L'unione dei Comuni ammessa al proggetto viavi Abruzzo bike sharing.

MARTINSICURO – L’Unione di Comuni Città-Territorio Val Vibrata,  è stata ammessa  al  progetto “VIAVAI –Abruzzo Bikesharing” nell’ambito del PRTTRA 2013-2015 -INTERVENTO A.2. “Mobilità sostenibile”- SISTEMA INTEGRATO DI BIKE SHARING A LIVELLO REGIONALE.

I dodici comuni dell’Unione, che hanno fatto richiesta di adesione con due progetti differenti, uno dei comuni dell’interno e un altro dei comuni costieri, saranno protagonisti del progetto, classificatisi rispettivamente nei primi 17. 

Un progetto “Associazione dei comuni Val Vibrata” che comprende i Comuni: Ancarano, Civitella del Tronto, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Nereto, Sant’Egidio alla Vibrata, Sant’Omero e Torano Nuovo con un bacino di utenza totale di 40.499 abitanti ; l’altro progetto “Martinsicuro”, comprende tra l’altro i  Comuni di  Alba Adriatica, Martinsicuro e Tortoreto, con un bacino di utenza di 116.457 abitanti. 

I progetti finanziati, entrano ora nella loro fase esecutiva, che prevede la redazione di bandi di gara per la realizzazione dei progetti, ossia tra l’latro la progettazione di di piazzole di sosta e ricarica per le bici elettriche. 

Presto, nei Comuni abruzzesi , infatti, sarà introdotto il servizio di Bike Sharing, le cui finalità sono quelle di mettere a sistema tra i Comuni della regione il servizio di noleggio e condivisione delle biciclette, per garantire ai pendolari del lavoro, agli studenti, ma anche ai turisti una mobilità semplificata e sostenibile, nella quale le due ruote possano svolgere un ruolo centrale nella nuova strategia regionale della mobilità. 

Un progetto del costo complessivo di 4 milioni e 850 mila euro , che rientra nel Piano Regionale Triennale Tutela Ambiente 2013-2015, rivolto ai comuni con oltre ventimila abitanti, ma sono stati ammessi anche   quelli più piccoli, in forma associata e consorziale così l’ente parco, come appunto l’Unione di Comuni Città-Territorio Val Vibrata. 

I benefici del bike sharing sono svariati, si pensi alla riduzione del traffico, il miglioramento della qualità dell’aria, incentiva l’attività fisica e l’utilizzo delle bici, senza l’onere del possesso, ma potendone usufruire liberamente all’interno del territorio comunale e risolve il cosiddetto problema “dell’ultimo chilometro”, ossia il tratto che va dalla fermata di bus o stazioni ferroviarie fino alle destinazioni delle persone. 

Il Presidente dell’Unione Umberto D’Annuntiis: “ Oltre alla partecipazione al bando si torna a ribadire con forza la richiesta di fondi Fas per la realizzazione della pista ciclabile che colleghi la costa con Civitella del Tronto costeggiando il fiume Vibrata . Le schede sono state presentate più volte ma, fino ad oggi, non sono state prese in considerazione, a differenza di altre zone che sono state inserite nella programmazione”.