fbpx
Connect with us

Editoriale

Quelle foto che fanno la storia

Oggi il dolore si dice attraverso i primi piani scattati dai photo-reporter a quei bambini migranti che ogni giorno cercano, assieme alle loro famiglie, di assicurarsi un futuro cercando di varcare attraversano i confini della Grecia, della Macedonia e dell’Ungheria

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

I nostri lettori più affezionati ricorderanno perfettamente l’editoriale scritto qualche tempo fa intitolato “Nessuno tocchi i bambini”. Un pezzo che, su base di fonti e storie, cercava far luce sul dramma di tutti quei bambini, vittime delle milizie del terrorismo islamico.

Questa volta però, malgrado il mestiere del giornalista imponga un riferimento a storie e fatti dichiarati tramite la parola, abbiamo deciso di farne a meno per il semplice fatto che, in questi giorni, a narrare il dolore e la disperazione le parole non sono più così indispensabili. Questo a mostrare come molte volte basta una fotografia a fermare l’istante del dolore profondo dell’anima fragile di un bambino.

Spesso le immagini sono state testimoni e voci narranti di Storia e di storie che altrimenti sarebbero rimaste nel cassetto del non-detto. Tutti ricorderemo l’immagine del bambino del ghetto di Varsavia con le braccia alzate in segno di resa di fronte al fucile di una SS che spesso campeggia sui libri di storia, o gli occhi vuoti di fanciulli che dietro il filo spinato del campo di concentramento di Auschwitz, mostrano il loro numero tatuato sul braccio. Ma il ‘900 purtroppo è pieno di queste foto. Infatti, non sono di certo passate inosservate sia l’immagine della bambina che scappa terrorizzata nuda e a bocca spalancata durante la guerra in Vietnam, sia Marcy, detta anche “lady polvere”, sopravvissuta all’attentato dell’11 Settembre e che qualche mese fa ha perso la vita per un cancro allo stomaco. La sua foto fece il giro del mondo e già da sola, senza alcun bisogno che Lei testimoniasse nulla a parole, raccontava il dramma, la paura e l’orrore di quei terribili istanti passati a lottare tra le polveri e le ceneri della morte.

Purtroppo anche oggi il dolore si dice attraverso i primi piani scattati dai photo-reporter a quei bambini migranti che ogni giorno cercano, assieme alle loro famiglie, di assicurarsi un futuro cercando di varcare attraversano i confini della Grecia, della Macedonia e dell’Ungheria. Le foto dei loro volti stanno scrivendo pagine e pagine di storia senza che ce ne accorgiamo. Una storia che narra di altri e tanti esodi dall’Asia e dall’Africa verso il nostro ricco continente europeo. Bambini che gridano la loro incredulità di fronte ad un muro di militari in mimetica e giubbotto antiproiettile armati di scudo. Una storia che si ripete mentre i nostri occhi rivivono l’orrore delle pratiche naziste, di fronte alla poliziotta che marchia il braccio di una bambina come fosse merce da smistare e catalogare. Inchiostro che prende il posto di una carezza e di un abbraccio.

Ma a soffocare di lacrime i nostri occhi e a darci il definitivo pugno nello stomaco, senza il quale la coscienza Europa non si sarebbe mai mossa, arriva l’immagine del corpicino adagiato sulla spiaggia di Aylan, il bambino siriano morto in uno dei tanti naufragi. Ad oggi, questa foto pare abbia avuto lo stesso valore di quella della strage del mercato scattata a Sarajevo, nel lontano 1995. Furono quelle immagini di un mercato devastato e corpi fatti a pezzi che destarono le coscienze del mondo e delle Nazioni Unite.

Non crediamo dunque, come titolano i molti giornali, che la foto di Aylan ritragga la morte l’Europa. Il sacrificio di quel bambino deve interrogarci. La sua morte ha fatto rinascere a nuova vita un’Europa che, fino ad ora, aveva preferito nascondere la testa sotto la sabbia, voltando le spalle per non vedere e scaricando sulle spalle dei paesi esposti agli sbarchi qualsiasi responsabilità. Ad oggi l’Europa deve aprire i suoi confini e reinserire nel suo vocabolario un termine ormai dimenticato: ospitalità. Ospitare per donare a questi uomini migranti sulla Terra, nuova vita. Solo così Aylan potrà risorgere, perché solo così il suo sacrificio non sarà stato vano.

Abruzzo

CoViD-19 in Abruzzo: boom nel teramano e nell’aquilano

Aumenti di contagi nella giornata odierna

Avatar

Published

il

CoViD-19 in Abruzzo: boom nel teramano e nell’aquilano. Oggi  221 nuovi positivi (76 in provincia dell’Aquila, 34 Chieti, 33 Pescara, 75 Teramo, 3 su cui sono in corso accertamenti sulla residenza) su 3718 tamponi eseguiti; 1 deceduto (un 60enne della provincia dell’Aquila), 183 ricoverati (di cui 13 in terapia intensiva), 2330 in isolamento domiciliare, 3187 dimessi/guariti, 2513 attualmente positivi.

hanno età compresa tra 4 mesi e 100 anni.

Secondo i dati regionali i casi odierni hanno età compresa tra 4 mesi e 100 anni.

Per i livelli nazionali : https://oggisport.it/11705-casi-di-covid-19/

Continua a leggere

Abruzzo

Enrico Mentana al TG con mascherina

Decisione del Direttore del TG de La7

Avatar

Published

il

Enrico Mentana al TG con mascherina. Durante l’intervista con la ministra della Pubblica Istruzione Azzolina, il Direttore del TG del La7 si è presentato con la mascherina, obbligatoria da domani in tutta Italia.

Continua a leggere

Abruzzo

Marsilio, gli immigrati, il Covid e il superfluo

Editoriale

Marco Capriotti

Published

il

Marsilio, gli immigrati, il Covid e il superfluo.Dalla pagina FB del Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.

I migranti positivi al Covid 19 ospitati nel Cas di Civitella del Tronto sono 24 e non più 10.È quanto il Direttore generale della Asl e il Prefetto di Teramo mi hanno comunicato al termine del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Tra i positivi, 7 sono minorenni tra i 15 e i 17 anni. Ogni ulteriore commento è superfluo
.

Quando qualche mese fa, in altre regioni, venivano messe per scelte politiche nelle RSA persone infette insieme a poveri anziani provocando un’ecatombe… e quando dottori da tutto il mondo venivano ad aiutarci, anche da Cuba… Ogni ulteriore commento è superfluo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini