di qualsiasi documentazione a supporto della tracciabilità e quindi immesso illegalmente nel circuito commerciale.

Continue Reading

Chieti

Abruzzo Pride Week 2024: una settimana di appuntamenti sui diritti LGBTQ+

Pubblicato

il

abruzzo-pride-2023-chieti
Il corteo di Chieti dello scorso anno.

Si è aperto ieri a Francavilla al Mare e terminerà il prossimo sabato 6 luglio con il corteo di Pescara l’Abruzzo Pride Week 2024, giunto alla quinta edizione.

PESCARA – Incontri, talk, approfondimenti, ma anche dj set e momenti di spettacolo, per celebrare la lotta per i i diritti LGBTQ+, durante l’Abruzzo Pride Week 2024. L’iniziativa, giunta alla sua quinta edizione, si concluderà a Pescara con il corteo finale dopo una settimana di appuntamenti sparsi tra Chieti, L’Aquila e Teramo.

Non solo una festa colorata, affermano gli organizzatori, ma un momento di riflessione sulla necessità di «continuare la lotta per i diritti LGBTQ+ e sulla importanza di creare comunità accoglienti e solidali, per la pace, la fine di ogni guerra, il rifiuto del genocidio di palestinesi, il protagonismo delle voci della comunità T*, per le famiglie Arcobaleno, i diritti riproduttivi, per un aborto libero sicuro e gratuito, per una cultura del rispetto di ogni diversità».

Il motto scelto per quest’anno è “Agitate con cura!”: «Questa è la vostra chiamata all’azione, unitevi a noi e lasciate che i colori dell’amore e dell’uguaglianza riempiano il cielo abruzzese». Il prossimo sabato 6 luglio a Pescara si terrà l’evento conclusivo, a partire dalle ore 15:00. : Il corteo si snoderà per le strade principali della città, culminando in un festival con spettacoli, musica e discorsi ispiranti. Il programma completo dell’iniziativa è consultabile sul sito e sui canali social dell’evento.

«Bisogna esserci e partecipare a questa giornata di festa e impegno, a sostegno dell’uguaglianza e della diversità. Insieme possiamo costruire un presente e un futuro più inclusivo e rispettoso per tutte».

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.